Benjamin R. Barber



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benjamin R. Barber. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benjamin R. Barber sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benjamin R. Barber e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benjamin R. Barber. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benjamin R. Barber! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benjamin R. Barber, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benjamin R. Barber (nato il 2 agosto 1939 a New York City , New York ; 24 aprile 2017 ) è stato professore di società civile presso l' Università del Maryland e uno degli scienziati politici più influenti degli Stati Uniti .

Vita

Barber è cresciuto a New York. All'età di 18 anni andò a studiare all'Albert Schweitzer College nei Grigioni. Nel 1958 ha proseguito i suoi studi presso la London School of Economics and Political Science . Dopo la laurea nel 1963, ha conseguito il dottorato in "Governo" presso l'Università di Harvard nel 1966 . Ha scritto il libretto per l'opera Home and the River di George Quincey . Era sposato con la coreografa Leah Kreutzer. Nel 2001 è diventato professore di diritto civile presso l'Università del Maryland.

Barber era un consigliere per la politica interna dell'amministrazione Clinton e consigliava numerosi altri organismi e politici (inclusi Howard Dean e Roman Herzog ). Era vicino alla corrente filosofico-sociale del comunitarismo . Nella sua opera principale Strong Democracy (Strong Democracy) del 1984, che è anche considerata un'opera fondamentale del comunitarismo, ha criticato la democrazia rappresentativa (u. A. Negli Stati Uniti) e ha stabilito un'alternativa democratica radicale sotto forma di democrazia partecipativa contro di essa. In tal modo, ha accolto l' idea di Jean-Jacques Rousseau secondo cui la rappresentanza è un veleno per la democrazia .

Barber ha anche scritto l'influente libro Jihad contro McWorld (" Jihad contro McWorld", titolo dell'editore tedesco Coca-Cola and Holy War ). In esso, descrive la minaccia alla società civile da due fenomeni opposti: ideologie radicali e particolariste come il fondamentalismo religioso da un lato e il capitalismo senza restrizioni dall'altro, che trasforma i cittadini in semplici consumatori e quindi li infantilizza .

Barber è stato anche co-presidente dell'iniziativa Democracy Collaborative , che cerca di mobilitare le risorse del sistema educativo per rafforzare la società civile . Ha anche sostenuto varie altre iniziative.

Caratteri

Forte democrazia

Il libro di Barber Starke Demokratie (1984, tedesco 1994) è molto popolare negli Stati Uniti. Con questo lavoro egli formula una teoria partecipativa della democrazia sotto forma di una teoria normativa della democrazia : non è l'analisi sociale o politica oggettiva che è la base per la teoria, ma piuttosto uno stato di cose desiderabile è descritto dopo aver analizzato la democrazia disavanzo. L'educazione democratica dovrebbe rilanciare la cittadinanza e quindi consentire l'autogoverno diretto dei cittadini. Barber è scettico nei confronti di una democrazia esclusivamente rappresentativa , in cui la rappresentanza degli interessi è percepita solo dai politici professionisti: "La democrazia forte è la politica dei dilettanti", ha detto Barber. Segue la linea di altri teorici repubblicani come Thomas Jefferson , Alexis de Tocqueville , Walt Whitman , John Dewey e Hannah Arendt e vuole raggiungere una riconciliazione del repubblicanesimo democratico con la società moderna. Barber lo descrive come il segno distintivo della "democrazia forte"

  • una "forma di comunità che non è collettivista ",
  • una "forma di argomento pubblico non conformista ",
  • l'esistenza di "istituzioni borghesi compatibili con la società moderna" (p. 146).

Il libro è diviso in tre parti:

  1. Analisi della situazione della democrazia (diagnosi di crisi): il liberalismo porta al fatto che il diritto alla privacy si trasforma in egoismo , la tolleranza si trasforma in apatia e i diritti si trasformano in indifferenza . Ciò va di pari passo con l'idea che le istituzioni degenerino la motivazione dei cittadini a partecipare .
  2. Sviluppo di un punto di vista diverso (terminologia alternativa): Barber formula per primo il suo concetto di politica: "La politica inizia dove c'è una costrizione a prendere decisioni, anche se nessuna verità generalmente riconosciuta può essere riconosciuta". I conflitti politici dovrebbero essere condotti pubblicamente e con la partecipazione dei cittadini sotto forma di "conversazione continua" e attraverso la comprensione e il riconoscimento reciproci.
  3. Proposte di cambiamento su base pratica (agenda di riforma democratica): l'agenda di Barber mira a cambiare le istituzioni politiche in modo tale da facilitare la partecipazione dei cittadini e il processo decisionale politico. Allo stesso tempo, vuole evitare un sovraccarico irrealistico dei cittadini.

Nello specifico, Barber chiede una nuova "architettura dello spazio pubblico". La partecipazione democratica deve essere rafforzata, tra l'altro, attraverso "assemblee di quartiere" a livello nazionale (ciascuna composta da circa 1000-5000 cittadini) con competenze legislative a livello locale.

"Jihad contro McWorld" - Coca-Cola e Holy War

Questo libro e il suo titolo hanno reso Barber noto al di fuori dei circoli della scienza politica. La tesi centrale è che la società civile è minacciata da due lati, promuovendo l'esclusione invece dell'inclusione e l'anarchia invece di un processo decisionale democraticamente legittimato. Jihad (con cui intende le correnti cristiane o islamiche radicali o movimenti di indipendenza regionale come nei Paesi Baschi o in Catalogna) servono come etichette sorprendenti per entrambi i fenomeni ; dall'altra, un capitalismo intellettualmente svuotato e socialmente irresponsabile , per il quale Barber usa lo slogan "McWorld" - alludendo al prefisso "Mc" di molti prodotti McDonald's .

È importante che il termine "jihad" in Barber non suggerisca una particolare minaccia per la cultura occidentale da parte delle culture islamiche. Piuttosto, il termine funge da metafora per tendenze particolaristiche estreme, persino tribalistiche come controcorrenti alla globalizzazione, che sono presenti anche nelle società occidentali o sono supportate da esse - Barber parla espressamente di una "jihad" della destra americana o mette in guardia contro di essa occidentale frammentazione degli stati guidata dalla nazione, il che significa che "quasi ogni distretto deve essere trattato come una nazione e quasi ogni condominio come una potenziale entità sovrana".

Jihad e McWorld sono dialetticamente correlati tra loro: sebbene si combattano, si producono a vicenda e determinano reciprocamente la loro intensità.

Entrambi stanno dichiarando guerra allo Stato nazionale sovrano e minano le sue istituzioni democratiche. Entrambi detestano la società civile e disprezzano la cittadinanza democratica, né cercano istituzioni democratiche alternative. La loro caratteristica comune è l'indifferenza alla libertà civile. La jihad ha formato comunità dal sangue ', basate sull'esclusione e sull'odio; Comunità che ignorano la democrazia a favore del paternalismo tirannico o del tribalismo consensuale. Il McMondo che dà forma ai mercati globali che si basano sul consumo e sul profitto, e gli argomenti di interesse pubblico e il bene comune di sinistra che un tempo erano forse incoraggiati dalla cittadinanza democratica e dai loro governi vigili, una mano invisibile non fidata, forse anche del tutto fittizia. [...]
La Jihad persegue una sanguinosa politica dell'identità che il McWorld è un'economia di profitto incruenta. Poiché uno appartiene a McWorld "per impostazione predefinita", ognuno è prima di tutto un consumatore; se stai cercando un posto per la tua identità, tutti appartengono a una tribù. Ma nessuno è più cittadino. Ma come può esserci democrazia senza cittadini "

Barber si oppone espressamente a equiparare democrazia ed economia di mercato. Sebbene i due non si escludano a vicenda in modo categorico, spesso hanno interessi incompatibili. In particolare, polemizza la retorica comune nel linguaggio americano, che suggerisce che i consumatori sono politicamente " emancipati " (responsabilizzati) scegliendo tra più prodotti .

Barber mette in guardia contro la sostituzione delle ideologie politiche con un mondo di immagini orientato al consumo (videologia) e soprattutto contro l'influenza della televisione - "l'anima rumorosa di McWorld" è MTV . In questa recensione televisiva, Barber si collega alle tesi di Neil Postman ; la disintegrazione della coscienza politica attraverso il feticismo del marchio che ha osservato ha il "Manifesto" No Logo di Naomi Klein ! influenzato.

La contro-strategia di Barber è rafforzare la società civile, che ha proposto in Strong Democracy .

La società civile, lo spazio borghese, occupa la via di mezzo tra la politica e il settore privato. Non esprimiamo i nostri voti lì, né compriamo o vendiamo; lì parliamo con i nostri vicini dell'assunzione di una guida studentesca, pianifichiamo una campagna di beneficenza per la scuola locale, discutiamo di come la nostra chiesa o sinagoga può fornire rifugio ai senzatetto, o organizziamo un torneo estivo di softball per i nostri bambini. In questo settore siamo esseri "pubblici", come un governo abbiamo il senso dei doveri pubblici e il rispetto per il bene comune; ma a differenza di un governo, non rivendichiamo l'esercizio del monopolio della forza. [...] Come il settore privato, anche questo quartiere, area cooperativa della società civile partecipa al "dono della libertà", [...] ma a differenza del settore privato, si sforza per un terreno comune e modalità di azione consensuali [...] . La società civile è quindi pubblica e politica senza essere di natura coercitiva; è volontario e volontaristico senza essere privatizzato ".

Con ciò, Barber argomenta in modo analogo a Jürgen Habermas , che chiede che il "mondo della vita" sia rafforzato come potenziale ritiro per la "situazione linguistica ideale" contro la "colonizzazione" attraverso i sistemi della burocrazia politica e dell'economia; Zygmunt Bauman sostiene tesi simili in The Crisis of Politics . Tuttavia, il linguaggio di Habermas è molto più astratto. Con Bauman c'è un tono culturalmente pessimistico più forte, mentre lo stile di Barber è realistico e nonostante le critiche a volte velenose della società statunitense, è caratterizzato dall'ottimismo tipico degli autori americani.

Pubblicazioni (selezione)

Libri

  • 1969 (con Carl J. Friedrich e Michael Curtis): Totalitarismo in prospettiva. New York: Praeger Publishers.
  • 1971: Superman e uomini comuni: libertà, anarchia e rivoluzione. New York: Praeger Publishers.
  • 1974: La morte della libertà comunale: una storia di libertà in un cantone svizzero di montagna . Princeton: Princeton University Press.
  • 1975: Liberating Feminism . New York: Continuum Books / Seabury Press.
  • 1981: Voci di matrimonio: un romanzo. New York: Summit Books.
  • 1984: Strong Democracy: Participatory Politics for A New Age. Berkeley: University of California Press (tedesco 1994 come Starke Demokratie - über die Teilhabe am Politischen- Berlin: Rotbuch).
  • 1988: The Conquest of Politics: Liberal Philosophy in Democratic Times. Princeton: Princeton University Press.
  • 1988 (con Patrick Watson): The Struggle for Democracy. Libro della serie televisiva CBC / PBS "The Struggle For Democracy". Toronto: Lester Orpen e Dennys.
  • 1992: Un'aristocrazia di tutti: la politica e l'istruzione e il futuro dell'America . New York: Ballantine Books.
  • 1996: Jihad contro McWorld. Come il globalismo e il tribalismo stanno rimodellando il mondo . New York: Ballantine Books. ISBN 0-345-38304-4 . (Tedesco 1996 come Coca Cola e Guerra Santa. Come il capitalismo e il fondamentalismo aboliscono la democrazia e la libertà, Monaco: scherzo, e il 2000 come democrazia in una morsa. Capitalismo e fondamentalismo - un'alleanza empia, Francoforte sul Meno: Fischer).
  • 1998: A Passion for Democracy: American Essays. Princeton: Princeton University Press.
  • 1998: A Place For Us: How To Make Society Civil and Democracy Strong. New York: Hill e Wang / Farrar & Strauss.
  • 2001: La verità del potere: affari intellettuali alla Casa Bianca di Clinton . New York: WW Norton.
  • 2003: Fear's Empire: War, Terrorism and Democracy in an Age of Intedependence . New York: WW Norton (tedesco 2003 come impero della paura. Gli Stati Uniti e il nuovo ordine del mondo. Monaco: Beck. ISBN 3-406-50954-1 ).
  • 2004: giustizia sociale, nuove risposte nell'economia globalizzata Klartext-Verlagges., ISBN 3-89861-320-8 .
  • 2007: consumato! ( Consumato! Come il mercato seduce i bambini, infantilizza gli adulti e divora i cittadini. 395 pp., CH Beck, Monaco 2007, ISBN 978-3-406-57159-6 )

elementi

colloquio

link internet

Prove individuali

  1. Dr Benjamin Barber - 2 agosto 1939-24 aprile 2017 In: globalparparlamentofmayors.org. (Inglese).
  2. All'intero paragrafo: Katrin Schmidt: Benjamin R. Barber: In quale mondo vogliamo vivere Per la mostra omonima di Dilemma Verlag, 29 gennaio 2004 (pdf, 131 kB).
  3. Dopo Peter Massing, Gotthard Breit: Democracy Theories: Capitolo "Benjamin Barber". Serie di pubblicazioni, volume 424. Agenzia federale per l'educazione civica , 15 settembre 2003, archiviata dall'originale il 12 dicembre 2007 ; Estratto il 30 aprile 2017 .
  4. Citato dall'edizione tedesca, pagina 15.
  5. Citato dall'edizione inglese, pp. 6/8, sottolineature aggiunte.
  6. Strong Democracy , p. 281.
  7. Jörg Plath: Recensione del libro: Das Ende der Tugend- Deutschlandradio Kultur , 18 marzo 2008, accesso il 30 aprile 2017.

Opiniones de nuestros usuarios

Mara Benedetti

Molto interessante questa voce su Benjamin R. Barber, Pensavo di sapere già tutto su Benjamin R. Barber, Molto interessante questa voce su Benjamin R. Barber

Simona Amato

È un buon articolo sulla _variabilità. Dà le informazioni necessarie, senza eccessi

Rosalia Maggi

Per quelli come me che cercano informazioni su Benjamin R. Barber, questa è un'ottima scelta