Bentley Serie T



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Bentley Serie T. Secoli e secoli di conoscenza umana su Bentley Serie T sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Bentley Serie T e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Bentley Serie T. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Bentley Serie T! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Bentley Serie T, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Bentley
Bentley T2
Bentley T2
T1
Periodo di produzione: 1965-1980
Classe : classe superiore
Versioni corpo : Berlina , coupé , cabriolet
Motori:
Motori a benzina : 6,25-6,75 litri
("sufficienti" kW)
Lunghezza: 5170 mm
Ampio: 1820 mm
Altezza: 1520 mm
Interasse : 3035 mm
Peso a vuoto : 2061 kg
Modello precedente Bentley S3
successore Bentley Mulsanne

I modelli Bentley T-Series sono riassunti come Bentley T (o T1) e Bentley T2. I veicoli erano identici alla Rolls-Royce Silver Shadow ; Bentley era un secondo marchio di Rolls-Royce. La serie T ha sostituito la serie Bentley S nel 1966. Il veicolo è stato chiamato Bentley T durante la sua costruzione; Dopo l'introduzione della serie T2 rivista, alla prima serie è stata successivamente assegnata la designazione T1 per una migliore differenziazione.

Storia e modello gemello Rolls-Royce Silver Shadow

La Bentley T presentata nel 1965 fu, come la Rolls-Royce Silver Shadow, il primo modello Bentley con carrozzeria autoportante. L'auto aveva quattro freni a disco e aveva un controllo di livello idraulico centrale, basato sull'idropneumatica di Citroën . In termini di design e equipaggiamento, era quasi identica alla Silver Shadow e ha anche preso parte al suo restyling.

Solo la griglia del radiatore, i coprimozzi e le targhette erano elementi distintivi esterni. Sugli strumenti, invece, alla Bentley è attaccata anche la doppia R del marchio Rolls-Royce; anche sul blocco motore e sul coperchio valvole. Anche la carrozzeria progettata da Rolls-Royce era identica ad eccezione di un cofano adattato alla griglia del radiatore.

Rispetto alla Rolls-Royce Silver Shadow, il telaio era leggermente più stretto. La Bentley T era leggermente più economica del modello gemello Rolls-Royce. Nell'ottobre del 1966, la T-berlina fu offerta ad un prezzo di listino al lordo delle tasse di £ 5.375; costava £ 50 in meno in Gran Bretagna rispetto a una Rolls-Royce Silver Shadow. In altri paesi, come la Germania , i veicoli erano altrettanto costosi; In Svizzera, le Bentley erano a volte leggermente più costose delle Rolls-Royce strutturalmente identiche.

Versioni del corpo

La T1 fu offerta come berlina e temporaneamente anche come coupé e cabriolet; l'ulteriore sviluppo T2, d'altra parte, era disponibile solo come una berlina con passi diversi.

Berlina passo lungo

T1 e T2 sono stati offerti come "berlina" e con un passo allungato come "limousine". Questi modelli, T1 LWB (Long Wheel Base) e T2 LWB, erano identici ai corrispondenti modelli Rolls-Royce Silver Shadow I LWB e Silver Wraith II (la Rolls-Royce Silver Shadow II con passo lungo aveva il proprio nome Silver Wraith II ). Nel caso della berlina il passo è stato allungato di 10 cm; questa estensione ha giovato all'abitacolo posteriore. Di conseguenza, le porte posteriori dei veicoli LWB erano più lunghe di 10 cm; Inoltre, la LWB ha ricevuto i coprimozzi delle serie Corniche e Camargue superiori. I veicoli LWB erano disponibili con una partizione tra l'abitacolo posteriore e l'abitacolo; In questo caso, gli specchietti di cortesia posteriori nei montanti C sono stati omessi a favore della ventilazione forzata. Mentre le Rolls-Royce Silver Shadow I LWB e Silver Wraith II erano solitamente fornite con un tetto Everflex e quindi anche con un lunotto più piccolo, le Bentley T1 LWB e T2 LWB erano per lo più fornite senza tetto Everflex e quindi con un normale lunotto . Tuttavia, queste erano solo raccomandazioni di Rolls-Royce; ci sono anche veicoli in retromarcia.

T coupé

Sulla base della Bentley T, nel corso degli anni sono stati realizzati tre diversi modelli a due porte con carrozzeria chiusa:

James Young Saloon a due porte

La prima versione a due porte della Bentley T1 è stata progettata dalla carrozzeria indipendente britannica James Young Coachbuilder . L'azienda tradizionale, che negli anni precedenti aveva progettato numerose carrozzerie speciali per telai Rolls-Royce e Bentley, ha lasciato sostanzialmente invariati il passo, la tecnologia e la struttura della carrozzeria di serie; questo valeva anche per la linea del tetto posteriore. Infine, anche James Young ha mantenuto la linea di cintura dritta del corpo della berlina. Invece delle quattro porte laterali, la carrozzeria ha aggiunto solo una porta più lunga sul lato guidatore e passeggero. La struttura di James Young era conosciuta come il Two Door Saloon. Nel complesso, era più simile a una berlina a due porte che a una coupé; le linee erano talvolta percepite come rigide. Tra il 1966 e il 1967, James Young produsse 15 veicoli a due porte basati sul Bentley T-Model. Altri 35 modelli a due porte, identici a parte la griglia del radiatore, furono costruiti sulla base della Rolls-Royce Silver Shadow. Le versioni a due porte della T-Model e della Silver Shadow furono le ultime carrozzerie speciali di James Young; lo stabilimento è stato chiuso nel 1967.

Mulliner Park Ward Coupe

Dopo che James Young ha presentato la sua versione a due porte del modello T, Bentley ha presentato la propria coupé con una carrozzeria disegnata da Bill Allen. La struttura era indipendente nella zona posteriore. La coupé mostrava linee chiaramente curve sull'asse posteriore e una sezione posteriore leggermente inclinata. La carrozzeria della coupé di fabbrica è stata prodotta da Mulliner Park Ward , una tradizionale azienda di carrozzeria britannica che faceva parte della Rolls-Royce da diversi anni. La coupé di fabbrica - e la sua controparte alla Rolls-Royce - rimase nella gamma per molto tempo. Inizialmente è stato venduto con il nome di Bentley T. Dal 1971 fino alla fine della produzione nel 1982, fu chiamata Corniche , proprio come la versione Rolls-Royce strutturalmente identica .

Pininfarina Coupé

Nel 1968, Pininfarina progettò una coupé a due porte con una semi-berlina basata sulla Bentley T. La carrozzeria era completamente indipendente. Pininfarina ha utilizzato numerosi accessori di veicoli ad alto volume. Tra queste, le luci posteriori rotonde della Opel Rekord B e fari rettangolari della Opel Rekord C . Il veicolo è rimasto un pezzo unico.

Convertibile

Una cabriolet a quattro posti derivava dalla carrozzeria della coupé di fabbrica , inizialmente chiamata Bentley T Drophead Coupé e successivamente venduta come Corniche (1971-1983) o Continental (dal 1984) (vedi Rolls-Royce Corniche (1971-1987) ).

Dati sulle prestazioni della Bentley T2

La Bentley T2 accelera da 0 a 100 km/h in 11,1 secondi. La velocità massima è di 185 km/h. Il veicolo consuma 22 litri/100 chilometri.

Cifre di produzione della serie T di Bentley

Tipo periodo numero
Bentley T1 1965-1977 1703
Bentley T1 LWB 1971-1976 9
Bentley T1 Coupé (Reparto Mulliner Park) 1966-1971 99
Bentley T1 Coupé James Young 1966-1967 15°
Bentley T1 Pininfarina Coupé 1968 1
Bentley T1 Cabriolet 1967-1971 41
Bentley T2 1977-1980 558
Bentley T2 LWB 1977-1980 10

link internet

Commons : Bentley T-Series  - raccolta di immagini, video e file audio

Evidenze individuali

  1. Panoramica della storia della Bentley T1 sul sito web www.rrab.com (consultato il 28 febbraio 2011).
  2. Lillywhite, Schrader: Classic Cars, pagina 73.
  3. ^ Basil Cardew: Rassegna espressa quotidiana del Motor Show del 1966 . Beaverbrook Newspapers Ltd, Londra 1966.
  4. [1] , collegamento archivio ( Memento del l' originale datata 3 maggio 2011 in Internet Archive ) Info: Il dell'archivio collegamento è stato inserito automaticamente e non è stata ancora verificata. Si prega di controllare il collegamento originale e archivio secondo le istruzioni e quindi rimuovere questo avviso. , [2] @1@ 2Modello: Webachiv / IABot / www.rrsilvershadow.com
  5. Panoramica della storia della Bentley T1 sul sito web www.rrab.com (consultato il 28 febbraio 2011).
  6. Breve storia di James Young Coachworks sul sito www.coachbuild.com ( Memento del l' originale dal 13 dicembre 2010, nella Internet Archive ) Info: Il dell'archivio collegamento è stato inserito automaticamente e non è stata ancora verificata. Si prega di controllare il collegamento originale e archivio secondo le istruzioni e quindi rimuovere questo avviso. (consultato il 28 febbraio 2011). @1@ 2Modello: Webachiv / IABot / www.coachbuild.com
  7. La Corniche era l'unico veicolo che Rolls-Royce aveva la stessa designazione della Bentley.
  8. Immagini della Pininfarina Bentley T Coupé sul sito www.madle.org (consultato il 28 febbraio 2011).
  9. Scheda tecnica T2 1979
  10. La Rolls-Royce Wiki ( Memento del l' originale dal 30 luglio 2010 nella Internet Archive ) Info: Il dell'archivio collegamento è stato inserito automaticamente e non è stata ancora verificata. Si prega di controllare il collegamento originale e archivio secondo le istruzioni e quindi rimuovere questo avviso. , 30 luglio 2009 @1@ 2Modello: Webachiv / IABot / rolls-royce-wiki.de

Opiniones de nuestros usuarios

Angelina Fusco

Non so come sono arrivato a questo articolo sulla Bentley Serie T, ma mi è piaciuto molto

Davide Pepe

Pensavo di sapere già tutto sulla Bentley Serie T, ma in questo articolo ho scoperto che alcuni dei dettagli che pensavo fossero buoni non erano così buoni. Grazie per le informazioni

Saverio Ferraro

Corretto. Fornisce le informazioni necessarie su Bentley Serie T., Corretto

Giacomo Santini

Trovo molto interessante il modo in cui è scritto questo post sulla Bentley Serie T, mi ricorda i miei anni di scuola. Che bei tempi, grazie per avermi riportato lì