Benny Golson



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benny Golson. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benny Golson sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benny Golson e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benny Golson. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benny Golson! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benny Golson, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benny Golson (nato il 25 gennaio 1929 a Philadelphia , Pennsylvania ) è un sassofonista tenore americano , compositore e arrangiatore di hard bop . È uno dei rappresentanti dello stile dell'hard bop e ne sottolinea il lato lirico. Divenne noto grazie al suo modo di suonare all'Art Blakeys Jazz Messengers e al suo coinvolgimento di lunga data nell'Art Farmer / Benny Golson-Jazztet. Le sue composizioni come Blues March , Whisper Not o I Remember Clifford sono tra le più eseguite nel repertorio hard bop.

Vivi e agisci

I primi anni

Golson ha suonato il pianoforte all'età di nove anni e il sassofono tenore all'età di 14. Durante il liceo a Philadelphia , ha suonato con musicisti della sua generazione come John Coltrane , Red Garland , Jimmy Heath , Percy Heath , Philly Joe Jones e Red Rodney .

Dopo essersi laureato alla Howard University , Golson andò in tournée con vari gruppi rock and roll, poi trovò lavoro con la Rhythm and Blues Band di Bull Moose Jackson nell'estate del 1953 . Il pianista di questa band era Tadd Dameron ; divenne un grande modello per Golson in termini di tecnica compositiva e lo incoraggiò a scrivere i propri pezzi. Nel 1953 finalmente suonò nella band di Dameron e andò a New York con lui. Lì suonò con Lionel Hampton (1953), Earl Bostic (1954-55) e infine nella Dizzy Gillespies Band dal 1956 al 1958. L'ingresso in questa band aiutò Golson ai suoi primi successi: titoli come I Remember Clifford o Whisper Not furono successivi per gli standard del jazz popolare , Stablemates fu registrato da Miles Davis nel 1955; e James Moody prese presto la musica di Benny Golson.

Hardbop - I messaggeri del jazz

Golson fece il suo debutto come leader della propria formazione nell'ottobre 1957 (Benny Golson's New York Scene) con Art Farmer alla tromba. Nel 1958 diventa membro e direttore musicale dei Jazz Messengers del batterista Art Blakey per un anno .

Fortemente influenzato da Golson, fu creato uno dei dischi hardbop chiave: Moanin' (ottobre 1958) con Golson, Blakey, Lee Morgan , Bobby Timmons e Jymie Merritt . Benny Golson è stato solo con Blakey per un breve periodo, ma ha contribuito con parti significative del repertorio di lunga data della band, come Blues March , Along Came Betty o Whisper Not e ha creato un nuovo paesaggio sonoro per la band. Golson fece un tour in Francia con i Jazz Messengers (un album dal vivo (Parigi 1958) fu registrato a Parigi). Golson ha creato la colonna sonora per il film di Édouard Molinaro Des Femmes Disparaissent with the Messengers .

Hardbop - Das Art Farmer / Benny Golson Jazztet

La relazione personale di Golson con Art Farmer risale al 1953 quando suonarono insieme nella band di Lionel Hampton . Si sono incontrati di nuovo a New York durante la registrazione di un disco per George Russell (New York, NY). Alla fine del 1958 registrarono per l' etichetta United Artists ; Golson è apparso nei dischi di Farmer Modern Art e Brass Shout (1958).

Nel maggio 1959 Benny Golson suonò nel quintetto del trombonista Curtis Fuller ; così furono creati i dischi Blues-ette per la Savoy Records , The Curtis Fuller Jazztet con Benny Golson nell'agosto 1959 , Imagination nel dicembre . Benny Golson voleva formare un sestetto nel 1959 (con una parte aggiuntiva di trombone invece dei soliti quintetti di allora) e chiese ad Art Farmer , che stava per lasciare Gerry Mulligan . Art ha aggiunto suo fratello, il bassista Addison Farmer e il batterista Dave Bailey (della band Mulligan); Golson voleva Curtis Fuller e un pianista diciannovenne che conosceva da Filadelfia, McCoy Tyner . Il debutto ufficiale della formazione fu un concerto al jazz club di New York Five Spot nel novembre 1959, dove il quartetto di Ornette Coleman aveva appena fatto scalpore. L'unica cosa che mancava era il nome della nuova band; Golson e Farmer chiesero a Curtis Fuller se potevano usare il nome Jazztet , che aveva usato per le sessioni dei Savoy. Nel febbraio 1960 fu registrato il primo disco Jazztet, Meet The Jazztet , e Big City Sounds a settembre .

I tre anni nel primo Art Farmer / Benny Golson Jazztet furono l'inizio di una collaborazione che si sarebbe protratta per quattro decenni (fino alla morte di Art Farmers il 4 ottobre 1999), ma culminata nelle sessioni per Argo e Mercury -Label di febbraio Dal 1960 al giugno 1962. Dopo i primi due album, i Jazztet LP The Jazztet - Big City Sounds, The Jazztet & John Lewis, The Jazztet At Birdhouse, Here And Now, Another Git Insieme ai (cambianti) musicisti Grachan Moncur III , Cedar Walton , Tommy Flanagan , Albert Heath , Tom McIntosh e Tommy Williams . Per il Jazztet, Golson ha scritto, tra l'altro. le composizioni Killer Joe , Along Came Betty , Five Spot After Dark , Blues On Down .

Nel marzo 1962, Farmer e Golson firmarono un nuovo contratto discografico con l'etichetta Mercury, che diede loro più spazio per progetti solisti. La band è stata raggiunta dal pianista Harold Mabern , dal trombonista Grachan Monchur III, dal bassista Herbie Lewis e dal batterista Roy McCurdy . I pezzi Tonk, Space Station e Sonny's Back avevano così tanto successo che furono registrati anche come versioni più brevi per un singolo rilascio. Il successo del jazz set ha ispirato Miles Davis e Art Blakey ad adottare il formato del sestetto.

Gli ultimi anni

Negli anni che seguirono lo scioglimento temporaneo dei Jazztet, Golson guidò brevemente una big band , poi si concentrò sul lavoro in studio e orchestrale e si stabilì a Hollywood come compositore di film e TV , ma registrò di nuovo alla fine degli anni '60. Dall'inizio degli anni '80, Golson è apparso con il rinato Jazztet, che includeva ancora i suoi co-fondatori Art Farmer e Curtis Fuller; andarono in tournée insieme e suonarono ai festival, furono creati gli album Moment To Moment (1983), Real Time, Back To The City (1986). Negli anni '90 Golson ha suonato una serie di dischi con la sua band, che comprendeva il pianista Mulgrew Miller , il bassista Ray Drummond e il batterista Tony Reedus . Nel 1997 viene registrato un disco con il sassofonista tenore Ron Blake (Remembering Clifford), nel 1999 con Nat Adderley e Monty Alexander (That's funky), in cui reinterpretano standard jazz come The Sidewinder , Work Song , Moritat, Blues March e Moanin´ . Durante questo periodo, Golson si è occupato anche di composizioni classiche: nel 1994 ha scritto la sua prima sinfonia Two Faces , che ha debuttato al Lincoln Center di New York. Golson ha anche scritto un pezzo per violino per Itzhak Perlman . Nel 2005 è stato eseguito il suo lavoro di pianoforte classico. Nel 2006 la Juilliard Jazz Orchestra ha eseguito la sua nuova composizione Above And Beyond con Golson come direttore . Dal 2000 ha anche lavorato con Ron Carter , Joe Farnsworth , Pierre-Yves Sorin , Tom McIntosh , Jimmy Amadie , Joris Dudli , Rudolf Daek , Aaron Diehl , Valery Ponomarev . Ha anche continuato a registrare album a suo nome, come Horizon Ahead nel 2015 , con Mike LeDonne , Buster Williams e Carl Allen .

Lo stile musicale di Benny Golson

Benny Golson ha esplorato il potenziale romantico dell'hard bop come solista, compositore e arrangiatore con i Jazz Messengers e il Jazztet. Il suo stile è determinato da un tono caldo, delicato, simile a quello di Ben Webster , idee melodiche e armoniche e un lirismo dominante. Quindi segue le idee del suo maestro Tadd Dameron di un suono dolce e dorato, creato da abili processi di scambio vocale dei tre strumenti melodici sassofono (Golson), tromba (Farmer) e trombone (Fuller). Joachim Ernst Berendt descrive la stilistica di Golson in modo un po' prosaico usando l'esempio della sua arte dell'improvvisazione, che è un pezzo del passato pieno di malinconia, magia ormai lontana, come lo sono i suoi arrangiamenti. I modelli di ruolo di Golson sono i solisti del sassofono tenore del late swing e del bebop, come Coleman Hawkins , Lucky Thompson , Don Byas e Paul Gonsalves , integrando anche il suono rhythm and blues di Eddie Lockjaw Davis . Il suo stile fu in seguito stimolato da tenoristi contemporanei come John Coltrane . Il suo vibrato con il suo ronzante suono oscuro ha creato un suono davvero unico nel jazz.

Premi

Nel 1995 Benny Golson ha ricevuto il Jazz Masters Award . Ha conseguito lauree honoris causa dal William Paterson College, Wayne, New Jersey e dalla Berklee School of Music, Boston, MA.

Le composizioni

Le sue composizioni più famose includono:

Golson afferma di aver scritto o arrangiato oltre 300 brani nel corso della sua carriera musicale, come per Count Basie , John Coltrane , Miles Davis , Ella Fitzgerald , Dizzy Gillespie , Benny Goodman , Lionel Hampton , Shirley Horn , Quincy Jones , Peggy Lee , Carmen McRae , Anita O'Day , Oscar Peterson , Mel Tormé , George Shearing e molti artisti pop, oltre che per serie TV e film come M*A*S*H , Mannix , Mission Impossible e spot per aziende come Chevrolet, Gilette, Heinz, Mattel, Texaco.

Discografia (selezione)

Come leader

1957: Walkin´ ( Fresh Sound Records ) con Freddie Hubbard, Curtis Fuller, Eric Dolphy, Wayne Shorter, Bill Evans 1957: New York Scene (OJC) di Benny Golson con Art Farmer, Julius Watkins, Gigi Gryce, Sahib Shihab

  • 1957: Il tocco moderno (OJC) con Kenny Dorham, JJ Johnson, Wynton Kelly
  • 1958: Benny Golson And the Philadephians (United Artists / Blue Note) con Lee Morgan, Ray Bryant, Bobby Timmons, Percy Heath
  • 1958: L'altro lato di Benny Golson (OJC) con Curtis Fuller, Barry Harris, Jimie Merritt
  • 1959: Via con Golson (OJC) con Curtis Fuller, Ray Bryant
  • 1959: Groovin 'With Golson (OJC) con Curtis Fuller, Ray Bryant
  • 1959: Ottenere 'With It (New Jazz / OJC) con Fuller, Tommy Flanagan, Doug Watkins
  • 1960: Prendi un numero da 1 a 10 (Argo)
  • 1962: Punto di svolta (Mercurio), Libero (Argo)
  • 1965: Tre piccole parole (Jazz House) con Stan Tracey, Rick Laird, Billy Hart
  • 1967: Sintonizzati, accendi (Verve) con Art Farmer, Eric Gale
  • 1979: Blues in discesa
  • 1983: Messaggio della California (senza tempo) con Curtis Fuller
  • 1983: Questo è per te, John (senza tempo) con Pharoah Sanders, Cedar Walton, Ron Carter, Jack De Johnette
  • 1985: Il tempo parla (senza tempo) con Freddie Hubbard, Woody Shaw, Ben Riley, Kenny Barron, Cecil McBee
  • 1986: Benny saltato su! (Arkadia) con Kevin Hays
  • 1989: Live (Dreyfus) con Mulgrew Miller, Peter Washington, Tony Reedus
  • 1990: Stardust (Denon) con Freddie Hubbard, Ron Carter, Marvin Smith, Mulgrew Miller
  • 1990: Benny Golson Quartet (LRC) con Mulgrew Miller, Rufus Reid, Tony Reedus
  • 1991: Domingo (Dreyfus) con Curtis Fuller
  • 1992: Ricordo Miles (Evidence) Eddie Henderson, Curtis Fuller, Mulgrew Miller, Ray Drummond
  • 1996: Tenor Legacy (Arkadia) con Branford Marsalis, James Carter, Harold Ashby
  • 1997: Ricordando Clifford (Milestone) con Ron Blake
  • 1999: That's Funky (Arkadia) con Nat Adderley, Monty Alexander, Ray Drummond, Marvin Smitty Smith
  • 2003: The Masquerade Is Over (Azzurra Music) con Massimo Faraó, Aldo Zunino e Bobby Durham
  • 2009: nuovo tempo, nuovo `tet (Concord Music Group)
  • 2016: Horizon Ahead (High Note) con Mike LeDonne, Buster Williams, Carl Allen

The Art Farmer / Benny Golson Jazztet

  • The Complete Argo / Mercury Art Farmer / Benny Golson Sessions con i dischi Jazztet
  • Incontra il Jazztet
  • The Jazztet - Big City Sounds (Argo)
  • Il Jazztet Il Jazztet e John Lewis (Argo)
  • Il Jazztet a Birdhouse (Argo)
  • Qui e ora (Mercurio)
  • Un altro idiota insieme (Mercurio)
  • Moment To Moment (Soul Note, 1983) Farmer, Golson, Fuller, Mickey Tucker (p), Ray Drummond (b), Albert Heath (dr)
  • Real Time (Contemporary, 1986) Farmer, Golson, Fuller, Mickey Tucker (p), Ray Drummond (b), Marvin Smitty Smith (dr)
  • Back To The City (Contemporary, 1986) Farmer, Golson, Fuller, Mickey Tucker (p), Ray Drummond (b), Marvin Smitty Smith (dr)

Come sideman

Benny Golson ha registrato dischi come sideman con Ahmed Abdul-Malik , Conte Candoli , Eric Dolphy , Dizzy Gillespie , Ernie Henry , Philly Joe Jones , Roland Kirk , John Lewis , Abbey Lincoln , Bill Henderson , Dinah Washington e Lem Winchester . I dischi sono tra le sue registrazioni più importanti come sideman

  • Art Blakey e i messaggeri del jazz: Moanin´ (Blue Note, 1958)
  • Art Blakey e i messaggeri del jazz: Parigi 1958 (RCA Bluebird)
  • Art Farmer: arte moderna (Blue Note, 1958)
  • Curtis Fuller: Blues-ette ( Savoy Records , 1959), The Curtis Fuller Jazztet con Benny Golson (Savoy, 1959)
  • Wynton Kelly: Kelly Blue (OJC, 1959)
  • Kevin Mahogany : Hai quello che serve (Enja, 1995)
  • Junior Mance: Floating Festival Trio ( Chiaroscuro , 1995)
  • Charles Mingus: Dinastia Mingus (Columbia, 1959)
  • Blue Mitchell: Out Of The Blue (OJC, 1959), Blues On my mind (OJC, 1959)
  • James Moody: Moody's Mood For Love (Scacchi, 1956/7)
  • George Russell: New York, NY (Impulse!, 195859)
  • Lem Winchester : Winchester Special (New Jazz Records / OJC, 1959)

collezione

letteratura

  • Siegfried Schmidt-Joos: Jazz - Volto di una musica , 1960
  • Joachim Ernst Berendt: Il libro del jazz . Krüger, Francoforte sul Meno 1976, ISBN 3-59-6105153
  • Bob Blumenthal: Note di copertina dal 2004 per l'edizione in CD The Complete Argo / Mercury Art Farmer / Benny Golson / Jazztet Sessions (Mosaic)
  • Stanley Crouch, note di copertina per The Art Farmer / Benny Golson Jazztet / Back To The City (Contemporary, 1986)
  • Martin Kunzler : Lessico Jazz. Volume 1: A L (= rororo-Sachbuch. Vol. 16512). 2a edizione. Rowohlt, Reinbek vicino ad Amburgo 2004, ISBN 3-499-16512-0 .
  • Richard Cook , Brian Morton : The Penguin Guide to Jazz Recordings . 8a edizione. Penguin, Londra 2006, ISBN 0-14-102327-9 .

curiosità

Benny Golson ha recitato nel film Terminal come attore non protagonista nella scena finale. Ha incarnato se stesso.

link internet

Osservazioni

  1. Sulla scia della dolorosa perdita del trombettista appena ferito a morte, Clifford Brown scrisse questo pezzo Golson 1956: È stato creato spontaneamente durante un'esibizione con la band di Gillespie, appreso come i musicisti dell'incidente e Golson sulla sua commedia Whisper Not improvierierte
  2. L'amico di Filadelfia di Golson, John Coltrane ha mediato il pezzo per Davis, citato da Bert Noglik, Jazzzeitung 2006/2
  3. Il suo predecessore nella band all'epoca, Jackie McLean , aveva perso la licenza per esibirsi, la tessera del cabaret, a causa di un reato di droga. Inizialmente Golson avrebbe dovuto intervenire solo per un'apparizione a breve termine al Cafe Bohemia di New York , ma poi è diventato un membro permanente dei Jazz Messengers: Blakey ha subito riconosciuto il suo talento musicale e organizzativo; Golson si prese cura delle finanze della band, determinò il repertorio, contribuì con i propri pezzi e assunse nuovi musicisti. Golson lasciò Art Blakey senza combattere, ma i Jazz Messengers non potevano esistere con due leader a lungo termine; citato da Bert Noglik, nel 75° compleanno di Benny Golson, Jazzzeitung 2004/2
  4. RCA Bluebird - registrato al St. Germain Jazz Club, Parigi, 21 dicembre 1958
  5. La band Fuller che questo disco ha preso come The Curtis Fuller Sextets su
  6. Allo stesso tempo, Farmer e Golson stanno lavorando a progetti solisti - Benny Golson: Take A Number From 1 To 10 (Argo, 13 dicembre 1960); The Benny Golson Quartet: Turning Point ( Mercury Records 1962), Free (Argo, 1962) - Art Farmer: Perception (Argo, 1961), Listen To Art Farmer & The Orchestra (Mercury 1962)
  7. L'ultima registrazione di Nat Adderley della sua composizione
  8. citato da Kunzler, p.420
  9. citato da Berendt Das Jazzbuch , p.213
  10. citato da Stanley Crouch , note di copertina su Jazztet / di nuovo alla città
  11. ^ Sito ufficiale di Benny Golson
  12. (I 7 CD contengono le sessioni dei Jazztet dal 1960 al 1962 e i progetti solisti dei due musicisti con Argo/Mercurio fino al 1962)
  13. (Farmer, Fuller, Golson, McCoy Tyner (p), Addison Farmer (b), Lex Humphries (dr), 6 febbraio, 9 febbraio, 10 febbraio 1960)
  14. (Farmer, Golson, Tom McIntosh (tb), Cedar Walton (p), Tommy Williams (b), Albert Heath (dr), 16 settembre, 19 settembre, 20 settembre 1960)
  15. ((Farmer, Golson, Tom McIntosh (tb), Cedar Walton (p), Tommy Williams (b), Albert Heath (dr), John Lewis (arr), 20-21 dicembre 1960, 9 gennaio 1961))
  16. (Farmer, Golson, Tom McIntosh (tb), Cedar Walton (p), Tommy Williams (b), Albert Heath (dr), Live Chicago, Birdhouse, 15 maggio 1961)
  17. ((Farmer, Golson, Grachan Monchur III (tb), Harold Mabern (p), Herbie Lewis (b), Roy McCurdy (dr), New York, 28 febbraio 1962), i titoli Sonný Back sono stati rilasciati come singoli rilasci e Tonk
  18. (Farmer, Golson, Grachan Monchur III (tb), Harold Mabern (p), Herbie Lewis (b), Roy McCurdy (dr), New York, 28 maggio 1962), i brani Another Git Together furono pubblicati come singoli e Stazione Spaziale
  19. Selezione basata su Morton & Cook, Penguin Guide to Jazz su CD

Opiniones de nuestros usuarios

Alessandro Ferretti

Era da molto tempo che non vedevo un articolo sulla Benny Golson scritto in modo così didascalico. Mi piace

Raffaella Brambilla

Non so come sono arrivato a questo articolo sulla Benny Golson, ma mi è piaciuto molto

Lina Gori

Finalmente! Oggi sembra che se non ti scrivono articoli di diecimila parole non sono contenti. Signori scrittori di contenuti, questo è un buon articolo su Benny Golson

Giovanni D'angelo

Grande scoperta questo articolo su Benny Golson e tutta la pagina. Va direttamente nei preferiti, Grande scoperta questo articolo su Benny Golson e tutta la pagina