Benjamin Raule



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benjamin Raule. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benjamin Raule sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benjamin Raule e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benjamin Raule. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benjamin Raule! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benjamin Raule, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benjamin Raule (* febbraio 1634 a Vlissingen ; 17 maggio 1707 ad Amburgo ) è stato un armatore e direttore generale della marina olandese del Brandeburgo .

Origine e mercante olandese (16341674)

Raule proveniva da una famiglia ugonotta di una parte delle Fiandre che ora sono le Fiandre francesi . La famiglia si era guadagnata una vita lucrativa come corsari di Dunkerque e, dopo la sua riconquista da parte della Spagna dalla Zelanda , anche come corsari. Fin da giovane è stato un rispettato cittadino e consigliere nella città di Middelburg , capitale della provincia olandese della Zelanda e importante centro commerciale. Come uomo d'affari, ha commerciato con successo con la Francia . La guerra d'Olanda fermò la sua attività nel 1672 e gli costò la sua fortuna.

I viaggi dei pirati per il Brandeburgo (1675)

Nel 1675, Raule si rivolse al Brandeburgo , allora in guerra con la Svezia , e offrì i suoi servigi al grande elettore Federico Guglielmo . Ha ricevuto una lettera da Friedrich Wilhelm , che gli ha permesso di portare via navi svedesi. Il Brandeburgo dipendeva da tale aiuto contro la potenza marittima della Svezia, poiché non disponeva di forze navali proprie.

Raule equipaggiò i corsari ad Amsterdam, con i quali catturò 21 navi mercantili svedesi in breve tempo. Ma le lettere di pirateria non furono riconosciute dall'Olanda e dall'Inghilterra, e Raule dovette rilasciare nuovamente le navi e il loro carico. Di conseguenza, Raule fuggì a Berlino, ancora più indebitato di prima e perseguitato nel suo paese d'origine.

Raule nel Brandeburgo sotto Federico Guglielmo (16761688)

A Berlino, nel 1676, Raule fu incaricato di costruire la marina di Brandeburgo . La flotta fu utilizzata e continuamente ampliata durante l'assedio di Stettino nel 1677, l' assedio di Stralsund (1678) e l' invasione di Rügen (1678) . Nel 1680 già 28 navi battevano bandiera del Brandeburgo.

Poiché l'elettore aveva un conto aperto contro la Spagna, che gli spagnoli non pagavano, Benjamin Raule aiutò anche attraverso la guerra dei pirati contro la Spagna , in cui ottenne alcuni successi. A metà del 1680, una piccola associazione di otto navi con 172 cannoni nell'Atlantico occidentale catturò due navi d'argento spagnole e le vendette con profitto in Giamaica. La successiva conquista della fregata Carolus Secundus nel settembre 1680 al largo di Ostenda da parte di Claus von Bevern divenne particolarmente nota . Il 20 febbraio 1681 Raule fu nominato "Direttore Generale de Marine" con il grado di colonnello.

Inoltre, Raule si è impegnato a costruire relazioni commerciali all'estero. Dopo una prima spedizione commerciale in Africa occidentale nel 1680/81 , nel 1682 fondò la Brandenburg-African Company , che nel 1684 trasferì la sua sede con un totale di 30 navi mercantili e 10 navi da guerra da Königsberg a Emden . Come nave e finanziatrice, ha sostenuto le aspirazioni coloniali del Grande Elettore. Sulla Costa d'Oro dell'Africa occidentale, nell'attuale Ghana , Otto Friedrich von der Groeben stabilì una piccola colonia e issò la bandiera del Brandeburgo il 1 gennaio 1683. Nello stesso anno ha fondato Groß Friedrichsburg vicino a Cape Three Points (Ghana) come filiale principale. Ulteriori basi erano sulle Isole Arguin nell'attuale Mauritania e sull'isola di St. Thomas , ora parte delle Isole Vergini americane . La promettente combinazione di tratta degli schiavi e importazioni di zucchero è servita alla creazione simultanea di basi in Africa e nei Caraibi .

In qualità di direttore generale della potenza marittima del Brandeburgo, Raule ha sostenuto con successo la continua costruzione di nuove navi per l'Elettore. Nel 1687 fondò il cantiere navale elettorale di Havelberg , dove in precedenza aveva avuto un commercio di legname. Più di quindici navi furono costruite lì dal 1688 al 1698.

Raule era tenuto in grande considerazione dal "Grande Elettore", per il quale il commercio estero e la marina erano importanti compiti statali.

Raule nel Brandeburgo sotto Federico (16881702)

Dopo la morte del "Grande Elettore" nel 1688, venne Federico III. per dare potenza. Benjamin Raule è stato sospettato di appropriazione indebita e arrestato. Ma poiché il primo ministro e tutore dell'erede al trono Eberhard von Danckelmann si alzò per lui, fu riabilitato nel 1690.

All'inizio il nuovo elettore si interessava molto anche alla marineria e continuò a costruire nuove navi. Tuttavia, ci furono vari fallimenti, che superarono le perdite, e con ogni nave catturata o persa per incidente, Federico III diminuisce. Interesse per "affari marittimi". Nel 1701 la flotta fu completamente chiusa.

L'attività di Benjamin Raule continuò per il momento. Ora aveva una notevole fortuna e risiedeva persino nel suo castello.

L'avvocato di Raule Danckelmann cadde per un intrigo di corte nel 1697. Raule è stato anche arrestato perché aveva dato a Danckelmann una parte nei suoi affari. Ciò che potrebbe essere utilizzato ai sensi del diritto penale è stato cercato e trovato. Un controllo ha scoperto una perdita di denaro, avrebbe anche dovuto tradire il "Grande Elettore", ogni regalo, ogni favore gli era stato riservato ora. Federico III. Raule fu arrestato nel 1698 con l'accusa di appropriazione indebita di fondi presso la Cittadella di Spandau . Tutti i suoi beni sono stati confiscati. Il caso contro di lui è stato archiviato, ma era ancora detenuto.

Esilio e fine della vita (17021707)

Nel maggio 1702 fu rilasciato a condizione che andasse immediatamente a Emden . Sua moglie ha potuto vederlo solo per poche ore a Spandau. Come l'unica figlia, è morta prima di lui.

Trascorse i prossimi anni come esiliato e in cattive condizioni su un naufragio a Emden. Nel giugno 1705, dopo che la sua dimora a Emden era diventata inabitabile, gli fu permesso di trasferirsi ad Amburgo. Lì morì dopo una lunga malattia il 17 maggio 1707. Dopo la morte di Raule, la sua fortuna e tutti i beni che aveva acquistato a Berlino e altrove andarono infine nel Brandeburgo-Prussia.

La corte di Raule

Nel 1678 Raule fece costruire l'edificio residenziale e commerciale "Raules Hof" sui muri di fondazione di una delle ex sale da ballo elettorali. Era sulla Alte Leipziger Strasse n. 1 tra Unterwasserstrasse e Adlerstrasse. Così ha preso il nome il passaggio tra Adlerstrasse e Alter Leipziger Strasse. Le attività di Raule per l'elettore Friedrich Wilhelm trasformarono la casa in una sorta di ministero navale.

Nel XIX secolo, il negozio di articoli in seta di Johann Adolph Heese si trovava a Raules Hof . La casa fu demolita intorno al 1935 e la casa su Werderschen Markt fu costruita sulla proprietà, che copriva diverse strade e che ora ospita il Ministero degli Esteri .

Castello di Rosenfelde

Nel 1682 il Grande Elettore trasferì a Raule, nell'allora villaggio di Rosenfelde, un cortile inutilizzato con terreno adibito a giardino . Lì Raule fece costruire un palazzo estivo in stile olandese nel 1685 e acquisì ulteriori fattorie e aree, così che nel 1696 fu signore dell'intero villaggio. Allo stesso tempo fece costruire un parco in stile olandese. L'imponente complesso complessivo, che combinava arte e natura, ha attirato anche la corte del Brandeburgo a visitare Rosenfelde.

Il castello passò al nuovo elettore Federico III nel 1698 . che ordinò di rinominare Rosenfelde in Friedrichsfelde nel 1699 . Ancora oggi è sotto questo nome.

Navi che prendono il nome da Benjamin Raule

letteratura

  • Franz Eißenhardt: Dalla preistoria della flotta brandeburghese-prussiana-tedesca all'apparizione di Benjamin Raule. In: Marine Rundschau. XIII anno, 1902, pp. 275-279.
  • Günther Gieraths : Benjamin Raule, la sua vita e soprattutto le sue opinioni economiche. Università di Halle 1924 ( tesi )
  • Dagmar Girra: L' ascesa e la caduta di un avventuriero . In: Rivista mensile di Berlino ( Luisenstädtischer Bildungsverein ) . Numero 5, 1999, ISSN  0944-5560 , pag. 60-63 ( luise-berlin.de ).
  • Klaus J. Hennig: Avorio per il Brandeburgo . In: Die Zeit , n. 20/2001.
  • Ulrich van der Heyden: Aquile rosse sulla costa africana. La colonia brandeburgo-prussiana Großfriedrichsburg nell'Africa occidentale . Selignow-Verlag, Berlino 2001, ISBN 3-933889-04-9
  • Ulrich van der Heyden: Benjamin Raule e Berlino. In: Ulrich van der Heyden, Joachim Zeller (a cura di) Potere e condividere il dominio del mondo. Berlino e il colonialismo tedesco. Unrast-Verlag, Münster 2005, ISBN 3-89771-024-2
  • Kurt Petsch: Navigazione per il Brandeburgo-Prussia, 1650-1815. Storia di battaglie navali, uffici d'oltremare e società commerciali di stato. Osnabrück 1986.
  • Reemt Reints Poppinga: Benjamin Raule. Un olandese fece di Emden un porto d'oltremare. In: Schiff & Zeit / Panorama marittimo. Volume 17, 1983, pp. 52-56.
  • Bernhard von PotenRaule, Benjamin . In: Allgemeine Deutsche Biographie (ADB). Volume 27, Duncker & Humblot, Lipsia 1888, pp. 398-401.
  • Julius Wilhelm Otto Richter: Benjamin Raule, il Direttore Generale della Marina del Grande Elettore. Un quadro patriottico dei tempi e dei personaggi della seconda metà del Seicento. Jena 1901.
  • Richard Schück : la politica coloniale del Brandeburgo-Prussia sotto il Grande Elettore e i suoi successori (16471721). Lipsia 1889
  • Meta Schoepp : Benjamin Raule, il grande direttore navale del Grande Elettore. Dusseldorf 1941.
  • Klaus-Dieter Stefan (a cura di): Friedrichsfelde - Il luogo. La serratura. La storia . Hendrik Bäßler Verlag, 2014, pp. 5377.
  • Hans Szymanski: Brandeburgo-Prussia in mare 1605-1815. Berlino 1939.
  • Otto Mönch: La corte di Raule . In: Comunicazioni dell'Associazione per la Storia di Berlino. 29° anno, 1912, pp. 46-47. Digitalizzato dalla Biblioteca centrale e statale di Berlino, 2006. https://digital.zlb.de/viewer/image/14688141_1912/50/LOG_0044/

link internet

Evidenze individuali

  1. a b c d e Dagmar Girra: L' ascesa e la caduta di un avventuriero . In: Rivista mensile di Berlino ( Luisenstädtischer Bildungsverein ) . Numero 5, 1999, ISSN  0944-5560 , pag. 60-63 ( luise-berlin.de ).
  2. a b c d e Klaus J. Hennig: Avorio per il Brandeburgo . In: Die Zeit , n. 20/2001.
  3. a b La storia di Schloss Friedrichsfelde su schloss-friedrichsfelde.de
  4. personaggi storici a Lichtenberg: Benjamin Raule . Museo Lichtenberg
  5. ^ La corte di Raule . In: Dizionario dei nomi delle strade del Luisenstädtischer Bildungsverein
  6. Friedrichswerder . diegeschichteberlins.de

Opiniones de nuestros usuarios

Clara Orlando

La voce su Benjamin Raule è stata molto utile per me, Grazie

Simona Gallo

Grazie. L'articolo su Benjamin Raule è stato utile per me, Articolo molto interessante su Benjamin Raule

Antonietta Pesce

Sono stato felice di trovare questo articolo su Benjamin Raule, Sono stato felice di trovare questo articolo su Benjamin Raule

Giulia Ricci

Finalmente! Oggi sembra che se non ti scrivono articoli di diecimila parole non sono contenti. Signori scrittori di contenuti, questo è un buon articolo su Benjamin Raule

Silvano Orlandi

Mio padre mi ha sfidato a fare i miei compiti senza usare affatto Wikipedia, gli ho detto che potevo farlo cercando in molti altri siti. Per mia fortuna ho trovato questo sito e questo articolo su Benjamin Raule mi ha aiutato a completare il mio compito. Ero quasi tentato di entrare in Wikipedia, dato che non riuscivo a trovare nulla su Benjamin Raule, ma per fortuna l'ho trovato qui, perché poi mio padre ha controllato la mia cronologia di navigazione per vedere dove ero stato. Ti immagini se entrassi in Wikipedia? Per fortuna ho trovato questo sito e l'articolo su Benjamin Raule qui. Ecco perché vi do le mie cinque stelle