Il giusto consumo dell'acqua durante l'esercizio fisico

economia e finanza

L'acqua è essenziale per tutti noi e lo diventa ancora di più quando pratichiamo una qualsiasi attività fisica. In questo articolo scopriremo l'importanza del giusto consumo dell'acqua durante l'esercizio fisico e quali sono le raccomandazioni degli esperti per mantenerci idratati e prevenire spiacevoli conseguenze per la salute.

Come funziona l'idratazione del nostro corpo durante l'esercizio fisico?

Quando ci muoviamo, il nostro corpo produce calore e il sudore è il meccanismo naturale che ci aiuta a raffreddarci. Tuttavia, se non reintegriamo correttamente le perdite di liquidi, il nostro corpo rischia di disidratarsi, con conseguenze negative sulla prestazione atletica e sulla salute in generale. La disidratazione può ad esempio causare crampi muscolari, cali di pressione o perfino colpi di calore. Pertanto, è importante idratarsi adeguatamente durante l'attività fisica per assicurare un'adeguata regolazione della temperatura corporea e una buona performance atletica.

Quanta acqua dobbiamo bere durante l'esercizio fisico?

Le esigenze di ogni individuo sono diverse, a seconda di diversi fattori come l'età, il sesso, il peso corporeo, l'intensità dell'attività fisica e la temperatura ambiente. Tuttavia, l'American College of Sports Medicine (ACSM) ha fornito delle linee guida generali per il giusto consumo di acqua durante l'esercizio fisico:

  • Bere 500-600 ml di acqua 2-3 ore prima dell'esercizio fisico per garantire una corretta idratazione in previsione dell'attività.
  • Bere 200-300 ml di acqua 10-20 minuti prima di iniziare l'attività fisica.
  • Bere 150-350 ml di acqua ogni 15-20 minuti durante l'esercizio fisico. Questa quantità dipende dall'intensità dell'attività, dalla temperatura e dalla sudorazione. In generale, le esigenze di idratazione aumentano con l'intensità dell'esercizio fisico e con le temperature ambienti elevate. Inoltre, per attività molto lunghe (oltre 90 minuti), può essere utile l'assunzione di bevande sportive che contengono carboidrati ed elettroliti.
  • Dopo l'esercizio fisico, bere 450-675 ml di acqua per ogni 0,5 kg di peso perso durante l'attività. Questo per ristabilire i livelli di idratazione perduti durante l'attività e per agevolare il recupero.

Cosa fare se non ci sentiamo bene durante l'attività fisica?

È importante imparare a conoscere i propri limiti ed essere in grado di riconoscere i primi segnali di disidratazione. Se durante l'esercizio fisico ci si sente stanchi, confusi o con nausea, può essere un segno di disidratazione in corso o di calo dei livelli di zucchero nel sangue. In questi casi, è importante fermarsi, bere acqua e, se necessario, anche una bevanda sportiva. In caso di sintomi gravi come crampi muscolari o perdita di conoscenza, è necessario interrompere immediatamente l'attività fisica e cercare assistenza medica.

Conclusioni

Il giusto consumo di acqua durante l'esercizio fisico è essenziale per prevenire la disidratazione e mantenere un buon livello di prestazione atletica. Seguire le raccomandazioni degli esperti e imparare a riconoscere i propri limiti è utile per evitare spiacevoli conseguenze sulla salute. Ricordiamo inoltre che gli atleti professionisti spesso seguono un piano personalizzato per l'idratazione, in base alle loro esigenze individuali e alle caratteristiche specifiche dell'attività fisica che svolgono. Consultare un nutrizionista o un medico del deporto può quindi essere utile per chi pratica sport a livello agonistico.