Benno di Meissen



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benno di Meissen. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benno di Meissen sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benno di Meissen e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benno di Meissen. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benno di Meissen! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benno di Meissen, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benno (* sconosciuto, presumibilmente intorno al 1010 a Hildesheim ; 16 giugno 1106 a Meißen ) fu il decimo vescovo di Meißen dal 1066 al 1106 ed è venerato come santo .

Targa commemorativa sulla casa, Markt 9, a Meißen

Vita

Bencio è menzionato per la prima volta nelle fonti come canonico in Goslar . Nel 1028 divenne monaco, nel 1040 fu ordinato sacerdote . Il fatto che avrebbe dovuto essere abate a St. Michael a Hildesheim nel 1042 si basa su una leggenda successiva. Nel 1066 fu ordinato vescovo per la diocesi di Meißen .

Fu coinvolto nella guerra sassone nel 1073 . Bencio cercò di restare fuori dalla disputa, ma fu proprio per questo che il re Enrico IV lo accusò di alto tradimento , perché "non gli aveva dato alcuna prova della sua ininterrotta lealtà durante tutta la guerra sassone..." e lo arrestò. . Nel 1076, Enrico IV dichiarò deposto il papa dopo aver discusso con lui sul privilegio di nominare vescovi nella disputa per le investiture . Bencio, di cui non si sa come sia stato liberato, si dice oggi si sia schierato con il Papa e i principi sassoni e, nel 1077, abbia partecipato all'elezione dell'antire Rudolf von Rheinfelden .

Dopo la morte di Rodolfo si rivolse al nuovo anti-re Hermann von Salm . Per questo fu rimosso dall'incarico da Enrico IV, insieme agli altri vescovi che gli erano decaduti, e furono nominati altri vescovi. Enrico IV nominò anche un antipapa - Clemente III. Bencio chiese perdono a quest'ultimo per la pace, e quest'ultimo lo lasciò tornare nella sua diocesi. Sebbene ora ci fosse un altro vescovo a Meissen, Bencio apparentemente tornò nel suo ufficio senza agitazione.

1084 Era Enrico IV. Incoronato imperatore nel 1103 e prese la tregua con pensieri suicidi, suo padre Enrico III. aveva già fortemente sostenuto e proclamato una pace nazionale nel paese , dove trovò un sostenitore a Benno. Nel corso dell'espansione tedesca ad est , Bencio riuscì ad aumentare incruentamente il possesso della sua diocesi attraverso donazioni di terre nel 1090, 1091 e 1095.

Si dice che i suoi viaggi lo abbiano portato a Bautzen nel Milzenerland . A lui vengono attribuite fondazioni locali come Bischofswerda e Bischheim , ma anche l'inizio della viticoltura nella valle dell'Elba . Si dice che abbia percorso la Via Regia , detta anche Bischofsweg in Alta Lusazia , per lo più a piedi, fino alla vecchiaia.

Deve essere morto tra il 1105 e il 1107. La sua morte non è documentata, ma la data di morte 16 giugno 1106 è stata ipotizzata fin dal Medioevo.

Leggenda

La tradizione che Bencio fosse il figlio illegittimo di Frau Derksen e del conte Friedrich von Woldenburg ( Sassonia ) non è confermata dalle fonti. La Vita Bennonis (1512) di Hieronymus Emser contiene alcuni resoconti leggendari della vita di Benno. Gli vengono attribuiti vari miracoli , ad esempio fece saltare una molla con un colpo di bastone . Si dice che il margravio Heinrich I von Eilenburg , che lo insultò, sia morto dopo un anno, come profetizzò Bencio. Si dice che una chiave che gettò nell'Elba sia stata inghiottita da un pesce e trovata nel ventre del pesce dopo il ritorno del vescovo. Nasce così lo stemma della diocesi di Meissen: una chiave e un pesce che si incrociano. Anche le notizie sull'opera missionaria di Bencio, sulla sua costruzione di chiese e sulla sua promozione del canto religioso sono probabilmente leggenda .

Sepoltura e culto delle reliquie

Le ossa di Benno furono sepolte nella cattedrale romanica di Meißner e sollevate dal vescovo Withego I intorno al 1270 . Con la Via Santa è stato creato in questo contesto un percorso di pellegrinaggio dalla Boemia a Meissen. Dopo l' introduzione della Riforma nel 1539, il vescovo Johann VIII von Maltitz lo fece portare al castello vescovile di Stolpen . Poi sono arrivati alla cattedrale di St. Marien zu Wurzen .

L'ultimo vescovo Meißner Johann IX. von Haugwitz infine li portò, con un certificato di autenticità , al duca Albrecht V in Baviera nel 1576 , dove furono sepolti nella chiesa di Nostra Signora di Monaco nel 1580 . A fine giugno 2019, alcune reliquie sono state restituite alla diocesi di Dresda-Meißen e dovrebbero trovare posto nella Cattedrale di Dresda e nella Cappella del Vescovo nella Casa del Duomo .

Il 1270 costruito nella cattedrale di Meissen dei resti del Santo Monumento, un santuario in pietra a forma di Tumba , fu del 1370/90 da un baldacchino aggiunto, come mostrato in un'incisione su legno del 1512 e del 1523/24 da un'alta tomba di marmo sostituita in le ossa furono trasferite dopo la canonizzazione del 16 giugno 1524. Questo fu distrutto nel 1539 dopo che le ossa furono rimosse. La posizione della tomba alta è stata contrassegnata dal 2017 con una semplice lastra di arenaria al centro della cattedrale, sulla quale si può leggere "BENNO +", ed è anche mostrata pittoricamente sul pavimento della chiesa in un altro luogo.

Santo e patrono

La venerazione del vescovo Benno iniziò già a metà del XIII secolo. I documenti raccontano, tra l'altro, di grandi folle. faceva pellegrinaggi sul santo cammino verso la tomba, sperando in miracoli e guarigioni. Nel 1366, il canonico Konrad Preuss organizzò un servizio commemorativo per il vescovo e anche allora si cercò la canonizzazione .

Ma fu solo nel 1498 che il capitolo della cattedrale di Meißen e in modo speciale Giorgio il Barbuto , duca di Sassonia , si sforzò di canonizzare Benno. Fu il 31 maggio 1523 da papa Adriano VI. proclamò e suscitò violente polemiche tra Martin Lutero ei rappresentanti della Chiesa cattolica . Lutero vide questo come un tentativo di contrastare la diffusione della Riforma in Sassonia e scrisse l'opuscolo "Contro l'idolo e il diavolo, che deve essere elevato a Meissen".

Benno è il patrono di Monaco di Baviera , della Baviera e dell'odierna diocesi di Dresda-Meißen . È anche il patrono dei pescatori e dei drappieri. Inoltre, 14 parrocchie sono subordinate al suo patronato .

Giorno della Memoria

La sua festa cattolica è il 16 giugno. Questo è un giorno di ricordo non obbligatorio nel calendario romano generale , ma una festa solenne nella diocesi di Dresda-Meißen e un giorno di ricordo obbligatorio nella diocesi di Görlitz e nell'arcidiocesi di Monaco e Frisinga.

Patronato e monumenti

Germania:

Polonia:

Austria:

Spagna:

come:

Benno come omonimo

Mostre

  • 2017: Benno von Meißen, primo santo della Sassonia . Albrechtsburg , Meissen. Catalogare.

Film

letteratura

  • Friedrich Wilhelm BautzBenno von Meissen. In: Biographisch-Bibliographisches Kirchenlexikon (BBKL). Volume 1, Bautz, Hamm 1975. 2a, edizione invariata Hamm 1990, ISBN 3-88309-013-1 , Sp. 500-502.
  • David Collins SJ: Bursfelders, umanisti e la retorica della santità: la vitae tardomedievale di San Benno . In: Revue Benedettina . Vol. 111, 2001, pp. 508-556 .
  • David Collins SJ: Riformare i santi . Oxford University Press, Oxford 2008, pp. 3-6, 28-39, 45-46 .
  • Anton Crammer : Breve difesa della salvezza. Benno ... Verlag Johann Nepomuck Fritz, 1774
  • Heinrich Theodor FlatheBenno . In: Allgemeine Deutsche Biographie (ADB). Volume 2, Duncker & Humblot, Lipsia 1875, pagina 339.
  • Johannes Derksen : Il viso solcato . St. Benno-Verlag, Lipsia 1956.
  • Guido Erbrich: Il colpo diretto di Bencio - quando un pallone da calcio vola attraverso la finestra della chiesa . Tipografia e casa editrice Christoph Hille, Dresda 2006, ISBN 3-932858-25-5 (libro per bambini su Benno von Meißen).
  • Guido Erbrich: Beno je trechil! Tipografia e casa editrice Christoph Hille, Dresda 2006, ISBN 3-932858-97-2 (edizione serba del libro per bambini "Bennos Volltreffer").
  • H. Gröger: 1000 anni di Meissen . Casa editrice Klinkicht, Meissen 1929.
  • Norbert Hupbach: Il santo Bencio. Vescovo di Meissen e patrono di Monaco . Tipografia e casa editrice Christoph Hille, Dresda 2006, ISBN 3-932858-95-6 .
  • Karl-Hermann Kandler : Canonizzazione del vescovo Benno von Meißen . Biblioteca della chiesa di Chemnitz (schizzi sulla storia della chiesa sassone).
  • Un tesoro non d'oro. Benno von Meissen. Il primo santo della Sassonia . In: Claudia Kunde, André Thieme (a cura di): Catalogo della mostra speciale, per conto dei Palazzi, Castelli e Giardini di Sassonia gGmbH . Petersberg 2017.
  • Martin Lutero: Contro il nuovo idolo e il vecchio diavolo, che deve essere elevato a Meissen (1524) . In: Opere di D. Martin Lutero. Edizione critica totale . I sezione, volume 15. Weimar 1899, p. 170-198 .
  • Eduard Machatschek : Storia dei vescovi del monastero di Meissen in ordine cronologico: Allo stesso tempo, contribuisce alla storia culturale del Mark Meissen e del duca e dell'elettorato di Sassonia. Edito secondo il Codex diplomaticus Saxoniae regiae , altre fonti credibili e opere storiche comprovate. CC Meinhold, Dresda 1884, pp. 65-94.
  • Willi Rittenbach, Siegfried Seifert: Storia dei vescovi di Meissen 968-1581 . In: Studi sulla diocesi cattolica e la storia del monastero . nastro 8 . St Benno-Verlag, Lipsia 1965, p. 62-75 .
  • Harald SchieckelBenno. In: Nuova biografia tedesca (NDB). Volume 2, Duncker & Humblot, Berlino 1955, ISBN 3-428-00183-4 , pagina 52 e seguenti ( versione digitalizzata ).
  • Philip M. Soergel: Meraviglioso nei suoi santi . Univ. Calif. Pr., Berkeley 1993, pp. 181-191 .
  • Christoph Volkmar: Tzu Monsignor Benno elogiato. La venerazione dei santi Bennos von Meissen nel tardo medioevo . In: Ecclesia misnensis . 2002, pag. 98-113 .
  • Christoph Volkmar: L'elevazione dei santi Bennos von Meißen (1523/24). La pietà tardo medievale, la politica della chiesa sovrana e la critica della Riforma in Albertine Sassonia nel primo periodo della Riforma . Aschendorff, Münster 2002, ISBN 3-402-03810-2 .
  • Helga Wäß (Hrsg.): Forma e percezione della scultura della memoria della Germania centrale nel XIV secolo , Vol. 2: Catalogo di oggetti selezionati dall'alto medioevo all'inizio del XV secolo . Tenea, Berlino e Bristol 2006, ISBN 3-86504-159-0 ; ivi catalogo n.571: Baldachintumba per il vescovo Benno ( 1106) , con ill.
  • Heinz Weise (a cura di): Mark Meißen . 1a edizione. FA Brockhaus Verlag, Lipsia 1989.
  • Herbert Zielinski: Benno . In: Walter Kasper (a cura di): Lessico per la teologia e la Chiesa . 3. Edizione. nastro 2 . Herder, Friburgo in Brisgovia 1994, Sp. 233 f .
  • Benno, S. (1) . In: Johann E. Stadler , Franz Joseph Heim, Johann N. Ginal (eds.): Complete Lexicon of Saints ... , Volume 1 (A D), B. Schmid'sche Verlagsbuchhandlung, Augsburg 1858, p.442  - 443 . - anche qui
  • Ulrich Rasch: Benno von Meißen , Confessio 2/2006, pagina 13

link internet

Commons : Benno von Meißen  - Raccolta di immagini, video e file audio
sui siti diocesani
per la mostra a Meißen 2017

Evidenze individuali

  1. a b Queste informazioni risalgono ad un falso del monaco benedettino di Hildesheim Henning Rose (1510 circa): Martina Giese : Favolosa Vita Bennonis di St. Michael in Hildesheim . In: Claudia Kunde e André Thieme (a cura di): Un tesoro non d'oro. Benno von Meissen. Il primo santo della Sassonia (catalogo della mostra). Petersberg (Assia) 2017, pagina 317.
  2. Ulrich Rasch: Benno von Meißen , Confessio 2/2006, p.13
  3. Così un sassone divenne mecenate di Monaco . In: Münchner Merkur , 1 novembre 2013.
  4. Uta Büttner: Tornano i frammenti ossei di San Benno , Sächsische Zeitung, 16 luglio 2019
  5. Helga Wäß (Ed.): Forma e percezione della scultura della memoria della Germania centrale nel XIV secolo , Vol. 2: Catalogo di oggetti selezionati dall'alto medioevo all'inizio del XV secolo . Tenea, Berlino e Bristol 2006, Catalogo n. 571: Baldachintumba per il vescovo Benno ( 1106) .
  6. a b Matthias Donath (ed.): I monumenti funerari della cattedrale di Meißen. Leipziger Universitätsverlag, 2008, ISBN 978-3-937209-45-6 , pagina 15.
  7. ^ Tombe famose nella cattedrale di Meißen , domenica 10 febbraio 2017
  8. z. B. https://www.erzbistum-muenchen.de/glaube/heilige-selige/heiliger-benno/cont/69344 ; https://www.heiligenlexikon.de/BiographienB/Benno_von_Meissen.html
  9. ^ Filialkirche Lenzing - vecchia chiesa. Canonica cattolica a Saalfelden, visitata il 13 maggio 2021 .
  10. Ermita de San Benón en Villarroya de los Pinares , Miscelánea Turolense, 11 ottobre 2012 (spagnolo)
  11. Sito web St. Benno Altenpflegeheim, Meißen
predecessore ufficio governativo successore
Reiner
( artigianato )
Vescovo di Meissen
1066-1106
Herwig

Opiniones de nuestros usuarios

Pasqualina Garofalo

Pensavo di sapere già tutto sulla Benno di Meissen, ma in questo articolo ho scoperto che alcuni dei dettagli che pensavo fossero buoni non erano così buoni. Grazie per le informazioni

Marcello Ceccarelli

Trovo molto interessante il modo in cui è scritto questo post sulla Benno di Meissen, mi ricorda i miei anni di scuola. Che bei tempi, grazie per avermi riportato lì

Ornella Vitali

Buon articolo su Benno di Meissen