Benitoite



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benitoite. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benitoite sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benitoite e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benitoite. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benitoite! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benitoite, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Il raro minerale benitoite è un silicato ad anello con la composizione chimica BaTi [Si 3 O 9 ]. Si cristallizza nel sistema esagonale e sviluppa principalmente trigonale e / o esagonale, prismatico per tabulare piramidale cristalli in zaffiro principalmente colore blu.

La benitoite viene trasformata solo in pietre preziose .

Etimologia e storia

La prima scoperta di benitoite nel febbraio 1907 fu fatta dal cercatore d'oro James M. Couch. Stava cercando cinabro o minerale di rame nelle Diablo Mountains per conto di Roderick W. Dallas . Su un pendio, Couch è entrato in una cavità alta un uomo tra due fessure nella roccia e ha visto innumerevoli cristalli blu di benitoite sul terreno, alterati dalla natrolite bianca . Alcuni pezzi sono stati inviati a un gioielliere di San Francisco per la sfaccettatura . Alla fine Georg Davis Louderback , professore di geologia presso l' Università della California a Berkeley , fu incaricato di identificare i cristalli ancora sconosciuti. Riconobbe il nuovo minerale, lo descrisse in dettaglio quello stesso anno e lo chiamò benitoite dalla sua località tipo, la contea di San Benito .

Fu fondata la "Dallas Mining Company" e fu costruito un campo per l'estrazione. Di seguito, solo l'1% circa della benitoite è rimasto durante l'estrazione utilizzando la dinamite per facilitare il lavoro. Nel 1912 la miniera fu chiusa perché Dallas credeva che fosse esaurita. Dopo una breve riapertura nel 1933, la miniera fu affittata a vari imprenditori. Nel 1967 B. Gray e B. Forrest affittarono la miniera. I due acquistarono la miniera nel 1987 e la ampliarono, il nome fu cambiato in "Benitoite Gem Mine". Nel 1997 la miniera è stata affittata alla società AZCO, che nonostante importanti investimenti non ha trovato quantità significative di benitoite. Collector's Edge Minerals, Inc. ha acquistato la miniera nel 2000. Nel 2005, la società ha venduto la miniera a Dave Schreiner nel 2005. Dave ha un contratto per non utilizzare attrezzature pesanti fino al 2015. Consente ai visitatori di scavare nel sito della miniera a pagamento.

Nel 1985, la benitoite è stata selezionata come "pietra preziosa ufficiale" dello Stato della California.

classificazione

Nella vecchia (8a edizione) e nella nuova sistematica dei minerali (9a edizione) secondo Strunz , la benitoite appartiene alla divisione dei " silicati ad anello (ciclosilicati)". Tuttavia, a partire dal nuovo sistema minerale di Strunz, questo reparto è stato ulteriormente suddiviso e, in base alla sua struttura cristallina, il minerale appartiene ora alla suddivisione dei "silicati ad anello con [Si 3 O 9 ] 6 tripli anelli singoli senza isole , anioni complessi".

La sistematica dei minerali secondo Dana assegna la benitoite alla divisione "Cyclosilicates Cyclosilicate Three-Membered Rings anhydrous, no other anion" (tradotto: silicati ad anello anidri con anelli a tre membri senza ulteriori anioni ), dove insieme a Bazirit , Pabstit e Wadeit il gruppo dopo Benitoite chiamato per lui con il numero 59.01.01 forme.

Struttura di cristallo

Benitoite cristallizza nel sistema esagonale nel gruppo spaziale P 6 c 2 (gruppo spaziale n. 188) con i parametri reticolari un  = 6.641  Å e c  = 9,759 Å nonché due Unità di formula per unità cellulare .Modello: gruppo di stanze / 188

La benitoite è un silicato ad anello con tre singoli anelli come complesso di anioni di silicato.

proprietà

Il blu zaffiro (con una punta di viola) in benitoite (a volte chiamato " diamante blu ") può essere causato da tracce di ferro . Molto raramente si trovano anche cristalli chiari, bianchi, grigio-verdi, dal rosa al viola, arancioni, rossi o marrone-castano (con inclusioni di altri minerali come la neptunite ). A causa del suo forte dicroismo , la benitoite mostra un blu fiordaliso chiaro a blu intenso, leggermente violaceo perpendicolare all'asse C e appare incolore parallelamente all'asse C. La benitoite emette una fluorescenza blu chiaro sotto la luce UV a onde corte , mentre alcuni cristalli mostrano un colore rossastro sotto la luce UV a onde lunghe. La dispersione (diversa rifrazione della luce a seconda della lunghezza d'onda della luce incidente) della benitoite può causare uno scintillio di lampi rossi e verdi .

Il minerale è abbastanza duro ( durezza Mohs 6.5) per essere lavorato come una pietra preziosa , ma è ancora abbastanza sconosciuto. I benitoiti sfaccettati in genere pesano meno di 1 ct. Una benitoite sfaccettata e trasparente con un buon colore e un peso superiore a 0,5 ct è rara e di conseguenza costosa.

Istruzione e luoghi

I cristalli di benitoite si formano nelle vene di natrolite in soluzioni idrotermali , che contengono proporzioni relativamente elevate di elementi insoliti per soluzioni idrotermali, come bario , titanio , fluoro , ferro e altri. La benitoite si trova solitamente insieme ad albite , joaquinite , neptunite e serpentina . La natrolite, che è stato l'ultimo minerale a formarsi nei depositi di benitoite, normalmente copre i cristalli di benitoite, motivo per cui è ad es. B. deve essere rimosso con acido cloridrico per rendere visibili i cristalli di benitoite.

Benitoites provengono quasi esclusivamente dai riccamente mineralizzate (pietre più di 150 semi-preziose e pietre preziose) corpo serpentina del nuovo Idria zona mineraria nei pressi del Benito fiume San a San Benito County in California (USA). Lì puoi trovare benitoite all'estremità meridionale della " Gamma del Diablo ", una cintura di montagna che contiene basalto , selce , grovacca , ardesia , serpentinite e arenarie del Cretaceo e del Terziario .

La miniera di benitoite più conosciuta per i suoi preziosi cristalli è la Benitoite Gem Mine (conosciuta anche come Benitoite Mine e Dallas Gem Mine) di proprietà di Dave Schreiner (di Coalinga , California ). Dave consente ai visitatori di scavare nell'area della miniera a pagamento.

Ci sono altre quattro miniere di benitoite a Clear Creek entro un raggio di 10 km dalla "miniera Benitoit Edelstein" : la "miniera Junnila", a circa 8 km a nord-ovest della "miniera Benitoit Edelstein", la "miniera Numero Uno", la " Victor Mine" e la "Santa Rita Peak Property". Oltre all'area di scoperta nella contea di San Benito, la benitoite meno preziosa può essere trovata in Arkansas ("Diamond Jo Quarry" vicino a Magnet Cove nella contea di Hot Spring), "Big Creek" (nella contea di Fresno nella Sierra Nevada in California), Giappone (Ohmi vicino a Itoigawa nella prefettura di Niigata , zona Chubu su Honsh ) e infine a Broken Hill ( Nuovo Galles del Sud , Australia ).

Usa come una pietra preziosa

Benitoiti grandi e levigati (oltre 1 carato ) sono molto rari. Di solito mostrano un blu profondo e intenso. I cristalli chiari di buona qualità vengono macinati in pietre preziose e possono sicuramente resistere al confronto con lo zaffiro . C'è il rischio di confusione con altre pietre preziose come cordierite , spinello , tanzanite , le varietà blu del gruppo tormalina e zircone incolore .

Il forte dicroismo e la conseguente alternanza di tonalità di blu più chiare e più intense, il raddoppio facilmente rilevabile delle sfaccettature inferiori con lenti di ingrandimento della pietra (i diamanti incolori e blu sarebbero monorifrangenti) fanno della benitoite una gemma relativamente facilmente identificabile. Solo le pietre incolori estremamente rare possono essere scambiate per zirconi incolori.

I benitoiti incolori possono essere trasformati in un colore da arancione a rosa-arancio mediante trattamento termico. La procedura esatta è segreta. La benitoite blu originale non cambia colore quando viene sparata.

Simile allo zaffiro, al rubino o ad altre pietre preziose ben note, i benitoiti grandi e puri con un buon blu sono molto costosi. Le pietre con un blu molto chiaro o molto scuro sono meno pregiate. La qualità del taglio è generalmente superiore alla media.

Guarda anche

letteratura

  • George Davis Louderback, Walter C. Blasdale: Benitoite, un nuovo minerale gemma della California . In: Pubblicazioni dell'Università della California. Bollettino del Dipartimento di Geologia . nastro 5 , nr. 9 , 1907, pp. 149153 (inglese, rruff.info [PDF; 459 kB ; consultato il 28 agosto 2019]).
  • Benitoite . In: John W. Anthony, Richard A. Bideaux, Kenneth W. Bladh, Monte C. Nichols (a cura di): Handbook of Mineralogy, Mineralogical Society of America . 2001 (inglese, handbookofmineralogy.org [PDF; 64 kB ; consultato il 28 agosto 2019]).
  • Walter Schumann: Pietre preziose e pietre preziose. Tutti i tipi e varietà. 1900 pezzi unici . 16a edizione riveduta. BLV Verlag, Monaco 2014, ISBN 978-3-8354-1171-5 , pag. 200 .

link internet

Commons : Benitoite  - raccolta di immagini, video e file audio

Evidenze individuali

  1. a b c d David Barthelmy: Benitoite Mineral Data. In: webmineral.com. Estratto il 28 agosto 2019 .
  2. a b c American-Mineralogist-Crystal-Structure-Database - Benitoite. In: rruff.geo.arizona.edu. Estratto il 28 agosto 2019 .
  3. a b c d Benitoite. In: mindat.org. Hudson Institute of Mineralogy, consultato il 28 agosto 2019 .
  4. Stefan Weiß: Il grande elenco dei minerali di lapislazzuli. Tutti i minerali dalla A alla Z e le loro proprietà. Stato 03/2018 . 7a edizione completamente rivista e integrata. Weise, Monaco 2018, ISBN 978-3-921656-83-9 .
  5. George Davis Louderback, Walter C. Blasdale: Benitoite, un nuovo minerale gemma della California . In: Pubblicazioni dell'Università della California. Bollettino del Dipartimento di Geologia . nastro 5 , nr. 9 , 1907, pp. 149153 (inglese, rruff.info [PDF; 459 kB ; consultato il 28 agosto 2019]).
  6. Benitoite. In: geologia.com. Estratto il 28 agosto 2019 .
  7. arancione Benitoite. In: thegemtrader.com. The Gem Trader, accessibile il 28 agosto 2019 .

Opiniones de nuestros usuarios

Santo Ferrara

Pensavo di sapere già tutto sulla Benitoite, ma in questo articolo ho scoperto che alcuni dei dettagli che pensavo fossero buoni non erano così buoni. Grazie per le informazioni

Margherita Aiello

Corretto. Fornisce le informazioni necessarie su Benitoite., Corretto

Massimiliano Pace

Le informazioni fornite su Benitoite sono veritiere e molto utili. Bene