Bent Angelo Jensen



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Bent Angelo Jensen. Secoli e secoli di conoscenza umana su Bent Angelo Jensen sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Bent Angelo Jensen e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Bent Angelo Jensen. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Bent Angelo Jensen! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Bent Angelo Jensen, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Bent Angelo Jensen (nato il 10 luglio 1977 a Sønderborg , Danimarca ) è uno stilista tedesco di origine danese che ha fondato l' etichetta di moda Herr von Eden (o HvE in breve ) nel 1998 . Vende esclusivamente moda maschile e possiede tre negozi, che si trovano ad Amburgo, Berlino e Colonia. I suoi clienti includono principalmente artisti dell'industria musicale come Jan Delay , Peter Doherty e Udo Lindenberg .

Nel giugno 2013 Jensen ha presentato per il marchio di moda Herr von Eden una richiesta di fallimento . Di conseguenza, il marchio di moda è stato ristrutturato nel 2014 in modo da ridurre il debito di un milione di euro.

Vita e carriera

Infanzia e adolescenza (1977-1995)

Bent Angelo Jensen è nato a Sønderborg nel 1977 ed è cresciuto in una famiglia affidataria tedesca a Flensburg (Schleswig-Holstein) dopo la morte del padre nel 1982 . Ha ricevuto il suo nome "Bent" dal padre danese Hans-Gerhard Luigi Jensen (* 1947, 1982), che lavorava a tempo pieno nel quartiere a luci rosse ed era il proprietario di un club di striptease . Gestiva anche un panificio industriale che produceva involtini di hot dog danesi . Morì di uno "stile di vita malsano" all'età di 35 anni quando Jensen aveva cinque anni. Ha ricevuto il suo secondo nome "Angelo" da sua nonna italiana (* 1923; 2015). La madre di Jensen (* 1946) viene dalla Germania. Bent Angelo Jensen ha una sorella maggiore (* 1964) e un fratello maggiore (* 1972).

All'età di 14 anni, Jensen frugò nelle vecchie collezioni di abbigliamento del DRK , poiché non voleva appartenere alla folla allora alla moda. Cercava abiti e cravatte da indossare: È stata una specie di ribellione per me. Trovo solo allettante ribellarsi allo standard ", ha detto Jensen. Alla fine assunse un negozio di seconda mano a Flensburg e smistò gli abiti scartati. Quello era il mio allenamento. Ho imparato tutto sulle taglie , sul rapporto con i clienti e sulla contabilità . Quando finì il liceo, sua madre gli comprò un vestito nuovo e gli suggerì di fare un apprendistato in banca . Ma Jensen, che, tra le altre cose, aveva la matematica come corso avanzato a scuola, rifiutò.

Jensen vive ad Amburgo-St. Georg ed ha una relazione con la fotografa Kat Voltage.

24 ore - 24 cabine (1995-1998)

Dopo essersi diplomato al liceo, Jensen si è trasferito ad Amburgo nel 1995 , ha completato lì il suo servizio alla comunità e, all'età di 18 anni, ha aperto un negozio di moda chiamato 24 Hours - 24 Cabins con un amico in un ex negozio di alimentari nel Karolinenviertel di Amburgo . Lì vendevano jeans importati dagli Stati Uniti e usavano camicie di seconda mano degli anni '70.

Signore dell'Eden (1998-2013)

Nel 1998 Jensen lasciò 24 Hours - 24 Cabins e aprì il primo negozio Herr-von-Eden ad Amburgo, a soli dieci metri di distanza da 24 Hours - 24 Cabins , specializzato in abiti usati nello stile degli esclusivi allestitori maschili. Inizialmente, il negozio era rifornito di beni di seconda mano di lusso che Jensen aveva raccolto insieme negli anni precedenti. Prestò abiti e giacche per una certa tariffa mensile ai clienti, che ricevevano un altro articolo, pulito e revisionato, una volta alla settimana. "Guardaroba aperto" è come Jensen ha chiamato il suo concetto. Poco dopo, circa 30 clienti non volevano più regalare i loro pezzi preferiti, quindi Jensen li ha venduti. Ha ricevuto da 300 a 350 DM per pezzi vintage . Jensen ha chiamato la sua etichetta Herr von Eden perché voleva un nome tedesco che trasmettesse "guardaroba maschile di alto livello". Tuttavia, lui stesso preferisce le iniziali HvE e afferma che Herr von Eden è "solo un altro termine per un gentiluomo ".

Nel 1999 Jensen disegnò il suo primo abito , realizzato da sua sorella maggiore Britta. Britta Jensen è una sarta esperta e all'epoca lavorava come docente in una scuola di moda di Copenaghen . Ha aiutato Jensen a realizzare le sue idee. Dopo aver completato i modelli , Jensen ha contattato il consolato polacco e ha chiesto gli indirizzi dei produttori tessili che potevano produrre abiti di buona qualità. A novembre andò in Polonia con un amico e trovò una fabbrica che gli confezionava venti abiti bianchi e venti neri e li spediva ad Amburgo per via aerea . A gennaio le tute erano già esaurite. Infine, Jensen ha preso in prestito libri di testo da sua sorella per poter disegnare lui stesso modelli e tecnologie tessili ; fa lui stesso un modello per supportare le sue campagne pubblicitarie . Guardando indietro, Jensen dice che non voleva passare alla storia come un "mercante di stracci" o "re dei vestiti vecchi".

Jensen è supportato da sarti professionisti e un modellista per prodotti su misura. In una prima fase vengono effettuate da 25 a 30 misurazioni, dalle quali viene creato un modello di prova dal cosiddetto tessuto di ortica. "Poi lavoro come designer su questo materiale", afferma Jensen. Oltre alla scelta del tessuto e alla decisione per un taglio, si tratterebbe anche di presunti dettagli; Ad esempio, dove sono attaccati i bottoni di chiusura e i risvolti , che è la posizione ideale per le tasche. Segue una seconda prova con il tessuto originale e dopo un terzo appuntamento il cliente può portare con sé l'abito.

La maggior parte delle idee per le sue creazioni gli vengono mentre cammina e viaggia, dice Jensen. Nel frattempo, l' autodidatta Jensen possiede una collezione completa , che vende nei negozi di Amburgo, Berlino e Colonia. Gli abiti da uomo che vengono venduti sono realizzati nella Repubblica Ceca e in Slovacchia .

Un sogno per il futuro è "la svolta internazionale", afferma Jensen. Vorrebbe anche avere una propria attività a Londra e New York City .

Dichiarata bancarotta nel 2013

Fine giugno 2013 ha chiesto a Jensen per il suo marchio di moda Herr von Eden una richiesta di fallimento perché aveva un debito di un milione di euro. Il 23 settembre 2013, con lo slogan Bent Aid! ( Inglese per il supporto per Bent [Angelo Jensen] ) in Amburgo Deichtorhallen una carità - le aste tenute in cui personaggi famosi oggetti, i proventi del marchio di moda insolvente all'asta Herr von Eden zugutekam. Ad esempio, Udo Lindenberg ha dipinto un quadro per l'asta che è stata battuta all'asta per 20.000 euro. All'asta sono stati raggiunti un totale di 50.000 euro, che Jensen ha investito in un conto vincolato . Ha anche raccolto denaro in privato.

Ristrutturazione di Herr von Eden (dal 2014)

Dopo che l'istanza di fallimento è stata presentata nel 2014 una ristrutturazione di Herr von Eden e Jensen ha formato un gruppo di lavoro composto da un liquidatore , un avvocato , un consulente finanziario e l' amministratore delegato era Florian Töbe conosce Jensen dal 1999. "Florian è stato il mio primo modello " , ha ricordato. Jensen ha chiuso le filiali di Monaco e Copenaghen. Ha anche cancellato dal programma le collezioni da donna, scarpe e gioielli, così come la sua linea di profumi. Ha anche ridotto la sua forza lavoro da 35 a 18.

Dal 1° luglio 2014, Jensen ha nuovamente assunto la responsabilità esclusiva e le decisioni relative a Herr von Eden non devono più essere presentate a un curatore fallimentare.

Fashion style

Da quando ha dichiarato bancarotta nel giugno 2013, Bent Angelo Jensen si è concentrato esclusivamente sulla moda maschile. Le sue collezioni sono una combinazione di nostalgia e avanguardia ; una miscela di dandy , glamour nello stile anni '20 abbinato all'eleganza . Lo stile alla moda si ispira ai momenti salienti della moda dei decenni passati, ma ha lo zeitgeist . Piccole variazioni di taglio e dettagli discretamente giocosi come gemelli o tasche oblique del cappotto conferiscono alle collezioni di Jensen il loro stile personale. A volte le sue collezioni sono considerate stravaganti e provocatorie . Caratteristiche tipiche di Herr von Eden -Looks sono di velluto - e Tweed - giacche , flanella , cachemire - cappotti , più colorato di seta - cravatte e fazzoletti da taschino . Lo stesso Jensen chiama il suo stile di moda "Windsor-Punk" e i suoi modelli alla moda sono Ermenegildo Zegna , Etro , Vivienne Westwood e i disegni del giovane Yves Saint Laurent .

ricezione

Artisti dell'industria musicale, in particolare, a volte indossano collezioni di Bent Angelo Jensen; Ad esempio, nel 2006 il cantante Jan Delay Jensen si è avvicinato al Golden Pudel Club di Amburgo, chiedendo se poteva disegnare abiti per lui . Inizialmente, Jensen ha creato solo un abito per lui e lo ha reso disponibile per le registrazioni di Delay per l'album in studio Mercedes-Dance . Nel 2009 Jensen ha disegnato un completo di scena sia per Jan Delay che per la sua orchestra di undici elementi per il tour Wir Kinder vom Bahnhof Soul . "Ho parlato con ogni singolo musicista delle loro preferenze, di cosa gli sta bene, di che taglia indossano", ha ricordato Jensen. Per Delay ha creato abiti che ricordano i primi anni '80 ei colori pastello dello stile Miami. Jensen ha combinato i cappelli di torta di maiale con loro . Nel 2009, Delay è stato nominato "Man of the Year" dalla rivista lifestyle GQ nella categoria Style . "Questo 'trofeo' è andato anche a noi", ha detto Jensen felice. Nel 2010, Bent Angelo Jensen ha vinto l'oro con il suo marchio di moda Herr von Eden al premio mediatico tedesco LeadAward nella categoria campagna pubblicitaria dell'anno .

Nel 2010 la cantante Lady Gaga ha acquistato occhiali da sole della collezione limitata Edeneyes , anch'essa proveniente da Jensen, e Thomas Gottschalk gli ha fatto disegnare 50 abiti completi per uno show televisivo nel 2012. Nel 2014 Jensen ha realizzato cinque abiti per Wolfgang Joop per il casting show Germany's Next Top Model . Nello stesso anno Jensen partecipò ad un concerto ad Amburgo della band Babyshambles , di cui conobbe il cantante Peter Doherty ; Su suggerimento di Jensen, Doherty e la sua band registrarono nuova musica nello studio di registrazione di Clouds Hill nel quartiere Rothenburgsort di Amburgo .

Altre celebrità che Jensen ha dotato delle sue collezioni sono: Bela B , Bill Kaulitz , Eckart von Hirschhausen , Fatih Akn , Götz Alsmann , Chilly Gonzales , Lukas Podolski , Martin Gore , Michael Stipe , Peaches , Robert Stadlober , Rocko Schamonischmar , Stefan Kretzschmar . The Libertines , Tim Mälzer , Udo Kier , Udo Lindenberg , Ulrich Tukur e William Dafoe .

Nel 2015, Jensen è stato il patrono del festival del design e della moda le bloc , che dal 2009 si svolge nel quartiere belga di Colonia . Nel maggio 2019 è stato membro della giuria di Guidos Masterclass, format di casting sul fashion design moderato da Guido Maria Kretschmer sull'emittente privata VOX .

link internet

fonti

  1. a b c d Stefanie Wilke: Cuore e anima sul corpo. (Non più disponibile online.) In: Stern.de. 18 novembre 2007, archiviato dall'originale il 7 aprile 2014 ; accesso il 26 maggio 2017 . Info: Il collegamento all'archivio è stato inserito automaticamente e non è stato ancora verificato. Si prega di controllare il collegamento originale e archivio secondo le istruzioni e quindi rimuovere questo avviso. @1@ 2Modello: Webachiv / IABot / www.stern.de
  2. a b Ronny Galczynski: "Vogliamo dotare i ragazzi di belle maglie". 29 dicembre 2017. Estratto il 14 febbraio 2018 .
  3. a b c d e f Bettina Rust : Bent Angelo Jensen aka Herr von Eden. In: mediathek.rbb-online.de. 11 febbraio 2018, accesso 13 febbraio 2018 .
  4. a b c d e Leonie Seifert: Signore dell'Eden - "Sono un fumatore appassionato". In: Zeit.de. 22 novembre 2017. Estratto il 23 novembre 2017 .
  5. a b Hanna Grabbe e Sarah Levy: Signore dell'Eden: Questa bancarotta mi ha fatto incredibilmente bene . In: Zeit.de. 21 luglio 2015, accesso 26 maggio 2017 .
  6. a b c Anke Schipp: Il dandy di St. Pauli. In: FAZ.de. 23 giugno 2010. Estratto il 26 maggio 2017 .
  7. a b c d e f g Vera Altrock: Il piccolo sarto coraggioso è tornato al Karoviertel. In: Abendblatt.de. 4 aprile 2014. Estratto il 26 maggio 2017 .
  8. a b c d e f Elena Rudolph: La punk Windsor dei Waterkant. In: DerHamburger.info. 2009, accesso 26 maggio 2017 .
  9. a b Caroline Rudelt: Il dandy dell'Eden. In: Morgenpost.de. 3 giugno 2012, Estratto il 26 maggio 2017 .
  10. Alexandra Maschewsi: Dove gli anseatici hanno sarti. In: Welt.de. 4 dicembre 2011, accesso 26 maggio 2017 .
  11. L'uomo dietro "Signore dell'Eden". In: Welt.de. 3 luglio 2013, accesso 26 maggio 2017 .
  12. a b c Maya Ueckert: "Signore dell'Eden" e l'abito perfetto. In: NDR.de. 9 ottobre 2012, archiviato dall'originale il 13 ottobre 2012 ; accesso il 26 maggio 2017 .
  13. Grit Thönnisse: "Herr von Eden" -Designer sulla bancarotta - In tempi di crisi, le persone si muovono insieme e sviluppano nuovi processi . In: Tagesspiegel.de. 8 luglio 2014, accesso 26 maggio 2017 .
  14. Bent Angelo Jensen di nuovo responsabile di Herr von Eden. In: Abenblatt.de. 4 luglio 2014, accesso 26 maggio 2017 .
  15. Così creativo! Medaglie LeadAwards 2010. (Non più disponibile online.) In: LeadAcademy.de. 2010, archiviato dall'originale il 4 marzo 2016 ; accesso il 26 maggio 2017 . Info: Il collegamento all'archivio è stato inserito automaticamente e non è stato ancora verificato. Si prega di controllare il collegamento originale e archivio secondo le istruzioni e quindi rimuovere questo avviso. Così creativo! LeadAwards Medaglie 2010 ( Memento del l' originale dal 4 marzo 2016 l' Internet Archive ) Info: Il archivio collegamento è stato inserito automaticamente e non è stata ancora verificata. Si prega di controllare il collegamento originale e archivio secondo le istruzioni e quindi rimuovere questo avviso. @1@ 2Modello: Webachiv / IABot / leadacademy.de  @1@ 2Modello: Webachiv / IABot / leadacademy.de
  16. Pete Doherty si trasferisce a St. Pauli. In: Focus.de. 9 aprile 2014, accesso 26 maggio 2017 .
  17. Simone Bruns: Signore dell'Eden. In: Simonebruns.de. 12 marzo 2009. Estratto il 26 maggio 2017 . Herr von Eden ( Memento del l' originale dal 14 marzo 2017 in Internet Archive ) Info: Il dell'archivio collegamento è stato inserito automaticamente e non è stata ancora verificata. Si prega di controllare il collegamento originale e archivio secondo le istruzioni e quindi rimuovere questo avviso.  @1@ 2Modello: Webachiv / IABot / www.simonebruns.de
  18. Il patron Bent Angelo Jensen in un'intervista personale. (Non più disponibile online.) In: lebloc.de. 10 giugno 2015, già in originale ; accesso il 26 maggio 2017 .  ( Pagina non più disponibile , ricerca negli archivi webInfo: Il collegamento è stato automaticamente contrassegnato come difettoso. Si prega di controllare il collegamento secondo le istruzioni e quindi rimuovere questo avviso.@1@ 2Modello: Dead Link / www.lebloc.de  
  19. ^ Petra Noppeney: Concorso senza fronzoli. In: wn.de. 28 maggio 2019, accesso 16 giugno 2019 .

Opiniones de nuestros usuarios

Mariangela Milani

È sempre bene imparare. Grazie per l'articolo su Bent Angelo Jensen

Carmela Volpe

Trovo molto interessante il modo in cui è scritto questo post sulla Bent Angelo Jensen, mi ricorda i miei anni di scuola. Che bei tempi, grazie per avermi riportato lì

Carla Maggi

Questo post su Bent Angelo Jensen era proprio quello che volevo trovare