Benjamin Z. Kedar



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benjamin Z. Kedar. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benjamin Z. Kedar sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benjamin Z. Kedar e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benjamin Z. Kedar. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benjamin Z. Kedar! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benjamin Z. Kedar, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benjamin Zeev Kedar (nato il 2 settembre 1938 a Nitra ) è uno storico israeliano . È considerato uno dei massimi esperti internazionali sulle crociate .

Vivi e agisci

Kedar (in piedi 3 ° da sinistra) con il presidente israeliano Reuven Rivlin e gli attuali ed ex presidenti dell'Accademia delle scienze israeliana.

Benjamin Z. Kedar è nato in Cecoslovacchia nel 1938 . Lui ei suoi genitori sono sopravvissuti all'Olocausto nascondendosi tra i contadini slovacchi . Fuggì in Israele nel 1949 all'età di undici anni, dove prestò servizio militare dal 1956 al 1958. Dal 1958 al 1961 ha studiato storia e sociologia presso l' Università Ebraica di Gerusalemme . I suoi insegnanti accademici erano Jacob Katz e Joshua Prawer . Il seminario di Prawer sulla storia del Regno di Gerusalemme e, soprattutto, l'escursione di quattro giorni sotto la sua direzione ai castelli e alle chiese crociate suscitarono l'interesse di Kedar per la storia delle Crociate e dell'Oriente latino. Ha completato i suoi studi nel 1961 con una laurea e nel 1965 con un master di Joshua Prawer. Dal 1963 al 1965 è stato assistente di storia presso l'Università Ebraica di Gerusalemme. Alla Yale University dal 1965 al 1969 ha lavorato al suo dottorato di ricerca. nella storia medievale. Lì ha conseguito il dottorato nel 1969 con Roberto Sabatino Lopez . L'influenza di Stephan Kuttner è stata significativa a Yale . Ha mostrato a Kedar l'importanza del diritto canonico per la storia sociale e culturale. Kedar è tornato in Israele nel 1969 ed è stato docente di storia all'Università Ebraica di Gerusalemme fino al 1976 . Nel 1976 è diventato un docente senior lì. Come soldato di riserva è stato arruolato nel 1973 e ha servito come sergente delle comunicazioni nella guerra dello Yom Kippur . Kedar era un borsista di Alexander von Humboldt nel 1976/77 a Monaco presso la Monumenta Germaniae Historica . Dalla sua permanenza a Monaco è emerso uno studio che tratta del manoscritto di Monaco Clm 28195. Nella lettera del settembre 1187, il patriarca di Gerusalemme Eraklius riferì della situazione disperata a Gerusalemme e chiese a papa Urbano III. per un aiuto. Nel 1976 è diventato professore a contratto di storia presso l'Università Ebraica di Gerusalemme. Kedar ha svolto un soggiorno di ricerca presso l' Institute for Advanced Study di Princeton nel 1981/82 . È diventato professore associato nel 1981 e professore presso l'Università ebraica di Gerusalemme nel 1986. Lì ha fondato un istituto di ricerca per la storia (The School of History) nel 1999 e ne è diventato il primo direttore. Dal 2001 al 2005 è stato direttore dell'Istituto di studi avanzati di Gerusalemme. Nel 2007 è andato in pensione.

I suoi principali interessi di ricerca sono il Regno di Gerusalemme , le fotografie aeree come fonti storiche, lo spostamento come tema della storia del mondo e la sopravvivenza culturale in condizioni di totale collasso politico. Kedar ha presentato una ricerca fondamentale sul tempo delle Crociate e sul mondo mediterraneo nel Medioevo.

La sua dissertazione trattava del comportamento dei mercanti genovesi e veneziani e della depressione del XIV secolo. In esso ha unito storia, economia e psicologia. Ha cercato di affrontare la crisi del XIV secolo in termini di mentalità . In esso rappresentava la tesi di un notevole cambiamento nella mentalità dei mercanti nelle due città mercantili marittime a causa della crisi economica iniziata negli anni Trenta del XIV secolo. Ciò che è stato ottenuto dovrebbe essere garantito piuttosto che ampliato. I mercanti presero vari accordi come l'assicurazione marittima o cercarono l'assistenza dei santi. Alle nostre navi e ai bambini venivano dati sempre più nomi di santi. Lo studio è apparso nel 1981 nella traduzione italiana fornita da Giulia Barone.

Nel suo lavoro pubblicato nel 1984 ( Crociata e missione: approcci europei verso i musulmani ) si è occupato degli incontri interculturali tra europei e musulmani. Ha anche studiato le comunità ebraiche nel Mediterraneo. Sulla base di un concetto sviluppato da Kedar, la Monumenta Germaniae Historica ha firmato un accordo formale con l' Accademia delle scienze di Israele per pubblicare congiuntamente la serie Hebrew Texts from Medieval Germany . Il primo volume è stato pubblicato nel 2005.

Insieme a Peter Herde , è diventato noto a un pubblico di lingua tedesca più ampio con il suo studio sullo storico di stato bavarese Karl Bosl e l'esposizione dei suoi intrecci nazionalsocialisti , che è stato pubblicato in traduzione tedesca nel 2011 e 2015 . In esso si afferma che durante il processo di denazificazione come insegnante ad Ansbach nel 1945 , Bosl ha approfittato dell'esecuzione del suo allievo Robert Limpert per se stesso. Lo studio ha avuto conseguenze politiche locali immediate. Una piazza intitolata a Bosl è stata ribattezzata dalla città di Cham e ulteriori premi sono stati ritirati da essa.

Per le sue ricerche, Kedar ha ricevuto numerosi riconoscimenti e iscrizioni scientifiche. È membro della Israel Academy of Sciences (1998) ed è stato il suo vicepresidente dal 2010 al 2015. È membro corrispondente dell'Accademia medievale d'America (dal 2005) e della Direzione centrale della Monumenta Germaniae Historica (dal 2006). È stato presidente della Society for the Study of the Crusades and the Latin East dal 1995 al 2002 . Era dell'Università di Haifa , il dottorato onorario assegnato (2007). Nel 2019 è stato insignito del prestigioso Premio EMET per la scienza, l'arte e la cultura . Un anno dopo ha ricevuto il Premio Israele . Nel 2008 è diventato co-editore del 5 ° volume del manuale The Cambridge World History , che copre il periodo tra il 500 e il 1500.

Kedar ha due figli dal suo primo matrimonio. Nel suo secondo matrimonio, è stato sposato con la storica dell'arte Nurith Kenaan-Kedar , morta nel 2015 .

Caratteri (selezione)

Monografie

  • con Peter Herde : uno storico bavarese si reinventa. Karl Bosl e il Terzo Reich. Hebrew University Magnes Press, Gerusalemme 2011, ISBN 978-965-493-564-7 .
    • con Peter Herde: Karl Bosl nel "Terzo Reich". De Gruyter Oldenbourg et al., Berlin et al.2016 , ISBN 978-3-11-041256-7 (traduzione tedesca e versione notevolmente ampliata)
  • Franchi, musulmani e cristiani orientali nel Levante latino. Studi sull'acculturazione di frontiera (= serie di studi raccolti da Variorum. Vol. 868). Ashgate Variorum, Aldershot et al.2006 , ISBN 978-0-7546-5912-9 (raccolta di 20 articoli pubblicati tra il 1994 e il 2003).
  • Crociata e missione. Approcci europei verso i musulmani. Princeton University Press, Princeton, NJ et al.1984 , ISBN 0-691-10246-5 .
  • Commercianti in crisi. Uomini d'affari genovesi e veneziani e la depressione del XIV secolo. Yale University Press, New Haven 1976, ISBN 0-300-01941-6 .

Redattori

  • con Sophie Menache, Michel Balard: Crusading and Trading between West and East. Studi in onore di David Jacoby (= Crusades. Subsidia. Vol. 12). Routledge, Londra / New York 2019, ISBN 978-1-138-30804-6 .
  • con Merry E. Wiesner-Hanks: Reti in espansione di scambi e conflitti, 500 dC - 1500 dC (= La storia del mondo di Cambridge. Vol. 5). Cambridge University Press, Cambridge 2015, ISBN 978-0-521-19074-9 .
  • Jonathan Riley-Smith , Rudolf Hiestand : Montjoie. Studi di storia delle crociate in onore di Hans Eberhard Mayer. Variorum, Aldershot et al.1997 , ISBN 0-86078-646-3 .
  • con Hans Eberhard Mayer , RC Smail: Outremer. Gli studi sulla storia del regno crociato di Gerusalemme presentati a Joshua Prawer. Yad Izhak Ben-Zvi Institute, Gerusalemme 1982, ISBN 965-217-010-0 .

letteratura

  • Iris Shagrir, Ronnie Ellenblum, Jonathan Riley-Smith (a cura di): In laudem hierosolymitani. Studi sulle crociate e sulla cultura medievale in onore di Benjamin Z. Kedar (= Crociate. Subsidia. Vol. 1). Routledge, Londra 2007, ISBN 0-7546-6140-7 .

link internet

Osservazioni

  1. ^ Benjamin Z. Kedar: una richiesta di aiuto da Gerusalemme dal settembre 1187. In: archivio tedesco per la ricerca sul Medioevo . 38, 1982, pp. 112-122 (in linea ).
  2. Vedi la recensione di Karl-Ernst Lupprian in: Historische Zeitschrift . 227, 1978, pagg. 431-434; Hans Eberhard Mayer in: Archivio tedesco per la ricerca sul Medioevo. 35: 667 (1970) (in linea ); Michele Cassandro in: Rivista trimestrale di storia sociale ed economica . 66, 1979, pagg. 244-245.
  3. ^ Benjamin Z. Kedar: Mercanti in crisi a Genova e Venezia nel '300. Roma 1981. Cfr. La discussione di Ernst Voltmer in: Fonti e ricerche da archivi e biblioteche italiane . 63, 1983, pp. 373-374 (in linea ).
  4. Vedi le recensioni di Allan Harris Cutler, Helen Elmquist Cutler in: The Catholic Historical Review . 73, 1987, pagg. 292-294; James Waltz in: Speculum . 61, 1986, pagg. 431-433; Marie-Luise Favreau-Lilie in: Rivista storica . 242, 1986, pagg. 672-673.
  5. Eva Haverkamp (a cura di): rapporti ebraici sulla persecuzione degli ebrei durante la prima crociata. Hannover 2005.
  6. Per la presentazione in inglese, vedere le recensioni di Frank-Rutger Hausmann in: H-Soz-Kult , 21 novembre 2012, ( online ); Jürgen Finger in: Storia tedesca. 31, 2013, n. 3, pp. 436-437 (in linea ); Frank Rexroth in: rivista storica. 295, 2012, pagg. 244-246. Per la presentazione in lingua tedesca, vedere le recensioni di Bernhard Unckel in: Hessisches Jahrbuch für Landesgeschichte. 68, 2018, pp. 253-254 (in linea ); Clemens Vollnhals in: Boemia . 57, 2017, pp. 483-485 (in linea ); Stefan Jordan in: rivista storica. 305, 2017, pagg. 258-260; Anton Schindling in: Würzburger Diözesangeschichtsblätter 79, 2016, pp. 353355 (in linea ).
  7. ^ Hans Kratzer: A causa del dubbio passato nazista: Cham ribalta il monumento Bosl. In: Süddeutsche Zeitung , 29 novembre 2011, pagina R 16.
  8. Conferimento di un dottorato onorario a Benjamin Z. Kedar
  9. Informazioni sul vincitore del premio

Opiniones de nuestros usuarios

Enrico Aiello

L'articolo sulla Benjamin Z. Kedar è completo e ben spiegato. Non toglierei o aggiungerei una virgola, L'articolo su Benjamin Z. Kedar è completo e ben spiegato

Cesare Ricci

Questo post su Benjamin Z. Kedar era proprio quello che volevo trovare

Giuliana Bonetti

Mi piace il sito, e l'articolo sulla Benjamin Z. Kedar è quello che stavo cercando

Silvana Rizzi

Ho trovato le informazioni che ho trovato su Benjamin Z. Kedar molto utili e piacevoli. Se dovessi mettere un 'ma' forse sarebbe che non è abbastanza inclusivo nella sua formulazione, ma per il resto, è ottimo, L'articolo sulla Benjamin Z. Kedar è molto utile e piacevole