Benny Benjamin



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benny Benjamin. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benny Benjamin sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benny Benjamin e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benny Benjamin. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benny Benjamin! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benny Benjamin, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

William "Benny" Benjamin (nato il 25 luglio 1925 a Detroit , 20 aprile 1969 a Detroit) è stato un batterista americano che ha raggiunto la fama con il suo lavoro per la Motown negli anni '60.

Benjamin aveva suonato con alcune grandi band negli anni '40 e '50 prima di diventare il primo batterista della Motown. Insieme a James Jamerson ha formato il nucleo dei Funk Brothers , la leggendaria band in studio della Motown. Alcuni produttori dell'etichetta R&B di Detroit, compreso lo stesso Berry Gordy , si rifiutarono persino di registrare a meno che Jamerson e Benjamin non formassero la sezione ritmica.

I successi che Benjamin ha accompagnato includono Dancing in the Streets di Martha & the Vandellas , Do You Love Me by Contours , Baby Love e My World Is Empty Without You di Supremes , Get Ready by Temptations , Going to a Go-Go and Shop Around by the Miracles , I Heard It Through the Grapevine di Gladys Knight & the Pips , Money (That's What I Want) di Barrett Strong , My Guy di Mary Wells , Stubborn Kind of Fellow di Marvin Gaye , Uptight (Everything's Alright) di Stevie Wonder , così come le canzoni dei Four Tops .

Benjamin era famoso per essersi presentato tardi per le sessioni e per aver inventato scuse originali. Una volta trovato addormentato alla batteria da un produttore della Motown, si è svegliato e ha iniziato a suonare lo strumento gridando "Papa-Zita, Papa-Zita, Papa-Zita". Questo gli è valso il soprannome di "Papa Zita".

Alla fine degli anni '60 Benjamin divenne dipendente da eroina e alcol e morì di ictus il 20 aprile 1969 . Nel 2003 è stato inserito postumo nella Rock and Roll Hall of Fame nella categoria Sidemen .

Nel 2016, Rolling Stone ha elencato Benjamin come undicesimo dei 100 migliori batteristi di tutti i tempi .

Prove individuali

  1. 100 Greatest Drummers of All Time. Rolling Stone , 31 marzo 2016, accesso 6 agosto 2017 .

Opiniones de nuestros usuarios

Emanuela Ferrari

Questo post su Benny Benjamin mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., L'informazione su Benny Benjamin mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., Corretto

Rossana Rosa

Avevo bisogno di trovare qualcosa di diverso sulla Benny Benjamin, non la tipica roba che si legge sempre su internet e mi è piaciuto questo articolo sulla Benny Benjamin, Ottimo post sulla Benny Benjamin

Silvio Bosco

Trovo molto interessante il modo in cui è scritto questo post sulla Benny Benjamin, mi ricorda i miei anni di scuola. Che bei tempi, grazie per avermi riportato lì

Gerardo Bucci

L'articolo sulla Benny Benjamin è completo e ben spiegato. Non toglierei o aggiungerei una virgola, L'articolo su Benny Benjamin è completo e ben spiegato