Benjamin Lay



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benjamin Lay. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benjamin Lay sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benjamin Lay e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benjamin Lay. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benjamin Lay! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benjamin Lay, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benjamin Lay (nato il 26 gennaio 1682 a Colchester , in Inghilterra , 3 febbraio 1759 ad Abington , in Pennsylvania ) è stato un filantropo , scrittore e quacchero britannico . Contrassegnato da disabilità fisiche, si è schierato come un abolizionista contro la schiavitù . È considerato uno dei primi pionieri dell'ecologia e del movimento per i diritti degli animali e della forma di azione del boicottaggio .

Vita

I suoi genitori, William e Mary Lay, erano quaccheri e allevarono il figlio in quella comunità. Dopo una breve visita scolastica, Lay avrebbe dovuto diventare un produttore di guanti . Fu assunto dalle compagnie di navigazione londinesi e visse nelle Indie occidentali , poi anche in Siria . Intorno al 1710 era un venditore ambulante alle Barbados . Nel 1710 tornò a Londra e sposò Sarah Smith di Deptford . Il matrimonio è rimasto senza figli. Il Devonshire House Monthly Meeting condannò duramente il suo comportamento cinico nel 1720, e fu temporaneamente espulso dalla comunità. Nel 1731, la coppia laica lasciò l'Europa e si stabilì sull'isola di Barbados, che Lay aveva precedentemente visitato. Qui hanno vissuto da vicino le condizioni disumane della schiavitù. La famiglia predicava i sermoni ai lavoratori delle piantagioni locali. Verso la fine del 1731, i proprietari delle piantagioni organizzarono l'espulsione dei Laici e ora si trasferirono a Filadelfia . Lay si trasferì poi ad Abington, in Pennsylvania, dove sua moglie in seguito prestò servizio come ministro nel rione. Benjamin Lay è stato uno dei primi attivisti contro la schiavitù lì. Frequentava le riunioni dei quaccheri e predicava sermoni accusatori. Lay morì nel 1759 dopo una breve malattia e fu sepolto nel cimitero di Abington Quaker.

Handicap fisico

Come sua moglie, Lay era disabile. Non era alto più di quattro piedi e aveva diverse deformità fisiche. Lay aveva la gobba e le braccia della stessa lunghezza delle gambe.

Credenze

Laici si opponeva alla pena di morte, come è il credo religioso dei quaccheri. Era vegetariano sin dal suo soggiorno a Filadelfia e aveva combattuto contro l' alcolismo , le cui conseguenze aveva appreso durante i suoi viaggi. Ha boicottato l'acquisto di prodotti dalle piantagioni di schiavi. Per umiltà a volte si rifiutava di indossare abiti , andava in giro con una semplice vestaglia di lino grezzo e viveva in una grotta su York Road vicino a Branchtown . Le argomentazioni di Lay contro la schiavitù e il vegetarianismo sono inseparabili: non voleva utilizzare alcun prodotto o servizio che fosse il risultato del lavoro degli schiavi, sia esso eseguito da esseri umani o animali. Ha anche rifiutato cibo e vestiti, che gli animali devono morire per fare, e ha rifiutato di viaggiare a cavallo. Ha ricordato la tradizione vegetariana degli eretici del Medioevo quando scriveva dei valdesi : "Non ho mai letto nella storia dei valdesi, i nostri primi riformatori del papismo, che tenessero schiavi; so che loro erano moderati e non mangiavano né carne né latte né uova ". Lay ha detto: "Non credo che le persone giuste e costantemente buone terrebbero i loro simili in schiavitù" e chiede: "Compassione, perdono anche per i peggiori nemici, tenerezza, gentilezza, mitezza, dolce amore e compassione per tutte le creature di ogni tipo . " Lay aveva una vasta biblioteca con circa 200 libri e scritti di classici pietistici e padri della chiesa .

effetto

Nelle riunioni dei quaccheri, Lay proclamava il suo messaggio sullo scioglimento del legame , che si riferiva ai proprietari di schiavi e agli schiavi per così dire. Con ciò attirò anche l'opposizione dei proprietari di schiavi, presenti anche tra i quaccheri, e talvolta fu espulso con la forza dalle adunanze.

L'incidente è ben noto quando un fabbro operaio di una riunione a Philadelphia (Market Street Meeting) lo mise per strada. Lay è rimasto disteso nel fosso e ha detto ai passanti che non era libero di rialzarsi: solo chi lo aveva lanciato poteva aiutarlo a uscire dal fosso.

Lay ha inscenato apparizioni spettacolari alle riunioni annuali , così è apparso in un lenzuolo bianco per alzarsi dopo un periodo di silenzio e proclamare: voi schiavisti, anche se mettete in mostra la vostra personalità quacchera, la vostra vera natura viene fuori ( Tedesco su: voi proprietari di schiavi, anche se volete essere considerati quaccheri, la vostra vera natura viene rivelata ). Poi gettò via il lenzuolo e si fermò nel mezzo della riunione quacchera in uniforme militare. Teneva una Bibbia in una mano e una sciabola nell'altra. Di nuovo gridò: Così Dio verserà il sangue di quelle persone che schiavizzano i loro simili ( così Dio verserà il sangue di coloro che rendono schiavi i loro simili ). Ha usato la sciabola per schiacciare una bolla nascosta nel libro, che era piena di vernice rossa.

Lay è stato un modello per John Woolman , che ha continuato il suo lavoro. Dopo la decisione del Philadelphia Annual Meeting of Friends nel 1758 contro l'importazione e la vendita di schiavi, si dice che Lay abbia detto: "Ora posso morire in pace". Morì circa un anno dopo.

glossario

Per i termini tecnici utilizzati nell'articolo, vedere anche l'articolo " Glossary Quakerism ".

letteratura

  • Benjamin Bush: aneddoti biografici di Benjamin Lay . In: The Annual Monitor, o, New Letter-Case and Memorandum Book . Volume I. York 1815
  • Richard Vaux: Memorie delle vite di Benjamin Lay e Ralph Sandiford, due dei primi sostenitori pubblici dell'emancipazione degli schiavi africani . Philadelphia 1815. Londra 1816.
  • William Allan: un dizionario biografico e storico americano, contenente un resoconto delle vite, dei personaggi e degli scritti delle persone più eminenti del Nord America dal suo primo insediamento e un riassunto della storia delle diverse colonie e degli Stati Uniti Boston 1832
  • John Hunt: Avvisi di Benjamin Lay . In: John e Isaac Comly (a cura di): Friends Miscellany. Essendo una raccolta di saggi e frammenti, epistolari religiosi biografici, narrativi e storici. Progettato per la promozione della pietà e della virtù per preservare in ricordo i caratteri e le opinioni di individui esemplari e per salvare dall'oblio quei manoscritti lasciati da loro che possono essere utili ai sopravvissuti . Volume IV, 6. Philadelphia 1833, 274-276
  • Lydia Maria Francis Child: Memoir of Benjamin Lay, compilato da varie fonti . New York 1842
  • Resoconto della vita di Benjamin Lay, uno dei primi sostenitori dell'antischiavista . In: L'amico. Rivista religiosa, letteraria e varia, Volume XXIX, 1856, 180s.
  • Sarah Lay: Resoconto della vita di Sarah Lay, fornito in relazione allo schizzo biografico di suo marito, Benjamin Lay . In: L'amico. Rivista religiosa, letteraria e varia, Volume XXIX, 1856, 180s.
  • Aneddoto biografico di Benjamin Lay . In: Evert Augustus Duyckinck, George Long Duyckinck, Michael Laird Simons (a cura di): Cyclopaedia of American Letteratura che abbraccia note personali e critiche degli autori e selezioni dai loro scritti, dal primo periodo ai giorni nostri, con ritratti, autografi, e altre illustrazioni . Volume I. Philadelphia 1856, 279-280
  • Certificato per Benjamin Lay dalla riunione mensile di Colchester, datato 12mo. 4, 1731 e indirizzato alla riunione mensile di Filadelfia . In: L'amico. Rivista religiosa, letteraria e varia , Volume LIII, 1879, 135
  • Benjamin Lay. Nato nel 1677 - morto nel 1759 - all'età di ottantadue anni . In: W. Beck, WF Wells, HG Chalkley, HG: Catalogo biografico , essendo un racconto delle vite di amici e altri i cui ritratti sono nel London Friends 'Institute. Descrittivi anche gli Avvisi di Scuole e Istituzioni di Amici di cui la Galleria contiene Illustrazioni. Londra 1888, 418-422
  • John Hunt: Aneddoti di Benjamin Lay . In: Journal of Friends 'Historical Society , Volume XXII, 1925, 72f (ad es. The Friend. A Religious, Literary and Miscellaneous Journal, Volume C, 1926, 18-19)
  • Benjamin Lay . In: The Journal of the Friends 'Historical Society , Volume XXIII, 1/2, 1926, 59s.
  • Brightwen Rowntree: Benjamin Lay (16811759) a Colchester , Londra, Barbados, Filadelfia. In: The Journal of the Friends 'Historical Society , Volume XXXIII, 1936, 3-19
  • Stevenson, Janet Marshall: pionieri nella libertà. Avventure nel coraggio . Chicago 1969
  • William Kashatus III: Fierly Little Abolitionist di Abington . In: Bollettino della società storica di Old York Road , Volume XLV, 1985, 35-39
  • Marvin Perry: Benjamin Lay . In: Alden Whitman (a cura di): American Reformers. Al dizionario biografico di HW Wilson . New York 1985, 514-515
  • Lay, Benjamin (1677-1759) . In: Dizionario biografico della Pennsylvania . Vol I. Wilmington 1998 (2), 31-33
  • Paul Rosier: Benjamin Lay . In: John Garraty, Mark Carnes (a cura di): Biografia nazionale americana . Volume XIII. New York 1999, 305-307
  • Gil Skidmore: Benjamin Lay. 1683-1759 . In: Cari amici e fratelli. 25 brevi biografie di uomini quaccheri . Reading 2000, 19-21.
  • Joseph Smith: un catalogo descrittivo di libri di amici, o libri scritti da membri della società di amici, comunemente chiamati quaccheri, dalla loro prima ascesa fino ai giorni nostri, intervallato da osservazioni critiche e note biografiche occasionali, e comprendente tutti gli scritti di Autori prima di entrare a far parte e quelli dopo aver lasciato la società, contrari o meno, per quanto noto . Volume I. London 1867, 92-93.
  • Claus Bernet:  Lay, Benjamin. In: Biographisch-Bibliographisches Kirchenlexikon (BBKL). Volume 19, Bautz, Nordhausen 2001, ISBN 3-88309-089-1 , Sp. 875-880.
  • Lay, Benjamin . In: James Grant Wilson, John Fiske (a cura di): Appletons 'Cyclopædia of American Biography . nastro 3 : Grinnell - Lockwood . D. Appleton and Company, New York 1887, pag. 643 (inglese, Textarchiv - Internet Archive ).

link internet

Commons : Benjamin Lay  - Raccolta di immagini, video e file audio

Prove individuali

  1. Marcus Rediker: Non sarai mai così radicale come questo nano quacchero del XVIII secolo. In: The New York Times. 12 agosto 2017, accesso 3 gennaio 2018 .
  2. Claus Bernet:  Kelpius, Johann. In: Biographisch-Bibliographisches Kirchenlexikon (BBKL). Volume 23, Bautz, Nordhausen 2004, ISBN 3-88309-155-3 , Sp. 778-786.
  3. ^ Matthias Rude: Antispeciesism. La liberazione di uomini e animali nel movimento per i diritti degli animali e nella sinistra . Butterfly Verlag, Stoccarda 2013, p. 39.

Opiniones de nuestros usuarios

Daniela Sartori

Ho trovato le informazioni che ho trovato su Benjamin Lay molto utili e piacevoli. Se dovessi mettere un 'ma' forse sarebbe che non è abbastanza inclusivo nella sua formulazione, ma per il resto, è ottimo, L'articolo sulla Benjamin Lay è molto utile e piacevole

Leonardo Rosso

Le informazioni fornite su Benjamin Lay sono veritiere e molto utili. Bene

Anna Olivieri

Mio padre mi ha sfidato a fare i miei compiti senza usare affatto Wikipedia, gli ho detto che potevo farlo cercando in molti altri siti. Per mia fortuna ho trovato questo sito e questo articolo su Benjamin Lay mi ha aiutato a completare il mio compito. Ero quasi tentato di entrare in Wikipedia, dato che non riuscivo a trovare nulla su Benjamin Lay, ma per fortuna l'ho trovato qui, perché poi mio padre ha controllato la mia cronologia di navigazione per vedere dove ero stato. Ti immagini se entrassi in Wikipedia? Per fortuna ho trovato questo sito e l'articolo su Benjamin Lay qui. Ecco perché vi do le mie cinque stelle

Giuliana Magnani

L'articolo sulla Benjamin Lay è completo e ben spiegato. Non toglierei o aggiungerei una virgola, L'articolo su Benjamin Lay è completo e ben spiegato

Benito Melis

Mi ha colpito questo articolo sulla Benjamin Lay, è divertente come le parole siano ben misurate, è come... elegante, Finalmente un articolo sulla Benjamin Lay