Benjamin Daydon Jackson



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benjamin Daydon Jackson. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benjamin Daydon Jackson sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benjamin Daydon Jackson e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benjamin Daydon Jackson. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benjamin Daydon Jackson! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benjamin Daydon Jackson, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benjamin Daydon Jackson (nato il 3 aprile 1846 a Stockwell (Londra) , 12 ottobre 1927 a Londra ) è stato un botanico , bibliografo e tassonomista britannico . La sua abbreviazione ufficiale dell'autore botanico è " BDJacks. "

Vivi e agisci

Jackson era già membro della Linnean Society of London (Linné Society) all'età di 22 anni . È stato il curatore delle collezioni linnee .

Poco prima della sua morte nel 1882, Charles Darwin affidò al direttore dei Royal Botanic Gardens di Kew, Joseph Dalton Hooker, la responsabilità generale della creazione dell'Indice Kewensis , un indice di tutti i nomi di piante da fiore pubblicati tra il 1753 e il 1885. Ha creato un concetto su cui è stato consigliato dai principali botanici dell'epoca, tra cui George Bentham , Asa Gray e John Ball . Scelse Benjamin Daydon Jackson, che all'epoca era segretario della Linnean Society, come suo autore ed editore. Aveva la sua Guida alla letteratura di botanica nel 1881 . pubblicato, che gli ha dimostrato di essere un ottimo esperto di letteratura botanica e tassonomica. Jackson iniziò a lavorare sull'indice nel 1882, con l'assistenza di diversi assistenti a volte. L'opera Genera Plantarum di George Bentham e Joseph Dalton Hooker gli servì come base per l'elenco dei generi vegetali dell'indice. Per ogni nome generico è stato creato un unico foglio di carta. Quindi tutti erano in Nomenclator Botanicus di Ernst Gottlieb von Steudel specie registrate elencate sulle rispettive foglie di genere. La copia del Nomenclator dai Royal Botanic Gardens, Kew, usata da Jackson, conteneva anche numerose aggiunte scritte a mano aggiunte in seguito, poiché era stata costantemente ampliata utilizzando l'erbario dell'istituto.

Tutti i fogli di un genere erano riposti in una busta etichettata con il nome del genere, che a sua volta era conservata in scatole in ordine alfabetico, simile a un erbario. Jackson impiegò 18 mesi per questo lavoro preparatorio, in cui mise più di 30.000 buste, che erano immagazzinate in 178 scatole e insieme pesavano più di una tonnellata. I primi due volumi dell'indice furono pubblicati in quattro sotto-volumi tra il 1893 e il 1895.

In una recensione del primo volume, l'editore del Journal of Botany, James Britten , che era piuttosto critico nei confronti dell'indice, ha elogiato il grande risultato di Jackson nella creazione dell'indice:

"Si era supposto che solo i tedeschi fossero sufficientemente perseveranti per affrontare il duro lavoro che comporta una simile impresa - un lavoro ingrato di cui nessuno che non sia stato impegnato nel dizionario o nell'indice può farsi un'idea: ma il signor Jackson ha dimostrato che dove c'è bisogno di un'industria laboriosa, l'Inghilterra può reggere il confronto ".

- James Britten : Journal of Botany. 1893, p. 312

"Tradizionalmente si presumeva che solo i tedeschi avessero la resistenza per affrontare la fatica che una simile impresa comporta - una fatica che nessuno che non ha mai lavorato su un'opera di consultazione o un indice può immaginare può avere: ma il signor Jackson ha dimostrato che l'Inghilterra può tenere il passo quando è richiesto un lavoro noioso ".

Insieme a Théophile Alexis Durand (1855-1912) Jackson ha anche curato il primo volume supplementare dell'Indice Kewensis, pubblicato tra il 1902 e il 1906 in quattro volumi.

Onori

I generi Daydonia Britten dalla famiglia dei cespugli di (Theaceae) e Jacksonago Kuntze dalla famiglia delle leguminose (Fabaceae) prendono il nome da Jackson .

Lavori

  • Guida alla letteratura botanica; Essendo una selezione classificata di opere botaniche, inclusi quasi 6000 titoli non dati nel "Thesaurus" di Pritzel. London 1881 (pubblicato per la Index Society da Longmans, Green & co., 626 pagine).
  • Tecnologia vegetale . 1882.
  • Un glossario di termini botanici, con la loro derivazione e accento . 1a edizione. Gerald Duckworth / JB Lippincott, London / Philadelphia 1900 (4a edizione rivista 1928, 481 pagine; ristampa 1950 Londra (Duckworth) e New York (Hafner), 481 pagine).
  • Index Kewensis Plantarum Phanerogamarum - Nomina et synonyma omnium generum et specierum a Linnaeo usque as annum MDCCCLXXXV complectens nomine recepto auctore patria unicuique plantae subjectis. 1 ° e 2 ° volume (18931895) e 1 ° supplemento (19021906)

link internet

Prove individuali

  1. Necrologio / Benjamin Daydon Jackson, The Times, 15 ottobre 1927
  2. ^ Frans A. Stafleu: Review: The Index Kewensis. In: Taxon. Volume 15, numero 7, settembre 1966, pp. 270-274 ( doi: 10.2307 / 1217066 ).
  3. George Bentham, Joseph Dalton Hooker: Genera plantarum ad esemplaria imprimis in herbariis Kewensibus servata definita. 18621883, 3 volumi
  4. ^ A b Benjamin Dayton Jackson: Il nuovo "Indice dei nomi delle piante". In: The Botanical Journal - British and Foreign. Volume 25, West, Newman & Co., London 1887, pagg. 66-71 (in linea ).
  5. James Britten: Avvisi di libri - Indice Kewensis. In: Journal of Botany. Gli inglesi e gli stranieri . Volume 31, 1893, pagg. 310-317.
  6. ^ Indice cronologia Kewensis. sulla home page dell'International Plant Names Index (IPNI), accessibile il 6 aprile 2016
  7. Lotte Burkhardt: Directory di nomi di piante eponime . Edizione estesa. Giardino botanico e Museo botanico di Berlino, Free University Berlin Berlin 2018. [1]

Opiniones de nuestros usuarios

Gianluca Mazzoni

Mio padre mi ha sfidato a fare i miei compiti senza usare affatto Wikipedia, gli ho detto che potevo farlo cercando in molti altri siti. Per mia fortuna ho trovato questo sito e questo articolo su Benjamin Daydon Jackson mi ha aiutato a completare il mio compito. Ero quasi tentato di entrare in Wikipedia, dato che non riuscivo a trovare nulla su Benjamin Daydon Jackson, ma per fortuna l'ho trovato qui, perché poi mio padre ha controllato la mia cronologia di navigazione per vedere dove ero stato. Ti immagini se entrassi in Wikipedia? Per fortuna ho trovato questo sito e l'articolo su Benjamin Daydon Jackson qui. Ecco perché vi do le mie cinque stelle

Grazia Ventura

Pensavo di sapere già tutto sulla Benjamin Daydon Jackson, ma in questo articolo ho scoperto che alcuni dei dettagli che pensavo fossero buoni non erano così buoni. Grazie per le informazioni

Bruno Fiore

È sempre bene imparare. Grazie per l'articolo su Benjamin Daydon Jackson