Benny Goodman



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benny Goodman. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benny Goodman sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benny Goodman e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benny Goodman. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benny Goodman! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benny Goodman, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benjamin David "Benny" Goodman (nato il 30 maggio 1909 a Chicago , Illinois , 13 giugno 1986 a New York , New York ) è stato un musicista jazz americano ( clarinettista ) e leader di una band . Soprattutto negli anni '30 ha festeggiato un grande successo con la sua big band ed è considerato uno dei protagonisti più apprezzati dello swing .

Vivi e agisci

Goodman è nato a Chicago da poveri immigrati ebrei . A dieci anni ricevette un clarinetto e lezioni nella sinagoga Kehelah Jacob. Franz Schoepp della Chicago Symphony Orchestra gli ha insegnato per due anni . All'età di dodici anni suonava già nell'orchestra del teatro e in varie bande di danza della città. Durante gli anni del liceo, si esibì anche con la banda della Austin High School nel 1922 . I suoi insegnanti di jazz erano i grandi solisti e gruppi degli anni '20, tra cui King Olivers Creole Jazz Band con Louis Armstrong ei rappresentanti del jazz di Chicago . Goodman si unì a una delle band più importanti di Chicago dell'epoca, la Ben Pollack Orchestra, con la quale andò in tournée e fece le sue prime registrazioni nel 1926, inclusa la prima registrazione di un assolo di clarinetto che suonò il 17 dicembre (He's the Last Word) . Due anni dopo si trasferì a New York City , dove lavorò per la radio e come turnista , tra cui per Ben Selvin e Paul Whiteman e come musicista teatrale a Broadway .

Nel gennaio 1931 ottenne il suo primo successo in classifica con la sua registrazione discografica della canzone He's Not Worth Your Tears (# 20). Per la serie radiofonica Let's Dance, il clarinettista formò la sua prima big band nel 1934 al Billy Rose's Music Hall, che per la prima volta nella storia del jazz univa musicisti bianchi e neri. Con la sua perfezione ha ottenuto riconoscimenti non solo dagli appassionati di jazz, ma anche da numerosi amanti della musica al di fuori del jazz, ad esempio nei concerti di Mozart. La grande svolta con il pubblico è stata negata per il momento. All'inizio degli anni '30 suonò con le band di fama nazionale di Red Nichols , Isham Jones e Ted Lewis .

Dal 1933 ha avuto altri successi per la Columbia come Fats Wallers Ain'tcha Glad (# 6) e le canzoni I Gotta Right to Sing the Blues (# 20) e I Ain't Lazy, I'm Just Dreaming (# 6) , con Jack Teagarden come cantante della band. Nel giugno 1934 ottenne il primo dei suoi sedici successi numero 1 con Moonglow . Durante questo periodo, Glenn Miller ha anche suonato come trombonista freelance. Non è stato fino al 1935 nella sala da ballo Palomar che ha sperimentato la svolta con la sua band e ora ha viaggiato da un successo all'altro.

Il 16 gennaio 1938, Goodman tenne il suo famoso concerto jazz (vedi The Famous Carnegie Hall Concert 1938 ) alla Carnegie Hall di New York . Il concerto è stato un successo clamoroso, a seguito del quale il jazz è diventato socialmente accettabile quasi da un giorno all'altro ed è diventato anche sempre più accettato nei "circoli più fini". L'inserimento del concerto, in particolare del lungo titolo finale Sing, Sing, Sing , è ormai considerato una pietra miliare e un importante classico del genere ed è stato accettato anni fa nella ristretta cerchia della Jazz Hall of Fame .

Dal 1934 al 1938 Goodman registrò per l'etichetta Victor , che in seguito fu commercializzata con il nome di RCA Victor . Dal 1939 i suoi dischi furono pubblicati dalla Columbia Records , che fece uscire anche il primo concerto di Goodman alla Carnegie Hall. Per Victor ha anche registrato uno dei suoi più grandi successi, Don't Be That Way di Edgar Sampson , che è stato numero uno per cinque settimane ed è rimasto in classifica per 13 settimane. Oltre a Stompin' at the Savoy , questo era il numero che Goodman doveva suonare più e più volte per il suo pubblico.

Oltre alla sua big band, in cui suonavano, tra gli altri , i trombettisti Harry James e Ziggy Elman , fondò anche il Benny Goodman Quartet , che univa i grandi del jazz Teddy Wilson , Gene Krupa e Lionel Hampton . In questo quartetto, Teddy Wilson e Lionel Hampton, due musicisti neri suonavano insieme a due musicisti bianchi, che all'epoca era un tabù .

La musica del leader della band Benny Goodman mirava principalmente a metterlo in evidenza nel suo ruolo di solista al clarinetto, sebbene avesse sempre altri solisti e cantanti eccezionali, come Helen Ward , Peggy Lee o Ella Fitzgerald , nella sua band. Sebbene Goodman non fosse un innovatore nel rango di Duke Ellington o Count Basie , solo relativamente pochi dei suoi pezzi furono scritti da lui stesso. Gli arrangiamenti meticolosi dei suoi brani, tuttavia, erano per lo più molto orecchiabili e quindi era in grado di raggiungere un pubblico più vasto di loro con il suo virtuosismo che suonava nella cerchia di compagni di band perfettamente preparati e sicuramente anche per il colore della pelle. Stilisticamente, la sua musica segnò il mainstream dello swing e insieme ad Artie Shaw , che suonava anche il clarinetto, fu il più popolare bandleader bianco dell'era swing, che riscosse un grande successo anche nel dopoguerra.

Molti critici musicali oggi sono dell'opinione che Goodman sia importante per il jazz e lo swing quanto Elvis Presley, per esempio, per il rock 'n' roll . Benny Goodman aveva l'obiettivo di avvicinare la musica "nera" a un giovane pubblico bianco, e ha anche lavorato molto per superare la segregazione razziale negli Stati Uniti, perché nei primi anni Trenta i jazzisti bianchi e neri erano in grado di suonare in la maggior parte di loro non suona insieme a gruppi o concerti a causa dell'opinione pubblica . Lo ha reso possibile nella sua big band. Questo è uno dei motivi per cui ora è considerato il re dello swing , insieme a Fletcher Henderson .

Rappresentanti della cosiddetta musica seria come Paul Hindemith , Aaron Copland , Malcolm Arnold e Béla Bartók gli hanno dedicato delle composizioni . Lo stesso Benny Goodman ha anche suonato musica classica, ad esempio il concerto per clarinetto KV 622 e il quintetto per clarinetto KV 581 di Wolfgang Amadeus Mozart .

Vita privata

Goodman era sposato con Alice Hammond Duckworth, sorella del produttore John Hammond , dal 1942 ; ci sono due figlie dalla relazione.

Film

Il film musicale Sweet and Low-Down su e con Benny Goodman è stato rilasciato già nel 1944, ma è piuttosto fittizio.

A proposito di Benny Goodman 1955 è stato girato il film The Benny Goodman Story (The Benny Goodman Story) (regista: Valentine Davies ), con Steve Allen nel ruolo del protagonista. Lo stesso Goodman una volta disse che la musica era abbastanza buona, ma la biografia era sbagliata. Nel 2011 è uscito il documentario Jazz for the Russians - To Russia with Jazz sul tour di Goodman in Unione Sovietica del 1962.

Note discografiche

Collezioni

Opere (estratto)

Goodman era meglio conosciuto per le sue interpretazioni di composizioni straniere. Ha partecipato a numerose composizioni alle quali ha lavorato insieme ai membri delle sue band - soprattutto nei piccoli ensemble. Particolarmente degni di nota sono i musicisti Lionel Hampton ( vibrafono ) e Charlie Christian ( chitarra elettrica ). È meno spesso documentato come unico compositore.

  • Corrente AC - DC (Christian - Hampton - Goodman)
  • Speciale posta aerea (Mundy - Christian - Goodman)
  • Non essere così (Goodman - Sampson - Parrish)
  • Volare verso casa (Goodman - Hampton - Robin)
  • Opus 1/2 (Goodman - Hampton - Wilson - Tough)
  • Opus 3/4 (Goodman - Hampton)
  • Opus Local 802 (Goodman)
  • Pick-A-Rib, Pts. 1-2 (uomo buono)
  • Seven Come Eleven (Goodman - Christian)
  • Ritmo della casa del fumo (Goodman - Norman)
  • Venti deboli (Goodman)
  • Stompin' al Savoy (Goodman - Webb - Sampson - Razaf)
  • Vibrafono Blues (Goodman - Hampton)

Onori

La versione software 4.0 (settembre 2014) di WordPress è stata denominata "Benny" per onorare il clarinettista jazz e leader della band.

letteratura

  • David Jessup: Benny Goodman. Una discografia supplementare . Spaventapasseri Press, Lanham / MD 2010, ISBN 978-0-8108-7685-9
  • James Lincoln Collier : Benny Goodman e l'era dello swing. 1989.
  • Arrigo Polillo : Jazz. Piper 1984 (capitolo Goodman).
  • George T. Simon : Le grandi band. 1984 (con intervista).
  • Simon, George T .: Le grandi band . Con una prefazione di Frank Sinatra. 3a edizione riveduta. New York City, New York: Macmillan Publishing Co e London: Collier Macmillan Publishers, 1974, pp. 204-227 e Interview Benny Goodman Revisited pp. 524-528.
  • Stanley Dance : Il mondo dello swing. Da Capo Press, New York 1979, ISBN 0-306-80103-5 .
  • Eddie Condon e Richard Gehman: Il tesoro del jazz di Eddie Condon. 1956 (con i ricordi di Goodman del suo tempo a Chicago).
  • Benny Goodman e Irving Kolodin: il regno dello swing. 1939 (autobiografia fino al 1938).
    • La mia strada per il jazz. Un'autobiografia. Sanssouci Verlag, Zurigo 1961.
  • Ross Firestone: Swing, Swing, Swing: La vita ei tempi di Benny Goodman. New York, Norton 1993.
  • Donald Russell Connor: Benny Goodman - ascolta la sua eredità. Scarecrow Press 1988 (aggiornato in Benny Goodman - concludendolo. 1996).
  • Donald Russell Connor: Bg on the Record: una bio-discografia di Benny Goodman. Casa di Arlington 1978.
  • Borchie Terkel : giganti del jazz. Zweiausendeins, Francoforte 2005, ISBN 3-86150-723-4 .

link internet

Commons : Benny Goodman  - album con immagini, video e file audio

Evidenze individuali

  1. ^ Benny Goodman nel database Trova una tomba . Estratto il 15 luglio 2014.
  2. Secondo il batterista Gene Krupa, Goodman ha costruito "una band che suonava musica per musicisti, ma non faceva nulla che andasse oltre l'orizzonte del pubblico;" citato in Kunzler Jazzlexikon
  3. WordPress 4.0 Benny. Estratto l'8 settembre 2014 .

Opiniones de nuestros usuarios

Lina Piras

L'informazione su Benny Goodman è molto interessante e affidabile, come il resto degli articoli che ho letto finora, che sono già molti, perché sto aspettando da quasi un'ora il mio appuntamento su Tinder e lui non si presenta, quindi penso che mi abbia dato buca. Colgo l'occasione per lasciare qualche stella per la compagnia e per cagare sulla mia fottuta vita

Maria Greco

Pensavo di sapere già tutto sulla Benny Goodman, ma in questo articolo ho scoperto che alcuni dei dettagli che pensavo fossero buoni non erano così buoni. Grazie per le informazioni

Giuseppa De Angelis

Sono stato felice di trovare questo articolo su Benny Goodman, Sono stato felice di trovare questo articolo su Benny Goodman