Benno Smytt



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benno Smytt. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benno Smytt sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benno Smytt e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benno Smytt. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benno Smytt! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benno Smytt, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benno Smytt (nato il 20 settembre 1898, presumibilmente in Danimarca ; 22 aprile 1973 a Vienna ) è stato un attore austriaco sul palcoscenico e nel cinema.

Vivi e agisci

Probabilmente dalla Danimarca, Smytt ha ricevuto la sua formazione artistica poco dopo la fine della prima guerra mondiale ed è apparso in teatro senza lasciare tracce importanti. Poi andò a Vienna, dove Benno Smytt fu portato davanti alla telecamera nell'inverno 1923/24. I suoi primi ruoli lo hanno portato al fianco dell'allora star del cinema Carmen Cartellieri , le riprese esterne per l'ambizioso film La vendetta dei faraoni lo hanno persino portato in Egitto. Nel 1925 apparve al fianco dei suoi presunti compatrioti Pat e Patachon nella commedia viennese Due vagabondi al Prater . Il duo comico danese ha poi portato Smytt a Copenaghen per un film successivo di Pat & Patachon. Tornato a Vienna, Benno Smytt ha temporaneamente concluso la sua carriera cinematografica con una produzione tedesca girata a Vienna e ha trascorso i decenni successivi principalmente sul palcoscenico.

Nella stagione 1926/27 è membro del Free Theatre della capitale e nella stagione successiva si trasferisce al New City Theatre di Teplitz-Schönau nella Repubblica Ceca. È stato anche in grado di lavorare come regista su questo palcoscenico di lingua tedesca per la prima volta. Il suo genere preferito qui era la commedia leggera e la commedia, ma ha anche diretto pezzi della "Nuova oggettività". Le produzioni Smytt furono chiamate, tra le altre cose, Mädel von heute (ottobre 1928), Marriage Circus (gennaio 1929) e Calcutta, 4 maggio (aprile 1929) sulla base dell'omonimo modello di Lion Feuchtwanger . Nella stagione 1929/30 mette in scena La donna dell'altro (Hackett) in Teplitz , L' uomo porta ancora un cuore (Kranz), Affari con l'America (Hirschfeld) e Scampolo (Niccomedi), commedia con la quale ottenne un grande successo a maggio Il 1930 potrebbe festeggiare. I suoi ruoli più noti al Neues Stadttheater includono Mortimer in Maria Stuart di Friedrich Schiller , il tenente Marrien in October Day (basato su Georg Kaiser), Richard Dudgeon, ruolo da protagonista in The Devil's Student di GB Shaw , Romeo nel classico di Shakespeare Romeo e Giulietta , e Tellheim in Minna von Barnhelm di Lessing , Liliom nell'omonima commedia di Franz Molnar, Jochen in The Merry Vineyard di Zuckmayer , Appollodorus in Shaw's Caesar and Cleopatra , il giovane Piccolomini in Schiller Wallenstein e Mackie Messer in Brecht / Weill's Die Dreigroschenoper .

Benno Smytt lasciò nuovamente la Cecoslovacchia nel 1930 e seguì una chiamata come attore allo Schauspielhaus di Zurigo, a cui sarebbe rimasto fedele per tre anni. Dal 1934 fino alla sua morte nella primavera del 1973, Benno Smytt ha fatto parte dell'ensemble del Vienna Volkstheater ininterrottamente; doveva essere il suo periodo artisticamente più fertile. La pletora dei suoi ruoli include, ad esempio, The Poor Swallower in On Ground Floor and First Floor di Nestroy , Morten Kiil in Ein Volksfeind di Ibsen (1948), Melancholenkow in Das Haus der Temperamente di Nestroy (1953, aggiornato da Helmut Qualtinger ) e un prete in Peer Gynt e il vecchio Ekdal in Die Wildente , altri due pezzi di Henrik Ibsen. Dopo la seconda guerra mondiale, anche Benno Smytt è tornato sporadicamente davanti alla telecamera ed è apparso in ruoli per lo più piccoli nel cinema e, dagli anni '60, in film per la televisione. Come membro dell'ensemble Volkstheater, potrebbe essere visto nell'adattamento televisivo del 1962 di Die Stützen der Gesellschaft di Ibsen , dove interpretava il costruttore navale Aune. Il suo ruolo cinematografico più noto è stato il vecchio imperatore Francesco Giuseppe nel romanzo militare e in costume Imperial Maneuvers di Franz Antel . Benno Smytt ha ricevuto il premio del pubblico per la stagione 1971/72, che viene assegnato ogni anno dal pubblico del Volkstheater Wien a un attore dell'ensemble.

Filmografia

letteratura

  • Glenzdorfs Internationales Film-Lexikon, terzo volume, Bad Münder 1961, p. 1625
  • Deutsches Theater-Lexikon, manuale biografico e bibliografico, fondato da Wilhelm Kosch, continuato da Ingrid Bigler-Marschall. Volume IV, Singer-Tzschoppe. 1998. p. 1625

Prove individuali

  1. Benno Smytt negli archivi della Reich Chamber of Culture / Reich Film Chamber

link internet

Opiniones de nuestros usuarios

Renato Melis

A volte, quando si cercano informazioni su internet su qualcosa, si trovano articoli troppo lunghi e che insistono a parlare di cose che non ti interessano. Mi è piaciuto questo articolo su Benno Smytt perché va al punto e parla esattamente di quello che voglio, senza perdersi in informazioni inutili, È un buon articolo su Benno Smytt

Vincenza Greco

Buon articolo su Benno Smytt

Ida Valenti

Mi piace il sito, e l'articolo sulla Benno Smytt è quello che stavo cercando

Carmelo Giusti

In questo post sulla Benno Smytt ho imparato cose che non sapevo, quindi ora posso andare a letto

Vittorio Lombardi

Grande post su Benno Smytt, Grande post su Benno Smytt