Bensberg



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Bensberg. Secoli e secoli di conoscenza umana su Bensberg sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Bensberg e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Bensberg. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Bensberg! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Bensberg, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Bensberg
Ex braccia della città di Bensberg fino al 1974
Altezza : 140  (88190)  m sul livello del mare NN
Zona : 3,66 km²
Residenti : 5725  (31 dicembre 2017)
Densità di popolazione : 1.564 abitanti / km²
Incorporazione : 1 gennaio 1975
Incorporato secondo: Bergisch Gladbach
Codice postale : 51429
Prefisso : 02204
Bensberg (Bergisch Gladbach)
Bensberg

Luogo di Bensberg a Bergisch Gladbach

Bensberg, vista generale dalla Kardinal-Schulte-Haus del vecchio e del nuovo castello
Bensberg, vista generale dalla Kardinal-Schulte-Haus del vecchio e del nuovo castello
Il vecchio castello di Bensberg ,
oggi ospita parti dell'amministrazione della città

Bensberg è un distretto di Bergisch Gladbach e appartiene al distretto di statistica 5 della città con il n. 52.

Posizione e descrizione

Bensberg si trova a sud della città di Bergisch Gladbach e confina con le città di Colonia , Overath e Rösrath . Un'attrazione speciale è il nuovo castello di Bensberg , ora un hotel di lusso dove lavora lo chef stellato Joachim Wissler . Non lontano si trova l' antico castello simile a un castello con il municipio , costruito tra il 1962 e il 1972 su progetto dell'architetto Gottfried Böhm per l'allora città di Bensberg.

storia

Bensberg, chiamato Bainsbur, Bensbure, Behnsburg o anche Painspurg negli antichi scritti , fu probabilmente costruito intorno a un castello della Franconia nell'area di una foresta reale nel Deutzgau verso la fine dell'alto medioevo . Bensberg è stato menzionato per la prima volta in un documento nel 1139. Secondo una pubblicazione più antica è già Engelberto I di Berg nel 1170 baroni briganti, poiché il castello di Gauerben usava, distribuiva e prendeva in possesso la struttura per la contea di montagna. Il Bergisch Burgvogt Curt von Arloff difese il castello nel 1198 dai mercenari boemi che vagavano e saccheggiavano la Renania nell'ambito della disputa per la corona tra Filippo di Svevia e Ottone IV . In un "acta apud Bensburg" del 1218, la chiesa lì, che si trovava nel Decanato Tuytiensis in Renania-Franconia, era menzionata come chiesa madre di Immekeppel .

Secondo gli storici attuali, l'antico castello di Bensberg sarebbe stato costruito dai langravi di Turingia alla fine del XII secolo e poco dopo passò ai conti di Berg.

Il castello di questo periodo servì nel XIII secolo al conte di Berg in parte come residenza poiché il sovrano bergischen cambiava costantemente la sede del governo nel loro paese. Il castello di Bensberg, inizialmente utilizzato dai conti di Berg per lo sviluppo del paese, si è poi sviluppato come castello residenziale e, come altri castelli sovrani di proprietà dei sovrani, è stato utilizzato dai conti e poi dai duchi di Berg per governare il Bergisches Land da qui. Dal 1218, Engelberto I , arcivescovo di Colonia, uno dei più potenti principi imperiali del suo tempo, utilizzò il castello di Bensberg, poiché da qui poteva governare entrambi i territori, data la vicinanza a Colonia. Durante il suo soggiorno in Italia fu nominato amministratore imperiale da Federico II e nominato tutore e tutore del figlio del giovane re Enrico , che incoronò re Enrico VII ad Aquisgrana nel 1222 . Rimase il suo tutore fino alla sua morte, rendendolo la persona politicamente più forte dell'impero.

Dalla metà del XIV secolo si può rintracciare l'ufficio di Bainsbure . A quel tempo, oltre a Bensberg, appartenevano a questo ufficio i villaggi Bergheim , Burscheid , Dürscheid , Herkenrath , Immekeppel , Lülsdorf , Mondorf , Odenthal , Paffrath , Porz , Stammheim , Refrath e Volberg . I fori di giurisdizione nell'area ufficiale erano a Bensberg, Porz e Odenthal. In seguito, durante il regno del Ducato di Berg , Bensberg appartenne all'ufficio di Porz , ma rimase la sede del cameriere . Quando le famiglie regnanti avevano problemi di soldi, parti dell'area erano più spesso impegnate. Uno di questi impegni fu quello del 26 luglio 1413. Il conte Adolf von Berg affidò l'ufficio di Bensberg al duca Rainald von Jülich-Geldern per un periodo di 6.400 corone francesi .

Bensberg ebbe un primo boom economico con la costruzione del nuovo palazzo all'inizio del XVIII secolo, quando il duca Giovanni Guglielmo II (popolarmente Jan Wellem) aveva costruito un padiglione di caccia barocco nelle immediate vicinanze del suo territorio di caccia, la foresta di Königsforst . Nel periodo francese , 1807-1813, Bensberg aveva lo status amministrativo del Cantone sia Bensberg e Mairie Bensberg nel distretto di Mülheim am Rhein  nel  reparto di Reno del del  Granducato di Berg . Dopo il Congresso di Vienna , il Granducato divenne parte della provincia prussiana del Reno . Mairie Bensberg divenne l'ufficio del sindaco di Bensberg nel distretto di Mülheim am Rhein nel 1816 , fino a diventare il comune di Bensberg nel 1927.

Città di Bensberg

Nel 1947 Bensberg ha ricevuto i diritti della città. Dopo la seconda guerra mondiale, la gente si trasferì dalla città di Colonia alla campagna di Bensberg e dintorni. Soprattutto nella parte occidentale dell'allora area urbana, nei distretti di Refrath, Frankenforst e Lustheide, dalla fine degli anni '50 sono state costruite numerose nuove aree edificabili. Colonia ha cercato di contrastare questa emigrazione e di reintegrare gli emigranti attraverso piani di incorporazione. Nell'ambito del riordino locale , dal 1964 in poi, furono avanzate numerose proposte di riordino a livello locale, regionale e statale. I "piani segreti" inizialmente hanno causato accese discussioni a livello locale. Il direttore regionale, il presidente del distretto, diversi esperti, la città di Colonia, la città di Bergisch Gladbach, la città di Bensberg e il ministro degli interni hanno suggerito la riorganizzazione. Fino a poco tempo, la città di Bensberg ha resistito a una fusione della città con Bergisch Gladbach. Una denuncia costituzionale è stata respinta a Münster nel 1976.

Distretto di Bergisch Gladbach

Quando il 1° gennaio 1975 entrò in vigore la riorganizzazione municipale, Bensberg perse la sua indipendenza; l'ex area urbana da allora appartiene in gran parte a Bergisch Gladbach (49,25 km², 41.958 abitanti); parti più piccole furono incorporate nelle comunità Overath (6,87 km², 2773 abitanti), Kürten (4,86 km², 1918 abitanti, inclusa la città di Dürscheid ) e Rösrath (0,69 km², 44 abitanti) (vedi anche: Legge di Colonia ).

Con la fusione è stato necessario organizzare nuove strutture. Innanzitutto sono stati introdotti spazi abitativi , alcuni dei quali non più corrispondenti alle parti precedenti e sentite della città dai residenti . Il 3 novembre 2015 il consiglio comunale di Bergisch Gladbach ha deciso di convertire queste aree residenziali in quartieri. Oggi Bensberg forma, insieme ai distretti di Bockenberg , Kaule , Moitzfeld e Lückerath, il distretto statistico 5 .

L' archivio comunale di Bergisch Gladbach non solo protegge la tradizione storica della città di Bergisch Gladbach (città vecchia e nuova) e dei suoi quartieri e comunità precedenti, ma anche dell'ex città di Bensberg. L' archivio della città , situato nel quartiere Stadtmitte , rende questi archivi accessibili al pubblico e pubblica anche una propria collana di libri sulla storia della città.

Caccia alle streghe

Nel 1602 otto donne furono bruciate come streghe a Bensberg, di cui cinque di Odenthal e una donna del "Bloemengut" di Nittum. Agnes Polwirth fu condannata a morte nel 1612 e Katharina Güschen nel 1613 , tutte di Nittum. L'imputata Christina Kirschbaum si è impiccata dopo molteplici torture nella torre delle streghe di Bensberg. Una parte del verbale ancora tramandato riporta il processo contro Katharina Güschen. L'allora sindaco Gottfried Borken ha diretto il procedimento. Dopo un anno di prigionia nella torre delle streghe di Bensberg, Katharina Güschen fu impiccata e bruciata il 10 gennaio 1613, "sullo Steinenbrückchen", non lontano da Bensberg-Lustheide. A Bensberg c'è una targa commemorativa sul municipio (Wilhelm-Wagener-Platz) per commemorare i processi alle streghe.

Estrazione

Il termine Bensberger Erzrevier , che si estendeva intorno a Bensberg, deriva dalla discussione scientifica della geologia . Nuove tecniche di fusione hanno permesso di fondere la miscela di zinco precedentemente inutilizzata . Di conseguenza, le risorse minerarie sono state ricercate ovunque nell'ampia area. Queste attività e ricerche di risorse minerarie andarono di pari passo con l'inizio dell'industrializzazione . Ciò ha portato ad un significativo aumento della popolazione. Nella letteratura attualmente disponibile sull'argomento del distretto minerario di Bensberg, sono descritte 143 miniere, molte delle quali sono state consolidate con ulteriori campi minati . Oggi l'estrazione del minerale non ha importanza. Con la chiusura della miniera di Weiß il 1 dicembre 1957, l'attività mineraria nell'ex area urbana di Bensberg e nell'area più ampia terminò. La miniera di Lüderich è stata chiusa nel 1978 come ultima miniera nel distretto minerario di Bensberg .

Letteratura mineraria

Gerhard Geurts , Herbert Ommer e Herbert Stahl hanno scritto i seguenti libri come principali autori sull'estrazione mineraria nel distretto minerario di Bensberg :

  1. L'eredità del minerale - Die Grube Weiß. Bergisch Gladbach 2003, ISBN 3-00-011243-X
  2. L'eredità del minerale, Volume 2, Le fosse sui depositi di Gangerz nel distretto minerario di Bensberg. Colonia 2004, ISBN 3-00-014668-7
  3. L'eredità del minerale, Volume 3, Le fosse del Paffrath Kalkmulde. Bergisch Gladbach 2006, ISBN 3-932326-49-0
  4. L'eredità del minerale, Volume 4, Der Lüderich, Bergisch Gladbach 2008, ISBN 3-932326-52-0
  5. Das Erbe des Erzes, Volume 5, Nuove notizie e storie sul Bensberg Erzrevier, Bergisch Gladbach 2014, ISBN 978-3-00-044826-3

popolazione

Secondo le statistiche ufficiali, al 30 giugno 2017, Bensberg contava 5703 abitanti. La fascia di età sopra i 65 anni con 1681 abitanti era significativamente più forte della fascia di età sotto i 18 anni con solo 800 abitanti.

Sindaco 1809-1974

  • 18091812 Mathias Josef Hubert Stucker
  • 1812-1813 Josef von Couven
  • 1813-1820 Franz Heinrich Fauth
  • 18201824 Stefan Boecker
  • 1824-1837 Joseph Wessel
  • 18371840 Heinrich Wessel
  • 1840-1874 Carl Wachendorff
  • 1874-1882 Theodor Heider
  • 1882 Adalberto Karl Hugo Mund
  • 18821890 agosto Heinrich Stabenow
  • 18901908 Karl Joseph Rausch
  • 19081918 Karl Klee
  • 1918-1921 Wilhelm Darius, consigliere comunale
  • 19211934 Friedrich Zander
  • 19341939 Walter Kappes
  • 1940-1945 Hermann Hasberg
  • 19441945 Bertram Schumacher, incaricato dell'esercizio dell'ufficio
  • 1945 Wilhelm Darius
  • 1945-1946 Matthias Kiel
  • 19461956 Jean Werheit
  • 19561974 Ulrich Müller-Frank senior

Amministratori comunali 1946-1974

  • 19461947 Anton Klaes
  • 19471949 Theodor Hötter
  • 19491970 Wilhelm Wagener
  • 19711974 Alexander Lammers

Cultura

Con il Bensberg Puppet Pavilion, Bensberg ospita dal 1988 uno dei teatri di marionette più famosi della regione Rhenish-Bergisch. Fu fondata all'epoca dal burattinaio Heide Hamann.

gastronomia

Secondo la Guida Michelin e altre guide gastronomiche , Bensberg ospita uno dei 10 migliori ristoranti della Germania: il Vendôme a Schloss Bensberg sotto la direzione del top chef Joachim Wissler .

Gli sport

Bensberg ha diversi club sportivi, ad esempio i due club di calcio FC Bensberg 02 e SC 27. TV Bensberg è un club di ginnastica di successo. In particolare, è noto a livello nazionale il suo reparto basket, la cui prima squadra femminile ha giocato a lungo nel 1° campionato di basket femminile , e il lavoro giovanile (compreso un secondo e un terzo posto ai campionati tedeschi). Il tennis club Grün-Gold Bensberg attualmente gioca nella lega dell'associazione e aveva tra le sue file un ex giocatore di Coppa Davis, David Prinosil (oggi Rot-Blau Regensburg). La pista di pattinaggio di Saaler Mühle è la sede dell'ESV Bergisch Gladbach, nota anche per il suo lavoro giovanile.

Edificio sacro

scuole

traffico

tram

Con la metropolitana leggera di Colonia 1(Bensberg - Köln-Weiden) si può raggiungere il centro di Colonia in circa mezz'ora. La linea terminava prima a Falltorstrasse. Nel maggio 2000, il tunnel è stato messo in funzione per prolungare il percorso di 487 metri fino alla stazione degli autobus e della metropolitana di Bensberg . Nel 2017 è stato commissionato uno studio di fattibilità per un'estensione della linea attraverso il parco tecnologico a Herkenrath e Spitze .

Ferrovia

C'era la stazione ferroviaria di Bensberg nel distretto di Olefant sulla linea ferroviaria Colonia-Mülheim-Lindlar , che era al livello dell'odierna concessionaria di auto su Kölner Strasse, e un deposito ferroviario . La linea è stata chiusa in questa sezione dal 1965. Il problema con la stazione ferroviaria di Bensberg era che si trovava fuori dal centro città molto più alto ed era quindi poco pratica per il traffico passeggeri. L'edificio della stazione fu demolito, il vecchio terrapieno è ancora oggi visibile.

Per anni c'è stata una discussione molto controversa a Bergisch Gladbach sull'opportunità di costruire un'autostrada urbana dalla A4 al centro di Bergisch Gladbach attraverso il terrapieno della ferrovia .

Figli e figlie dell'ex città

Qui sono elencate solo le personalità nate nell'ex città di Bensberg fino al 31 dicembre 1974 e che quindi hanno Bensberg come luogo di nascita sulle loro carte d'identità.

Guarda anche

letteratura

  • Johann Bendel : Heimatbuch des Landkreis Mülheim am Rhein, storia e descrizione, leggende e storie , Colonia-Mülheim 1925
  • Veronika Darius: L'architetto Gottfried Böhm. Edifici degli anni Sessanta . Düsseldorf: Beton-Verlag 1988 (Baumeisterforum).
  • Albert Eßer (Ed.): Storia della città di Bergisch Gladbach . Bergisch Gladbach 2006
  • Paul Falk: 75 anni di carnevale a Bensberg . Bergisch Gladbach 1979
  • Willi Fritzen: l'antico conte e residenza ducale di Bensberg . Bergisch Gladbach 1985
  • Kurt Kluxen : Storia di Bensberg . Paderborn 1976. ISBN 3-506-74590-5
  • Peter Köster: Matrimonio in città - La ristrutturazione di Bensberg e Bergisch Gladbach 1964-1976 . Archivio cittadino Bergisch Gladbach. Contributi alla storia della città di Bergisch Gladbach Volume 6. Bergisch Gladbach 1999. ISBN 3-9804448-3-X
  • Lothar Speer: La prima menzione di Bensberg nel documento del 1138/1139. A chi apparteneva il castello di Bensberg nel XII secolo . In: Heimat tra Sülz e Dhünn 12, 2005, pp. 4-8

link internet

Commons : Bergisch Gladbach-Bensberg  - Raccolta di immagini, video e file audio

Evidenze individuali

  1. ^ Città di Bergisch Gladbach, The Mayor, Statistics Service (ed.): Dati selezionati sulla struttura della popolazione . 31 dicembre 2017, pag. 7 ( dati sulla popolazione comprese le famiglie [PDF; 82 kB ; recuperato il 17 novembre 2018] Una panoramica compatta (al 31 dicembre 2017) contiene i dati attuali della struttura della popolazione in base ai singoli distretti (ex: luoghi residenziali)).
  2. ^ Andree Schulte: Bergisch Gladbach, Stadtgeschichte in Straßenennamen , Bergisch Gladbach 1995, p.313ff., ISBN 3-9804448-0-5
  3. a b Vinzenz Jakob von Zuccalmaglio , in: Die Vorzeit der Länder Cleve-Mark, Jülich-Berg e Westphalen. 1837, quarto numero, p.[183] 169.
  4. In: Annali dell'Associazione Storica per il Basso Reno . 1873, numero 25, pagina [195] 189.
  5. AJ Binterim, JH Mooren, in: L'arcidiocesi di Colonia fino allo sconvolgimento dello stato francese . 1892, pag.[20] XIV.
  6. In: Kölner Stadt-Anzeiger edizione online del 29 maggio 2016. Articolo Lothar Speer . Bergisch Gladbach / Castello di Bensberg
  7. In: Annali dell'Associazione Storica per il Basso Reno . 1873, numero 25, pagina [196] 190.
  8. In: Annali dell'Associazione Storica per il Basso Reno . 1873, numero 25, pagina [197] 191.
  9. Martin Bünermann, Heinz Köstering: Le comunità ei distretti dopo la riforma territoriale comunale nel Nord Reno-Westfalia . Deutscher Gemeindeverlag, Colonia 1975, ISBN 3-555-30092-X .
  10. Le aree residenziali diventano distretti: dopo 17 anni, il consiglio ha deciso di ristrutturare l'area di Bergisch Gladbach. Kölner Stadt-Anzeiger, edizione locale per Bergisch Gladbach dal 24 novembre 2015
  11. ^ Hetty Kemmerich: Dice quello che dovrei confessare , Dortmund 2004, pp. 179ff, 288, 291.
  12. ^ Erika Münster-Schröer: La persecuzione delle streghe a Jülich-Berg e l'influenza di Johann Weyer , in: Spee Jahrbuch 2000, Trier 2000, p.81.
  13. ^ Anton Jux: Una strega che brucia sull'Hagdorn nel 1612 , in: Bergischer Calendar 1959, pp. 9092.
  14. Comitato principale Consiglio comunale Bergisch-Gladbach, 9 febbraio 1988 e 20 marzo 1990: decisione di apporre una targa commemorativa presso il municipio di Bensberg per le donne innocentemente derise, torturate e giustiziate come streghe. Con illustrazione. (PDF; 1,6 MB), consultato il 5 settembre 2017
  15. ^ Statistiche - Città di Bergisch Gladbach. Estratto il 26 luglio 2017 .
  16. un b Città Archivi: Sindaci e Amministratori Città ( Memento del l' originale dal 2 aprile 2015 in Internet Archive ) Info: Il dell'archivio collegamento è stato inserito automaticamente e non è stata ancora verificata. Si prega di controllare il collegamento originale e archivio secondo le istruzioni e quindi rimuovere questo avviso. accesso il 16 marzo 2015 @1@ 2Modello: Webachiv / IABot / www.archive.nrw.de

Opiniones de nuestros usuarios

Tiziana Pesce

Finalmente! Oggi sembra che se non ti scrivono articoli di diecimila parole non sono contenti. Signori scrittori di contenuti, questo è un buon articolo su Bensberg

Cinzia Grosso

Grazie. L'articolo su Bensberg è stato utile per me, Articolo molto interessante su Bensberg

Annunziata Bosco

È sempre bene imparare. Grazie per l'articolo su Bensberg

Aldo Ferrara

Corretto. Fornisce le informazioni necessarie su Bensberg., Corretto