Benstonite



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benstonite. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benstonite sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benstonite e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benstonite. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benstonite! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benstonite, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

La benstonite è un minerale raro della classe minerale dei " carbonati e nitrati " (precedentemente carbonati, nitrati e borati ). Si cristallizza nel sistema trigonale con la idealizzato composizione chimica Ba 6 Ca 6 Mg (CO 3 ) 13 - chimicamente parlando è quindi un bario - calcio - magnesio - carbonato .

La benstonite forma cristalli romboedrici di dimensioni fino a 1 cm e aggregati minerali tipicamente fissili con una struttura a mosaico fine .

La località tipo della benstonite è la "Baroid Mine" (o le Chamberlain Creek Barite Mines) appartenente alla fossa a cielo aperto della "Baroid Sales Division" ( coordinate della fossa aperta della "Baroid Sales Division" ) nella Chamberlain Creek Valley a Magnet Cove , Contea di Hot Spring , Arkansas , Stati Uniti .

Etimologia e storia

All'inizio degli anni '50, il metallurgista Orlando J. Benston della divisione Baroid, National Lead Company, Malvern , Arkansas, ha esaminato un minerale carbonato dalla "Mina Baroid" e ha assunto da test chimici qualitativi e la densità di circa 3,60 g / cm³ che questa è alstonite o baritocalcite . Durante una visita del mineralogista tedesco Friedrich Lippmann alla "Mina Baroid" a Capodanno del 1954, Benston gli mise a disposizione degli esemplari del minerale in questione. Le indagini mineralogiche per determinare le proprietà fisiche e ottiche, nonché le indagini diffrattometriche e chimiche a raggi X hanno dimostrato che si trattava di un nuovo minerale.

Nel 1961, la prima descrizione scientifica di questo minerale fu fatta da Friedrich Lippmann nella rivista scientifica tedesca " Naturwissenschaften " come benstonite ( Benstonite in inglese ). Ha chiamato il minerale dopo il cercatore Orlando J. Benston (1901-1966), che aveva anche svolto le prime indagini su questo minerale. Un altro ampio lavoro sulle proprietà mineralogiche, cristallo-ottiche, diffrattometriche a raggi X e chimiche della benstonite è stato pubblicato da Lippmann sulla rivista scientifica americana "The American Mineralogist".

Il minerale è stato riconosciuto come minerale dalla "Commission on New Minerals and Mineral Names" dell'International Mineralogical Association (IMA) in un rapporto del 1967 che riassumeva le 129 prime descrizioni dal 1961 al 1964. Di conseguenza, Benstonit non ha un numero IMA, ma è gestita nell'ambito del riconoscimento collettivo "IMA 1967 sp" ( procedura speciale ).

Il tipo di materiale per Benstonit è sotto i numeri di catalogo 120234 (donazione GU Benston via F. Lippmann, 1967) e 120236 (donazione F. Lippmann, raccolta il 31 dicembre 1954) nella collezione dello Smithsonian Institution appartenente al National Museum of Natural Storia a Washington, DC , USA . Il livello olotipico dovrebbe essere trovato sotto il numero di catalogo S.21.3.5.1 nelle collezioni mineralogiche dell'Istituto Mineralogico-Petrografico della Georg-August-Universität Göttingen , Göttingen , Germania , ma il " Catalogo Minerale Tipico Germania" non contiene alcuna informazione a questo proposito.

Nonostante il nome molto simile, la benstonite non ha nulla a che vedere con la bentonite di roccia , che è una miscela di diversi minerali argillosi , e non deve essere confusa con essa.

classificazione

Nel 8 ° edizione della classificazione minerali in base al Strunz , benstonite non apparteneva alla classe minerale comune di "carbonati, nitrati e borati" e al dipartimento di "carbonati", dove insieme a huntite appartiene alla serie "norsethite" che consiste solo di norsetite con il sistema -No. È stato aggiunto Vb / A.03b all'interno della sottosezione Carbonati anidri senza anioni estranei .

Nell'ultimo elenco dei minerali Lapis rivisto e aggiornato nel 2018 , che, in considerazione dei collezionisti privati e delle collezioni istituzionali, si basa ancora su questo sistema obsoleto di Karl Hugo Strunz , al minerale è stato assegnato il sistema e il numero del minerale. V/B.03-080 . Nel "sistema Lapis" questo corrisponde alla sezione "Carbonati anidri [CO 3 ] 2 , senza anioni estranei ", dove la benstonite insieme a dolomite , anacoreta , kutnohorite , minrecordite , norsethite e hutite formano il gruppo dolomite con il numero V / B.03 moduli.

La 9a edizione della Sistematica minerale di Strunz , in vigore dal 2001 e aggiornata dall'International Mineralogical Association (IMA) fino al 2009, assegna la benstonite alla classe dei carbonati e nitrati, che è stata ridotta dai borati, e non vi agli Anioni di classe carbonati senza aggiunta; senza H 2 O . Questa è ulteriormente suddivisa in base all'appartenenza al gruppo dei cationi coinvolti , così che il minerale può essere trovato secondo la sua composizione nella sottosezione " carbonati alcalino-terrosi (e altri M 2+ )", dove il gruppo senza nome con il sistema no. 5. Moduli AB.55 .

La sistematica dei minerali secondo Dana , utilizzata principalmente nel mondo anglosassone , assegna la benstonite, come il vecchio sistema Strunz, alla comune classe dei "carbonati, nitrati e borati" e lì al reparto dei "carbonati anidri" . Qui si trova come l'unico membro del gruppo senza nome 14/02/03 all'interno della sottosezione "Carbonati anidri con la formula A + B 2+ (CO 3 ) 2 ".

Chimica

Un'analisi chimica ad umido di Friedrich Lippmann su 10 g di frammenti omogenei di benstonite dalla località tipo che era stata selezionata mostrava il 43,05% di BaO; 4,02% SrO; 19,52% CaO; 1,69% MgO; 0,35% MnO e 31,35% CO 2 (totale 99,98%). La formula empirica (Ba 5,27 Sr 0,73 ) = 6,00 Ca 6,00 (Mg 0,79 Ca 0,12 Mn 0,09 ) = 1,00 è calcolata sulla base di tredici cationi (CO 3 ) 13 , che può essere semplificata a Ba 6 Ca 6 Mg ( CO 3 ) 13 .

Mg-deficient stronzio benstonite è stato rilevato per la prima volta da "Ust'-Biraya" (anche "Birainskoe", Irkutsk , Russia ), dove avviene il minerale come accessorio minerale in fenites del l' ospitante roccia , ma fino al 35% nella Composizione di alcune vene idrotermali . La composizione chimica della benstonite di Birainskoe è molto diversa. Si possono distinguere cinque diverse varietà. Due di questi si trovano principalmente nei corridoi come minerali principali:

  • ( 3,25 Sr 2,75 ) = 6,00 ( 5,42 Sr 0,36 (La 0,13 0,07 Pr 0,01 Nd 0,01 ) 0,22 ) = 6, 00 ( 0,50 g 0,33 F 0,05 Mn 0,02 ) = 0,90 [ 3 ] 13
  • ( 4,20 Sr 4,80 ) = 6,00 ( 5,74 Sr 0,24 La 0,02 ) = 6,00 (g 0,51 0,29 F 0,09 Mn 0, 04 ) = 0,93 [ 3 ] 13
  • La benstonite standard e senza Mg e le sue varietà con Sr> sono disponibili qui solo in piccole quantità e accessorie.

La formula ufficiale IMA per la benstonite è data come Ba 6 Ca 6 Mg (CO 3 ) 13 . La formula secondo Strunz, Ba 6 Ca 6 Mg [CO 3 ] 13 segue la formula conforme a IMA, ma qui, come al solito, il gruppo anionico è riassunto tra parentesi quadre.

La sola combinazione di elementi Ba Ca Mg C O, come si può trovare nella formula ufficiale IMA per la benstonite, ha solo la fase senza nome UM1974-03-CO: BaCaMg tra i minerali attualmente conosciuti (dal 2019) in addizione alla benstonite , (Ba, Ca, Mg) CO 3 .

Struttura di cristallo

Benstonite cristallizza nel sistema trigonale nel gruppo spaziale R 3 (gruppo spaziale n. 148) con i parametri reticolari a = 18.280  Å e c = 8,652 Å, nonché tre Unità di formula per unità cellulare .Modello: gruppo di stanze / 148

Struttura cristallina della benstonite. Il contorno arancione mostra la cella unitaria.
Legenda colori:    __ Ba   __ Ca   __ Mg   __ C   __ O

La benstonite è strutturalmente correlata alla calcite . La sua struttura cristallina (confrontare le illustrazioni a fianco) è costituita da un gruppo CO 2 disposto in parallelo (0001) e dodici gruppi CO 2 inclinati leggermente verso (0001) . Per ogni unità formula di benstonite ci sono tre atomi di bario coordinati dieci volte Ba [10] , tre atomi di bario coordinati nove volte Ba [9] , sei (7 + 1) atomi di calcio coordinati Ca [7 + 1] e un atomo di magnesio coordinato sei volte di mg [6] . Gli atomi di bario si trovano quindi in due posizioni diverse: il 50% è nove volte e il 50% è dieci volte. La sovrastruttura della benstonite sembra quindi contenere un ordine all'interno degli strati cationici.

proprietà

morfologia

La benstonite forma tipicamente masse fissili con superfici di scissione fino a una dimensione di un centimetro, che hanno una struttura a mosaico fine come in alcune dolomiti o sideriti . Questi frammenti di fessura sono romboedri più o meno perfetti della stessa forma della calcite e degli altri carbonati romboedrici. Inoltre, la benstonite può formare cristalli romboedrici di dimensioni fino a 1 cm. Secondo Ulrich Baumgärtel, è il romboedro {10 1 1} o il romboedro {20 2 1}. Esistono anche combinazioni del prisma {10 1 0} con il pinacoide di base {0001} o il romboedro {20 2 1} (confronta i disegni di cristallo a destra).

proprietà fisiche e chimiche

I cristalli di benstonite sono bianco neve, avorio, giallo pallido o marrone giallastro pallido. Il loro colore di linea , tuttavia, è sempre bianco. Le superfici dei cristalli traslucidi di benstonite mostrano una caratteristica lucentezza simile al vetro . Secondo questa lucentezza del vetro, la benstonite ha una rifrazione della luce da media ad alta ( n  = 1,527; n  = 1,690) e - come molti minerali carbonatici - una birifrangenza molto alta ( = 0,163). In luce trasmessa, la benstonite uniassiale negativa è incolore e non mostra pleocroismo .

La benstonite ha buone proprietà di scissione secondo {31 4 2}, ma non è perfetta come quella della calcite. Non ci sono informazioni sulla tenacia o sulla rottura del minerale. La benstonite ha una durezza Mohs da 3 a 4 ed è quindi uno dei minerali medio-duri che, se la dimensione del cristallo è appropriata, come il minerale di riferimento calcite (durezza 3), può essere facilmente graffiato con una moneta di rame o il riferimento fluorite minerale (durezza 4) con un coltellino tascabile. La densità misurata per la benstonite è, a seconda dell'autore, valori compresi tra 3,596 e 3,66 g / cm³, la densità calcolata è 3,695 g / cm³.

La benstonite mostra una fluorescenza arancione alla luce UV a onde lunghe (365 nm) e una fluorescenza rossa, raramente anche viola-rosa alla luce UV a onde corte (254 nm) . La fosforescenza è evidente a 20 kilovolt. A 50 kilovolt, l'ultimo bagliore dura alcuni minuti. Fluorescenza rossa si verifica anche quando esposto a raggi-X . L'attivatore più comune è Mn 2+ .

Il minerale si dissolve in acido cloridrico diluito , HCl.

Istruzione e luoghi

Località tipo di Benstonits si trova in una barite - deposito (magnete Cove, Arkansas / USA); il secondo sito (Minerva No. 1 miniera vicino a Cave-in-Rock, Illinois / USA) è un'ex miniera di zinco e fluorite Nel gigantesco deposito SEE Fe-Nb di Bayan Obo , Cina, la benstonite si trova negli alpinotipi, attraverso un corridoi di carbonatite .

Già nel 1973, William C. Hood e Peter F. Steidl riuscirono a sintetizzare cristalli di benstonite a temperatura ambiente .

I minerali che accompagnano la benstonite sono barite, calcite, quarzo lattiginoso (Magnet Cove, Arkansas, USA); Calcite, alstonite , fluorite, sfalerite (Cave-in-Rock, Illinois, USA); Huntite , baritocalcite , strontianite , pirite , flogopite , monazite e daqingshanite ( deposito Bayan Obo, Cina). In quest'ultimo deposito, minerali carbonati contenenti Ba e Sr come benstonite, norsetite, baritocalcite, strontianite e Sr-calcite si verificano come formazioni in fase avanzata e sostituiscono le rocce carbonatiche ospiti lungo i bordi dei grani. I minerali carbonati contenenti Ba ovviamente non possono essere derivati dalla barite, uno dei minerali ganga più comuni.

Essendo una formazione minerale che si verifica raramente, la benstonite è conosciuta solo da alcune località o in un piccolo numero di fasi. Finora (al 2020) il minerale è stato descritto da circa 20 siti oltre alla sua località tipo. La località tipo benstonite è vene mineralizzate in un corpo di minerale di barite nella "Baroid Mine" della Baroid Sales Division nella Chamberlain Creek Valley vicino a Magnet Cove , Hot Spring County , Arkansas , Stati Uniti . Questa miniera a cielo aperto era gestita dalla "Baroid Sales Division of the National Lead Company e dalla Magnet Cove Barium Company", una consociata di Dresser Industries all'epoca. La fossa a cielo aperto sfruttava la parte più pianeggiante orientale del giacimento di barite. Il deposito era in produzione dal 1939 ed è stato abbandonato nel 1977.

Altre posizioni per la benstonite sono:

Le località in Germania , Austria e Svizzera sono quindi sconosciute.

utilizzo

La benstonite è del tutto insignificante da un punto di vista economico ed interessa solo il collezionista di minerali.

Guarda anche

letteratura

  • Friedrich Lippmann: Benstonite, Ca 7 Ba 6 (CO 3 ) 13 , un nuovo minerale . In: Scienze Naturali . nastro 48 , n. 1 , 1961, p. 550-551 , doi : 10.1007 / BF00639159 .
  • Friedrich Lippmann: Benstonite, Ca 7 Ba 6 (CO 3 ) 13 , un nuovo minerale dal giacimento di barite nella contea di Hot Spring, Arkansas . In: Il mineralogista americano . nastro 47 , n. 3 , 1962, pp. 585-598 (inglese, rruff.info [PDF; 858 kB ; consultato il 21 dicembre 2019]).
  • Benstonite . In: John W. Anthony, Richard A. Bideaux, Kenneth W. Bladh, Monte C. Nichols (a cura di): Handbook of Mineralogy, Mineralogical Society of America . 2001 ( handbookofmineralogy.org [PDF; 64 kB ; consultato il 29 dicembre 2019]).
  • Friedrich Klockmann : Il manuale di mineralogia di Klockmann . Ed.: Paul Ramdohr , Hugo Strunz . 16a edizione. Enke , Stoccarda 1978, ISBN 3-432-82986-8 , pp. 573 (prima edizione: 1891).
  • Hans Jürgen Rösler : Manuale di Mineralogia . 4a edizione riveduta e ampliata. Casa editrice tedesca per l'industria di base (VEB), Lipsia 1987, ISBN 3-342-00288-3 , p. 706 .

link internet

Commons : Benstonite  - raccolta di immagini, video e file audio

Evidenze individuali

  1. a b c Herta Silvia Effenberger: Struttura cristallina e formula chimica della benstonite, Ba 6 Ca 6 Mg (CO 3 ) 13 . In: Nuovo Annuario di Mineralogia, Trattati . nastro 136 , 1979, pp. 326-337 .
  2. a b c d e f g Benstonite. In: mindat.org. Hudson Institute of Mineralogy, consultato il 29 dicembre 2019 .
  3. a b c d Malcolm Back, William D. Birch, Michel Blondieau e altri: The New IMA List of Minerals - A Work in Progress - Aggiornato: novembre 2019. (PDF 1752 kB) In: cnmnc.main.jp. IMA/CNMNC, Marco Pasero, novembre 2019, accesso 29 dicembre 2019 .
  4. a b c d e Hugo Strunz , Ernest H. Nickel: Tavole mineralogiche di Strunz . 9a edizione. E. Schweizerbart'sche Verlagbuchhandlung (Nägele e Obermiller), Stoccarda 2001, ISBN 3-510-65188-X , p.  289 (inglese).
  5. a b c d e f g h i j k l m n o p Benstonite . In: John W. Anthony, Richard A. Bideaux, Kenneth W. Bladh, Monte C. Nichols (a cura di): Handbook of Mineralogy, Mineralogical Society of America . 2001 ( handbookofmineralogy.org [PDF; 64  kB ; consultato il 29 dicembre 2019]).
  6. a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t Friedrich Lippmann: Benstonite, Ca 7 Ba 6 (CO 3 ) 13 , un nuovo minerale . In: Scienze Naturali . nastro 48 , n. 1 , 1961, p. 550-551 , doi : 10.1007 / BF00639159 .
  7. ^ A b c d e f Friedrich Lippmann: Benstonite, Ca 7 Ba 6 (CO 3 ) 13 , un nuovo minerale dal deposito di barite nella contea di Hot Spring, Arkansas . In: Il mineralogista americano . nastro 47 , n. 3 , 1962, pp. 585-598 (inglese, rruff.info [PDF; 858 kB ; consultato il 21 dicembre 2019]).
  8. a b c Gerard Barmarin: Benstonite. In: fluomin.org. Luminescent Mineral Database, accesso 29 dicembre 2019 (dati di fluorescenza per benstonite).
  9. International Mineralogical Association: Commissione su nuovi minerali e nomi di minerali: Senza . In: Rivista mineralogica . nastro 36 , n. 1 , 1967, p. 131-136 (inglese).
  10. a b Catalogo dei campioni di tipo minerale - B. (PDF 122 kB) In: docs.wixstatic.com. Commissione Musei (IMA), 12 dicembre 2018, consultato il 29 dicembre 2019 .
  11. Catalogo minerale tipo Germania - stoccaggio del tipo a livello benstonite. In: typmineral.uni-hamburg.de. Museo mineralogico dell'Università di Amburgo, accessibile il 29 dicembre 2019 .
  12. Stefan Weiß: Il grande elenco dei minerali di lapislazzuli. Tutti i minerali dalla A alla Z e le loro proprietà. Stato 03/2018 . 7a edizione completamente rivista e integrata. Weise, Monaco 2018, ISBN 978-3-921656-83-9 .
  13. Ernest H. Nickel, Monte C. Nichols: IMA / CNMNC List of Minerals 2009. (PDF 1703 kB) In: cnmnc.main.jp. IMA/CNMNC, gennaio 2009, accesso 25 settembre 2019 .
  14. a b c Aleksei A. Konev, Pawel M. Kartashev, AA Konewa, Zinaida F. Ushchapovskaya, NV Nartova: Mg () (Mg-carenza di stronzio Benstonit dall'occorrenza Biraya (Siberia)) . In: Zapiski Vsesoyuznogo Mineralogicheskogo Obshchestva . nastro 133 , n. 6 , 2004, pag. 6573 (russo, rruff.info [PDF; 754 kB ; consultato il 29 dicembre 2019]).
  15. ^ Minerali con Ba-Ca-Mg-CO. In: mindat.org. Hudson Institute of Mineralogy, consultato il 29 dicembre 2019 .
  16. ^ Luke LY Chang , Robert Andrew Howie , Jack Zussman : Minerali che formano roccia Vol. 5B: Non silicati: solfati, carbonati, fosfati e alogenuri . 2a edizione. Longman, Londra 1996, ISBN 0-582-30093-2 , pp.  263271 (inglese, anteprima limitata in Google Ricerca Libri - prima edizione: 1961).
  17. Stefan Schorn e altri: Benstonite. In: mineralienatlas.de. Estratto il 29 dicembre 2019 .
  18. ^ William C. Hood, Peter F. Steidl: Sintesi di Benstonite a temperatura ambiente . In: Il mineralogista americano . nastro 58 , n. 3/4 , 1973, p. 3413428 (inglese, citeseerx.ist.psu.edu [PDF; 162 kB ; consultato il 21 dicembre 2019]).
  19. ECT Chao, JM Back, JA Minkin, M. Tatsumoto, Wang Junwen, JE Conrad, EH McKee, Hou Zonglin, Meng Qingrun, Huang Shengguang: il gigante sedimentario ospitato da carbonati Bayan Obo REE-Fe-Nb deposito di minerali della Mongolia interna , Cina: un esempio fondamentale per i giganteschi giacimenti di minerali polimetallici di origine idrotermale . In: Bollettino di indagine geologica degli Stati Uniti . 1a edizione. nastro 2143 . Ufficio di stampa del governo degli Stati Uniti, Washington 1997, ISBN 0-607-88143-7 , pp. 16 , doi : 10.3133 / b2143 (inglese, pubs.usgs.gov [PDF; 43.4 MB ; consultato il 29 dicembre 2019]).
  20. Località per Benstonite. In: mindat.org. Hudson Institute of Mineralogy, consultato il 29 dicembre 2019 .
  21. a b c Elenco delle posizioni per la benstonite dal Mineralienatlas e Mindat (consultato il 29 dicembre 2019)
  22. ^ Geologia e mineralogia della miniera di baroide. In: mindat.org. Hudson Institute of Mineralogy, consultato il 29 dicembre 2019 .
  23. Liang Youbin, Xu Zhonglong, Hu Zhiyin: Scoperta e studio della carbocernaite nel deposito di Bayan Obo Fe . In: Geologia e prospezione . nastro 17 , n. 9 , 1981, pp. 29-33 (cinese).
  24. Cristian Biagioni, Paolo Orlandi: Cimrite e benstonite dalla miniera di Monte Arsiccio (Alpi Apuane, Toscana, Italia): prima presenza italiana . In: Plinio . No. 36 , 2010, pag. 356 (inglese).
  25. ^ Ludi von Bezing, Rainer Bode, Steffen Jahn: Namibia: Minerali e località II . 1a edizione. Bode-Verlag, Salzhemmendorf 2016, ISBN 978-3-942588-19-5 , pag. 74 (inglese).
  26. Eric Welin: Note sulla mineralogia della Svezia 6. Dati sulle polveri a raggi X per i minerali di Långban e dei relativi giacimenti minerari della Svezia centrale . In: Arkiv för Mineralogi och Geologi . nastro 4 , 1968, pag. 499-541 (inglese).
  27. ^ John Sampson White, Eugene Jarosewich: seconda occorrenza di Benstonite . In: Il record mineralogico . nastro 1 , n. 4 , 1970, pp. 140-141 (inglese).
  28. ^ Ross C. Lillie: Minerali di: Contea di Hardin del distretto di Harris Creek Fluorspar, Illinois . In: Rocce e minerali . nastro 63 , n. 3 , 1988, pp. 210-226 , doi : 10.1080 / 00357529.1988.11761839 (inglese).
  29. ^ Alan Goldstein: Località minerali famose: Il distretto della fluorite Illinois-Kentucky . In: Il record mineralogico . nastro 28 , n. 1 , 1997, pag. 3-49 (inglese).

Opiniones de nuestros usuarios

Graziano Pellegrini

Mi ha colpito questo articolo sulla Benstonite, è divertente come le parole siano ben misurate, è come... elegante, Finalmente un articolo sulla Benstonite

Marina Mariani

Grazie per questa voce su Benstonite, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su Benstonite, è proprio quello che mi serviva

Tiziana Rossi

L'articolo sulla Benstonite è completo e ben spiegato. Non toglierei o aggiungerei una virgola, L'articolo su Benstonite è completo e ben spiegato

Renata Bucci

In questo post sulla Benstonite ho imparato cose che non sapevo, quindi ora posso andare a letto

Pierina Sartori

Era da molto tempo che non vedevo un articolo sulla Benstonite scritto in modo così didascalico. Mi piace