Benjamin de Rohan



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benjamin de Rohan. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benjamin de Rohan sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benjamin de Rohan e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benjamin de Rohan. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benjamin de Rohan! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benjamin de Rohan, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benjamin de Rohan , duc de Frontenay, barone de Soubise, detto "duc de Soubise", (nato nel 1583 a La Rochelle ; morto il 9 ottobre 1642 a Londra ), era un capo militare degli ugonotti .

Cognome

La maggior parte degli storici si riferisce a Rohan come "chiamato duc de Soubise" (Duca di Soubise). Ciò è formalmente sbagliato, tuttavia, poiché Soubise era solo una regola (signorità) o baronia. Nel luglio 1626 il re aveva sollevato la baronia di Frontenay ad un ducato e un titolo nobiliare , ma nessuna lettera nobiltà è stata emessa e quindi non era valida. Tuttavia, poiché Rohan morì celibe e senza figli, non ebbe conseguenze.

In relazione al nome Soubise, il castello di Soubise scaduto nel comune di Mouchamps in Vandea è menzionato nel 1556 come proprietà di Jean V. de Parthenay-l'Archevêque. Questo si fece chiamare "de Soubise" e lasciò in eredità il nome a Benjamin de Rohan. L'attuale castello è un successore del rudere che fu demolito nel 1771 e fu costruito a partire dal 1784.

Il doppio nome "Rohan-Soubise" è stato utilizzato solo dopo l'elevazione di François de Rohan-Soubise a principe (Prince de Rohan-Soubise) nel marzo 1667 .

Sui documenti più antichi il nome è anche dato come "Soubiz".

Vita

origine

Era il figlio minore di René II De Rohan, principe de Léon e visconte de Porhoët e dell'umanista Catherine de Parthenay, erede della famiglia protestante di Jean V. de Parthenay dai Gâtine e Bocage vendéen in Poitou . Come nipote di René I. de Rohan e Isabelle d'Albret, figlia del re di Navarra, Beniamino apparteneva alla nobiltà protestante del Poitou e della Bretagna . Da giovane gli fu negato il titolo di "de Rohan", ma aveva ereditato il titolo di "Baron de Soubise" da sua madre. Come seguace della religione riformata attraverso l'educazione di sua madre, ha fatto il suo addestramento militare sotto il comando di Moritz von Nassau nei Paesi Bassi .

Fu uno dei nobili francesi che riuscirono a entrare in città come rinforzi durante l'assedio spagnolo di Bergues .

Nel 1615 si unì alla rivolta di Enrico II di Borbone contro il re o reggente Maria de' Medici . Tuttavia, questa guerra civile finì rapidamente.

comandante

Il fratello di Enrico II. De Rohan , duc de Rohan, è stato l'ultimo generale del calvinista resistenza. Nemmeno lui si ritrasse dallo spergiuro davanti ai suoi nemici.

Ma né lui né suo fratello poterono impedire che i protestanti francesi fossero nuovamente esposti alla persecuzione dopo la morte del re Enrico IV con la revoca dell'Editto di Nantes .

Con la sconfitta dopo l' assedio di La Rochelle , nessuno dei capi ugonotti era pronto ad opporsi alla politica del re in quel momento. Quando Luigi XIII. riuscì finalmente a vincere suo fratello (Henri II. de Rohan) dalla sua parte, non ci riuscì con Benjamin de Rohan. Quando un nuovo scoppio della guerra di religione minacciava nel 1621, Rohan prese il comando delle province ugonotte del Poitou, della Bretagna e dell'Angiò , dove era subordinato al consiglio di La Rochelle . Rohan ha combattuto lungo la costa a ovest mentre suo fratello era attivo nel sud. Nello stesso anno, il re decise improvvisamente di intraprendere un'azione personale contro Rohan, che portò all'assedio di Saint-Jean-d'Angély .

La cronaca narra che un araldo apparve alle porte della città e senza presentarsi chiamò Rohan:

« 'A Benjamin de Rohan; il Re, vostro e mio sovrano, ordina di aprire le porte della città di Saint-Jean-d'Angeli affinché possa entrare con il suo esercito. Altrimenti sarai accusato di lesa maestà, perderai la tua nobiltà, la tua fortuna sarà confiscata, le tue case saranno bruciate come quelle di coloro che ti aiutano» .

- "Come soldato, non posso rispondere nel tuo senso", rispose Rohan, che aveva tenuto il cappello in testa

- "Non dovresti rispondere come soldato e non come capitano", rispose l'Araldo, "fintanto che non sai che è tuo dovere tenere il cappello in mano quando sono con te in nome del re, tuo e parla del mio Signore.

Hautefontaine, un ufficiale anziano, ha scusato il suo superiore affermando: Il signor de Soubise non si è mai presentato al re, quindi non conosce le formalità. Se gli venisse chiesto di piegare il ginocchio, lo farebbe "."

Rohan diede la risposta alla richiesta di resa per iscritto e a mano scrisse al re:

Sire, sono un servitore del re molto umile, ma non posso obbedire al tuo invito.
Beniamino di Rohan."

Dopo un mese di resistenza, Rohan dovette arrendersi. A lui e alle sue truppe fu data una ritirata libera dopo aver piegato entrambe le ginocchia al re e aver prestato giuramento di fedeltà.

Luigi XIII. poi gli disse:

Sono lieto che d'ora in poi mi stiate dando più opportunità di essere più soddisfatto di quanto non lo sia stato in passato. Alzati e servimi meglio in futuro".

Tuttavia, Rohan riprese la lotta nel 1622, conquistò Olonne , l' Île de Ré , l' Île d'Oléron , minacciò Nantes , ed era dell'opinione di essere in una posizione inattaccabile. In aprile il re marciò di nuovo contro di lui. Nella notte tra il 15 e il 16 aprile 1621, con la bassa marea, le truppe reali attraversarono l'insenatura di Saint-Hilaire-de-Riez attraverso un guado e massacrarono gli ugonotti sorpresi. Rohan è riuscito a fuggire a La Rochelle con 500-600 corridori. 500 fanti furono massacrati sul posto con un moschetto o una sciabola senza opporre resistenza . 600 furono catturati, alcuni impiccati e gli altri inviati alle galere .

Rohan era caduto in disgrazia presso il re, con tutte le conseguenze.

"...il Sieur de Soubise viene dichiarato criminale contro il suo re in quanto comandante supremo, i suoi beni e beni vengono confiscati in favore di sua maestà.."

Tuttavia, con editto del 18 ottobre dello stesso anno a Montpellier, a Rohan furono restituiti i suoi beni e le sue pensioni; in un'epoca in cui gli ugonotti avevano solo due sedi permanenti: La Rochelle e Montauban.

corsaro protestante

Il 17 gennaio 1625, salpò con una piccola flotta, presidiata da 300 soldati e 100 marinai, nella foce del Blavet . Qui hanno attaccato la più grande nave della flotta reale e hanno sopraffatto l'equipaggio. Quindi scesero a terra e lanciarono un attacco a Fort Port Louis. Qui, tuttavia, la resistenza è stata più forte del previsto. Nel frattempo è apparso il governatore della Bretagna , il duca di Vendôme , che era stato trattenuto per tre settimane dai venti contrari . Ha cercato di tagliare la via del ritorno a Soubise bloccando l'uscita del porto con una catena. Soubise riuscì a sfondare questa barriera e, favorita dal vento, salpò verso l'Île de Re, portando come bottino 15 navi della flotta reale.

Questa azione restituì agli ugonotti il dominio marittimo tra Nantes e Bordeaux . Fu quindi considerato un eroe dal partito protestante, che a volte lo aveva ignorato come un corsaro. Il re tentò ancora di portarlo dalla sua parte e gli offrì il comando di una flotta che doveva operare contro Genova , ma Soubise rifiutò e accettò il titolo di "Ammiraglio della Chiesa Protestante" (Amiral des Églises protestantes). Tuttavia, la sua successiva azione nel Médoc non ebbe successo, dopo essere stato attaccato nei pressi di Castillon , dovette ritirarsi frettolosamente nell'Île de Re.

Continuò a combattere contro la flotta reale, comandata dall'olandese Houstein, ammiraglio di Zelanda . Sebbene fosse stato concordato un cessate il fuoco con ostaggi reciproci, riuscì a recuperare i suoi ostaggi con uno stratagemma e poi attaccò nonostante il cessate il fuoco. L' ammiraglia nemica potrebbe essere incendiata.

Quindi si ritirò nell'Île de Re e fu infine sconfitto da Henri II de Montmorency nella battaglia di Saint-Martin-de-Ré. Attaccato da un corpo di 3000 uomini, Rohan fu costretto a ritirarsi con cinque o seicento cavalieri rimasti.

Rohan fuggì in fretta su uno sloop verso l'Île d'Oleron. Montgomery lo inseguì, così che Rohan dovette salpare per l'Inghilterra. Le isole erano ora di nuovo sotto il dominio del re.

Su sollecitazione del re Carlo I , la guerra terminò il 6 aprile 1626 e fu firmato un trattato di pace. Rohan erano di Luigi XIII. le stesse offerte già fatte più volte.

L'assedio di La Rochelle

Rohan venne in aiuto della città con una flotta inglese, che era stata fornita da Buckingham . Tuttavia, a quel tempo aveva così poco sostegno tra i cittadini di La Rochelle che si rifiutarono di far entrare in porto le navi e con loro Rohan. Ci volle il massiccio intervento di Catherine de Parthenay (la madre di Rohan) per consentire l'ingresso delle navi. La difesa del porto fu poi affidata a Rohan. Quando Buckingham se ne fu andato e non ebbe più alcun appoggio, il consiglio comunale ritirò nuovamente l'incarico dopo quattro mesi pieni di sospetti. Dopo questa sconfitta personale, Rohan tornò in Inghilterra, da dove era arrivato in primavera. Ha incontrato il re Carlo I in cerca di sostegno. In seguito ebbe un'intensa conversazione (o una disputa) con Buckingham, che fu assassinato poco dopo dal fanatico John Felton . Rohan fu poi accusato di tradimento dai confidenti del duca Buckingham, ma poi scagionato dallo stesso Felton.

Re Carlo I inviò una flotta a La Rochelle in supporto agli ordini del conte di Lindsey. Lindsey, tuttavia, si rifiutò di prendere ordini da Rohan e di rompere la serratura del porto di La Rochelle. Fallito il tentativo di evitare una carestia, la città si arrese a Richelieu.

Morte in esilio

Sebbene de Rohan fosse incluso nella grazia di Alès del 28 giugno 1629, preferì rimanere in Inghilterra e continuò a giocherellare con l'idea di continuare la lotta in Bretagna. Morì senza figli a Londra nel 1642, il titolo de Soubise passò a suo cugino François de Rohan (1630-1712).

Louis de Rouvroy, duca di Saint-Simon scrisse nelle sue memorie:

«Il signor de Soubise era il fratello del granduca di Rohan. La sua persistenza nello spreco persistente gli è valso una reputazione di audacia. Sebbene il re lo avesse nominato duca nel 1626, non si seppe più nulla di lui in Francia dopo la cattura di La Rochelle finché non morì celibe in Inghilterra intorno al 1641".

La sua vita è registrata nelle memorie di suo fratello, Henri II De Rohan, con il quale fu in viva corrispondenza per tutta la vita. Da questo c'è una certa conoscenza della tragedia della sua carriera militare, in cui ha discusso tutte le sue azioni con suo fratello e gli ha anche chiesto consiglio.

Rohan era pieno di un odio irrefrenabile per i cattolici, che combatteva incessantemente e rigorosamente. Il giudizio della maggior parte degli storici è quindi unilaterale e spesso viene semplicemente dipinto come un partigiano, cosa che non era.

famiglia

  • Jean V. de Parthenay-l'Archevêque, Seigneur de Mouchamps (Les Herbiers) detto Soubise (15121561) Antoinette Bouchard d'Aubeterre (15351580) vedova di Soubise
Catherine de Parthenay, Mademoiselle de Soubise, vedova de Rohan (15541631)
  1. Charles de Quellenec, barone du Pont, detto Soubise (15481572) senza discendenti
  2. René II de Rohan, detto Pontivy, poi Frontenay, visconte di Rohan (15501585)
Henri II de Rohan, visconte e primo duca dopo il 1604, (15791638)
Benjamin de Rohan, "duc" de Soubise, (15831642)
Henriette de Rohan, detta la Bossue, (15771624)
Catherine de Rohan (15801607) Jean de Bavière
Anna di Rohan (15841646)

Note a piè di pagina

  1. "Louis Gabriel Michaud"
  2. ^ Michel Le Vassor: Histoire du Règne de Louis XIII, roi de France et de Navarre , tome quatrième, Amsterdam, Pierre Brunel, 1706, libro XVII, pp. 194195 16 giugno 2012 .
  3. le procès Soubise ( Memento del 9 settembre 2009 in Internet Archive )
  4. Louis Gabriel Michaud, Biografia Universelle ancienne et moderne vol. 43
  5. ^ Alain Hugon, Au service du roi catholique: Honorables ambassadeurs et divins espions
  6. Saint-Simon, Mémoires complets et authentiques vol. 2
  7. Joseph Dedieu; Revue d'histoire de l'Église de France
  8. ^ H Lagarde cité dans Revue d'histoire de l'Église de France , Volume 22 Par Société d'histoire ecclésiastique de la France

link internet

letteratura

Opiniones de nuestros usuarios

Carmine Cavallo

Questo post su Benjamin de Rohan era proprio quello che volevo trovare

Antonio Frigerio

Mi ha colpito questo articolo sulla Benjamin de Rohan, è divertente come le parole siano ben misurate, è come... elegante, Finalmente un articolo sulla Benjamin de Rohan

Bruno Giuliani

Mi piace il sito, e l'articolo sulla Benjamin de Rohan è quello che stavo cercando