Benjamin Smith Barton



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benjamin Smith Barton. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benjamin Smith Barton sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benjamin Smith Barton e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benjamin Smith Barton. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benjamin Smith Barton! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benjamin Smith Barton, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benjamin Smith Barton (nato il 10 febbraio 1766 a Lancaster , provincia della Pennsylvania , America britannica , 19 dicembre 1815 a New York , NY ) è stato un botanico , medico e farmacista americano . La sua abbreviazione ufficiale dell'autore botanico è " Barton ". È lo zio del botanico William Paul Crillon Barton (1786-1856).

Vivi e agisci

Inizialmente, Barton andò a scuola a Filadelfia , ma nel 1786 si trasferì a Edimburgo e Londra per studiare medicina . Nel 1789 tornò a insegnare all'Università della Pennsylvania come professore di storia naturale e medicina. In questo periodo si occupa anche di chimica e farmacia (Materna Medica). Nel 1793 fu eletto all'Accademia americana delle arti e delle scienze . Ha scritto il primo libro di testo nordamericano sulla botanica, Elements of Botany , apparso nel 1804. Le altre sue pubblicazioni illustrano la sua vasta gamma di interessi. Ci sono trattati sul serpente a sonagli , sulle origini degli indiani nativi americani e diversi lavori medici.

Barton ha anche sostenuto l'importante spedizione di Lewis e Clark che partì nel 1804 per esplorare il Nord America occidentale. Barton non ha preso parte personalmente alla spedizione, ma ha formato i suoi partecipanti alla raccolta, alla documentazione e alla denominazione tassonomicamente corretta dei reperti. Dopo il ritorno dei ricercatori, Barton iniziò a valutare i campioni nel 1806, ma morì inaspettatamente nel 1815 prima di poter terminare il suo lavoro.

Nel 1789 fu eletto membro della American Philosophical Society . Nel 1804 ha ricevuto il Magellanic Premium dalla American Philosophical Society. Dal 1812 fu membro corrispondente dell'Accademia delle scienze prussiana . Nel 1801 fu eletto membro corrispondente dell'Accademia delle scienze di Göttingen .

Onora il taxon

Dopo di lui, il genere vegetale è Bartonia Muhl. ex Willd. dalla famiglia delle genziane (Gentianaceae). La rivista "Bartonia" prende il nome da lui e dal nipote William Paul Crillon Barton nel 1908 ss.

Lavori

  • Frammenti della storia naturale della Pennsylvania . 1799.
  • Elementi di botanica ... 1804 (2a edizione 18121814, 3a edizione 1827).

link internet

Prove individuali

  1. Walter Erhardt tra gli altri: Il grande lucioperca. Enciclopedia dei nomi delle piante . Volume 2, pagina 1880. Verlag Eugen Ulmer, Stoccarda 2008. ISBN 978-3-8001-5406-7
  2. ^ Storia dei membri: Benjamin Smith Barton. American Philosophical Society, accesso 21 aprile 2018 .
  3. ^ The Magellanic Premium of the American Philosophical Society , sito web dell'APS . Estratto il 29 ottobre 2019.
  4. ^ Membri delle precedenti accademie. Benjamin Smith Barton. Accademia delle scienze e degli studi umanistici di Berlino-Brandeburgo , accesso il 18 febbraio 2015 .
  5. Holger Krahnke: The members of the Academy of Sciences in Göttingen 1751-2001 (= trattati dell'Accademia delle scienze di Göttingen, Philological-Historical Class. Volume 3, Vol.246 = Treatises of the Academy of Sciences in Göttingen, Mathematical-Physical Class. Episodio 3, vol.50). Vandenhoeck & Ruprecht, Gottinga 2001, ISBN 3-525-82516-1 , p. 32.
  6. Robert Zander : dizionario manuale dei nomi di piante Zander. A cura di Fritz Encke , Günther Buchheim, Siegmund Seybold . 13a, edizione rivista e ampliata. Eugen Ulmer, Stoccarda 1984, ISBN 3-8001-5042-5 .
  7. a b Lotte Burkhardt: Directory of eponymic plant names . Edizione estesa. Giardino botanico e Museo botanico di Berlino, Free University Berlin Berlin 2018. [1]

Opiniones de nuestros usuarios

Mariangela Ferro

Grazie per questa voce su Benjamin Smith Barton, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su Benjamin Smith Barton, è proprio quello che mi serviva

Alessio Vitali

Questa voce su Benjamin Smith Barton mi ha aiutato a completare il mio lavoro per domani all'ultimo minuto. Mi vedevo già tornare su Wikipedia, cosa che l'insegnante ci proibisce di fare. Grazie per avermi salvato

Pierluigi Ferrante

L'informazione su Benjamin Smith Barton è molto interessante e affidabile, come il resto degli articoli che ho letto finora, che sono già molti, perché sto aspettando da quasi un'ora il mio appuntamento su Tinder e lui non si presenta, quindi penso che mi abbia dato buca. Colgo l'occasione per lasciare qualche stella per la compagnia e per cagare sulla mia fottuta vita