Benno von Arent (tenente generale)



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benno von Arent (tenente generale). Secoli e secoli di conoscenza umana su Benno von Arent (tenente generale) sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benno von Arent (tenente generale) e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benno von Arent (tenente generale). Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benno von Arent (tenente generale)! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benno von Arent (tenente generale), ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benno Richard Arent , dal 1891 von Arent (nato il 1 febbraio 1823 a Guhrau , il 2 agosto 1899 a Görlitz ) è stato un tenente generale prussiano .

Vita

origine

Benno era il figlio di Rittmeister Christoph Friedrich Arent (17881827) e di sua moglie Jeanette Augustine, nata Hellpape (17991874).

Carriera militare

Ha studiato nella scuola privata del direttore Knauth a Königsberg in Prussia . Da lì è arrivato nella casa dei cadetti a Berlino come pensionato . Venne poi il 9 agosto 1840 come sottotenente nel 2 ° Reggimento Leibhusaren . Nel 1848 prese parte alla lotta contro una rivolta a Poznan . Dal 1 ° novembre 1849 al 6 novembre 1850 è stato alla scuola di equitazione militare a Schwedtdistaccato. Tornò al suo reggimento, ma fu nuovamente assegnato alla scuola di equitazione militare dal 1 aprile 1851 al 30 settembre 1851. Promosso a primo tenente il 22 giugno 1852, entrò a far parte della scuola di veterinaria il 15 ottobre 1853. Fu poi assegnato dall'8 maggio al 16 ottobre 1854, come ufficiale ausiliario nella commissione di acquisto di Remonte per le province centrali. Dopo il suo ritorno è tornato alla scuola di medicina animale.

Dal 15 maggio 1855 al 15 novembre 1857, con brevi interruzioni, fu più volte assegnato come ufficiale ausiliario alla commissione acquisti di Remonte. Promosso a Rittmeister il 18 agosto 1857, entrò a far parte del 2 ° Reggimento Ussari Landwehr il 15 novembre 1857 come capo squadriglia. Dal 27 maggio 1858 al 15 novembre 1858 fu il primo assistente ufficiale della commissione acquisti di Remonte in Prussia. Dal 26 aprile al 18 agosto 1859 fu il capo della squadriglia sostitutiva del 2 ° reggimento Leib-Hussar e il 30 giugno 1859 capo squadriglia del reggimento. Il 13 settembre 1862 fu poi insignito del Crown Order, 4a classe . Dall'11 dicembre 1863 al 15 giugno 1864 il reggimento ricevette l'ordine di occupare il confine con Trzemeszno (Tremessen) e Gnesen . Divenne maggiore il 7 giugno 1866 e ricevette la croce di servizio il 13 giugno 1866 .

Durante la guerra tedesca del 1866 combatté vicino a Rudelsdorf, Tobitschau, Rokitnitz e Königgrätz . Dopo la guerra, entrò a far parte dell'8 ° reggimento ussari il 30 ottobre 1866, come ufficiale di stato maggiore . Gli fu affidato il comando del reggimento l'11 dicembre 1869 e fu posto alla suite del reggimento. Il 10 marzo 1870 fu confermato comandante del reggimento e il 26 luglio 1870 fu promosso tenente colonnello. Durante la guerra franco-prussiana ha combattuto l' assedio di Metz , le battaglie di Colombey e Gravelotte e le battaglie vicino a Saarbrücken, Ars-Laquenery, Peltre, Merry-le-Haut, Auxerre, Toucy, Champlitte, Marnay, Byans e Pantarlier. Per questo ricevette la 2a classe della Croce di ferro il 12 settembre 1870 e la 1a classe della Croce di ferro il 19 gennaio 1871 e il 18 gennaio 1872 fu promosso a colonnello.

Dopo la guerra, il 16 novembre 1874, gli fu dato il comando della 1 ° Brigata di Cavalleria e gli fu assegnato à la suite dell'8 ° Reggimento Ussari; il 2 gennaio 1876 fu confermato comandante. Il 2 gennaio 1877 salì a maggiore generale e il 31 agosto 1878 ricevette l' Ordine dell'aquila rossa, 2a classe con foglie di quercia , e il 9 settembre 1879, l' Ordine della corona, 2a classe con una stella . Il 7 dicembre 1882 fu quindi messo a disposizione con il carattere di tenente generale . Il 22 marzo 1897 ricevette la stella per l'Ordine dell'Aquila Rossa. Morì a Görlitz il 2 agosto 1899.

In riconoscimento dei suoi servizi, Arent fu elevato alla nobiltà prussiana ereditaria il 25 luglio 1891 a bordo della Hohenzollern a Tromsø .

famiglia

Arent aveva sposato Wilhelmine Clara Klothilde von Knobelsdorff (1829-1908) dalla casa Topper il 12 dicembre 1855 a Schwedt . Era la figlia del consigliere cavalleresco Ernst von Knobelsdorff.

Il matrimonio ha avuto come risultato i seguenti figli:

  • Ernst Benno Friedrich (* 1856), tenente colonnello prussiano 1886 Ottilie Wißmann (* 28 settembre 1862)
  • Victor Benno (* 1860), maggiore generale prussiano 1896 Magarethe Reimer (* 26 aprile 1872)
  • Klothilde Melida Antonie (1864-1931)
  • Edvige Klara Auguste (* 1865)
  • Karl Wilhelm Benno (18681904), tenente colonnello prussiano 1897 Therese Wolff (nata il 15 aprile 1877), genitori dell'architetto Benno von Arent

letteratura

Opiniones de nuestros usuarios

Benito Greco

È sempre bene imparare. Grazie per l'articolo su Benno von Arent (tenente generale)

Federica Marra

Finalmente un articolo su Benno von Arent (tenente generale) che è facile da leggere, Grazie per questo post su Benno von Arent (tenente generale)

Angelina Gori

Trovo molto interessante il modo in cui è scritto questo post sulla Benno von Arent (tenente generale), mi ricorda i miei anni di scuola. Che bei tempi, grazie per avermi riportato lì