Benoît de Maillet



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benoît de Maillet. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benoît de Maillet sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benoît de Maillet e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benoît de Maillet. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benoît de Maillet! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benoît de Maillet, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benoît de Maillet (nato il 12 aprile 1656 a Saint-Mihiel , 30 gennaio 1738 a Marsiglia ) è stato un diplomatico, viaggiatore, storico e geologo francese.

Veniva da una rispettata famiglia nobile della Lorena e riceveva lezioni private. Era interessato alla storia naturale e viaggiava molto. Dal 1692 al 1708 fu console generale di Francia al Cairo , dove fu principalmente coinvolto in difficili trattative sui dazi doganali, e dal 1712 al 1717 a Livorno . Dal 1715 fino al suo ritiro nel 1720 fu un diplomatico francese responsabile del Levante e della barbarie . In pensione ha vissuto a Marsiglia.

De Maillet pubblicò ad Amsterdam nel 1748 una visione altamente speculativa dell'emergenza e del decadimento ciclico della vita sulla terra e dello sviluppo geologico della terra da uno stato caldo simile al solare a uno di raffreddamento. Quando gli oceani si prosciugarono, la vita sulla terra nacque dai semi della vita ( panspermia ) e dai precursori nell'acqua (c'erano anche tritoni e donne come precursori negli esseri umani). Secondo lui, il decadimento dell'accumulo di masse organiche crea nuovo calore, vulcanismo e una nuova fase del ciclo simile a quella solare. Secondo Maillet, le rocce si formano per sedimentazione nel mare, ei nuovi strati scivolano via dai fianchi delle montagne primordiali quando il mare si ritira. Maillet può quindi essere considerato uno dei primi nettunisti . Calcola l'età della terra, o la durata dei cicli, dall'altezza delle montagne odierne e ipotizza un continuo lento abbassamento del livello del mare, riconoscibile dagli odierni porti asciutti, nell'arco di diversi milioni di anni. Questa era una stima molto alta per quel periodo e fino al XIX secolo.

L'opera fu scritta tra il 1722 e il 1732 e fu pubblicata molto tempo dopo la sua morte dall'editore, l'abate Jean-Baptiste Le Mascrier . Il direttore era un ecclesiastico cattolico e ha cercato di conciliare le opinioni di de Maillet con l'insegnamento cattolico. Un'edizione critica basata sui manoscritti sopravvissuti apparve nel 1920. Il libro è in forma di dialogo tra un filosofo indiano e un missionario francese.

In Egitto si interessò anche di archeologia, visitò le piramidi e inviò mummie in Francia. Imparò l'arabo e scrisse una descrizione dell'Egitto che Mascrier pubblicò nel 1735. Maillet è rimasto deluso dal montaggio. Un altro manoscritto (Mémoires sur l'Éthiopie) non è mai apparso.

Caratteri

  • Descrizione de l'Égypte , 1735
  • Telliamed ou entretiens d'un philosophe indien avec un missionnaire françois, sur la diminution de la Mer, la formazione de la Terre, l'origine de l'Homme, ecc. Amsterdam, 2 volumi 1748, 3a edizione, L'Aia, Parigi 1755 (con biografia)
Nuove edizioni di Telliamed
  • Albert V. Carozzi: Teliamed, ovvero conversazioni tra un filosofo indiano e un missionario francese sulla diminuzione del mare. University of Illinois Press, Urbana, Chicago e Londra 1968
  • Fritz Neubert: Introduzione a un'edizione critica di Telliamed ou Entretiens d 'un philosophe indien avec un missionnaire françois di B. de Maillet. Un contributo alla storia della letteratura illuminista francese. Emil Ebering, Berlino 1920
  • Una nuova edizione francese è stata pubblicata da Fayard, Parigi 1984

letteratura

  • Helmut Hölder : Breve storia della geologia e della paleontologia. Springer 1989
  • Albert V. Carozzi: Telliamed di De Mailett (1748): una teoria ultra-nettuniana della Terra. In: CJ Schneer (Ed.): Verso una storia della geologia. 1969
  • Claudine Cohen: La Genèse de Telliamed. Benoît de Maillet et l'histoire naturelle à l'aube des Lumières, Parigi, 1989
  • Claudine Cohen: Le Transformisme de Telliamed. Science, clandestinité et libertinage à l'aube des Lumières, Parigi, PUF, 2011
  • Miguel Benítez: Benoît de Maillet et la littérature clandestine. Étude de sa corrispondance avec l'abbé Le Mascrier , Studies on Voltaire and the diciottesimo secolo, n. 183, 1980, pp. 133-159
  • Jacques Roger: La théorie de la Terre au XVIIe siècle , Revue d'histoire des sciences, Volume 26, 1973, pp. 23-48

Riferimenti e commenti

  1. L'acqua scomparve nei vortici, un'idea che risale a Descartes

Opiniones de nuestros usuarios

Elena Fumagalli

Avevo bisogno di trovare qualcosa di diverso sulla Benoît de Maillet, non la tipica roba che si legge sempre su internet e mi è piaciuto questo articolo sulla Benoît de Maillet, Ottimo post sulla Benoît de Maillet

Liliana Farina

Buon articolo su Benoît de Maillet

Saverio Montanari

Finalmente! Oggi sembra che se non ti scrivono articoli di diecimila parole non sono contenti. Signori scrittori di contenuti, questo è un buon articolo su Benoît de Maillet