gabbiano col dorso nero minore



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di gabbiano col dorso nero minore. Secoli e secoli di conoscenza umana su gabbiano col dorso nero minore sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti gabbiano col dorso nero minore e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su gabbiano col dorso nero minore. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su gabbiano col dorso nero minore! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su gabbiano col dorso nero minore, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

gabbiano col dorso nero minore
Gabbiano dal dorso nero minore (Larus fuscus)

Gabbiano dal dorso nero minore ( Larus fuscus )

sistematici
Sottoclasse : Uccelli neomandibolari (Neognathae)
Ordine : Specie di piviere (Charadriiformes)
Famiglia : Parenti di gabbiani (Laridae)
Sottofamiglia : Gabbiani (larine)
Genere : Larus
Tipo : gabbiano col dorso nero minore
Nome scientifico
Larus fuscus
Linneo , 1758

Il gabbiano col dorso nero ( Larus fuscus ) è una specie di uccello all'interno dei gabbiani (Larinae). La loro distribuzione della covata si estende dall'Islanda verso est su gran parte delle coste europee fino alla penisola di Taimyr nella Siberia nordoccidentale . La specie è più scura nella parte superiore del gabbiano reale , al quale non è così strettamente imparentata come si era ipotizzato in precedenza. È più strettamente imparentato con il gabbiano delle steppe . Alcuni autori considerano le popolazioni del nord-est una specie separata: il gabbiano della tundra ( Larus heuglini ). La forma nominata trovata nella Scandinavia settentrionale e orientale è la più oscura e forse minacciata esistente.

Il gabbiano comune è un uccello migratore le cui popolazioni settentrionali migrano più lontano e talvolta svernano nelle zone tropicali dell'Africa e dell'Asia. Gli uccelli dell'Europa occidentale svernano già in larga misura sulla costa atlantica francese e nel Mediterraneo.

descrizione

Il gabbiano reale è lungo 49-57 cm ed è più piccolo e più snello di un gabbiano reale . Il becco è più lungo, più stretto e sembra più appuntito. È lungo tra 40 e 58 mm. Le ali appaiono relativamente lunghe in volo e relativamente strette, specialmente nell'area dell'ala del braccio. La lunghezza alare è compresa tra 368 e 456 mm, l'apertura alare tra 118 e 158 cm, il peso tra 450 e 1300 g. Un dimorfismo sessuale non è pronunciato per quanto riguarda il piumaggio. Tuttavia, i maschi sono più alti e più robusti. I giovani gabbiani piccoli dell'Europa occidentale passano al piumaggio adulto nel quarto inverno (gabbiani di quattro anni); le sottospecie orientali fuscus , heuglini , taimyrensis e barabensis , invece, sono gabbiani di tre anni. Di seguito, quindi, vengono descritte le caratteristiche e gli abiti tipici delle sottospecie graellsii e intermedius dell'Europa occidentale , per le altre forme si veda la sezione Sistematica interna .

Uccelli adulti

Nel piumaggio della covata la testa, il torace, il collo e il ventre, così come la parte inferiore delle ali, la groppa e la coda sono di un bianco puro. Il colore della pagina superiore è più scuro di quello del gabbiano reale e varia, a seconda della sottospecie, tra il grigio ardesia e il grigio-nero vellutato come nel gabbiano reale . A causa delle punte bianche delle ali, l'ala mostra un bordo d'uscita bianco che si estende continuamente all'ala della quinta mano. L' ala esterna della mano è nera, ma negli uccelli più scuri (vedi variazione geografica ) di solito contrasta solo leggermente con il resto della parte superiore dell'ala. Da questo si distinguono macchie appuntite bianche relativamente piccole e un campo subterminale sull'oscillazione esterna, decima e talvolta più piccola sulla nona mano. L' iride è gialla, l'occhio è circondato da un anello orbitale rosso . Il becco, come le zampe e i piedi, è giallo e mostra una macchia rossa brillante .

L'abito invernale per adulti differisce solo per le linee scure sulla testa e sul collo, in cui il viso di solito rimane bianco. In alcuni uccelli, tuttavia, la testa rimane completamente bianca anche in inverno. In alcuni, è possibile vedere un segno nero nell'area del becco anteriore sopra il punto del gony.

vestito della gioventù

Gli uccelli giovani appaiono complessivamente brunastri scuri. Il becco e gli occhi sono neri, i piedi color carne. Il lato superiore fa un'impressione squamosa a causa di centri piuma nerastri e orli chiari; il resto del piumaggio del corpo è punteggiato di macchie marrone scuro su sfondo chiaro. Sul viso, queste linee tratteggiate si condensano in una maschera scura. La groppa ha una fascia marrone scuro su fondo biancastro, che si fonde in un'ampia fascia nera della coda. L'abito giovanile è simile a quello del gabbiano reale, ma è più scuro nel complesso e soprattutto nella zona delle ali. Le ali sono nerastre, così come le coperture del braccio grande e centrale. Questi ultimi formano due bande trasversali strette e di colore chiaro sul lato superiore dell'ala a causa degli orli chiari. Il campo luminoso nell'area delle ali interne della mano, tipico dei gabbiani reali, è per lo più mancante o meno evidente. La parte inferiore dell'ala sembra spesso molto scura.

Uccelli immaturi

Gli uccelli nel primo inverno mostrano ancora un becco nero. Il piumaggio della schiena e delle spalle si rinnova da ottobre e poi contrasta con il piumaggio delle ali consumato. Le nuove piume sono grigio-brunastre con segni più scuri e cuciture strette e di colore chiaro, in modo che il lato superiore appaia complessivamente più uniforme. La testa, la parte inferiore e la groppa sono generalmente più chiare dell'abito giovanile.

Nel secondo inverno, il cappotto, le piume delle spalle, i copribraccia centrali e le piume interne dell'ombrello sono già grigio ardesia, mentre i copribraccia piccoli e grandi sono ancora brunastri. La testa e la parte inferiore si sono ulteriormente alleggerite, ma hanno ancora ampi trattini scuri. La groppa è ora in gran parte bianca e contrasta nettamente con la fascia della coda che è ancora presente. Il becco si illumina dalla base e dalla punta.

Gli uccelli nel terzo inverno sono già molto simili agli uccelli adulti, ma il becco non è ancora completamente colorato e mostra una fascia nerastra nella zona della coda posteriore . Le linee tratteggiate sulla testa sono molto più forti. Nell'area delle coperture delle mani grigie degli uccelli adulti, ci sono piume brunastre scure e le zampe sono ancora color carne.

distribuzione

La distribuzione riproduttiva del gabbiano comune è paleartica occidentale e si estende lungo le coste delle zone temperate e subpolari dell'Europa, della Russia settentrionale e della Siberia occidentale. Comprende l'Islanda, le Isole Faroe e le Isole Britanniche . A sud si estende a nord della penisola iberica . C'è una sottopopolazione disgiunta nel Delta dell'Ebro e coppie nidificanti isolate in Portogallo . Verso est la distribuzione si estende alla penisola di Taimyr. I singoli record di riproduzione sono disponibili anche dal Senegambia , dove la specie è altrimenti solo un visitatore invernale.

escursioni

Il gabbiano comune è un uccello migratore in cui alcune delle popolazioni settentrionali migrano su quelle più meridionali ( saltando la migrazione ), coprendo talvolta distanze fino a 7500 km.

I quartieri invernali degli uccelli dell'Europa occidentale si estendono dalla Francia nordoccidentale sulla penisola iberica nell'area del Mediterraneo occidentale, dove la specie si trova diffusa in Sardegna e nella penisola appenninica, nonché sulla costa occidentale dell'Africa fino alla Nigeria . Lì il gabbiano col dorso nero può essere trovato anche in numero minore lungo il Niger e il Benue nell'entroterra. Mentre l'Islanda e le Isole Faroe sono completamente sgomberate in inverno, sempre più uccelli rimangono anche nelle aree di riproduzione più a sud. Da quando i primi vagabondi sono stati scoperti sulla costa atlantica nordamericana negli anni '30, il numero di osservazioni è aumentato notevolmente nella seconda metà del 20 ° secolo, così che la specie è ora un visitatore invernale raro ma regolare. Come visitatore randagio, ha persino raggiunto la costa occidentale del Nord America. La migrazione degli uccelli occidentali inizia alla fine di giugno, ma a volte continua fino a novembre o dicembre. I primi rimpatriati arrivano ai focolai a febbraio, ma la maggioranza solo ad aprile.

Gli uccelli della regione del Mar Baltico ( L. f. Fuscus ) si allontanano in direzione sud-est. Si possono poi trovare in treno e in minor numero come svernanti nel Mediterraneo orientale, nell'area della Penisola Arabica e nel Corno d'Africa . Le principali aree di svernamento si trovano, tuttavia, più a sud sui laghi e fiumi dell'Africa orientale verso sud fino a Botswana , Zimbabwe e Mozambico . Singoli uccelli sono stati trovati anche in altre parti dell'Africa. Numeri più piccoli raggiungono il Mar Nero e il Mar Caspio ; alcuni cercano di ibernarsi nelle aree di riproduzione, ma poi si spostano a sud-ovest quando il Mar Baltico gela, dove raggiungono il Mare del Nord. La migrazione inizia tra luglio e agosto e raggiunge il suo picco a settembre. Si trasferiscono a casa tra febbraio e la fine di giugno.

Gli uccelli della Russia settentrionale e centrale ( L. f. Heuglini/taimyrensis e L. f. Barabensis ) svernano principalmente sulle coste del Medio Oriente tra il Mediterraneo orientale e l'ovest del subcontinente indiano , il margine meridionale del Mar Caspio e la costa del Corno d'Africa. Uccelli della discutibile sottospecie taimyrensis possono anche svernare nell'Asia orientale tra il Giappone e Taiwan . Il trasferimento avviene relativamente tardi da settembre con i massimi ad ottobre. Gli uccelli ritornano nelle aree di riproduzione intorno a maggio.

sistematici

Sistema esterno

Il sistema del cosiddetto cerchio a forma di fuscus argentatus , che comprende sia il gabbiano reale che il gabbiano reale, è molto complesso. A causa degli studi genetici all'inizio del millennio, tuttavia, si potrebbe fare luce sulle relazioni. La tesi precedente secondo cui i gabbiani reali sono una specie ad anello , la cui catena di forme si estende intorno al Polo Nord ed entrambe le estremità delle quali formano il gabbiano reale e il gabbiano reale, potrebbe almeno in parte essere confutata. Ci sono stati probabilmente due rifugi, da cui da un lato l'aringhe gabbiano e le specie affini del gabbiano , mediterranea gabbiano e gabbiano armeno sviluppati, e d'altra parte il gabbiano steppa e il gabbiano nero-backed e verso est in seguito Orientale siberiano gabbiano ( Larus vegae ), Kamchatka gabbiano e americani aringhe gabbiano .

Sistema interno

La sistematica interna del gabbiano col dorso nero è in parte poco chiara. A seconda dell'opinione, vengono riconosciute da due a sei sottospecie. Oltre a tre sottospecie europee, sulla base di recenti studi genetici, tre forme orientali - il gabbiano della tundra ( heuglini e taimyrensis ) , che è spesso considerato una specie separata, e il taxon barabensis , che faceva principalmente parte del gabbiano delle steppe - sono assegnati a questa specie. Lo status indipendente delle forme intermedius e taimyrensis è particolarmente controverso . Il primo è spesso messo troppo graellsi , l'esistenza del secondo come taxon indipendente è messa in dubbio del tutto. Secondo alcuni autori potrebbero essere ibridi tra heuglini e la sottospecie L. v. in qualità di birulai il gabbiano siberiano orientale.

  • L. f. Fuscus Linnaeus , 1758 - Svezia e costa nord della Norvegia verso est fino al Mar Bianco (solo pochi lì), probabilmente non più occorrenze sulla penisola di Kola.
  • L. f. Graellsii Brehm , 1857 - Penisola Iberica, Francia, Isole Britanniche, Islanda e Isole Faroe.
  • L. f. Intermedius Schiøler , 1922 - Da Paesi Bassi a Danimarca, Norvegia sudoccidentale e una popolazione isolata nell'area del Delta dell'Ebro .
  • L. f. Heuglini Bree , 1876 - dalla penisola di Kola verso est via Novaya Zemlya fino alla penisola di Gydan , forse cova già in Finlandia.
  • L. f. Taimyrensis Buturlin , 1911 - Penisola di Taimyr a est dell'Ob .
  • L. f barbensis Johansen , 1960 - Steppe di Baraba e Kulunda nella Siberia sudoccidentale, a sud degli Urali.

Caratteristiche geograficamente variabili

La variazione geografica per quanto riguarda il colore del mantello è abbastanza pronunciata. Mentre gli uccelli dell'Islanda, delle Isole Faroe e delle Isole Britanniche sono i più chiari ( graellsii ), quelli più scuri nella parte superiore si trovano nella regione del Mar Baltico e nella Scandinavia nord-orientale ( fuscus ). Gli uccelli del sud-est scandinavo occupano una posizione centrale e sono di colore abbastanza costante. D'altra parte, gli uccelli con il dorso relativamente leggero possono essere trovati dal sud-ovest della Danimarca verso ovest. Nei Paesi Bassi la variazione è molto ampia, qui si verificano quasi tutte le gradazioni, ma predomina un tipo graellsii relativamente scuro . Le popolazioni della Russia settentrionale a est della penisola di Kola e della Siberia nord-occidentale corrispondono a Lf graellsii , ma c'è anche una variazione clinica (graduale) da uccelli scuri a ovest a uccelli chiari a est, che mediano a Larus vegae . Il colore del dorso della forma barabensis è vicino a quello degli heuglini .

Ci sono altre variazioni meno pronunciate nelle dimensioni, soprattutto nelle dimensioni del becco e nel peso. I becchi sono piuttosto alti in Islanda e i più bassi nella Norvegia settentrionale. Notevolmente lungo nel sud-ovest della Svezia. In termini di peso, la forma nominata è caratterizzata dal peso medio più basso e le due sottospecie nord-orientali che si riproducono nella tundra hanno il peso medio maggiore.

L. f. Fuscus ("Gabbiano reale del Baltico")

La forma nominata , che si trova sulle coste del Mar Baltico e in parti precedentemente abitate della penisola di Kola, è la sottospecie più piccola, più scura ed elegante. A differenza degli altri, è molto snello con una testa più piccola e rotonda, un becco più fine e - a causa delle ali lunghe della mano - quando è seduto, la parte posteriore si assottiglia in modo particolarmente stretto. In volo, le ali appaiono strette, lunghe e appuntite con un'ala della mano relativamente corta. Le gambe sono relativamente corte. La parte superiore è quasi nera nell'abito per adulti e il contrasto con la punta dell'ala nera è appena percettibile. Le punte bianche delle ali esterne della mano sono relativamente fini e talvolta appena presenti quando il piumaggio è indossato; solo l'oscillazione della mano più esterna mostra un campo subterminale bianco. Nell'abito semplice, la testa mostra solo linee tratteggiate leggermente estese. L'abito giovanile è molto ricco di contrasto con una maschera facciale scura e spesso con molto bianco sulle coperture superiori della coda. Nel primo abito semplice, la parte superiore scura contrasta particolarmente con la parte inferiore più chiara. Dalla prima estate in poi, la schiena è intervallata dalle piume nere dell'abito da adulto. I giovani uccelli sono colorati nel terzo inverno.

L. f. Heuglini (Gabbiano della tundra)

Questa sottospecie della Russia settentrionale, che si riproduce molto dispersa in singole coppie riproduttive o colonie più piccole nella tundra, è più grande delle altre forme con una lunghezza del corpo di 53-70 cm e un'apertura alare di 138-158 cm (incluso " taimyrensis "). Nell'abito assomiglia a L. fuscus con figura slanciata, testa piccola, becco fine e coda corta; tuttavia, la variazione individuale è molto ampia. La colorazione del dorso corrisponde al tipo graellsii/intermedius , dal quale difficilmente si distingue in campo. Il modello dell'ala della mano ricorda quello della forma nominata con un campo subterminale bianco limitato all'ala più esterna della mano e punte bianche relativamente piccole sul resto. Anche gli abiti subadulti assomigliano alla forma nominata. Una caratteristica di questa sottospecie è che muta solo molto tardi nel piumaggio piano, cioè mantiene il piumaggio riproduttivo fino all'inizio dell'inverno.

L. f. Barabensis

Poco si sa di questo taxon, che è stato spesso assegnato al gabbiano delle steppe, ma pare che , secondo studi sul DNA mitocondriale , sia più strettamente imparentato con L. f. Heuglini o L. f. Taimyrensis . Anche i dati sulla distribuzione sono scarsi. L'areale di riproduzione di questo gabbiano, che nidifica sui laghi di steppa nella Siberia sudoccidentale, è presumibilmente isolato, ma potrebbe avvicinarsi a quello del "gabbiano della tundra" a nord. Una determinazione chiara non è sempre possibile. L. f. Barabensis è relativamente piccolo e di facile costruzione. Il colore della parte superiore ricorda il taimyrensis . Nell'abito adulto si nota che il becco appare quadricolore con una macchia rossastra, un segno nero sulla parte superiore del becco e una punta biancastra. A questo proposito, e in termini di disegno dell'ala della mano, il taxon è simile al gabbiano armeno. Gli abiti subadulti ricordano quelli del gabbiano delle steppe, ma l'abito adulto è già indossato nel terzo inverno.

habitat

Il gabbiano comune nidifica principalmente sulla costa, ma si trova come uccello nidificante, soprattutto nelle isole britanniche, in Scandinavia e nella parte orientale del suo areale, in vaste aree delle acque interne e nelle brughiere. Nidifica in luoghi simili al gabbiano reale, con il quale socializza anche lui, ma al contrario preferisce i terreni più pianeggianti con vegetazione più alta come l' erica o la felce . Raramente si trova come uccello nidificante su rupi rocciose, qui sembra evitare in particolare la presenza del gabbiano reale.

Nelle isole britanniche e nella Scandinavia occidentale, la specie è spesso un uccello nidificante nelle torbiere sovrastanti , dove nidifica in banchi di erica e erioforo . In Islanda si possono trovare anche nelle torbiere alte e nelle brughiere, ma anche su aree ghiaiose e laviche con poca vegetazione. La sottospecie L. f. Fuscus nidifica su isole pianeggianti o scogli vicino alla costa o nelle acque interne. Ma predilige isole remote e luoghi ricchi di vegetazione; nidifica anche su isole con pini radi.

Il gabbiano della tundra ( L. f. Heuglinii e L. f. Taymirensis ) si riproduce in paesaggi di tundra aperti con paludi e sulle isole costiere. Sembra anche nidificare più frequentemente su ripide coste rocciose. La sottospecie L. f. Barabensis colonizza estesi canneti su laghi di steppa e isolotti con betulle.

Al di fuori della stagione riproduttiva, il gabbiano reale può essere trovato sulle acque costiere e interne, nei paesaggi di estuario , nei porti e nelle lagune tropicali . A differenza del gabbiano reale, è meno legato al litorale e più frequente nel pelagico . Di solito si presenta solo in piccole quantità come cleptoparassita nelle discariche . Si verifica solo in numero maggiore quando mancano altri grandi gabbiani. I posti per riposare e dormire sono spesso su grandi laghi interni ben organizzati o sulle spiagge sabbiose delle isole Wadden.

nutrimento

Lo spettro alimentare del gabbiano comune è costituito da piccoli pesci come l' aringa atlantica , invertebrati marini come granchi nuotatori, nidiacei e uova di uccelli, carogne, scarti di pesca, piccoli roditori, lombrichi, insetti e bacche.

A causa della maggiore competizione alimentare con altre specie come il gabbiano reale dagli anni '60, la percentuale di animali marini nella dieta è aumentata in modo significativo. Poiché il gabbiano reale minore cerca spesso cibo in mare aperto, gli scarti di pesce dei tagliatori rivestono per loro particolare importanza. Una moratoria sulla pesca con reti da posta derivanti nel Mediterraneo occidentale emessa dall'ONU nel 1991 ha costretto la specie a passare ad altre fonti di cibo e ora si trova sempre più spesso nelle discariche, negli uliveti e nelle risaie. Ciò ha avuto un impatto immediato sul successo riproduttivo.

In contrasto con il gabbiano reale e il gabbiano mediterraneo, il gabbiano col dorso nero è un volatore più agile che può coprire distanze più lunghe più velocemente con le sue ali più strette. I pesci vengono spesso catturati in mare subacqueo shock dal volo di ricerca da 10-12 m di altezza, in cui l'uccello in un angolo di 45 ° di circa 8 m vola verso il basso, scuotendo decelera verso il basso e completamente sommerso. Nelle discariche, la specie tende a rubare cibo ad altri gabbiani piuttosto che cercarlo da sola. Nella forma nominata, invece, si può osservare che evita altri gabbiani e cerca cibo in acque più profonde. Nella zona intertidale è più probabile che il gabbiano col dorso nero raccolga cibo visibile piuttosto che cercarlo tra le alghe o sotto i sassi.

Riproduzione

I gabbiani reali di solito si riproducono in colonie e sono occasionalmente associati al gabbiano reale. Raggiunge la maturità sessuale non prima dei tre anni. Conduce un matrimonio stagionale monogamo, per cui si tratta di ri-allevamento a causa della lealtà al luogo di riproduzione. Il nido viene solitamente costruito a terra, ma anche su edifici ed è allestito con parti di piante della zona e alghe. La posa inizia a fine aprile con un picco a maggio. La covata è composta da due o tre uova che vengono deposte a circa due giorni di distanza. Il periodo di incubazione è di 26-31 giorni. Entrambi gli uccelli genitori sono coinvolti nella covata. I giovani uccelli sono in grado di volare a circa 35-40 giorni. Il successo riproduttivo medio varia tra 0,75 e 1,5 giovani uccelli alle prime armi per coppia riproduttiva e anno.

Durata

La popolazione europea totale è stimata tra le 300.000 e le 350.000 coppie nidificanti all'inizio del 21° secolo. In Gran Bretagna ci sono circa 114.000 coppie nidificanti, la Norvegia ha tra 30.000 e 40.000 coppie nidificanti e in Islanda tra 23.000 e 35.000 coppie nidificanti. La popolazione della covata nell'Europa centrale è compresa tra 83.000 e 103.000 coppie. I Paesi Bassi hanno circa 58.500-72.000 coppie nidificanti e la Germania tra 23.000 e 29.000 coppie nidificanti.

Come con un certo numero di altre specie di gabbiani, ci sono stati considerevoli aumenti nelle popolazioni e nell'espansione dell'area nell'Europa centrale dagli anni '20. La ragione di ciò è una maggiore protezione contro i disturbi nell'incubatoio, una ridotta raccolta di uova, una minore caccia e migliori condizioni di alimentazione nelle aree di riproduzione e svernamento.

documenti a sostegno

letteratura

link internet

Commons : Lesser Black-backed Gull  - Raccolta di immagini, video e file audio

Ricevute singole

  1. a b c d Olsen / Larsson, pp. 363, 368374, 379, vedi bibliografia
  2. Olsen/Larsson, p.376f, vedere la letteratura
  3. a b c d e f g h Del Hoyo et al. (1996), vedi letteratura
  4. Glutz von Blotzheim, p. 634f, vedi letteratura
  5. Glutz von Blotzheim, p. 636f, vedi letteratura
  6. Glutz von Blotzheim, p. 647, vedi letteratura
  7. Olsen/Larsson (2003), p. 378f, vedere la letteratura
  8. Olsen/Larsson (2003), p. 397f, vedere la letteratura
  9. Glutz von Blotzheim, pp. 651f, vedi letteratura
  10. Olsen/Larsson (2003), p. 389f, vedere la letteratura
  11. ^ Dorit Liebers, Peter de Knijff e Andreas J. Helbig : Il complesso del gabbiano reale non è una specie ad anello , The Royal Society 271, Londra 2004, pp. 893-901
  12. a b Collinson et al. 2008, p.355f, vedere la letteratura
  13. Olsen / Larsson, p. 374f, vedere la letteratura
  14. ^ Eiler T. Lehn Schiøler: Nogle Tilføjelser og Bemærkninger til Listen over Danmarks Fugle . In: Dansk Ornithologisk Forenings tidsskrift . Volume 16, n. 1/2 , ISSN  0011-6394 , pag. 1-55 .
  15. a b c Glutz v. Blotzheim, pp. 620f, vedi letteratura
  16. Olsen / Larsson, p. 374f, vedere la letteratura
  17. Olsen/Larsson, p.389f, vedere la letteratura
  18. Olsen / Larsson, p. 322f, vedere la letteratura
  19. Olsen/Larsson, pp. 327, 380, 389 e 399, vedi bibliografia
  20. Olsen/Larsson, pp. 364365, 374f, vedere la letteratura
  21. Olsen/Larsson, pp. 389-405, vedi bibliografia
  22. Chris Gibbins: È possibile identificare i gabbiani del Baltico e di Heuglin , Birding Scotland 7 (4), 2004
  23. Olsen/Larsson, pp. 316-319, 322f, vedi bibliografia
  24. a b c Glutz v. Blotzheim, pagina 639, vedere la letteratura
  25. Olsen/Larsson, p.398, vedi letteratura
  26. Olsen / Larsson, p. 322, vedere la letteratura
  27. Bauer et al. (2005), pagina 615, vedere la letteratura
  28. ^ Daniel Oro: Effetti della disponibilità degli scarti dei pescherecci da traino sulla deposizione delle uova e sul successo riproduttivo nel gabbiano comune minore Larus fuscus nel Mediterraneo occidentale , Marine Ecology Progress Series, Vol. 312, 1996, pp. 43-46
  29. Glutz von Blotzheim, p.643, vedi letteratura
  30. Bauer et al., P. 616
  31. Bauer et al., P. 613
  32. Bauer et al., P. 614

Opiniones de nuestros usuarios

Serena Dalla

Grazie per questa voce su gabbiano col dorso nero minore, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su gabbiano col dorso nero minore, è proprio quello che mi serviva

Simonetta Rosso

L'informazione su gabbiano col dorso nero minore è molto interessante e affidabile, come il resto degli articoli che ho letto finora, che sono già molti, perché sto aspettando da quasi un'ora il mio appuntamento su Tinder e lui non si presenta, quindi penso che mi abbia dato buca. Colgo l'occasione per lasciare qualche stella per la compagnia e per cagare sulla mia fottuta vita

Attilio Rossini

Avevo bisogno di trovare qualcosa di diverso sulla gabbiano col dorso nero minore, non la tipica roba che si legge sempre su internet e mi è piaciuto questo articolo sulla gabbiano col dorso nero minore, Ottimo post sulla gabbiano col dorso nero minore