Benny Morris



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benny Morris. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benny Morris sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benny Morris e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benny Morris. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benny Morris! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benny Morris, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benny Morris (nato l'8 dicembre 1948 a Ein HaHoresh ) è uno storico israeliano . È considerato uno dei più influenti e produttivi dei Nuovi storici israeliani , un gruppo di studiosi che mettono in discussione l'attuale storiografia di Israele e del sionismo .

Vita

I genitori di Morris, membri di HaSchomer HaTzair , erano venuti nel paese dalla Gran Bretagna nel 1947 e furono tra i fondatori del Kibbutz Jas'ur. Nel 1949 la famiglia si trasferì a Gerusalemme . Nel 1957, padre Jaakov fu trasferito a New York come diplomatico . La famiglia ha vissuto lì inizialmente per quattro anni e poi di nuovo per due anni dal 1963.

Dopo la scuola, Morris è stato arruolato con i paracadutisti . Durante la Guerra dei Sei Giorni , il suo battaglione di riserva fu schierato sul fronte del Golan , ma non prese parte attiva alla guerra. Nel 1969, Morris ha subito una scheggia ferita del Canale di Suez in guerra ed è stato dimesso dai militari quattro mesi più tardi.

Si è poi laureato in storia presso l' Università Ebraica di Gerusalemme e ha conseguito il dottorato presso l'Università di Cambridge . La sua tesi di dottorato si occupa delle relazioni inglese-tedesche.

Dopo il suo ritorno a Gerusalemme, ha lavorato per il Jerusalem Post per dodici anni e ha trascorso il suo tempo libero a fare ricerche sulla storia del Palmach negli archivi del governo israeliano . Dopo che gli fu finalmente negato l'accesso a questi archivi, si occupò del problema dei profughi palestinesi a seguito della guerra del 1948 e nel 1988 pubblicò un documento di ricerca dettagliato sull'argomento ( "La nascita del problema dei rifugiati palestinesi" ) all'Università di Cambridge La stampa lo ha fatto conoscere. Nello stesso anno è stato incarcerato per tre mesi per aver rifiutato di svolgere il servizio di riserva nei territori occupati.

Quando Conrad Black rilevò il Jerusalem Post nel 1990, Morris fu licenziato insieme ad altri trentacinque giornalisti di sinistra.

Tra il 1990 e il 1995 ha lavorato come storico freelance. Durante questo periodo ha pubblicato altri libri: "1948 and After: Israel and the Palestinians" (1990), "Israel's Secret Wars" (1991), "The Roots of Appeasement" (1992), "Israel's Border Wars" (1993).

Nel 1997 è stato nominato professore di studi sul Medio Oriente presso l' Università Ben Gurion di Beersheba .

Nel 2005 ha assunto una cattedra in visita presso l' Università del Maryland a College Park .

Nel semestre invernale 2010/2011, Benny Morris è stata Visiting Professor di Allianz per studi islamici ed ebraici presso l' Università Ludwig Maximilians di Monaco , presso la cattedra di storia e cultura ebraica.

Morris è sposato e ha tre figli.

Posizioni

Nel suo libro The Birth of the Palestinian Refugee Problem, 1947-1949 (1988), Morris scrive che i 700.000 rifugiati palestinesi stimati dalla guerra palestinese hanno lasciato le loro case principalmente perché temevano di essere presi nel fuoco incrociato, ma temevano le attività israeliane non a causa di un piano di sfratto esistente. Questa era una posizione molto controversa al momento della pubblicazione. La posizione ufficiale israeliana era che i palestinesi lasciassero le loro case (esclusivamente) volontariamente, o dopo la pressione e l'incoraggiamento dei leader palestinesi o arabi.

All'inizio del libro, Morris illustra il problema dei rifugiati palestinesi con una mappa . Secondo la sua mappa, 228 villaggi sono stati evacuati a causa dell'attacco delle truppe israeliane, i residenti di 41 villaggi sono stati evacuati da unità militari e gli abitanti di 90 villaggi sono fuggiti in preda al panico dopo che altri villaggi sono stati attaccati. Secondo questo rapporto, solo 6 villaggi sono stati abbandonati dai loro residenti perché i leader arabi locali hanno chiesto loro di farlo. Non è stato in grado di fornire alcuna informazione su 46 grandi villaggi.

Allo stesso tempo, Morris stava documentando possibili atti di violenza da parte dell'esercito israeliano, inclusi presunti episodi di stupro, tortura e pulizia etnica .

Nel suo libro The Birth of the Palestinian Refugee Problem Revisited (2004) ha cambiato prospettiva e ora ha assegnato la responsabilità principale alle associazioni militari ebraiche. Morris scrive che tali associazioni furono responsabili di massacri che uccisero molti più palestinesi di quanto si pensasse in precedenza. L'espulsione dei palestinesi era un obiettivo condiviso dei principali responsabili della leadership ebraica dell'epoca. Il primo primo ministro israeliano, David Ben-Gurion, diede ordini per la distruzione dei villaggi palestinesi nel 1948, secondo la testimonianza del politico israeliano Aharon Cohen. Nella versione del 2004, Morris sottolinea che la leadership ebraica voleva il minor numero possibile di arabi nei territori conquistati anche prima della fondazione dello stato. Per ragioni demografiche, avrebbero voluto che quanti più palestinesi possibile fuggissero. I palestinesi erano una comunità politicizzata e armata impegnata nella lotta contro Israele.

Morris è stato precedentemente visto come un rappresentante della sinistra radicale israeliana ed è stato etichettato come un "nemico di Israele". Successivamente, la sua disillusione per il processo di pace è stata dimostrata da dichiarazioni sempre più critiche che hanno maggiori probabilità di essere associate allo spettro politico conservatore. Lui stesso continua a sentire di appartenere alla sinistra.

In un'intervista con Ari Shavit ad Haaretz (gennaio 2004), Morris ha detto, riferendosi allo sviluppo delle sue idee dallo scoppio della violenza palestinese contro gli israeliani a seguito della firma degli accordi di Oslo :

Il bombardamento di autobus e ristoranti mi ha davvero scosso. È stato attraverso di loro che ho capito la profondità dell'odio contro di noi. Attraverso di loro ho capito che la violenza palestinese, araba e musulmana contro la vita ebraica qui ci ha portato sull'orlo dell'annientamento. Non vedo gli attentati suicidi come atti isolati. Esprimono una profonda volontà del popolo palestinese. Questo è ciò che vuole la maggioranza dei palestinesi. Vogliono che quello che è successo all'autobus accada a tutti noi ".

Nella stessa intervista, Morris ha spiegato i suoi mutati atteggiamenti nei confronti dello sfollamento della popolazione palestinese su cui stava indagando:

Ben Gurion aveva ragione. Se non avesse fatto quello che ha fatto, non sarebbe nato uno stato ebraico. [] Non credo che gli sfratti del 1948 siano stati crimini di guerra. Non puoi fare una frittata senza rompere le uova. Devi sporcarti le mani. "

Morris è andato anche oltre, sostenendo che Israele avrebbe dovuto effettuare un trasferimento completo della popolazione araba fino al Giordano in quel momento. Ciò avrebbe stabilizzato Israele per decenni. La minoranza araba in Israele ha definito Morris una "bomba a orologeria" e l'ha paragonata a un "serial killer".

Egli ha detto:

Devi costruire qualcosa come una gabbia per loro [i palestinesi]. So che suona orribile. È davvero crudele. Ma non abbiamo scelta. C'è un animale selvatico là fuori che deve essere rinchiuso in qualche modo, in un modo o nell'altro. "

Nel suo libro One State Two States , Morris accusa l'elite palestinese di spingere il postulato ordine secolare - democratico del futuro stato palestinese verso il pubblico occidentale per ragioni puramente tattiche. Il vero obiettivo è la creazione di un autoritaria - fondamentalista islamico regime, che continua a mirare alla distruzione di Israele.

A un evento presso l' Università di Vienna all'inizio di maggio 2008, Benny Morris ha chiesto un attacco preventivo contro l' Iran : Con armi convenzionali. E se ciò non bastasse, allora con un non convenzionale [...] Un sacco di persone innocenti morirebbero ", ha detto Morris. Ma questo è ancora meglio di un olocausto nucleare in Israele. In un'intervista al quotidiano austriaco Der Standard , Morris ha affermato che solo un attacco nucleare preventivo da parte di Israele potrebbe fermare il programma nucleare iraniano .

Critica di Morris

Come gli altri nuovi storici israeliani, Morris, la sua figura più importante, ha affrontato severe critiche da parte di storici affermati.

Efraim Karsh , professore di studi sulla guerra al King's College di Londra , ha ripetutamente affermato che i dati di Morris sui crimini di guerra commessi dall'esercito israeliano erano falsi. Altri storici hanno esaminato gli stessi documenti ma sono giunti a conclusioni molto diverse. Karsh ha anche sottolineato che alcuni testi del diario di David Ben-Gurion sono travisati da Morris. Da allora, Karsh e Morris hanno discusso in dichiarazioni reciproche su questi temi e non hanno lesinato sugli attacchi personali.

Morris è stato criticato anche da Norman Finkelstein , che nel terzo capitolo del suo Image and Reality of the Israel-Palestine Conflict (2001) afferma che Morris ha ripetutamente interpretato erroneamente le fonti per assolvere membri del governo israeliano e dell'esercito dai crimini contro i palestinesi. Queste accuse furono fatte da Finkelstein prima dell'edizione rivista de La nascita del problema dei rifugiati palestinesi di Morris .

Caratteri (selezione)

  • 1948. Una storia della prima guerra arabo-israeliana. Yale University Press , 2008. 544 pagine. ISBN 978-0-300-12696-9
  • Correggere un errore Ebrei e arabi in Palestina / Israele, 1936-1956 , Am Oved Publishers, 2000
  • Vittime rette: una storia del conflitto arabo-sionista, 1881-1999 . Alfred A. Knopf, 1999
  • 1948 e dopo; Israel and the Palestinians , Clarendon, Oxford 1994
  • Israel's Border Wars 1949-1956: infiltrazione araba, rappresaglia israeliana e conto alla rovescia per la guerra di Suez . Clarendon, Oxford 1993
  • Israel's Secret Wars: A History of Israel's Intelligence Service . Grove Weidenfeld, New York 1991
  • La nascita del problema dei rifugiati palestinesi 1947-1949 . Cambridge University Press , CUP, 1987
    • Rivisitazione della nascita del problema dei rifugiati palestinesi . CUP, 2004 (nuova edizione aggiornata)

letteratura

link internet

Prove individuali

  1. Survival of the Fittest Un'intervista con Benny Morris
  2. ^ Primo: Haaretz, 8 gennaio 2004
  3. ^ Welt in linea Adieu, moralità sionista
  4. ^ Ofer Aderet: Israele declinerà e gli ebrei saranno una minoranza perseguitata. Quelli che possono fuggire in America . In: Haaretz , 22 gennaio 2019.
  5. ^ Benny Morris: One State, Two States, Yale, 2009, pp. 167ss
  6. ^ War Threats from the Lecture Hall , Der Standard , 4 maggio 2008
  7. Last Chance Is An Israeli Atom Bomb , Der Standard , 4 maggio 2008
  8. ^ Efraim Karsh: Fabricating Israeli History. The 'New Historians' , London 2000 (2a edizione), cap. 2.
  9. ^ "Sopravvivenza del più adatto". Review , Haaretz , 8 gennaio 2004, addizionale. L'intervista di Ari Shavit con lui, engl.

Opiniones de nuestros usuarios

Chiara Ferrara

È un buon articolo sulla _variabilità. Dà le informazioni necessarie, senza eccessi

Riccardo Bianchini

Molto interessante questa voce su Benny Morris, Pensavo di sapere già tutto su Benny Morris, Molto interessante questa voce su Benny Morris

Elena Guidi

Le informazioni fornite su Benny Morris sono veritiere e molto utili. Bene

Lina Baldini

In questo post sulla Benny Morris ho imparato cose che non sapevo, quindi ora posso andare a letto