Fototerapia



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Fototerapia. Secoli e secoli di conoscenza umana su Fototerapia sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Fototerapia e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Fototerapia. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Fototerapia! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Fototerapia, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

La fototerapia è un'opzione di trattamento fisico per i bambini con ittero neonatale . Viene utilizzata luce blu a onde corte con una lunghezza d' onda di circa 455  nm . L'energia della luce irradiata converte la bilirubina insolubile in acqua (indiretta) immagazzinata nella pelle del neonato in un isomero idrosolubile , la cosiddetta lumirubina , e può quindi essere escreta attraverso la bile e i reni .

indicazione

La fototerapia viene utilizzata nei neonati con ittero o ittero particolarmente grave che aumenta rapidamente e precocemente. Questo per evitare una grave complicanza del disturbo altrimenti innocuo, la cosiddetta encefalopatia da bilirubina , nota anche come kernittero . I limiti della concentrazione di bilirubina nel sangue a cui deve essere somministrata la terapia sono specificati nelle linee guida della società specializzata pertinente.

esecuzione

Per la fototerapia vengono utilizzate lampade con tubi fluorescenti o LED blu , il cui spettro è il più vicino possibile alla lunghezza d'onda effettiva di 455 nm. Le lampade sono posizionate su un letto riscaldato o un'incubatrice . Poiché più l'area della pelle è irradiata, più efficace è la terapia, i neonati indossano solo il pannolino più piccolo possibile sotto la fonte di luce. Poiché l'irraggiamento diminuisce con il quadrato della distanza dalla sorgente luminosa, l'efficacia del trattamento può essere aumentata se la lampada viene avvicinata al neonato. Il cambio regolare di posizione aumenta l'efficienza.

Esistono anche i cosiddetti tappetini luminosi, che vengono posti nel letto ed emettono la luce blu tramite fibre ottiche . Il neonato giace quindi nudo su questo materassino leggero, come su un lettino solare.

Se un aumento eccessivo della concentrazione di bilirubina lo rende necessario, l'intensità può essere ulteriormente aumentata irradiando contemporaneamente con il tappeto luminoso dal basso e la lampada per fototerapia dall'alto.

A seconda dell'urgenza, la fototerapia può essere utilizzata in modo intermittente ogni 4-6 ore o continuamente.

Effetti collaterali

Sebbene sia un'applicazione apparentemente innocua della semplice luce, la fototerapia non è priva di effetti collaterali. L'energia irradiata porta ad una maggiore evaporazione dell'acqua attraverso la pelle e quindi ad una maggiore perdita di acqua e sale. La retina gli occhi reagisce particolarmente sensibile alle radiazioni ad alta energia di luce. Per evitare danni, gli occhi dei bambini trattati devono quindi essere coperti con appositi occhiali. La pelle sottile e sensibile del neonato può anche reagire al trattamento con l'infiammazione. Inoltre, la termoregolazione può essere disturbata. In caso di deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi , la fototerapia è controindicata (fotoemolisi). L'irradiazione con livelli aumentati di bilirubina diretta porta allo scolorimento marrone della pelle e degli organi interni ( sindrome del bambino bronzeo ). A livello organizzativo, alcune cliniche non sono ancora in grado di effettuare la fototerapia nella stanza della madre, in modo che il bambino possa separarsi dalla madre.

letteratura

  • K. Jahresig , D. Jahresig, P. Meisel: Fototerapia - Il trattamento dell'ittero neonatale con luce visibile . Quintessenz, Monaco 1993 ( fototerapia edizione parallela inglese )

Prove individuali

  1. a b Hyperbilirubinemia of the Newborn - Diagnosis and Therapy , Linee guida AWMF della Society for Neonatology and Pediatric Intensive Care Medicine (responsabile), numero di registrazione 024-007
  2. DIN 5031-10: 2013
  3. M. Berns: Iperbilirubinemia nel neonato maturo - limiti di intervento. In: Medicina pediatrica mensile , 2006; 154, pagg. 835-843

Opiniones de nuestros usuarios

Maria Martini

Questa voce su Fototerapia mi ha aiutato a completare il mio lavoro per domani all'ultimo minuto. Mi vedevo già tornare su Wikipedia, cosa che l'insegnante ci proibisce di fare. Grazie per avermi salvato

Diego Grassi

Le informazioni fornite su Fototerapia sono veritiere e molto utili. Bene