Benjamin Netanyahu



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benjamin Netanyahu. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benjamin Netanyahu sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benjamin Netanyahu e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benjamin Netanyahu. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benjamin Netanyahu! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benjamin Netanyahu, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Firma di Benjamin Netanyahu

Benjamin "Bibi" Netanyahu ( ebraico () , Nato il 21 ottobre 1949 a Tel Aviv ) è un politico israeliano ( Likud ). È stato Primo Ministro israeliano diverse volte e per molti anni .

Netanyahu è stato primo ministro israeliano per la prima volta dal maggio 1996 al maggio 1999. Nel 1998 e dal 2002 al 2003 è stato ministro degli Esteri . Nel 2003 diventa Ministro delle Finanze ; si è dimesso dalla carica a metà del 2005 in segno di protesta contro il primo ministro Ariel Sharon piano di parziale cancellare gli insediamenti israeliani .

Quando è stato eletto alla 17a Knesset nell'aprile 2006, è diventato leader dell'opposizione . Nel 2009 è stato rieletto Primo Ministro. Nel 2013 , 2015 , aprile 2019 e marzo 2020 è stato in grado di difendere questo ufficio nelle elezioni anticipate.

Dopo le elezioni del marzo 2021 , non riuscì a formare un altro governo, quindi Naftali Bennett fu nominato primo ministro israeliano il 13 giugno 2021. Dopo essere stato destituito, è attualmente il leader dell'opposizione .

Storia personale

Netanyahu è uno dei tre figli di Zila e Benzion Netanyahu . Suo padre era un professore di storia ebraica ed editore dell'Encyclopaedia Hebraica .

Suo fratello maggiore Jonathan è stato ucciso nell'operazione Entebbe nel 1976 ed è considerato un eroe di guerra in Israele . Suo fratello minore Iddo è radiologo e scrittore. Tutti e tre i fratelli prestarono servizio nell'unità d'élite di Sajeret Matkal .

Netanyahu si sposa per la terza volta. Dal suo primo matrimonio con Miriam Weizmann, ha una figlia, Noa, che vive a Gerusalemme come ebrea ultraortodossa . Con la terza moglie Sara , con cui è sposato dal 1991, ha due figli, Jair e Avner. Sebbene Netanyahu sia nato in Israele, è cresciuto a Cheltenham, in Pennsylvania . Ha conseguito il diploma di scuola superiore alla Cheltenham High School. Ha conseguito un BS in Architettura presso il Massachusetts Institute of Technology (MIT) e un MS in Management del MIT Sloan School of Management ; ha anche studiato scienze politiche all'Università di Harvard e al MIT. È anche autore di vari libri sul terrorismo internazionale .

Inizio carriera

Dal 1976 al 1978 ha lavorato come consulente di direzione presso il Boston Consulting Group . Dopo la morte del fratello Jonathan, con il sostegno della famiglia e di diversi sponsor, fondò in sua memoria il "Jonathan Institute", che diresse fino al 1980. L'istituto ha organizzato conferenze e pubblicazioni di libri sul terrorismo internazionale contro Israele, un argomento che Netanyahu ha voluto in questo modo sensibilizzare l'opinione pubblica. Dal 1980 al 1982 ha lavorato come manager economico in Israele. L'allora ambasciatore di Israele negli Stati Uniti, Moshe Arens , venne a conoscenza di lui e lo aiutò a ottenere un lavoro come vice ambasciatore a Washington nel 1982. La posizione successiva di Netanyahu fu quella di rappresentante permanente di Israele presso le Nazioni Unite a New York nel 1984. Nel 1988 è tornato in Israele, si è trasferito come deputato alla Knesset del Likud ed è stato nominato viceministro degli esteri della nuova Arens.

Primo Ministro dal 1996 al 1999

Elezione e durata del mandato

Netanyahu è stato eletto nel 1996 dopo una serie di attacchi suicidi palestinesi contro civili israeliani. Shimon Peres , che era stato in vantaggio nei sondaggi, non è stato in grado di fermare gli attacchi terroristici. Il 3 e il 4 marzo 1996 ci furono due attacchi mortali da parte di terroristi palestinesi, che uccisero 32 cittadini israeliani. Questi attacchi furono la vera ragione del rapido deterioramento della fiducia in Peres. A differenza di quest'ultimo, Netanyahu non ha fatto affidamento sulla buona volontà di Yasser Arafat e ha compiuto alcun progresso nel processo di pace che dipendesse dall'adempimento da parte dell'autonomia palestinese del suo obbligo essenziale, principalmente quello di combattere il terrorismo. Lo slogan della sua campagna era "Netanyahu - Crea una pace sicura".

Come primo ministro ha negoziato l' accordo di Wye con Yasser Arafat , ma molti hanno affermato che stava cercando di fermare qualsiasi progresso. Ciò è stato sostenuto dalla decisione molto controversa del 2 agosto 1996 di revocare il blocco della costruzione degli insediamenti israeliani nei territori palestinesi precedentemente ordinato. Nelle settimane che seguirono, Netanyahu ottenne la creazione di un gran numero di nuovi insediamenti.

La sua politica intransigente inizialmente sembrava avere un effetto. A differenza del suo predecessore e successore, non ci sono stati quasi attacchi suicidi all'interno di Israele sotto il suo governo. Nel 1996, tuttavia, lui e il sindaco di Gerusalemme Ehud Olmert decisero di aprire un'uscita per il tunnel del Muro Occidentale . Ciò ha provocato tre giorni di disordini tra i palestinesi, con numerosi morti da entrambe le parti.

Rifiuto nella gente

All'inizio, gran parte dei media e dell'alta borghesia intellettuale hanno respinto le politiche di Netanyahu prima che perdesse la fiducia del pubblico israeliano dopo una lunga catena di scandali (comprese le voci su sua moglie). Alla perdita di fiducia ha contribuito anche un'inchiesta aperta contro di lui per accuse di corruzione . L'ondata culminò nelle elezioni del 1999, quando Netanyahu fu sconfitto da Ehud Barak e trattenuto politicamente fino al 2002.

Attività politica dal 2000 al 2008

Ministeriale fino al 2005

Nel 2002, dopo che il partito laburista si è ritirato dal governo, il primo ministro Ariel Sharon ha nominato ministro degli esteri Netanyahu. Netanyahu sfidò Sharon a presiedere il Likud, ma fallì. Dopo le elezioni del 2003, Netanyahu ha accettato la carica di ministro delle finanze nel nuovo governo Sharon.

Netanyahu è considerato un intransigente (noto anche come il "falco") all'interno del Likud; è uno degli oppositori di uno stato palestinese indipendente (preferisce l'autogoverno sotto il controllo israeliano), ma ha votato per il piano Sharon . All'interno del partito, era un concorrente dell'ex primo ministro Ariel Sharon . Netanyahu ha cercato di indebolire la sua posizione chiedendo un referendum sul piano di ritiro. Come ministro delle finanze, ha fatto piani audaci per salvare l'economia israeliana dai problemi in cui si era imbattuta durante l' intifada di Al-Aqsa . I suoi concetti per il rilancio dell'economia israeliana erano controversi a causa del loro carattere economicamente liberale. Il 7 agosto 2005, Netanyahu si è dimesso dalla carica di ministro delle finanze per protestare contro l'approvazione da parte del governo israeliano di una fase iniziale del ritiro dei coloni israeliani dalla Striscia di Gaza . Ha giustificato la mossa affermando che un ritiro unilaterale non avrebbe portato alcun vantaggio a Israele, anzi è avvenuto il contrario. Il ritiro mina la sicurezza, divide la nazione e non è la via per la pace. È anche un passo verso i confini pre-1967, che non possono essere difesi militarmente. Il mercato azionario ha reagito alle sue dimissioni con perdite di prezzo.

Opposizione dal 2005

La sera del 19 dicembre 2005, Benjamin Netanyahu è stato il vincitore delle primarie interne al Likud contro il ministro degli Esteri Silvan Shalom . Qualche settimana prima, Sharon aveva lasciato il Likud per fondare un nuovo movimento chiamato " Kadima " (Avanti) con molti ex leader del Likud . Kadima di Sharon aveva buone possibilità di vincere le elezioni del 28 marzo 2006. Ecco come è andata a finire. A seguito di un ictus , Sharon cadde in coma, dopo di che il suo vice Ehud Olmert divenne primo ministro ad interim. Dopo le elezioni del 28 marzo, il presidente ha affidato a Moshe Katzav Ehud Olmert la formazione del governo . Il Likud aveva perso molti voti nella vittoria elettorale di Kadima ed era all'opposizione: il nuovo governo israeliano era composto da Kadima, il partito laburista attorno ad Amir Peretz e il partito dei pensionati Gil e Schas .

Nel frattempo, circolavano voci secondo cui i due partiti di destra Likud e Jisra'el Beitenu volevano fondersi. Il programma apparentemente prevedeva tre fasi: in primo luogo, le elezioni per la carica di presidente del Likud avrebbero dovuto essere anticipate all'ottobre 2007. In secondo luogo, dopo di ciò, il libro del partito Likud sarebbe stato cambiato in modo che i nuovi candidati al di fuori del Likud avrebbero avuto l'opportunità di votare ed essere eletti. "In questo modo possiamo portare nel Likud persone come l'ex capo di gabinetto Jaalon e il presidente Moshe Katzav", ha affermato il suo rappresentante. Nella terza e ultima fase, Likud e Jisra'el Beitenu hanno lanciato un appello congiunto che alla fine avrebbe dovuto portare alla fusione delle due parti. In conversazioni segrete, il Likud ha chiamato il nuovo partito "Ha-Likud Beitenu". Il capo del Likud Netanyahu e il presidente israeliano del Beteinu Avigdor Lieberman hanno espresso un accordo fondamentale su una fusione tra le due parti. Nel frattempo i piani di fusione sono stati sospesi, perché con l'ingresso di Jisra'el Beitenu nel governo, Netanyahu si è trovato dalla parte perdente e ha dovuto abbandonare in breve tempo il suo progetto di entrare nel governo con il nuovo partito . Gli sono rimasti i buoni numeri dei sondaggi e il ruolo di leader dell'opposizione.

Ritorno al potere

Dopo l' invasione israeliana del Libano il 12 luglio 2006 , si sparse la voce che Benjamin Netanyahu sarebbe stato rappresentato come un estremista - come Avigdor Lieberman, presidente di Jisra'el Beitenu - in un governo di emergenza . Entrambi chiedono un trattamento più duro dei palestinesi . Secondo Netanyahu, Ehud Olmert aveva mancato gli obiettivi di guerra (secondo il sondaggio, al momento, il 63% degli israeliani). Ha quindi chiesto le dimissioni di Olmert. Con la "resurrezione" del Likud, il 45% della popolazione di Netanyahu avrebbe potuto immaginarsi di nuovo primo ministro.

Secondo gli attuali sondaggi dell'epoca, se si fossero svolte nuove elezioni, il Likud avrebbe superato il partito al potere Kadima, rivendicando 35 dei 120 seggi alla Knesset.

Netanyahu ha commentato le accuse mosse contro Olmert sulla guerra israeliana in Libano, che è stata disastrosa, e ha detto che la popolazione ha apparentemente perso quella poca fiducia che ha nel governo. Ora è possibile dare l'ultima parola alla popolazione. Alludeva a elezioni anticipate che, secondo i sondaggi, avrebbero potuto aiutarlo a ottenere un nuovo seggio alla Presidenza del Consiglio.

Dopo che le cose si erano calmate per qualche tempo intorno a Netanyahu, è stato rieletto presidente del Likud il 15 agosto 2007, con il 73,2% abbastanza chiaramente; tuttavia, oltre il 22% dei voti è andato al suo sfidante radicale e nazionalista Moshe Feiglin , che è stato visto come un successo rispettabile. Il suo precedente sfidante al Likud, Silvan Shalom , ha rinunciato in anticipo a una candidatura.

Primo Ministro dal 2009 al 2021

Dopo le elezioni per la 18a Knesset del 10 febbraio 2009 , in cui il Likud ha seguito da vicino il Kadima (27 a 28 seggi), il presidente Shimon Peres ha affidato a Netanyahu il compito di formare un governo. Il 31 marzo 2009, Netanyahu ha ripreso la carica di primo ministro. Il Likud di Netanyahu ora governava in una coalizione, tra gli altri. con il partito Jisra'el Beitenu di Avigdor Lieberman , il partito laburista con il leader del partito Ehud Barak e il partito ultraortodosso Shas . Il gabinetto aveva 30 ministri e nove viceministri.

Secondo le sue stesse dichiarazioni, le priorità del nuovo governo erano la politica di sicurezza nei confronti dell'Iran e dei palestinesi, nonché la politica economica.

Il 14 giugno 2009, dieci giorni dopo il discorso programmatico del presidente degli Stati Uniti Barack Obama , Netanyahu ha approvato per la prima volta l'istituzione di uno stato palestinese indipendente in un discorso programmatico sulla politica estera all'Università Bar Ilan di Israele . Nel suo discorso di mezz'ora, ha invitato l' Autorità palestinese a continuare i colloqui di pace, ma ha fissato le condizioni. Tra l'altro, uno Stato palestinese deve essere smilitarizzato, le sue importazioni devono essere monitorate e, in particolare, non deve includere alcun armamento, non deve avere un proprio controllo dello spazio aereo e nessun legame contrattuale con altri Stati in campo militare, e Gerusalemme deve rimanere la capitale indivisa di Israele. Durante la costruzione degli insediamenti, Netanyahu ha promesso di non confiscare alcuna nuova terra per gli insediamenti esistenti, ma non ha annunciato la completa cessazione della costruzione negli insediamenti ebraici, ma ha invece chiesto il diritto alla "crescita naturale".

Nell'estate del 2011 hanno protestato fino a 150.000 manifestanti contro i mali sociali; alcuni si accamparono in luoghi centrali come Rothschild Boulevard. Netanyahu ha annunciato le riforme.

Le elezioni parlamentari previste per l'autunno 2013 sono state anticipate al 22 gennaio 2013 dopo che la coalizione di governo non è stata in grado di concordare un budget. L'alleanza di Netanyahu ha subito perdite ma ha vinto le elezioni. Il 18 marzo 2013, Netanyahu ha assunto anche il Ministero della diplomazia e della diaspora . Il 29 aprile 2013 il ministero è stato ribattezzato "Ministero di Gerusalemme e degli affari della diaspora".

Dopo una crisi di governo tra il Likud ei partiti liberali nel novembre 2014, Netanyahu ha licenziato il ministro delle Finanze Yair Lapid e il ministro della Giustizia Tzipi Livni il 2 dicembre . Nel marzo 2015 si sono svolte nuove elezioni , vinte dal partito di Netanyahu. Nel governo che si è formato successivamente, ha assunto anche l'incarico di ministro delle comunicazioni .

In un discorso ai delegati del 37° Congresso sionista a Gerusalemme nell'ottobre 2015, Netanyahu ha espresso l'opinione che Adolf Hitler originariamente non avesse pianificato lo sterminio degli ebrei europei, ma solo la loro espulsione. Fu solo su sollecitazione del Gran Mufti di Gerusalemme, Mohammed Amin al-Husseini , che temeva che gli ebrei sarebbero fuggiti in Palestina, che il loro omicidio fu deciso dopo un incontro nel novembre 1941. Nel 2012 Netanyahu al-Husseini aveva già nominato uno degli artefici determinanti della soluzione finale . Queste tesi sono respinte dalla ricerca sull'Olocausto .

Nel luglio 2017, nell'ambito del suo viaggio in Europa, ha incontrato i capi di governo del Gruppo Visegrád - Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia. Dal 17 al 19 luglio 2017, ha trascorso una visita di Stato di tre giorni in Ungheria. Insieme a Viktor Orbán ha visitato la Grande Sinagoga di Budapest . Durante la sua visita a Budapest, Netanyahu ha descritto la politica israeliana dell'UE come assolutamente folle, poiché l'Europa ha legato la cooperazione tecnologica con Israele in ogni ambito alle condizioni politiche. La critica dell'Europa alla politica degli insediamenti israeliani è "anormale".

Nel novembre 2018, il partito di destra Jisra'el Beitenu ha lasciato la coalizione di governo di Netanyahu. Ha quindi programmato nuove elezioni per il 9 aprile 2019 . La misura è vista come una mossa di scacchi sullo sfondo di una minacciata accusa nel procedimento per corruzione. Dopo che i partiti social-liberale-centristi Chosen LeJisra'el e Jesch Atid avevano formato un'alleanza elettorale nel campo dell'opposizione , Netanyahu ha promosso la fusione del kahanista Otzma Jehudit con il religioso nazionale HaBajit haJehudi promettendo in anticipo all'alleanza un posto di governo.

Durante le elezioni della Knesset nell'aprile 2019 , su istruzione di Netanyahu, il Likud ha installato circa 1.200 telecamere nascoste e registratori di suoni in seggi elettorali prevalentemente arabi. L'obiettivo è prevenire le frodi elettorali. Politici di altri partiti hanno accusato Netanyahu di intimidire gli elettori arabi impedendo loro così di votare. L'uso di telecamere nei seggi elettorali è stato anche accusato dell'affluenza eccezionalmente bassa tra gli arabi israeliani.

Netanyahu e Likud sono usciti vittoriosi dalle elezioni dell'aprile 2019, ottenendo il miglior risultato elettorale dal 2003, conquistando 35 seggi, cinque in più rispetto alle precedenti elezioni. Dopo le elezioni, Netanyahu ha condotto negoziati di coalizione con gli altri partiti di destra, ma questi sono falliti. Dopo la scadenza di sei settimane, non era riuscito a formare una coalizione e il parlamento ha votato per il suo autoscioglimento e nuove elezioni a settembre. Le trattative sono fallite a causa di controversie tra i partiti ultraortodossi ( Shas e United Torah Judaism ) e l'ex ministro della Difesa Avigdor Liebermann , che con il suo partito ha chiesto che la coscrizione si applichi anche a tutti gli ultraortodossi in futuro.

Il 20 luglio 2019, Netanyahu ha superato il fondatore dello stato David Ben-Gurion per la durata del suo mandato . Questo lo rende il primo ministro più longevo in Israele.

Quando ancora una volta non è riuscito a formare un governo dopo le elezioni parlamentari del settembre 2019 , Benny Gantz ha ricevuto il mandato di formare un nuovo governo.

Il 26 dicembre 2019, Netanyahu è stato rieletto presidente del Likud con il 72,5%. Il suo rivale di partito Gideon Sa'ar ha ricevuto il 27,5% dei voti.

Il 2 giugno 2021, il leader dell'opposizione Jair Lapid ha annunciato di essere riuscito a formare una coalizione composta da 8 partiti con una maggioranza di un solo voto. Dopo le elezioni parlamentari del 2021, Lapid ha ricevuto il mandato di formazione del governo dal presidente Reuven Rivlin dopo che Netanyahu aveva già fallito con esso. Il 13 giugno 2021, Netanyahu è stato destituito dalla carica di Primo Ministro di Israele dopo aver fallito nel formare un governo stabile dalla fine del 2018. Il Parlamento ha votato 60 a 59 per un nuovo governo, ponendo fine al mandato di 12 anni di Netanyahu. Il suo successore fu l'ultranazionalista Naftali Bennett del partito nazionalista Jamina . Divenne così il leader dell'opposizione.

Indagini e procedimenti penali per sospetta corruzione

All'inizio di gennaio 2017, Netanyahu è stato interrogato dalla polizia con l'accusa di accettare benefici . È accusato di aver accettato vantaggi da due uomini d'affari.

A metà febbraio 2018, la polizia israeliana ha annunciato che, sulla base dei risultati della sua indagine durata più di un anno, stava raccomandando al procuratore generale responsabile di perseguire Netanyahu con l'accusa di corruzione in due casi. Oltre ai vantaggi concessi da due uomini d'affari ( Arnon Milchan , James Packer ) sotto forma di gioielli, sigari e champagne per un importo di circa 250.000 euro, Netanyahu è accusato di aver tentato di influenzare la cronaca del quotidiano Jedi'ot Acharonot, che lo criticava promettendo di limitare l'influenza del quotidiano gratuito Israel Hayom, che considerava il suo portavoce . Pochi minuti dopo la pubblicazione dei risultati delle indagini della polizia, Netanyahu ha negato le accuse in televisione. L'opposizione gli ha chiesto di dimettersi. All'inizio di dicembre 2018, la polizia ha raccomandato che Netanyahu fosse accusato di un altro caso. Durante il suo periodo come ministro delle comunicazioni, si dice che abbia concesso vantaggi alla società di telecomunicazioni Bezeq . In cambio, il portale di notizie online Walla! hanno riferito positivamente su Netanyahu. La decisione di sporgere denuncia è stata poi presa dal procuratore generale Avichai Mandelblit, ex segretario di gabinetto di Netanyahu. Alla fine di febbraio 2019, Mandelblit ha stabilito che Netanyahu dovrebbe essere accusato di corruzione, frode e abuso di fiducia in tutti e tre i casi. Dopo un'audizione di Netanyahu, Mandelblit ha annunciato le accuse alla fine di novembre 2019. All'inizio di gennaio 2020, Netanyahu ha chiesto al parlamento l'immunità per proteggersi dall'accusa di fronte alle accuse. Con la richiesta di immunità, il procedimento è stato inizialmente sospeso. Dopo che Benjamin Netanyahu ha ritirato la sua domanda di immunità il 28 gennaio 2020, il procuratore generale Avichai Mandelblit ha presentato lo stesso giorno accuse di corruzione, frode e abuso di fiducia alla Corte distrettuale di Gerusalemme.

Il procedimento penale contro Netanyahu è stato aperto presso il tribunale distrettuale di Gerusalemme il 24 maggio 2020. In questo contesto, lui stesso ha accusato il pubblico ministero, i giudici, i media e la polizia di un complotto volto a eliminare la volontà del popolo. La prosecuzione del processo è stata rinviata a luglio 2020. Il processo è proseguito il 19 luglio 2020. L'inizio dell'assunzione delle prove è stato rinviato a gennaio 2021 su richiesta dei legali di Netanyahu e con riferimento al coronavirus.

posizioni politiche

processo di pace

Netanyahu è contrario al ritiro di Israele dai territori occupati in Cisgiordania perché lo vede come una ripetizione del piano di disimpegno , che secondo lui è stato un errore. Il ritiro unilaterale di Israele da Gaza nel 2005 non ha contribuito né alla pace né alla sicurezza di Israele. Netanyahu sostiene una soluzione a due stati solo in misura limitata. In una riunione di gabinetto nel 2009 ha annunciato che avrebbe insistito sul riconoscimento di Israele e di uno stato palestinese smilitarizzato se ci fossero stati passi futuri verso la pace con partner negoziali moderati. Netanyahu esclude anche l'evacuazione degli insediamenti ebraici in Cisgiordania. Invece, crede che tutti i coloni ebrei dovrebbero essere integrati in un futuro stato palestinese. Nel 2014, Netanyahu ha riconosciuto ancora una volta uno stato palestinese solo a determinate condizioni. Nel 2016 ha riaffermato questa posizione sul suo canale YouTube descrivendo l'evacuazione degli insediamenti ebraici come "pulizia etnica". Secondo questo, i coloni ebrei in Cisgiordania non sono un ostacolo alla pace, così come i residenti arabi di Israele non sono un ostacolo alla pace, ma piuttosto dimostrano la disponibilità di Israele per la pace. Netanyahu afferma di immaginare un Medio Oriente in cui ebrei e arabi possano coesistere pacificamente.

Nel 2020, Netanyahu ha sostenuto un piano di pace del presidente degli Stati Uniti Donald Trump che non coinvolgeva l' Autorità palestinese .

Iran

Netanyahu vede l'Iran come la "più grande minaccia alla pace mondiale" e avverte regolarmente che la Repubblica islamica è armata di armi nucleari . Allo stesso tempo, Netanyahu trova anche parole concilianti in direzione del popolo iraniano sul suo canale YouTube ufficiale . Ha offerto la cooperazione economica tra Israele e Iran e la risoluzione delle ostilità tra i due popoli. In un'altra dichiarazione su YouTube, Netanyahu ha sottolineato di aver fatto una rigida distinzione tra il popolo iraniano e il suo regime e ha evidenziato i risultati della diaspora iraniana. Netanyahu crede che l'Iran sia stato saccheggiato dal suo governo, il che ostacolerà il successo del Paese. Nei suoi discorsi all'Onu, Netanyahu mette in guardia anche dal programma nucleare iraniano , che secondo lui servirà per costruire una bomba atomica. Allo stesso tempo lodò la storia della Persia e lodò il re persiano Ciro II sotto il cui governo fu costruito il secondo tempio ebraico a Gerusalemme. In un'intervista con l'edizione in lingua persiana della BBC , ha anche elogiato la storia dell'Iran e ha auspicato relazioni amichevoli tra i due paesi, come sono già esistite in passato. Allo stesso tempo, Netanyahu ha nuovamente messo in guardia contro un regime armato nucleare in Iran, sostenendo che la dittatura in Iran sarebbe diventata immortale con una bomba atomica.

Dopo che Qassem Soleimani è stato ucciso da un attacco di droni americani, Netanyahu ha ringraziato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump per aver ucciso il generale iraniano.

pena di morte

Netanyahu promuove l'uso della pena di morte come strumento nella lotta al terrorismo . Nel gennaio 2018 è stato approvato in parlamento un progetto di legge corrispondente con una maggioranza ristretta.

Pubblicazioni

  • (come editore, con Iddo Netanyahu) Autoritratto di un eroe: le lettere di Jonathan Netanyahu (1963-1976). Random House, New York 1980, ISBN 978-0-394-51376-8 .
  • (come redattore) Terrorismo internazionale: sfida e risposta. The Jonathan Institute, Gerusalemme 1980, ISBN 978-0-87855-894-0 .
  • (come redattore) Terrorismo: come può vincere l'Occidente. Farrar Straus & Giroux, New York 1986, ISBN 978-0-374-27342-2 .
  • Un posto tra le nazioni: Israele e il mondo. Bantam Books, 1993, ISBN 978-0-553-08974-5 .
  • Combattere il terrorismo: come le democrazie possono sconfiggere il terrorismo interno e internazionale. Farrar Straus & Giroux, New York 1995, ISBN 978-0-374-15492-9 .
  • Edizione tedesca: Il nuovo terrore: come gli stati democratici possono combattere il terrorismo. Bertelsmann, Monaco 1996, ISBN 978-3-570-12269-3 .

Onori

Letteratura e collegamenti web

Commons : Benjamin Netanyahu  - raccolta di immagini, video e file audio

Evidenze individuali

  1. Dusiznies: Vista rara: la figlia Chareidie di Bibi Netanyahu dà alla luce una bambina. In: Vista rara. 17 febbraio 2016, accesso 11 aprile 2019 .
  2. Michael Barbaro: A Friendship Dating to 1976 Resonates in 2012, in: New York Times del 7 aprile 2012, consultato il 24 luglio 2014 (inglese)
  3. a b Benjamin Netanyahu, sul sito web dell'Agenzia Ebraica, consultato il 24 luglio 2014
  4. Serge Schmemann: capo dell'opposizione israeliana che fa ritorno, in: New York Times del 30 marzo 1996, consultato il 24 luglio 2014 (inglese)
  5. Jedi'ot Acharonot, 13 giugno 2006
  6. http://www.shn.ch/pages/artikel.cfmid=171241 (link non disponibile)
  7. Sondaggio: alle elezioni il partito di governo sarebbe dimezzato. In: derstandard.at . 9 aprile 2007, consultato il 10 gennaio 2017 .
  8. ^ La squadra è più importante del leader Haaretz 9 maggio 2007
  9. n-tv.de - Il falco vola: il Likud elegge Netanyahu dal 15 agosto 2007
  10. Susanne Knaul: Israele: il Likud si sposta più a destra. In: taz.de . 16 agosto 2007, consultato il 10 gennaio 2017 .
  11. Netanyahu assume la formazione di un governo in Israele ( ricordo del l' originale dal 19 gennaio 2012 nella Internet Archive ) Info: Il dell'archivio collegamento è stato inserito automaticamente e non è stata ancora verificata. Si prega di controllare il collegamento originale e archivio secondo le istruzioni e quindi rimuovere questo avviso. , da Reuters , il 20 febbraio 2009. @1@ 2Modello: Webachiv / IABot / de.reuters.com
  12. Il nuovo governo israeliano ha prestato giuramento , Die Welt
  13. Netanyahu introduce il governo gigantesco , nzz.ch, 1 aprile 2009
  14. www.knesset.gov.il: Governo 32
  15. Netanyahu si rimbocca le maniche , Wiener Zeitung, 2 aprile 2009
  16. Netanyahu per lo Stato palestinese soggetto a condizioni su nzz.ch, 14 giugno 2009.
  17. Discorso sulla politica in Medio Oriente: le condizioni di Netanyahu per uno Stato palestinese ( Memento del 16 giugno 2009 in Internet Archive ) su tagesschau.de, 15 giugno 2009
  18. ^ Gisela Dachs: Protesta: la maggioranza silenziosa di Israele si ribella. In: zeit.de . 1 agosto 2011, accesso 10 gennaio 2017 .
  19. Israele: le proteste si stanno espandendo , ORF dal 30 luglio 2011 ( Memento del 9 febbraio 2014 in Internet Archive )
  20. www.knesset.gov.il
  21. ^ Benjamin Netanyahu incolpa dell'Olocausto il leader palestinese Haj Amin al-Husseini . The Independent, 21 ottobre 2015
  22. Netanyahu: Hitler non voleva sterminare gli ebrei. In: Haaretz . Haaretz Daily Newspaper Ltd., 21 ottobre 2015, consultato il 22 ottobre 2015 (in inglese): L'affermazione secondo cui Husseini fu colui che iniziò lo sterminio degli ebrei europei era stata suggerita da un certo numero di storici ai margini della ricerca sull'Olocausto , ma è stata respinta dalla maggior parte degli studiosi accettati."
  23. Boris Kálnoky: Netanyahu - Il comportamento dell'UE nei confronti di Israele è folle , 19 luglio 2017 su N24 online
  24. http://de.euronews.com/2017/07/18/bruessel-in-kuerze-die-lage-des-rechtsstaats-in-polen-das-europaeisch
  25. ^ Elisabeth Katalin Grabow: Appello urgente al termine della visita di Stato: gli ebrei ungheresi si sentono abbandonati dal primo ministro israeliano Netanyahu , 20. Luglio 2017 su Jewish General Online .
  26. Netanyahu si lamenta dell'UE , 19 luglio 2017 su süddeutsche.de online
  27. Netanyahu descrive la politica israeliana dell'UE come "assolutamente folle" , 19 luglio 2017 su tagesspiegel.de online
  28. kle/sti: Israel and the European Union , 19 luglio 2017 su Deutsche Welle online
  29. La lotta politica di Netanyahu per la sopravvivenza - contro la sua stessa magistratura
  30. Bayit Yehudi, Otzma Yehudit accetta di candidarsi in una lista - Elezioni israeliane - Jerusalem Post. Estratto il 22 febbraio 2019 .
  31. Notizie dal mondo: 1.200 telecamere nascoste sequestrate dai seggi elettorali israeliani mentre Netanyahu difende la mossa del Likud ( it ) In: RT . [1200 caméras cachées saisies dans les bureaux de vote israéliens alors que Netanyahou défend le mouvement du Likud]. 9 aprile 2019. Estratto il 1 maggio 2019.
  32. TOI Personale: Telecamere nascoste in cabine di voto arabi erano idea di Netanyahu - servizio televisivo ( s ) In: The Times of Israel . [Le telecamere nascoste nelle cabine elettorali arabe sono state l'idea di Netanyahu - Servizio televisivo]. 23 aprile 2019. Estratto il 1 maggio 2019.
  33. ^ Haaretz: Risultati finali delle elezioni: Bennett spazzato via; Il Likud di Netanyahu guadagna un seggio ( it ) In: Haaretz . [Risultati finali delle elezioni: Bennett anéanti; Le Likud de Netanyahu gagne un siège]. 12 aprile 2019. Estratto il 1 maggio 2019.
  34. Raoul Wootliff: Netanyahu a gagné, tous les autres ont perdu - ou presque ( fr ) In: The Times of Israel . [Netanyahu ha vinto, tutti gli altri hanno perso - o quasi]. 10 aprile 2019. Estratto il 1 maggio 2019.
  35. Settimane dopo, il vincitore delle elezioni Netanyahu si trasforma in un perdente
  36. Netanyahu al potere più a lungo di Ben-Gurion. In: Israelnetz .de. 19 luglio 2019, accesso 23 luglio 2019 .
  37. Israele: Netanyahu non riesce a formare un governo e dà mandato indietro . In: Spiegel Online . 21 ottobre 2019 ( spiegel.de [consultato il 21 ottobre 2019]).
  38. tagesschau.de: Netanyahu rieletto capo del Likud. Estratto il 27 dicembre 2019 .
  39. DER SPIEGEL: Cambio di potere in Israele. Estratto il 13 giugno 2021 .
  40. Sospetta corruzione: la polizia interroga il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. In: Spiegel Online . 2 gennaio 2017. Estratto il 10 gennaio 2017 .
  41. dpa: Contesto: le accuse di corruzione contro Netanyahu | svz.de. Estratto il 28 febbraio 2019 .
  42. tagesschau.de: Media israeliani: la polizia raccomanda accuse contro Netanyahu. Estratto il 28 febbraio 2019 .
  43. ZEIT ONLINE: Israele: la polizia raccomanda accuse contro Netanyahu . In: Il tempo . 2 dicembre 2018, ISSN  0044-2070 ( zeit.de [visitato il 28 febbraio 2019]).
  44. Netanyahu sospettato di corruzione, in: Badische Zeitung, 15 febbraio 2018
  45. Il primo ministro di Israele: Netanyahu dovrebbe essere accusato di corruzione . Welt Online, 28 febbraio 2019.
  46. Natael Bandel: Netanyahu accusato di corruzione, frode e violazione della fiducia, chiudendo un drammatico anno politico. In: Haaretz . 21 novembre 2019, accesso 21 novembre 2019 .
  47. Netanyahu ha accusato tre volte. Israelnetz.de , 28 gennaio 2020, consultato l'8 febbraio 2020 .
  48. Netanyahu parla di una cospirazione. tagesschau.de , 24 maggio 2020, consultato il 24 maggio 2020 .
  49. Processo contro Netanyahu aggiornato dopo un'ora , Deutschlandfunk, 25 maggio 2020.
  50. ^ Benjamin Hammer, ARD-Studio Tel Aviv: successo parziale per Netanyahu. In: Tagesschau. 19 luglio 2020, accesso 16 agosto 2020 .
  51. Barak Ravid: Netanyahu: non ripeterò l' errore di evacuazione di Gaza. In: Haaretz. 9 agosto 2009, accesso 16 maggio 2021 .
  52. Netanyahu: Tirando fuori da Gaza è stato un errore. In: jungewelt. 10 agosto 2009, accesso 16 maggio 2021 .
  53. Aron Heller: funzionario israeliano: PALESTINA dovrebbe consentire coloni. In: AP. 26 gennaio 2014, accesso 16 maggio 2021 .
  54. Benjamin Netanyahu: nessun ebreo. In: Youtube. 9 settembre 2016, accesso 16 maggio 2021 .
  55. Thilo Kößler: il piano di Trump per il Medio Oriente. In: deutschlandfunk. 29 gennaio 2020, accesso 16 maggio 2021 .
  56. "Il più grande pericolo per la pace nel mondo". In: taz. 28 settembre 2012, accesso 16 maggio 2021 .
  57. https://www.timesofisrael.com/netanyahu-offers-israeli-water-tech-to-solve-irans-growing-environmental-crisis/
  58. Benjamin Netanyahu: PM Netanyahu: Il popolo iraniano è fantastico. In: Youtube. 31 maggio 2018, accesso 16 maggio 2021 .
  59. 'Rouhani dell'Iran è lupo travestito da agnello' - Netanyahu all'Assemblea generale delle Nazioni Unite. In: Youtube. RT, accesso il 16 maggio 2021 .
  60. Intervista della BBC Persian con Benjamin Netanyahu, primo ministro israeliano. Estratto il 16 maggio 2021 .
  61. Netanyahu loda Trump per l'uccisione dell'iraniano Soleimani, afferma che Israele è dalla parte degli Stati Uniti. In: timesofisrael. 3 gennaio 2020, accesso 16 maggio 2021 .
  62. Israele vuole facilitare la pena di morte per i terroristi. 3 gennaio 2018, accesso 16 maggio 2021 .
  63. Il presidente brasiliano Bolsonaro onora Netanyahu. In: Israelnetz .de. 2 gennaio 2019, accesso 18 gennaio 2019 .
  64. Bolsonaro concedere Ordem Nacional do Cruzeiro do Sul a Netanyahu. In: Veja . 18 gennaio 2019, accesso 18 gennaio 2019 (portoghese brasiliano).

Opiniones de nuestros usuarios

Romano Motta

Grazie. L'articolo su Benjamin Netanyahu è stato utile per me, Articolo molto interessante su Benjamin Netanyahu

Sergio Rossetti

In questo post sulla Benjamin Netanyahu ho imparato cose che non sapevo, quindi ora posso andare a letto

Giovanna De Santis

Questo post su Benjamin Netanyahu mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., L'informazione su Benjamin Netanyahu mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., Corretto