Benjamin Pauquet



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benjamin Pauquet. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benjamin Pauquet sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benjamin Pauquet e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benjamin Pauquet. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benjamin Pauquet! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benjamin Pauquet, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benjamin Pauquet (nato l'11 giugno 1984 a Marburg ) è un attore tedesco .

Vita

Benjamin Pauquet è nato a Marburg , in Assia . Ha completato i suoi studi di recitazione dal 2005 al 2009 presso l' Accademia di arte drammatica di Berlino "Ernst Busch" . Durante i suoi studi ha interpretato lo Yang Sun in The Good Man of Sezuan (2007; regista: Uta Koschel) al teatro Bat Studio e al teatro Maxim Gorki .

All'inizio della stagione 2009/2010 è diventato membro dell'ensemble al Teatro di Stato di Dresda . I suoi ruoli teatrali lì inclusi Slift in Die heilige Johanna der Schlachthöfe (2009; regista: Tilmann Köhler ), Christian Hoffmann nella prima mondiale di Wolfgang Engels di Der Turm di Uwe Tellkamp (2010), Kostja in Die Möwe di Cechov (2011; regista: Burkhard C. Kosminski ), Gratiano in The Merchant of Venice (2011; regista: Tilmann Köhler) e Maik Klingenberg nella prima mondiale di Tschick (2011; regista: Jan Gehler ).

Per Tschick ha ricevuto il Premio Günter Rühle della città di Bensheim nel 2012 insieme a Lea Ruckpaul e Sebastian Wendelin .

Nella stagione 2012/2013 ha lavorato nella Capitale dei Burattini con René Pollesch. È stato Heinrich in Der Drache (2013; Direttore: Wolfgang Engel), Erich in Tales from the Vienna Woods (2013; Direttore: Barbara Bürk), Bleichenwang in Was ihr wollt (2014; Direttore: Andreas Kriegenburg) e Bernard Marx può essere visto in Brave New World (2014; regista: Roger Vontobel ). Ha anche lavorato con Sandra Strunz, Jan Neumann, Friederike Heller, Julia Hölscher, Sapir Heller, Christina Rast e ha suonato con Volker Lösch in Graf Öderland / Wir sind das Volk (2015), in Requiem for Europe (2016) di Oliver Frlji e nel prima mondiale di Thomas Freyers Kein Land. Agosto (2017; Direttore: Jan Gehler)

Con la stagione 2017/2018, Pauquet è stato fidanzato al Nationaltheater di Mannheim , dove può essere visto come Winston Smith nel 1984 (prima: novembre 2017; regista: Georg Schmiedleitner ).

Da settembre 2018, Pauquet sarà membro dell'ensemble Schauspiel Stuttgart.

Nel 2011 ha recitato nel film A volte ci sediamo e pensiamo ea volte ci sediamo semplicemente (regista: Julian Pörksen ), che è stato mostrato alla Berlinale 2012 .

Benjamin Pauquet vive a Stoccarda e Dresda .

Filmografia (selezione)

  • 2011: Der Turm , (film TV, registrazione dello spettacolo "Der Turm" al Teatro di Stato di Dresda 2010), regista: Georg Wübbolt
  • 2012: A volte ci sediamo e pensiamo ea volte ci sediamo (cortometraggio)

link internet

Prove individuali

  1. Settimana dei giovani attori 2012 , al Parktheater Bensheim, 21. - 30. Maggio

Opiniones de nuestros usuarios

Maria Silvestri

Trovo molto interessante il modo in cui è scritto questo post sulla Benjamin Pauquet, mi ricorda i miei anni di scuola. Che bei tempi, grazie per avermi riportato lì

Anna Serafini

Era da molto tempo che non vedevo un articolo sulla Benjamin Pauquet scritto in modo così didascalico. Mi piace