Benrath



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benrath. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benrath sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benrath e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benrath. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benrath! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benrath, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Stemma della capitale dello stato Düsseldorf
Distretto di Benrath

della capitale dello stato Düsseldorf
DEU Benrath COA.svg
Posizione nell'area urbana
Dati di base
Posizione geografica : 51° 10   N , 6° 52   E
Altezza: 38  m sul livello del mare NN
La zona: 6,02 km²
Residente: 16.751 (31 dicembre 2018)
Densità di popolazione : 2.783 abitanti per km²
Incorporazione : 1 agosto 1929
Quartiere: Distretto 9
Numero distrettuale: 095
Collegamenti di trasporto
Autostrada : A59
Bundesstrasse : B8 B228
DB traffico regionale : RE 1 RI 5
S-Bahn : S 6 P 68
Ferrovia leggera : U71 U83
Percorso dell'autobus: 730 778 779 784 788 789 M 1
Traffico notturno: NE 7 815 817

Benrath è uno dei distretti meridionali di Düsseldorf e si trova sul Reno e sull'Itter (ruscello del Bergisches Land; nasce vicino a Gräfrath ). Benrath appartiene al distretto 9 della città di Düsseldorf e si estende su una superficie di 6,02 km² con 16.735 abitanti. Ciò corrisponde a una densità abitativa di 2.780 abitanti/km².

Posizione

Benrath si trova a sud di Düsseldorf. I distretti vicini sono Reisholz e Hassel a nord, Holthausen a ovest e Urdenbach e Garath a sud . A est, Benrath confina con la città di Hilden nel distretto di Mettmann.

storia

Sviluppo fino a circa 1800

In origine, l'area intorno all'odierna Benrath era chiamata "Rode" ("radura" o "area sgomberata"), chiamata anche "Roide" (con Dehnungs-i). Il nome Benrath deriva da Benrode . In un documento del 1210 viene citato come testimone un Gerlacus de Rode. Nel 1222 il nome Benrode fu usato per la prima volta in un documento di Colonia . Un "Everhardus de Benrode" è anche elencato come testimone. Questo è menzionato anche in altri documenti del 1224, 1227 e 1241. Nei documenti della fine del XIV secolo si usa più spesso il nome de Royde o von Royde al posto di Benrode.

Oltre ai nobili signori de Benrode, c'era almeno un'altra famiglia nobile nella zona di Benrath nel 13° secolo che possedeva proprietà "feudali". In un documento del 1299 cinque giudici laici di Neuss confermano che due figli del cavaliere Tilmann Kase hanno ereditato la loro proprietà allodiale ereditata Kappel in "Rayde" della badessa e il convento di S. Clara a Neuss. La tenuta comprendeva edifici, fienili, 3 acri di terreno agricolo (180 acri), 5 acri di prati e 3 acri di foresta. Una decima doveva essere pagata alla fattoria principale di Mickel per soli 12 acri di terra coltivabile .

La residenza temporanea dei Conti di Berg nell'area dell'ex castello dei Signori "de Benrode" a Benrath è documentata dal 1330 . La proprietà doveva essere già stata rilevata a questo punto dai Conti di Berg, essendo menzionato anche il diritto di proprietà sul castello di Benrath. I Signori di Benrode si stabilirono nuovamente sulla riva sinistra del Reno e poi si chiamarono "van Scheven" secondo il documento del 24 marzo 1410. In un altro documento del 4 aprile 1414 sono elencati i fratelli Godart e Johan "van Benroide gnant van Scheven".

Nel 1405 il cortile del castello, che sorgeva dal castello, fu ceduto a Herr de Benrode, vedova del duca Guglielmo II , Anna von Baiern, come sede vedova. Questo cortile del castello era un po' più a est rispetto all'odierno cortile del castello, che si trova nell'area dell'aranciera. Questa, invece, è la parte restante di un nuovo castello con fossato costruito tra il 1651 e il 1674. Questo a sua volta fu in gran parte demolito per l'odierno casino di caccia , costruito nella seconda metà del XVIII secolo. Il vecchio cortile del castello, che può essere fatto risalire al primo castello originale dei Lords de Benrode, fu demolito nel 1778 e l'attuale cortile del castello fu ricostruito.

All'inizio del XIV secolo, l'intera area del corridoio dell'attuale distretto 9 di Düsseldorf era scarsamente popolata. Nelle vicinanze di Benrath c'erano vari seggi di cavalieri , come Elbroich , Eller , Garath , Horst , Mickeln e Overheid, nonché diverse fattorie più grandi . Questi cortili erano probabilmente in origine in parte anche manieri o feudi nobiliari. Di seguito alcuni importanti masi con l'anno per i primi documenti disponibili: il Buscher Hof (1617), il Buchholzer Hof (1438), il Fronhof (904), l'Hellerhof (1447), il Kappeler Hof (1299), il Niederheider Hof (XV secolo), il Növener Hof (1392) e la parrocchia o Wiedenhof (1610). Ci sono ancora solo il Niederheider Hof, oggi parte di Holthausen, e il Fronhof, oggi parte di Himmelgeist . Solo i nomi delle strade ricordano gli altri cortili. Il Fronhof è di particolare interesse perché è il più antico insediamento a sud di Düsseldorf che può essere documentato per iscritto. Emerse da una tenuta reale dei Carolingi . In un documento datato 2 agosto 904, la corte di era Ludwig IV, il bambino la penna a Kaiserswerth per stipendio permanente lasciato (vivente).

Il villaggio di Benrath emerse lentamente parallelamente allo sviluppo del castello di Benrod, alla sua conversione in castello con fossato (1484), alla successiva costruzione di un castello con fossato (completato nel 1674) e successivamente al casino di caccia (costruzione iniziata nel 1756). Mentre la chiesa di Benrath può essere documentata per iscritto già nel 1299, il duca Guglielmo I non menzionò né il castello né la città di Benrath in un documento del 1405 .

L'area di insediamento di Benrath fu subordinata ad altre comunità poi più importanti nelle vicinanze fino a circa la fine del XVIII secolo. In un documento del 1555 l'affiliazione per l'area giudiziaria Amt Monheim è indicata come segue per il 1363 : L' Unteramt Monheim era responsabile di: Bilk, Hamm e Himmelgeist. Benrath e Itter appartenevano a Himmelgeist. Urdenbach , d'altra parte, è dato presso l' ufficio distrettuale di Monheim . In documenti del 1507 e del 1523 del XVI secolo, Benrath fu assegnato alla zona di corte sul Vrdenbach o anche sul Vyrdenbach . All'inizio del XVIII secolo, Benrath apparteneva di nuovo al sottoufficio di Monheim , mentre Urdenbach rimase invariato nell'ufficio superiore.

Piante semplici elaborate intorno al 1715 e intorno al 1850 mostrano ancora alcuni edifici nell'area delle odierne Börchemstrasse e Hauptstrasse. Nella pianta del 1715, invece, è già inserita una chiesa parrocchiale di S. Cäcilia . Documenti più antichi sono disponibili anche presso la parrocchia di Benrath. La più antica risale al 1299. In essa è già menzionata una chiesa di S. Cäcilia a Benrath. Nel contratto di acquisto del Kappeler Hof da parte della Klarissenstift di Neuss si affermava che il tribunale era obbligato a fornire alla "parrocchia di Royde" la cera per l'illuminazione. In un altro documento, datato 28 ottobre 1609, un viceparroco della chiesa di Benrath, Conradus vam Dham de Wanckum , ricevette una liquidazione.

Un più forte apprezzamento della comunità di Benrath rispetto ai paesi limitrofi iniziò alla fine del XVIII secolo con la costruzione dell'odierno casino di caccia e con le modifiche avvenute in epoca napoleonica . Il 15 marzo 1806 il ducato di Berg fu concesso al cognato di Napoleone, Gioacchino Murat . Scelse Benrath Palace come sua residenza. Con decreto del 13 ottobre 1807, l' ufficio di Monheim fu sostituito dal cantone di Richrath . Nel 1808 questo comprendeva quattro comuni . Uno dei quattro era Benrath con i villaggi: Garath, Himmelgeist, Holthausen, Itter, Urdenbach e Wersten.

Dopo la fine del periodo francese nel 1813, il Berg Generalgouvernement appartenne alla Prussia dal novembre 1813 all'aprile 1815, inizialmente in via provvisoria e poi infine, secondo le risoluzioni del Congresso di Vienna . Il 15 aprile 1814, secondo un decreto, fu costituita una (Ge) Samtgemeinde Benrath . Le comunità Eller e Hilden sono state incluse in questa comunità oltre alle località dal 1808. Groß-Benrath, a parte Eller e Hilden, corrispondeva all'area che era valida per Düsseldorf fino alla partenza di Wersten nel 1908.

Gross-Benrath

Dalla formazione del Canton Rich Rath da parte dei francesi Benrath è stato uno dei quattro comuni principali divenuti oggi parrocchia a sud di Düsseldorf. Ciò non cambiò quando la Renania appartenne ufficialmente alla Prussia dopo il 1813 e dal 1815. Questi hanno assunto la struttura amministrativa francese senza grandi cambiamenti. Le seguenti comunità rurali indipendenti appartenevano all'ufficio del sindaco di Benrath: Garath, Hilden-Eller, Himmelgeist-Wersten, Itter-Holthausen e Urdenbach.

Già nel 1808 sotto i francesi come sindaco (francese: Maire ) fu utilizzato Peter Urkhaus, l'affittuario del cortile, carica che mantenne fino al 1814. Gli successe Nicolas Pigage, già in epoca francese primo segretario aggiunto della Mairie Benrath stato era. Oltre a Benrath, Nicolas von Pigage era anche sindaco della comunità rurale di Hilden-Eller, che apparteneva alla comunità nel suo insieme. Hermann Leven seguì come sindaco di Benrath nel 1819-1822 e Franz Albert Schieß nel 1822-1842.

Nel 1842 le comunità Eller e Hilden hanno lasciato la comunità nel suo insieme. Il 23 luglio 1845 entrò in vigore il Codice delle comunità rurali renane, che non comportò alcuna modifica per il sindaco di Benrath per quanto riguarda le comunità associate. Gli altri sindaci dal 1843 furono: fino al 1864 Peter Urban Leven, 1865-1893 Hermann Josten e 1894-1906 Michael Steinhauer.

Dalla prima grande revisione dell'area per Düsseldorf nel 1908/1909, in cui diverse comunità rurali furono incorporate a Düsseldorf, Benrath emerse ancora più forte. Il numero di abitanti nell'area dell'ufficio del sindaco Benrath con Garath e Himmelgeist-Wersten era di 23.634 nel 1908, di cui 10.258 nell'area di Benrath.

Tuttavia, il comune di Wersten si separò il 1 aprile 1908 dall'associazione con Benrath e Himmelgeist seguita nel 1909, poiché il 5 febbraio fu firmato il contratto di costituzione con Düsseldorf. Le comunità rurali precedentemente indipendenti nell'ufficio del sindaco rurale di Benrath furono fuse nella comunità rurale di Benrath in un decreto emesso dall'imperatore Guglielmo II il 21 aprile 1908. Solo Garath non è stato interessato dalla fusione. L'ufficio del sindaco di Benrath ora consisteva nelle due comunità indipendenti di Benrath e Garath. Gross-Benrath , come li chiamavano i residenti, era stato formato. Allo stesso tempo, i confini del comune nel nord-est furono cambiati per Benrath. Wersten cedette il resto dell'area di Hallbusch a Holthausen ed Eller cedette l'area di Steele da Altenbrückstrasse a Hassels. Queste due parti della comunità appartenevano a Groß-Benrath. L'emergere della grande comunità ha avuto luogo durante il mandato del sindaco di Benrath Julius Melies (1906-1926). Questo è stato seguito nel 1926-1929 come l'ultimo Erich Custodis .

A causa del successo dello sviluppo di Groß-Benrath a partire dalla metà del XIX secolo con un alto gettito fiscale per la comunità, all'inizio del secolo ci furono considerazioni per ottenere i diritti della città. Pertanto, tra l'altro, è stata pianificata la costruzione di un municipio rappresentativo. Fino al 1890 un edificio nella zona di Hildener Strasse / Paulistraße fu utilizzato come municipio e un edificio in Urdenbacher Allee / Hildener Straße fino al 1908. Con la costruzione del nuovo municipio nel 1906 sulla Benrodestrasse, fu rafforzato il desiderio di diritti cittadini.

Allo stesso tempo, alcune comunità hanno cercato di lasciare la rete Groß-Benrath. Dopo la partenza del comune di Wersten nel 1908, seguì Himmelgeist l'8 febbraio 1909. Groß-Benrath ora era composto dai seguenti tre comuni rurali: Benrath, Itter-Holthausen e Urdenbach. In dettaglio, queste erano le seguenti parti aggiuntive della comunità che apparteneva a Benrath: Hassels , Holthausen , Itter , Niederheid, Oberheid, Paulsmühle , Reisholz , Rittersberg e Urdenbach . Come già accennato, il comune di Garath con Hellerhof era un comune autonomo all'interno dell'ufficio del sindaco di Benrath fino al 1929 e quindi godeva di uno statuto speciale. Ciò ha riguardato anche l'invio dei membri all'assemblea dei sindaci. L'ex proprietario del maniero di Garath, Rittmeister a. D. Alhard von Burgsdorff era e rimase un membro del parlamento senza elezioni. Inoltre, c'era un membro eletto per Garath.

All'inizio degli anni '20 fu elaborato il piano per la costruzione di un grande porto industriale nell'area del Vecchio Reno a Urdenbach. Parte di questo piano era l'incorporazione di Groß-Benrath e delle comunità di Monheim e Baumberg a Düsseldorf. Il piano non fu realizzato e l'incorporazione di Benrath avvenne solo pochi anni dopo.

Nel 1929, Groß-Benrath fu incorporata a Düsseldorf come parte della riorganizzazione dei distretti amministrativi di Düsseldorf , Münster e Arnsberg, nonostante la feroce resistenza dei Benrather. Come concessione, i cittadini di Benrath ricevettero un comitato consultivo amministrativo separato e un proprio ufficio amministrativo dalla città di Düsseldorf secondo un decreto dell'8 ottobre 1929. I diritti speciali ottenuti in questo modo, alcuni dei quali si applicano ancora oggi, sono, ad esempio, una rappresentanza distrettuale separata , un'Agenzia federale per il lavoro separata e un ufficio del registro separato .

Sviluppo del settore

Con l'apertura della linea ferroviaria Düsseldorf-Deutz il 15 dicembre 1845 e della stazione ferroviaria di Benrath, iniziò la trasformazione della struttura del villaggio in un polo industriale. Mentre nel 1823 nel comune esisteva solo la fabbrica di botti Bünger, ora questo è cambiato. Nel 1890, 17 società, nel 1908 47 società con 6.438 dipendenti e nel 1928 prima della costituzione, 52 società con 12.133 dipendenti si erano stabilite a Groß-Benrath.

Con l'avanzare dell'industrializzazione a causa del vasto sviluppo del traffico (ferrovie, reti di trasporto locale elettrificate), gli insediamenti alla fine del XIX secolo principalmente nei distretti di Holthausen, Reisholz e Paulsmühle (la parte di Benrath a sud-est del Colonia-Düsseldorf terrapieno ferroviario, a quel tempo una sezione della " Cöln-Mindener " fino al 1879 private Eisenbahn-Gesellschaft ") aziende industriali, alcune delle quali ottennero presto riconoscimenti internazionali:

  • il laminatoio per tubi "Balcke & Co." (fondato nel 1874 da Balcke e HA Flender), che si è fuso nel 1899 in "Balcke, Tellering & Co."
  • la società di costruzioni di ponti e acciaio "Hermann August Flender" (1901; stabilimento principale venduto a "Hein, Lehmann & Co. AG" a Oberbilk nel 1931, il sito rilevato da "Capito & Klein"); questa azienda ha costruito z. B. I ponti sull'Elba di Amburgo e la struttura in acciaio per il tetto a cupola della Tonhalle di Düsseldorf quando era ancora un planetario .
  • la produzione di lamiere Capito & Klein in Telleringstrasse (fondata nel 1876; divenuta azienda Krupp nel 1938 ; la produzione di lamiere in Telleringstrasse (laminatoio I) cessò nel 1976); Krupp-Walzwerk II ha aperto nel 1955 su Hildener Strasse (produzione Krupp-Stahl- Nirosta ). Nel 2012 il laminatoio è stato venduto al laminatoio Outopumku-Nirosta . Il 23 settembre 2016 il laminatoio di Benrath è terminato e le macchine e gli impianti sono stati trasferiti nel laminatoio parallelo di Krefeld.
  • la Benrather Maschinenfabrik (1896) con la sua produzione di gru leader a livello mondiale, in particolare gru portuali elettriche a ponte e gru girevoli con motori elettrici AEG. La fusione con due società straniere (1910) ha portato alla "Deutsche Maschinenfabrik AG" ( DEMAG ), che si è fusa con Thyssen & Co. nel 1926. Nel loro successore, " Gottwald Port Technology " produce ora nella stessa sede di una delle aziende leader mondiali per le gru portuali mobili, le cui grandi parti vengono esportate in tutto il mondo attraverso il porto di Reisholz. Gottwald produce in collaborazione con "DEMAG Cranes & Components GmbH", Wetter a. D. Ruhr, sotto la nuova fondazione Düsseldorf-Benrather Holding " DEMAG Cranes AG ", il che significa che il vecchio nome di fondazione DEMAG a Benrath non esiste più solo come nome di una strada.
  • la "DEMAG Baggerfabrik GmbH" (costruita nel 19371939 accanto alla suddetta sede DEMAG), 1968 come "DEMAG Bagger und Kran GMBH", 1979 come "Mannesmann DEMAG Baumaschinen", 1996 come "DEMAG Komatsu " continuata fino a poco tempo fa con novità mondiali (tra cui la più grande gru telescopica, gru cingolata, escavatore idraulico). Il nome DEMAG - come il nome Mannesmann prima - è scaduto con l'acquisizione completa da parte di Benrather di "Komatsu Mining Germany" (1999) in questa divisione.
  • L' azienda Henkel, fondata ad Aquisgrana nel 1876 , si trasferì a Düsseldorf nel 1878 e iniziò a produrre detersivi a Holthausen nel 1900 . Con lo sviluppo del primo detergente pesante Persil nel 1907 e l'inizio della produzione di adesivi nel 1922, fu posta la prima pietra per il gruppo globale di oggi.

Ciò ha portato, oltre all'emergere del terreno industriale di Reisholz , una notevole immigrazione di popolazione per Benrath. Creando una piazza del mercato fortificata vicino alla chiesa parrocchiale, è stato creato un centro urbano coerente con una via principale dello shopping (l'originale Dorfstrasse, ribattezzata Mittelstrasse nel 1908 e ribattezzata Hauptstrasse poiché fu incorporata a Düsseldorf nel 1929; oggi è una zona pedonale) .

Furono costruiti anche insediamenti operai (soprattutto sulla Paulsmühle), ma anche ville imprenditoriali (nella zona a ovest del castello verso il Reno) e appartamenti per funzionari e dipendenti (al centro, intorno alla piazza del mercato).

Particolarmente degni di nota sono gli edifici Art Nouveau in gran parte conservati intorno al vecchio municipio in Benrodestrasse e Sophienstrasse con molti edifici elencati.

Tuttavia, con la ristrutturazione della tecnologia di produzione attraverso l'elettronica, la specializzazione e la concentrazione della produzione nel minor numero possibile di località, dalla fine del XX secolo si è verificata una perdita di posti di lavoro in tutti i settori dell'industria. Nell'ex comune di Groß-Benrath ciò comporta anche tagli di posti di lavoro, delocalizzazione della produzione in altre sedi e la conseguente chiusura di aziende.

stemma

Lo stemma di Benrath, attualmente ancora in uso, fu creato da Adolf Matthias Hildebrandt e accettato dall'assemblea dei sindaci l'11 febbraio 1910. Blasone (descrizione): Nello scudo d'argento (bianco) diviso da una barra pinnacolo rossa sopra una testa di leone rosso coronata e con linguetta blu; sotto un fulmine blu, quattro volte frastagliato, diretto a destra.

Significato: La testa di leone e la barra di pinnacolo alternato derivano dallo stemma dei conti e duchi del Ducato di Berg , che governarono la zona per diversi secoli. Il fulmine simboleggia la centrale elettrica di Reisholz costruita nel 1906 , che apparteneva alla grande comunità di Benrath; a volte la più grande centrale elettrica a carbone del mondo.

Linea Benrather - confine linguistico

In linguistica, il termine linea di Benrath è diventato un termine per la isogloss make - maken . Lungo questa linea che parte est verso Berlino , il continuum dialettale dei i continentali lingue germaniche Occidente è diviso in Lower Franconia , basso tedesco e lingue alto tedesco .

Chiesa e religione

La storia della vita ecclesiastica a Benrath risale probabilmente all'anno 1005, quando fu costruita la prima chiesa in pietra sul luogo dell'odierna chiesa parrocchiale cattolica di St. Cäcilia . Tuttavia, questa data è controversa e risale a un ritrovamento del pastore Ferdinand Heubes nel XIX secolo. Aveva trovato la vecchia pietra, probabilmente dall'abside del primo edificio quando la chiesa romanica fu demolita nel 1822 e interpretava di conseguenza la sua iscrizione. Non doveva alcuna prova della sua correttezza.

Il documento più antico con riferimento a una chiesa di Royde risale alla fine del XIII secolo. Nel 1368 è documentato anche un pastore di nome Everard di Rayde. Se la prima chiesa di Benrath fu costruita solo dopo l'inizio dell'XI secolo, era una piccola chiesa romanica con una torre che durò fino al 1929 e che precedeva quella di chiesa di oggi. La navata romanica fu sostituita da un nuovo edificio classico nel 1822 . Questo edificio è stato costruito su iniziativa del pastore Heubes (pastore a Benrath dal 1804 al 1863).

Dopo che l'avanzata dell'industrializzazione e l'aumento della popolazione resero anche questa chiesa troppo piccola, all'inizio del XX secolo si decise di ricostruirla completamente, e dal 1901 al 1903 fu costruita l' odierna chiesa neogotica . L'11 settembre 1902 si tenne la prima funzione nella nuova chiesa, che non era ancora stata completata. Seguì la demolizione della vecchia navata del 1822 il 15 settembre 1902. Già allora si riconobbe il valore della torre romanica e la si lasciò in piedi. Ciò ha portato alle doppie torri già descritte, che sarebbero diventate uno dei punti di riferimento di Benrath per molti anni. Nel 1929, subito dopo l'involontaria incorporazione a Düsseldorf, fu vittima del crescente traffico.

Nel periodo successivo alla Riforma , su istruzione del duca Wolfgang Wilhelm, vi fu predicata la fede riformata per sette anni (1609-1616). Dopo il suo ritorno al cattolicesimo , il duca fece in modo che la chiesa fosse restituita alla comunità cattolica nel 1616. I riformati si ritirarono quindi nel vicino villaggio di pescatori e di rafting di Urdenbach sotto il loro pastore Thomas Kohlhagen . Lì lo sviluppo della loro comunità fu favorito dall'afflusso di rifugiati religiosi dai Paesi Bassi , che all'epoca erano ancora sotto il dominio spagnolo . La chiesa barocca costruita a Urdenbach è stata conservata fino ad oggi e ha servito anche i protestanti di Benrath fino alla costruzione della Chiesa del Ringraziamento in Weststrasse (1915). La forte crescita della parrocchia protestante ha portato 1962-1964 alla costruzione della Chiesa dell'Adorazione a Hassels.

La comunità cattolica appartiene all'arcidiocesi di Colonia , la comunità protestante alla Chiesa evangelica in Renania .

Fino al 1938 c'era anche una piccola comunità ebraica a Benrath , la loro sinagoga era in un cortile sul retro in Friedhofstrasse.

Luogo di pellegrinaggio

Nell'odierna chiesa parrocchiale cattolica di Santa Cäcilia è conservata la cosiddetta "immagine miracolosa della Madre Nera di Dio di Benrath", realizzata dal conte palatino Philipp Wilhelm (16151690) e dalla sua seconda moglie Elisabeth Amalie Magdalene (1635 1709) come copia della statua di Maria di Einsiedeln giunse a Benrath in Svizzera. La coppia principesca era molto vicina alla fede cattolica e soprattutto alla pietà di Maria. Secondo la leggenda, hanno sentito la gente di Benrath raccontare di un'apparizione di Maria e di un canto inesplicabile nella foresta (sull'odierno Sentiero Nero tra Hildener Straße e Urdenbach). Entrambi si convinsero della correttezza di questo resoconto e fecero costruire una cappella per la statua della Vergine Maria nel luogo dell'apparizione nel 1677. La cappella, consacrata dal vescovo di Colonia Paul von Aussem , conobbe subito una tale affluenza di pellegrini che il vicario Kapuziner del monastero di Noven (casa Einsiedel su Hildener Strasse, demolita nel 1934) fu messo da parte. Da oltre 200 anni, in occasione della festa della Visitazione della Vergine Maria , il 2 luglio, una processione da San Lamberto a Düsseldorf alla Madre Nera di Dio a Benrath. In epoca francese (dal 1806) la cosiddetta cappella nera, conosciuta dai Benrather, fu adibita a bar dei soldati nel corso della secolarizzazione generale e fu infine abbattuta. La prima pietra dell'antica cappella, ritrovata nel 1959 sullo Schwarzen Weg, si trova nella Marienkapelle della chiesa parrocchiale di S. Cäcilia. L'immagine miracolosa era stata salvata, era stata seppellita dai sacerdoti in tempo utile. Il pastore Heubes lo fece poi installare nella chiesa parrocchiale nel 1806. Ancora oggi, ogni seconda domenica di ottobre, i Benrath portano l'immagine miracolosa dalla chiesa parrocchiale alla terrazza del palazzo sul lato del parco e poi - in una festosa processione leggera - intorno allo stagno degli specchi nel parco del palazzo .

Attrazioni

A nord-ovest della strada principale di Benrath si trova la residenza di caccia e estiva dell'ex elettore palatino Karl Theodor in stile rococò (1756-1770), poi castello reale prussiano, il castello di Benrather con il suo ampio sistema di parchi. Questo si estende alle rive del Reno. Diversi musei sono ospitati nelle dipendenze del castello. Il castello è la versione leggermente più piccola del castello di Schwetzingen ed era la residenza estiva dell'elettore.

Da vedere anche il municipio dell'ex comunità indipendente di Benrath (1906, nel cosiddetto stile rinascimentale Weser , costruito da Walter Furthmann ), la chiesa protestante del Ringraziamento (1914-1915, neo-barocca , costruita da Friedrich Pützer e Lyonel Wehner ) e la cattolica St.-Cäcilia-Kirche (19011903, neogotica , costruita da Wilhelm Sültenfuß ). La chiesa di S. Cäcilia è il terzo edificio sacro a questo punto. È il successore di una chiesa classicista , che a sua volta era il successore di una chiesa romanica. Nella pavimentazione della via principale di fronte alla chiesa di S. Cäcilia è segnato il luogo in cui si ergeva il campanile romanico fino al 1929.

Notevoli sono inoltre il vecchio ufficio postale "Haus Spilles" (costruito intorno al 1800, oggi centro di cultura giovanile) e numerosi edifici in stile guglielmino nella zona di Benrather Schlossallee, Sophienstrasse, Benrodestrasse, Meliesallee e Görresstrasse.

Servizi pubblici

Il Benrath Hospital, aperto a Benrath in Hospitalstrasse nel 1892, è stato trasferito in un nuovo edificio in Urdenbacher Allee nel 1961 e ampliato nel 1999 e nel 2004. Altre strutture sono il centro anziani Benrath in Kolhagenstrasse e la piscina pubblica e all'aperto Benrath in Regerstrasse.

Eventi regolari

luglio

  • Il Benrath Schützenfest si svolge in quattro giorni la prima domenica di luglio.

agosto

  • Il primo fine settimana di agosto, il Benrath Beer Exchange si svolge in tre giorni.
  • Un sabato di agosto si svolge il Mopped-Schützen-Treffen di Düsseldorf, un evento benefico a favore dell'ospizio per bambini di Regenbogenland.
  • Concerti nel parco del palazzo, organizzati dalla comunità di origine Groß-Benrath eV

settembre

  • Il secondo fine settimana di settembre, nella zona pedonale di Benrath, si svolge il tradizionale Prummekirmes.

ottobre

novembre e dicembre

  • Mercatino dell'Avvento e mercatino di Natale

scuole

società sportive

  • STG Benrath 1881 eV
  • Società di canottaggio Benrath 1908 eV
  • Sportgemeinschaft Benrath-Hassels 1910/12 eV
  • Tennis Club Benrath 1912 eV
  • VfL Benrath 06 eV
  • Confraternita del fucile St. Cäcilia Benrath eV dal 1553
  • DEC Devils eV - hockey su ghiaccio femminile a Düsseldorf
  • TTC Benrath 1983 eV - Club di tennis da tavolo Benrath

Impianti sportivi

  • Sparkassen-Eissporthalle , Stiftung der Stadtsparkasse Düsseldorf, Paulsmühlenstrasse 6
  • Karl-Hohmann-Stadion, Karl-Hohmann-Strasse 70

personalità

Sentieri

I seguenti sentieri segnalati della Sauerland Mountain Association (SGV.) iniziano o finiscono a Benrath :

traffico

Benrath possiede una stazione ferroviaria regionale sulla linea ferroviaria Colonia Duisburg della storica compagnia ferroviaria Colonia-Minden . La stazione è un edificio in mattoni dei primi anni '30 e la seconda stazione a questo punto. Ci sono treni regionali espressi e S-Bahn sulle linee RE 1, RE 5, S 6 e S 68 gestite da Deutsche Bahn.

Due linee ferroviarie del corso del Reno , le linee U71 (dopo Rath ) e U83 (dopo Gerresheim ) e una corsa mattutina la U74 collegano il centro di Benrath Düsseldorf. Ci sono anche linee di autobus 730 Urdenbach Lohausen , 778/779 Garath circuit, 784 Urdenbach - Hilden - Wuppertal / Vohwinkel , 788 Benrath Ost Monheim am Rhein (bus Heerweg ) e 789 Holthausen Monheim am Rhein (bus Heerweg ) nel Benrath la zona.

Fino al 1962 un tram a scartamento metrico per lo più a binario unico correva da Benrath (iniziando in Paulistraße) via Hilden a Solingen-Ohligs o a Haan e Wuppertal-Vohwinkel . Questa ferrovia a scartamento ridotto originariamente andava oltre Benrath a Düsseldorf, Oberbilker Markt, e formò la cosiddetta "rete di Benrath", che fu acquistata dalla città di Düsseldorf nel 1910, prima che Benrath fosse incorporata. Nel Bergisches Straßenbahnmuseum a Wuppertal-Kohlfurth, il vagone ferroviario n.107 di questa linea a scartamento ridotto è stato conservato in ordine di marcia.

C'è uno svincolo "Düsseldorf-Benrath" sull'autostrada A 59 .

Le navi passeggeri che in primavera e in estate circolavano sul Reno da Benrath a Zons non operano più per motivi economici. Il traghetto per auto e passeggeri disponibile tutto l'anno da Urdenbach, sulla riva orientale del Reno, a Feste Zons, sulla riva occidentale del Reno, fornisce un collegamento veloce con la riva occidentale del Reno.

Nel marzo 2018 il comitato per la cultura della capitale dello stato Düsseldorf ha incaricato gli archivi della città e il luogo della memoria e del memoriale di rivedere i nomi delle strade e delle piazze di Düsseldorf. Il comitato per la cultura è stato informato dei risultati nel gennaio 2020. Pfitznerstrasse a Düsseldorf-Benrath , che è stata nominata dal 1950, è una delle strade proposte per la ridenominazione . Il nome della strada è giustificato come pesantemente gravato e non sostenibile con la giustificazione dell'antisemitismo aggressivo e della posizione eccezionale nel Terzo Reich.

letteratura

link internet

Commons : Düsseldorf-Benrath  - album con immagini, video e file audio

Evidenze individuali

  1. ^ Ufficio per le statistiche e le elezioni della capitale dello stato Düsseldorf: Statistiche per il distretto 095 - Benrath
  2. Theodor Joseph Lacomblet, in: Urkundenbuch / Urkunde No. 30 , 1846, Volume 2, p.[55] 17. Edizione digitalizzata della ULB Bonn
  3. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 15, pagina 77.
  4. ^ Karl Leopold Strauven , Wilhelm Crecelius , in: Notizie storiche su Benrath. intorno al 1890, p.[8] 52. (versione in linea)
  5. ^ Karl Tücking , in: Documents and files from the archive of the Poor Claris in Neuss, Certificate 16 of May 7, 1299. Neuss 1896, p.[13] 9. Versione online
  6. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath. Libro 9, pagina 12.
  7. a b In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath. Volume 16, pagina 73.
  8. a b c In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath. Numero 15, pagina 78.
  9. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 9, pp. 13-38.
  10. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath. Libro 9, pagina 55.
  11. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 15, pp. 74-76.
  12. ^ Karl Leopold Strauven, Wilhelm Crecelius, in: Historische Nachrichten über Benrath , intorno al 1890, p.[12] 56. (versione in linea)
  13. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 15, pagina 16.
  14. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 15, pagina 18.
  15. Erich Philipp Ploennies , in: Due descrizioni geografiche del Ducato di Berg. 1715. In: Journal of the Bergisches Geschichtsverein 1883, Volume 19, pp. 83-108.
  16. ^ Edizione digitalizzata dell'ULB Düsseldorf Aloys Hermanns; In: Storia di Benrath e dintorni. 1889, pp. [47] 39, [55] 47.
  17. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 15, pagina 79.
  18. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 15, pagina 25.
  19. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Volume 16, pagina 28.
  20. a b c In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 15, pagina 28.
  21. a b In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 15, pagina 55.
  22. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Libro 4, pagina 63.
  23. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 15, pagina 29.
  24. ^ In: Benrath storicamente, collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath; Libro 3, pagina 9.
  25. ^ In: Benrath storicamente, collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath; Libro 3, pagina 47.
  26. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 15, pagina 32.
  27. ^ In: Annuncio ufficiale del sindaco di Düsseldorf dell'8 giugno 1909.
  28. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 15, pagina 29.
  29. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 15, pagina 33.
  30. ^ In: Rapporto amministrativo della città di Düsseldorf. Periodo: 1 aprile 1922 - 31 marzo 1925. Sezione: Parte Speciale. 1925, pagina [282] 259. Versione online, accessibile il 22 ottobre 2016.
  31. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 15, pagina 49.
  32. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 12, pagina 2.
  33. In: WZ Online dal 23 settembre 2016. Fine dell'attività del laminatoio
  34. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 12, pagina 6.
  35. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 15, pp. 34-37.
  36. http://www.ngw.nl/int/dld/b/benrath.htm
  37. Aloys Hermanns, in: Storia di Benrath e dintorni. 1889, pagina [48] 40.
  38. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Libro 14, pagina 39.
  39. ^ In: Collana di pubblicazioni dell'archivio della comunità di origine Groß-Benrath ; Numero 14, pagina 37.
  40. http://www.ekir.de/kirche-benrath/html/anbetungskirche.html
  41. http://moppedschuetzen.oyla13.de/
  42. https://www.facebook.com/DMSTBenefiz/
  43. archiviati copia ( Memento del l' originale dal 10 marzo 2013 in Internet Archive ) Info: Il dell'archivio collegamento è stato inserito automaticamente e non è stata ancora verificata. Si prega di controllare il collegamento originale e archivio secondo le istruzioni e quindi rimuovere questo avviso. @1@ 2Modello: Webachiv / IABot / www.benrather-schuetzen.de
  44. ^ Scuola media comunale Benrath. In: realschule-benrath.de. Estratto il 23 giugno 2019 .
  45. ^ GHS Benrath - scuola secondaria comunale della comunità. In: ghs-benrath.de. Estratto il 23 giugno 2019 .
  46. Scuola St. Cäcilia - Scuola elementare cattolica comunale. In: st-caecilia-schule.de. Estratto il 23 giugno 2019 .
  47. KGS Einsiedelstrasse. In: kg-einsiedelstrasse.de. Estratto il 23 giugno 2019 .
  48. ^ Scuola elementare Schloss Benrath - Städt. Scuola elementare di comunità. In: duesseldorf.de. Estratto il 23 giugno 2019 .
  49. Urdenbach-Zons traghetto
  50. ^ Rapporto finale del comitato consultivo sulla revisione dei nomi di strade e piazze a Düsseldorf , su duesseldorf.de

Opiniones de nuestros usuarios

Gabriele Nardi

Questo post su Benrath era proprio quello che volevo trovare

Giancarlo Ventura

Per quelli come me che cercano informazioni su Benrath, questa è un'ottima scelta

Rita Ferraro

Non so come sono arrivato a questo articolo sulla Benrath, ma mi è piaciuto molto