Benny Carter



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benny Carter. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benny Carter sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benny Carter e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benny Carter. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benny Carter! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benny Carter, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Bennett Lester "Benny" Carter (nato l'8 agosto 1907 a New York , USA ; 12 luglio 2003 a Los Angeles ) è stato un musicista jazz americano ( sassofonista , trombettista , band leader , arrangiatore e compositore ).

biografia

Carter ha imparato a suonare il pianoforte da sua madre ed è stato per il resto autodidatta su tutti gli altri strumenti. Suo padre era un chitarrista autodidatta, influenzato dal cugino cubano Bennett , ha iniziato la sua carriera come trombettista nella band di June Clark , poi è andato a Billy Paige, Lois Deppe e Earl Hines . Nel 1925 e 1926 ha lavorato con Horace Henderson ; Nel 1928 si trasferì da suo fratello Fletcher Henderson . Dopo un intermezzo ai McKinney's Cotton Pickers e il suo primo tentativo come band leader (1928), fu nuovamente assunto nel 1930 da F. Henderson e poi da Chick Webb (1931). Nel 1932 fondò nuovamente la sua orchestra, che includeva Wilbur de Paris , Chu Berry , Teddy Wilson e Sid Catlett , e che poté tenere fino al 1934. Ha anche scritto arrangiamenti, ad esempio per Duke Ellington .

Nel 1935, Benny si unì all'orchestra di Willie Bryant come trombettista durante un tour europeo . In Inghilterra ha arrangiato per l' orchestra da ballo della BBC , a Parigi ha lavorato con Willie Lewis. Lì registrò per l'etichetta Swing nel 1937 con Coleman Hawkins e la Quintette du Hot Club de France di Django Reinhardt . È stato anche il primo musicista jazz americano a suonare in Spagna . Dopo ulteriori soggiorni nei Paesi Bassi e in Scandinavia, all'inizio del 1939 fondò una band a New York, che iniziò all'Harlem Savoy Ballroom . Vic Dickenson , Eddie Heywood , Jonah Jones e Tyree Glenn inclusi . Nel maggio 1940 ebbe il suo primo successo in classifica con Sleep; Nel 1944 ottenne altri due successi nelle classifiche R&B con " Poinciana (Song of the Tree) " e la sua composizione "Hurry, Hurry" .

I successivi debuttarono Dizzy Gillespie (1941) e nel 1943 Max Roach , J. J. Johnson e Buddy Rich suonarono nella sua combo. Una maggiore popolarità presso il pubblico, paragonabile alle band Goodmans / Dorseys o James , tuttavia, non si è concretizzata.

Benny Carter, Apollo Theatre , circa ottobre 1946.
Fotografia di William P. Gottlieb .

Dalla metà degli anni '40 ha lavorato a Hollywood in film, tra cui Stormy Weather (1943, suona la tromba lì), The Snows of Kilimanjaro (1952) e ha scritto colonne sonore (tra cui la storia di Gene Krupa e 1958 la serie TV M Squad ). Per questo motivo si è trasferito anche a Los Angeles, dove ha composto durante il giorno e si è esibito nei club di notte. Nel 1944 guidò una band nello Swing Club di Hollywood e fece registrazioni per Capitol ; La cantante era Savannah Churchill . Nel 1951 accompagnò la cantante Little Miss Cornshucks nelle sue registrazioni per Coral , e nel 1955 Billie Holiday nel suo album Verve Music for Torching . Nel 1960 tornò temporaneamente sul palco dei concerti e visitò l'Australia e l' Europa con Jazz at the Philharmonic . Ma è rimasto anche nel settore televisivo e ha scritto e arrangiato negli studi, anche per Count Basie . Nel 1961 partecipa con Coleman Hawkins per Impulse! Registra il suo album più famoso, Further Definitions , una sorta di ristampa della leggendaria session parigina del 1937 con Hawk, Stéphane Grappelli , Alix Combelle e Django Reinhardt. Nel 1968 suona con Gillespie al Newport Jazz Festival . Dagli anni '70 è apparso nuovamente come solista, si è dedicato anche alla pedagogia jazz e ha tenuto regolarmente seminari. All'età di 90 anni, Carter ha dato concerti (ad esempio con Doug Lawrence ) inclusi rispettabili assoli di sassofono ed è morto un mese prima del suo 96 ° compleanno.

La sua influenza

Benny Carter può essere ascoltato su supporti sonori come pianista, trombettista, trombonista, clarinettista e su quasi tutti gli strumenti della famiglia dei sassofoni, ma è diventato famoso con il sassofono contralto . Con Johnny Hodges ha dato un contributo particolare allo sviluppo dello stile jazz su questo strumento. Suonava fluentemente, in modo elegante, spesso al Double Time fonde lo stile swing . Ha improvvisato con un'eleganza speciale, varietà melodica, tono pieno e bello.

Carter ha anche recitato con Oscar Peterson , Ray Brown , Peggy Lee e Ella Fitzgerald . Alcune delle sue composizioni sono When Lights Are Low (con Spencer Williams ), Only Trust Your Heart , Key Largo , Blue Star , I'm Sorry , I Still Love Him So e The Marriage Blues . Nel 1961 scrisse la Kansas City Suite per Count Basie .

Premi

È stato insignito della National Medal of Arts degli Stati Uniti ( National Medal of Arts 2000) e dell'Ordine francese per l'arte e la letteratura (Officier de l'Ordre des Arts et des Lettres 2001). Nel 1986 ha ricevuto la NEA Jazz Masters Fellowship . Nel 1982, la stazione radio di New York WKCR ha celebrato il 75 ° compleanno di Carter con uno spettacolo in cui la sua musica è stata suonata per 177 ore. Nel 1987 Carter ha ricevuto un Grammy alla carriera. La sua composizione "Central City Sketches", registrata nel 1987, è stata nominata per un Grammy nel 1988. In totale, è stato nominato sette volte per un Grammy e lo ha ricevuto due volte (per Harlem Renaissance ed Elegy in Blue 1994). Nel 1989 è stato nominato arrangiatore dai Down Beat nell'International Critics 'Poll. Nel 1990 l'ancora attivo Carter è stato nominato Artista dell'anno sia da Down Beat che da Jazz Times International . Nel 1994 ha ricevuto una stella sulla Hollywood Walk of Fame e nel 1996 il Kennedy Center Honor. Sempre nel 1996 è stato ammesso all'American Academy of Arts and Letters . Nel 1973 ha tenuto lezioni a Princeton e nel 1974 il dottorato honoris causa. Ha anche conseguito lauree honoris causa dalla Rutgers University (1991), dalla Harvard University (1994), dove ha anche tenuto conferenze, e dal New England Conservatory (1998).

Note discografiche

letteratura

link internet

Commons : Benny Carter  - Raccolta di immagini, video e file audio

Prove individuali

  1. ^ "Mio padre non era un musicista, suonava la chitarra a orecchio" Citato da The Record Changer, maggio 1948
  2. ^ Membri: Bennett L. Carter. American Academy of Arts and Letters, accesso 20 febbraio 2019 .

Opiniones de nuestros usuarios

Liliana Serra

Questo post su Benny Carter mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., L'informazione su Benny Carter mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., Corretto

Alberto Bianchini

Molto interessante questa voce su Benny Carter, Pensavo di sapere già tutto su Benny Carter, Molto interessante questa voce su Benny Carter