Benno Diederich



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benno Diederich. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benno Diederich sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benno Diederich e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benno Diederich. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benno Diederich! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benno Diederich, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benno Diederich (pseudonimo: Raatz ) (nato il 13 marzo 1870 a Berlino ; 15 novembre 1947 ad Amburgo ) è stato un insegnante , filologo , autore e biografo tedesco .

Vivi e agisci

Diederich nacque figlio di un segretario delle ferrovie e frequentò l'Humboldtgymnasium di Berlino e dal 1885 il liceo Christianeum di Altona , dove fu licenziato nel 1889 con la licenza . Ha poi studiato lingue antiche e tedesco presso l' Università Georg-August di Göttingen . Lì si unì all'inizio del 1890 nel collegamento e nella successiva confraternita Holzminda uno. Nel 1891 si trasferì all'Università di Kiel , dove sostenne gli esami e il dottorato nel 1894 . Ha fatto il suo anno di seminario ad Altona e il suo anno di prova al Matthias-Claudius-Gymnasium a Wandsbek . Nel 1897 fu nominato insegnante di sostegno scientifico presso la scuola secondaria di Blankenese , dove divenne insegnante senior nel 1899 . Nello stesso anno frequenta il liceo a Lubecca ; da lì in poi alla dotta scuola del Johanneum di Amburgo, dove insegnò, tra l'altro, Hans Erich Nossack . Fu anche fondatore e gestore di un salotto letterario . Morì quasi completamente cieco ad Amburgo nel 1947. Ha avuto due figlie, una - Ursula Schuh - ha guadagnato fama come pittrice e scenografa.

Ha scritto numerose opere, tra cui le biografie di Émile Zola e Alphonse Daudet .

Pubblicazioni

  • Quomodo dei in Homeri Odyssea cum hominibus commercium faciant. Tesi, Kiel 1894 ( online su Archive.org).
  • Emile Zola. Lipsia 1898.
  • Regina Elisabetta di Romania (Carmen Sylva). Un'immagine della vita. Lipsia 1898.
  • Zola e il Rougon-Macquart. Amburgo 1899.
  • L'ambiente di Émile Zola. 1899.
  • Alfonso Daudet. La sua vita e le sue opere. Berlino 1900 e Amburgo 1901.
  • Granduca Pietro di Oldenburg. Fogli promemoria. Blankenese 1900.
  • Sulle storie di fantasmi, sulla loro tecnologia e sulla loro letteratura. Lipsia 1903.
  • L'hamburger. Immagini di personaggi della letteratura del nostro tempo. Amburgo 1909.
  • Visita guidata all'arte. Amburgo 1909.
  • Poeti di Amburgo. Lipsia 1910.
  • Friederike. 1911.
  • Principessa Orsola. Una fiaba di Natale in cinque atti. Lipsia 1912.
  • Le più belle storie dell'antica Grecia. Stoccarda 1914.
  • Una guerra mondiale nell'antichità. Stoccarda 1914.
  • Dai vecchi imperi del mondo. Stoccarda 1914.
  • L'ascesa della Prussia. Berlino 1915.
  • Bolscevismo ed espressionismo. Amburgo 1921.
  • L'affondamento del Carnatic. Storie infestate. Amburgo 1927. (come redattore)
  • Sessualismo, la degenerazione sessuale del presente. Amburgo 1929.
  • Johann Melchior Goeze, avversario di Lessing. In: Der Staatsdiener 1936 n. 6. Amburgo 1936. pp. 110-111.
  • Agrippa di Nettesheim. Un secondo pugno; nel giorno della sua memoria, il 14 settembre. In: Börsen-Zeitung del 13 settembre 1936 Berlino.
  • Il messaggero di Wandsbeck. Per i 200 anni di Mattia Claudio. In: Giornale della Chiesa di Amburgo. Vol. 16. Amburgo 1940.
  • Le storie di Erodoto. Raccontato da Benno Diederich. Stoccarda 1987. (Nuovo ordinamento)

letteratura

  • Helge Dvorak: Lessico biografico della Burschenschaft tedesca. Volume II: Artisti. Inverno, Heidelberg 2018, ISBN 978-3-8253-6813-5 , pp. 134-135.
  • Recensione del poeta di Amburgo : Dr. S. Schwarz nell'Hamburger Nachrichten , stampato in: Lundius (Ed.): Alte-Herren-Zeitung della confraternita di Holzminda Göttingen , 13° anno, Altona-Ottensen 1911, pp. 90-94.
  • Franz Kössler: Dizionario personale degli insegnanti del XIX secolo. Biografie professionali da rapporti annuali scolastici e programmi scolastici 18251918 , Volume Daase - Dzialash, Preprint Giessen 2007, p.81 f. (PDF; 3.5 MB)

Evidenze individuali

  1. ^ A b Wilhelm Ebel : Il registro della Georg-August-Universität zu Göttingen 1837-1900. Hildesheim 1974. (n. 64776, immatricolato il 21 ottobre 1889)
  2. Willy Nolte (a cura di): Burschenschafter Stammrolle. Elenco dei membri della Burschenschaft tedesca secondo lo stato del semestre estivo 1934. Berlino 1934. P. 84.
  3. a b Roswitha Quadflieg: Beckett era qui. Amburgo nel diario di Samuel Beckett del 1936. Amburgo 2006, pagina 34.
  4. Hans Erich Nossack: Glosse pseudobiografiche . Francoforte sul Meno 1971, pagina 23 f.

Opiniones de nuestros usuarios

Giulia Agostini

Finalmente! Oggi sembra che se non ti scrivono articoli di diecimila parole non sono contenti. Signori scrittori di contenuti, questo è un buon articolo su Benno Diederich

Claudia Vitali

Buon articolo su Benno Diederich

Renzo Borghi

Grande scoperta questo articolo su Benno Diederich e tutta la pagina. Va direttamente nei preferiti, Grande scoperta questo articolo su Benno Diederich e tutta la pagina

Alessio Rosa

L'informazione su Benno Diederich è molto interessante e affidabile, come il resto degli articoli che ho letto finora, che sono già molti, perché sto aspettando da quasi un'ora il mio appuntamento su Tinder e lui non si presenta, quindi penso che mi abbia dato buca. Colgo l'occasione per lasciare qualche stella per la compagnia e per cagare sulla mia fottuta vita