Benjamin Murmelstein



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benjamin Murmelstein. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benjamin Murmelstein sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benjamin Murmelstein e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benjamin Murmelstein. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benjamin Murmelstein! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benjamin Murmelstein, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benjamin Murmelstein (nato il 9 giugno 1905 a Lemberg , Galizia , Austria-Ungheria ; 27 ottobre 1989 a Roma ) è stato un rabbino austriaco , studioso e funzionario dell'Israelitische Kultusgemeinde Vienna prima della sua dissoluzione da parte dei nazionalsocialisti nel marzo 1938. Dopo che era nell'istituto, che fu ribattezzato con la forza Comunità Ebraica Vienna, era responsabile del dipartimento dell'emigrazione. In seguito fu membro dello Judenrat di Vienna . Successivamente, fu l'ultimo anziano ebreo nel ghetto di Theresienstadt . Ha scritto importanti testimonianze contemporanee sui crimini dei nazionalsocialisti contro gli ebrei .

Vivi e agisci

Origine, famiglia, studi e rabbinato

Murmelstein era il figlio di Wolf Zeev Murmelstein (morto nel 1934) e Debora Murmelstein, nata Geyer (1879-1941), aveva due fratelli e due sorelle. Di famiglia ortodossa , si è diplomato al liceo classico di Lemberg, capitale della Galizia austriaca. Dopo aver superato l'esame di maturità, si trasferì a Vienna nel 1923 e studiò filosofia e lingue semitiche all'Università di Vienna . Allo stesso tempo, ha completato una formazione rabbinica presso l'"Israelite Theological Training Institute" di Vienna, che ha completato nel 1927 con ottimi risultati. Nello stesso anno ha conseguito il dottorato con la tesi Adam. Un contributo alla dottrina del Messia .

Dal 1931 Murmelstein lavorò come rabbino per l'Israelitische Kultusgemeinde Vienna nel tempio di Brigittenau . Inoltre, dal 1931 al 1938 insegnò all'Israelitisch-Theologische Lehranstalt e insegnò anche religione nelle scuole secondarie di Vienna . Ha anche condotto studi giudaici e pubblicato in questo settore. (Vedi anche: La vita ebraica a Vienna .)

Murmelstein era sposato con Margit, nata Geyer (1 marzo 1904 a Budapest) dal 1933. Il matrimonio ha portato a un figlio di nome Wolf (* 1936). Murmelstein tentò senza successo dal 1936 al 1941 di trovare un lavoro all'estero mentre la maggior parte degli altri rabbini emigrarono. Alla fine rimase con la sua famiglia a Vienna, dove combatté contro il crescente antisemitismo durante i tempi dell'austrofascismo .

Funzioni in epoca nazista

Dopo l' annessione dell'Austria al Reich tedesco nel marzo 1938 , Murmelstein fu membro della direzione dell'Israelitische Kultusgemeinde Wien , che nel marzo 1938 contava 537 dipendenti retribuiti e 565 volontari. Poco tempo dopo fu a capo del Dipartimento dell'emigrazione creato dal regime nazista nella comunità religiosa viennese, ribattezzata Comunità ebraica nel maggio 1938 su indicazione del regime nazista. In questa funzione, Murmelstein doveva lavorare a stretto contatto con l' " Ufficio centrale per l'emigrazione ebraica a Vienna " creato nell'agosto 1938 da Adolf Eichmann e Alois Brunner , che serviva solo allo scopo di promuovere l'emigrazione degli ebrei viennesi. In questa funzione, Murmelstein è stato in grado di salvare la vita di molti ebrei viennesi. Ha anche agito come vicecapo ben pagato della comunità ebraica di Vienna sotto Josef Löwenherz e si è sviluppato da "uomo di Dio a amministratore, burocrate e manager in miseria". Come parte di queste attività, ha dovuto viaggiare più volte all'estero, ma non è rimasto lì, ma è sempre tornato a Vienna.

Gli altri capi della comunità ebraica servirono come ostaggi quando Murmelstein si recò a Londra nel gennaio 1939 per organizzare il Kindertransporte , e con la loro firma ne furono responsabili. Murmelstein accompagnò i treni di trasporto con ebrei viennesi a Nisko nell'autunno del 1939 come funzionario ebreo durante l'attuazione del cosiddetto Piano Nisko . Nel novembre 1941, circa 128.000 ebrei erano stati in grado di emigrare da Vienna .

Dal 1942 lui e altri funzionari ebrei dovettero fare i "carri" durante la movimentazione dei treni di deportazione da Vienna ai campi di sterminio dell'est su istruzione delle autorità naziste, cosa che non si poté evitare. Murmelstein ha cercato di togliere anziani e bambini dalle liste di espulsione. A causa dei terribili eventi, entrò in crisi di fede e non si recò più in sinagoga . Dal novembre 1942 fece parte del consiglio consultivo del Consiglio degli Anziani degli Ebrei di Vienna, guidato dal Cuor di Leone.

Anziano ebreo nel ghetto di Theresienstadt

Il 29 gennaio 1943 Murmelstein fu deportato a Theresienstadt . Il prigioniero di Theresienstadt Hans Günther Adler riferì nel 1955 che Murmelstein non aveva avuto una buona reputazione da Vienna. Murmelstein ha agito a Theresienstadt fin dall'inizio dietro Jacob Edelstein come "Secondo vice dell'anziano ebreo" Paul Eppstein . Inoltre, poco dopo il suo arrivo a Theresienstadt, è stato responsabile del servizio sanitario e del dipartimento tecnico come capo dipartimento. Dall'aprile 1943 era ancora responsabile della registrazione dei libri ebraici confiscati per la catalogazione da parte dell'Ufficio principale della sicurezza del Reich (RSHA). Nel dicembre 1943 assunse la "amministrazione interna", che tra l'altro. inclusa l'area della gestione dello spazio. Oltre al polacco e al tedesco, Murmelstein ha anche imparato il ceco a Theresienstadt per capire la lingua del campo. Viveva in una stanza del ghetto con la moglie e il figlio. L'attrice Vlasta Schönová era la sua fidanzata a Theresienstadt .

Dal 27 settembre 1944 al 5 maggio 1945, Murmelstein fu l'ultimo anziano ebreo nel ghetto di Theresienstadt e in questa funzione sostituì l'assassinato Eppstein. Murmelstein inizialmente ricoprì questo incarico di fatto e ufficialmente dal dicembre 1944.

Poco dopo la sua nomina a anziano ebreo, i trasporti autunnali con i detenuti abili al lavoro lasciarono Theresienstadt, la cui destinazione era il campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau . Tuttavia, Murmelstein non fu in grado di influenzare le deportazioni da Theresienstadt. Cercò di salvare il maggior numero possibile di ebrei internati attraverso la cooperazione con i nazionalsocialisti, che nel caso dei trasporti riuscì anche in alcune centinaia di casi. Questi erano principalmente medici, infermieri e altri esperti che erano indispensabili per l'esistenza del campo, poiché Murmelstein si rifiutava altrimenti di compilare elenchi di deportazione. Inoltre, non ha permesso reclami sui trasporti al fine di garantire che tutti i prigionieri fossero trattati allo stesso modo. Ridusse anche i vantaggi per i prigionieri importanti , come le assegnazioni speciali per le razioni di cibo.

Murmelstein apprese dell'entità della distruzione degli ebrei da parte dei nazionalsocialisti a Theresienstadt nel dicembre 1944 non prima dagli ebrei slovacchi appena arrivati, ma forse anche solo nell'aprile 1945 dai sopravvissuti alle marce della morte dei prigionieri dei campi di concentramento che erano arrivati a Theresienstadt . Rifiutò categoricamente la resistenza armata, la fuga o il suicidio . Poiché ha visto il pericolo della liquidazione del campo, ha invece fatto affidamento su un'organizzazione efficace della vita quotidiana nel campo per salvare gli ebrei nel campo. Voleva convincere i capi delle SS che l'effetto propagandistico del ghetto, di cui era ben consapevole, funzionava. Aumenta l'orario di lavoro a Theresienstadt a 70 ore, ripulisci il ghetto e le donne fanno lavori pesanti, ottenendo così una migliore infrastruttura e una situazione di approvvigionamento per i detenuti nel ghetto.

Murmelstein era nel film di propaganda " Theresienstadt. Un film documentario dall'area dell'insediamento ebraico ed è stato in grado di guardarlo insieme ai leader delle SS durante una presentazione a una delegazione della Croce Rossa il 16 aprile 1945 a Theresienstadt.

Il 5 maggio 1945, il Comitato Internazionale della Croce Rossa assunse la gestione del ghetto di Theresienstadt attraverso Paul Dunant . All'inizio di maggio 1945 Leo Baeck ringraziò Murmelstein per iscritto per il suo lavoro di anziano ebreo nelle circostanze più difficili. In seguito, alcuni sopravvissuti hanno affermato che avrebbe agito in modo prepotente e avrebbe accettato favori sessuali. La sua " figura di Falstaff " era risentita durante il periodo della fame, tanto che a volte veniva celebrata la sua sostituzione come anziano del campo.

dopoguerra

Dopo la fine della guerra, Murmelstein rimase a Theresienstadt e partecipò allo scioglimento del ghetto. Murmelstein scrisse i suoi resoconti di testimoni oculari Historical Overview e My Posting a Theresienstadt nel maggio / giugno 1945 . Per presunta collaborazione fu arrestato e internato nel giugno 1945, ma assolto il 3 dicembre 1946 davanti al tribunale del popolo ceco di Litomice dall'accusa di collaborazione. Al processo a Litomice contro l'ex comandante del campo del ghetto di Theresienstadt Karl Rahm dal gennaio all'aprile 1947, Murmelstein ha testimoniato come testimone.

Si trasferì poi a Roma con la famiglia per assumere un impiego in un seminario rabbinico, che però non si concretizzò. Nell'agosto del 1948 dovette giustificare le sue azioni come anziano ebreo a Theresienstadt davanti a una corte d'onore per gli sfollati ebrei organizzata in Italia, e anche lì riuscì a confutare le accuse mosse contro di lui. Per breve tempo lavorò come rabbino a Trieste . Murmelstein si stabilì poi con la sua famiglia a Roma , dove però non cercò alcun contatto con la vita della comunità ebraica. A Roma ha commerciato in lampadine e alla fine è stato impiegato con successo come venditore di mobili stipendiato. Fino al 1989 Murmelstein è stato anche scienziato presso il Pontificio Istituto Biblico des Vatican . Murmelstein rimase cittadino austriaco e gli fu concessa la residenza permanente in Italia .

Sebbene si fosse presentato come testimone per il processo Eichmann nel 1961 , la sua offerta di testimoniare non fu accettata, cosa che lo deluse molto. In questo contesto ha avuto il libro Terezin , pubblicato in italiano nel 1961 . Il ghetto-modello di Eichmann scrisse e in seguito anche l'articolo La fine di Theresienstadt. Dichiarazione di una delle parti , apparsa sulla Neue Zürcher Zeitung il 14 dicembre 1963 . Murmelstein, che come funzionario ebreo incontrò diverse volte il leader delle SS Adolf Eichmann , è particolarmente interessato alla sua pubblicazione Terezin. Il ghetto-modello di Eichmann è incentrato sulla persona di Eichmann. In questi scritti, Murmelstein spiega e giustifica in particolare il suo ruolo di anziano ebreo a Theresienstadt.

Dopo Israele , non ha viaggiato perché è stato aggredito come collaboratore . Lo storico religioso di Gerusalemme Gershom Scholem , che in seguito fu a capo dell'Accademia israeliana delle scienze , chiese la pena di morte per lui in una lettera pubblicata in seguito alla filosofa Hannah Arendt .

Murmelstein muore a Roma il 27 ottobre 1989. Dopo la sua morte, il Gran Rabbino di Roma Elio Toaff rifiutò la preghiera funebre e gli assegnò una tomba ai margini del cimitero. Il figlio di Murmelstein si rivolse al Consiglio rabbinico italiano a causa di questa decisione e ottenne un parere sul padre, che diede a suo padre una valutazione positiva come anziano di ebrei. Nel 2002, Wolf Murmelstein fece causa a Toaff per diffamazione , ma il procedimento non si concluse.

Valutazione della personalità

Murmelstein è ancora considerato una personalità ambivalente fino ad oggi. Secondo Rabinovici , è da tempo chiaro che Murmelstein non era un collaboratore , ma anzi, a causa delle sue convinzioni, fu costretto a collaborare con i nazionalsocialisti per salvare quanti più ebrei possibile.

In vista dei 19.000 sopravvissuti al ghetto di Theresienstadt, Murmelstein una volta osservò: Ho salvato Theresienstadt. Forse è megalomania. Tuttavia, ha sottolineato la sua portata limitata come anziano ebreo a Theresienstadt. Secondo le sue stesse dichiarazioni, Murmelstein era un combattente solitario. Come anziano ebreo era autoritario e, secondo Hájková, non aveva un aspetto "umano", ma piuttosto freddo e talvolta collerico . D'altra parte, lo descrive come un gran lavoratore, intelligente e dotato di una buona comprensione delle persone.

Secondo le dichiarazioni di alcuni contemporanei, Murmelstein avrebbe attirato l'attenzione a causa del suo "contegno prepotente", che lo discreditò dopo l'annessione dell'Austria, mentre era funzionario a Vienna. Il suo allora collega Willy Stern in seguito riferì a Doron Rabinovici di Murmelstein: Gridava in giro, era scortese, cacciava le persone; era a disagio".

"L'ultimo degli ingiusti"

Murmelstein è stato intervistato più volte dai ricercatori. Un'intervista con Murmelstein, filmata per il documentario Shoah dal regista Claude Lanzmann nel 1975, inizialmente non era inclusa nel lavoro di Lanzmann. Murmelstein si è descritto come "l'ultimo degli ingiusti" in questa conversazione di quasi undici ore con Lanzmann, in cui il ruolo ambivalente di Murmelstein come funzionario ebreo di alto rango era al centro dell'attenzione. L'autodesignazione si basa sul titolo del romanzo L'ultimo dei giusti di André Schwarz-Bart (1959); vedi la leggenda ebraica dei 36 giusti .

Questo materiale cinematografico è stato la base del film documentario franco-austriaco di 218 minuti Der last der Ungerechte (titolo originale Le dernier des injustes ) di Claude Lanzmann (produzione: Dor-Film , Vienna), che è stato proiettato fuori concorso alla 66a edizione Festival di Cannes nel maggio 2013 .

Nella commedia di Robert Schindel Dunkelstein: a real farce , pubblicata nel 2010, la persona immaginaria Saul Dunkelstein, basata su Murmelstein, è in primo piano. Questo dramma è stato presentato in anteprima nel 2016 al Teatro Hamakom di Vienna.

Caratteri (selezione)

  • Benjamin Murmelstein: il ghetto modello di Theresienstadt Eichmann . Con una postfazione di Wolf Murmelstein. Traduzione tedesca dell'autobiografia Terezin , pubblicata in italiano nel 1961 . Il ghetto-modello di Eichmann . Vienna 2014, ISBN 978-3-7076-0510-5 .
  • Terezin. Il ghetto-modello di Eichmann. Cappelli, Bologna 1961 (2a edizione, La Scuola, Milano 2013, con epilogo di Wolf Murmelstein: Benjamin Murmelstein, Il testimone mai sentito. Pp. 237246).
  • Storia degli ebrei. Le persone che vagano per il mondo. Josef Belf, Vienna 1938.
  • Adamo. Un contributo alla dottrina del Messia. Tesi di laurea Università di Vienna 1927.

letteratura

link internet

Evidenze individuali

  1. ^ A b Doron Rabinovici : Benjamin Murmelstein, "l'ultimo degli ingiusti". Elementi e conseguenze dell'impotenza totale. In: Loewy, Rauschenberger: "L'ultimo degli ingiusti". 2011, pagina 41
  2. Murmelstein, Dr. Beniamino. In: www.ghetto-theresienstadt.info, Theresienstadt 19411945. Un'opera di riferimento
  3. a b c Rabinovici: Istanze di impotenza. 2000, pagina 162
  4. Rabinovici: Benjamin Murmelstein, "l'ultimo degli ingiusti". 2011, pagina 44
  5. Rabinovici: istanze di impotenza. 2000, pagina 159
  6. Rabinovici: istanze di impotenza. 2000, pagina 171
  7. Doron Rabinovici: Senza alternative: i consigli ebraici di Vienna sotto il dominio nazista. In: haGalil online . 27 ottobre 2004
  8. a b Collezione Benjamin Murmelstein. ( Memento del l' originale dal 16 ottobre 2013 in Internet Archive ) Info: Il dell'archivio collegamento è stato inserito automaticamente e non è stata ancora verificata. Si prega di controllare il collegamento originale e archivio secondo le istruzioni e quindi rimuovere questo avviso. In: The Central Archives for the History of the Jewish People Jerusalem (CAHJP), The Hebrew University of Jerusalem (con breve biografia, PDF; 39 kB) @1@ 2Modello: Webachiv/IABot/cahjp.huji.ac.il
  9. Claude Landzmann: Le dernier des injustes. Documentario, 2013
  10. Rabinovici: istanze di impotenza. 2000, pagina 147 sg.
  11. Hájková: L'anziano ebreo e le sue SS. 2011, pagina 89
  12. a b c d e f Christa Zöchling : Benjamin Murmelstein: The Spit on Hero. In: profilo in linea. 13 maggio 2013, accesso 10 aprile 2021
  13. Shoshana Duizend-Jensen: Comunità ebraiche, associazioni, fondazioni e fondi: "arianizzazione" e restituzione. Oldenbourg Wissenschaftsverlag, 2004, ISBN 978-3-486-56787-8 , pagina 92
  14. a b Adler: Theresienstadt 1941-1945. 1960, pagina 117
  15. Hájková: L'anziano ebreo e le sue SS. 2011, pagina 77 segg.
  16. Hájková: L'anziano ebreo e le sue SS. 2011, pagina 78
  17. Hájková: L'anziano ebreo e le sue SS. 2011, pagina 82
  18. Hájková: L'anziano ebreo e le sue SS. 2011, pagina 78 f.
  19. Jonny Moser: Dr. Benjamin Murmelstein, il terzo "anziano ebreo" di Theresienstadt . In: Institute Theresienstädter Initiative / DÖW (Hrsg.), Theresienstädter Gedenkbuch. Ebrei austriaci a Theresienstadt 1942-1945 . Praga 2005, pag. 147156 ( doew.at [PDF; consultato il 6 maggio 2017]).
  20. a b Wolf Murmelstein: Theresienstadt - alcuni fatti importanti . In: Il futuro ha bisogno di ricordi . 6 settembre 2005
  21. a b Hájková: L'anziano ebreo e le sue SS. 2011, pag.80 e segg.
  22. Jan Björn Potthast: Il Museo Centrale Ebraico delle SS a Praga - Ricerca dell'avversario e genocidio sotto il nazionalsocialismo. Campus-Verlag, Monaco di Baviera 2002, ISBN 3-593-37060-3 , pagina 287
  23. Theresienstadt. Un film documentario dall'area dell'insediamento ebraico. ( Memento dell'11 dicembre 2008 in Internet Archive ) In: Claude Torres: Mes musiques régénérées. Musica Ebraica
  24. Hájková: L'anziano ebreo e le sue SS. 2011, pagina 81
  25. a b c d Hájková: L'anziano ebreo e le sue SS. 2011, pagina 75
  26. Rabinovici: Benjamin Murmelstein, "l'ultimo degli ingiusti". 2011, pagina 45 f.
  27. Rabinovici: Benjamin Murmelstein, "l'ultimo degli ingiusti". 2011, pagina 46 f.
  28. Rabinovici: Benjamin Murmelstein, "l'ultimo degli ingiusti". 2011, pagina 47
  29. Hájková: L'anziano ebreo e le sue SS. 2011, pagina 90 f.
  30. Michal Frankl: La "soluzione finale della questione ebraica" e le narrazioni della storia ceca 1945-1989. In: Christiane Brenner , K. Erik Franzen, Peter Haslinger , Robert Luft (a cura di): Storiografia dei paesi boemi nel XX secolo. Tradizioni scientifiche - istituzioni - discorsi. Oldenbourg Verlag, Monaco di Baviera 2006, pagina 260
  31. Marc Zitzmann: L'ultimo "anziano ebreo" - Salvatore o traditore In: Neue Zürcher Zeitung . 10 dicembre 2013
  32. Jürg Altwegg : Intervista a Claude Lanzmann: La marionetta potrebbe tirare i fili. In: Frankfurter Allgemeine Zeitung . 27 maggio 2013, pagina 27
  33. Rabinovici: Benjamin Murmelstein, "l'ultimo degli ingiusti". 2011, pagina 47 e segg.
  34. Rabinovici: Benjamin Murmelstein, "l'ultimo degli ingiusti". 2011, pagina 48
  35. Citato da Christa Zöchling: Benjamin Murmelstein: The Spit On Hero. ( Memento del l' originale dal 17 giugno 2013 in Internet Archive ) Info: Il dell'archivio collegamento è stato inserito automaticamente e non è stata ancora verificata. Si prega di controllare il collegamento originale e archivio secondo le istruzioni e quindi rimuovere questo avviso. In: profilo in linea. 13 maggio 2013 @1@ 2Modello: Webachiv / IABot / www.profil.at
  36. Hájková: L'anziano ebreo e le sue SS. 2011, pp. 82, 86
  37. Citato in Rabinovici: Benjamin Murmelstein, "l'ultimo degli ingiusti". 2011, pagina 44
  38. Marc Zitzmann: L'ultimo "anziano ebreo" - Salvatore o traditore Il film di Claude Lanzmann su Benjamin Murmelstein rivela una vecchia questione controversa. In: Neue Zürcher Zeitung (edizione internazionale). 10 dicembre 2013, pagina 22.
  39. J.Hoberman: 'L'ultimo degli ingiusti', il nuovo film del regista di 'Shoah', è un errore morale ed estetico. Tablet, 5 febbraio 2014, consultato il 6 maggio 2017 .
  40. L'ultimo degli ingiusti - Benjamin Murmelstein, girato da Claude Lanzmann. , In: Museo del cinema austriaco (PDF; 95 kB)
  41. Hájková: L'anziano ebreo e le sue SS. 2011, p.99. L'origine dell'autodesignazione si trova nell'estratto del libroModello: link morto /!... nourl  ( pagina non più disponibile ).
  42. L'ultimo degli ingiusti . 2013. Consultato il 10 aprile 2021. Anteprima mondiale: 19 maggio 2013 al Festival di Cannes, prima alla Viennale: 27 ottobre 2013 (pagina originale su Dor-Film)

Opiniones de nuestros usuarios

Valentina Fazio

Mio padre mi ha sfidato a fare i miei compiti senza usare affatto Wikipedia, gli ho detto che potevo farlo cercando in molti altri siti. Per mia fortuna ho trovato questo sito e questo articolo su Benjamin Murmelstein mi ha aiutato a completare il mio compito. Ero quasi tentato di entrare in Wikipedia, dato che non riuscivo a trovare nulla su Benjamin Murmelstein, ma per fortuna l'ho trovato qui, perché poi mio padre ha controllato la mia cronologia di navigazione per vedere dove ero stato. Ti immagini se entrassi in Wikipedia? Per fortuna ho trovato questo sito e l'articolo su Benjamin Murmelstein qui. Ecco perché vi do le mie cinque stelle

Patrizia Parodi

A volte, quando si cercano informazioni su internet su qualcosa, si trovano articoli troppo lunghi e che insistono a parlare di cose che non ti interessano. Mi è piaciuto questo articolo su Benjamin Murmelstein perché va al punto e parla esattamente di quello che voglio, senza perdersi in informazioni inutili, È un buon articolo su Benjamin Murmelstein