Giuseppe Gulotta



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Giuseppe Gulotta. Secoli e secoli di conoscenza umana su Giuseppe Gulotta sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Giuseppe Gulotta e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Giuseppe Gulotta. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Giuseppe Gulotta! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Giuseppe Gulotta, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Giuseppe Gulotta (* 1957 ) è stato un'importante vittima della giustizia e ha trascorso 22 anni in prigione. Il cittadino italiano era stato ingiustamente condannato per l'omicidio di due carabinieri , passato alla storia come la strage di Alcamo Marina. È stato solo il 13 febbraio 2012 che Gulotta è stato legalmente assolto da tutte le accuse.

Il 27 gennaio 1976 i Carabinieri Carmine Apuzzo e Salvatore Falcetta furono fucilati nelle loro baracche nel sonno. Come ha spiegato il corrispondente vaticano Andreas Englisch nel programma ZDF Markus Lanz il 14 febbraio 2013, si dice che i Carabinieri abbiano fermato inconsapevolmente un camion con una consegna segreta di armi per l'unità paramilitare Gladio durante un controllo notturno del traffico . Allora furono assassinati come confidenti indesiderati da un comando speciale. Nell'interesse di un rapido successo di ricerca, l'allora diciottenne apprendista muratore Giuseppe Gulotta fu condannato come autori insieme ad altri tre uomini di nome Gaetano Santangelo, Vincenzo Ferrantelli e Giuseppe Vesco. Gulotta, che era stato torturato per il delitto, è stato condannato all'ergastolo.

Fu solo nel 2007 che un investigatore confessò di aver ottenuto la confessione di Gulotta attraverso la tortura. La stessa Gulotta disse a Markus Lanz di essere stata picchiata e finta giustiziata per un'intera notte. Il 26 gennaio 2012 la Procura Generale ha presentato istanza alla Corte d'Appello di Reggio Calabria per l'assoluzione di Giuseppe Gulotta su tutti i fronti. La richiesta è stata accolta nell'ambito della revisione in data 13 febbraio 2012.

Il giornalista Andreas Englisch di Markus Lanz: Anch'io mi dispiace per il caso perché i media - e anche io! - fallito in quel caso. In modo che lui [Gulotta] fosse stato costituito, tutti in Italia lo sapevano, era perfettamente chiaro. Solo, abbiamo semplicemente fatto troppo poco al riguardo ".

Nel gennaio 2013 Giuseppe Gulotta ha citato in giudizio lo Stato italiano per 69 milioni di euro di danni.

link internet

Prove individuali

  1. Video Markus Lanz del 14 febbraio 2013  in ZDFmediathek , accesso il 14 marzo 2013. (offline)

Opiniones de nuestros usuarios

Massimiliano Ferrante

Questo post su Giuseppe Gulotta mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., L'informazione su Giuseppe Gulotta mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., Corretto

Ida Leonardi

Finalmente! Oggi sembra che se non ti scrivono articoli di diecimila parole non sono contenti. Signori scrittori di contenuti, questo è un buon articolo su Giuseppe Gulotta

Mirella Poli

Non so come sono arrivato a questo articolo sulla Giuseppe Gulotta, ma mi è piaciuto molto

Massimo Giannini

Corretto. Fornisce le informazioni necessarie su Giuseppe Gulotta., Corretto