Benito Pérez Galdós



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benito Pérez Galdós. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benito Pérez Galdós sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benito Pérez Galdós e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benito Pérez Galdós. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benito Pérez Galdós! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benito Pérez Galdós, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benito Pérez Galdós (nato il 10 maggio 1843 a Las Palmas de Gran Canaria , 4 gennaio 1920 a Madrid ) è stato uno scrittore spagnolo , uno dei più importanti rappresentanti di lingua spagnola del romanzo realistico . A causa della sua enorme produzione letteraria, viene spesso paragonato a Balzac e Dickens .

Vita

infanzia

Benito Pérez Galdós è nato il più giovane di dieci figli di Sebastián Pérez y Macías, tenente colonnello dell'esercito, e María Dolores Josefa Galdós y Medina (che aveva 43 anni alla nascita). Suo nonno, Domingo Galdós y Alcorta, fu segretario dell'Inquisizione , suo zio Domingo prete che scrisse anche una cronaca delle sue esperienze nella campagna contro Napoleone Bonaparte nel 1809; un fratello di Galdós divenne in seguito Capitán General de las Islas Canarias. Benito ha trascorso la sua infanzia a Las Palmas, dove ha frequentato il Colegio de San Agustín. Era un bambino precoce, sapeva leggere all'età di quattro anni e scriveva le sue prime poesie all'età di sei anni; vince anche un concorso di pittura ed espone le sue opere a Las Palmas.

gioventù

Poiché le università delle Isole Canarie furono chiuse nel 1862, all'età di 19 anni andò a Madrid e lì iniziò a studiare legge. Ma non prendeva molto sul serio i suoi studi e preferiva passeggiare per le strade e i caffè, andare a teatro e scrivere i suoi primi drammi romantici. Durante i suoi studi conobbe Francisco Giner de los Ríos , il fondatore dell'Institución Libre de Enseñanza , che lo incoraggiò a scrivere e lo interessò all'insegnamento filosofico del Krausismo . Il 10 aprile 1865 sperimentò la repressione delle rivolte studentesche nella cosiddetta "Noche de San Daniel", che lo plasmò politicamente. Un anno dopo è rimasto scioccato dalla sparatoria di sottufficiali ribelli ( Sargentos de San Gil ), che dovrebbe essere decisiva anche per la sua posizione politica. Da allora odiò la pena di morte , la guerra civile e il malgoverno. Frequentò l' Ateneo de Madrid , dove usò la biblioteca e ascoltò lezioni. Questa istituzione era nota per il suo spirito di tolleranza . La sua famiglia voleva impedirgli di passeggiare e le sue tante avventure amorose e lo portò all'Esposizione Mondiale di Parigi nel 1867 . Lì visitò musei e conobbe i romanzi di Balzac . Ha anche tradotto Charles Dickens ' Circolo Pickwick in spagnolo. Egli stesso iniziò a scrivere il suo primo romanzo, La Fontana de Oro , nel 1867 ; questo è l'inizio del romanzo moderno in Spagna. Nel 1868, anno chiave della storia spagnola , Galdós tornò in Spagna, dove scoppiò la Rivoluzione di settembre , che accolse con entusiasmo. L'anno successivo fu radiato dalla laurea in giurisprudenza senza laurea.

Attività giornalistica

Fu allora che apparvero i suoi primi articoli su giornali e riviste sui turbolenti eventi politici in Spagna negli anni 1860. Dal 1869 Galdós scrisse relazioni parlamentari per il quotidiano Las Cortes , 1870/71 per El Debate , 1871/72 nella Revista de España sulla politica interna. Fu solo nel 1875 che si dedicò completamente alla scrittura letteraria e terminò i suoi contributi giornalistici.

Lavora sugli Episodios Nacionales

All'inizio degli anni 1870 Galdós iniziò a scrivere gli Episodios nacionales , una narrativa monumentale di 50 volumi sulla storia spagnola contemporanea. Per questo, Galdós si ritirò completamente dalla vita pubblica. Soffriva molto di superlavoro ed emicrania perché doveva rinunciare a un "episodio" ogni tre mesi.

Relazioni d'amore

Benito Pérez Galdós visse da scapolo nella casa di sua sorella Carmen, sposata. Aveva molte relazioni femminili, solo nessuna relazione fissa. Interessante , ad esempio , la sua storia d'amore con Emilia Pardo Bazán , che durò dal 1881 al 1892 circa, ma rimase un segreto per il pubblico. Inizialmente si è sviluppato come una relazione master-studente ed è diventato piuttosto appassionato nel mezzo. Sono state conservate e pubblicate parti della corrispondenza che si riferiscono a viaggi congiunti attraverso la Germania. Galdós ebbe anche una relazione duratura con gravi conseguenze con Concha-Ruth Morell, un'attrice a cui diede un ruolo nel suo dramma Realidad (1892). Questa relazione, di cui Pardo Bazán era molto geloso, durò diversi anni (Galdós le pagò un appartamento a Santander) e si riflette nel romanzo Tristana , dove le lettere della giovane attrice sono parzialmente citate per intero. Concha si convertì poi all'ebraismo; morì di tubercolosi nel 1906.

Rapporto con la musica

Galdós era anche un grande amante della musica. Nel 1878 imparò a suonare il pianoforte e molte delle sue opere mostrano l'influenza del suo compositore preferito Ludwig van Beethoven , le cui strutture sinfoniche furono modellate su termini letterari.

viaggiare

Nel 1883 Galdós fece il suo primo viaggio in Inghilterra dal suo amico José Alcalá Galiano , con il quale intraprese anche un viaggio più lungo in Inghilterra, Olanda, Germania e Danimarca nel 1886 e un viaggio in Italia nel 1887. Questi viaggi hanno poi trovato il loro riflesso letterario, ad esempio, in "La de los tristes destinos", che fornisce una descrizione dettagliata di Londra . Venne dal Portogallo (dove viaggiò con José María de Pereda nel 1885 ) passando per la Francia (dove partecipò all'Esposizione Mondiale del 1888) fino agli Stati baltici , dall'Inghilterra all'Italia. Nei suoi ricordi di viaggio è espresso l'amore di Galdós per la gente comune, ma ha criticato aspramente i sistemi politici che considerava ingiusti, come l' imperialismo inglese e l' impero bismarckiano . Aveva predetto la rivoluzione russa dal 1887 e aveva anche profetizzato l'aumento dello slancio militare in Europa. Abbastanza interessante, ci sono poche prove di queste esperienze straniere nei suoi romanzi, ma molto nelle sue memorie . Galdós trascorse sempre i mesi estivi in Cantabria , dove finalmente fece costruire una casa nel 1892.

Attività politiche

Benito Pérez Galdós era anche politicamente attivo e nel 1886 divenne membro del Partito Liberale nelle Cortes , il parlamento spagnolo. Nel 1886 fu nominato da Sagasta come membro delle Cortes per Guayama a Porto Rico in una lista progressista-liberale; questo permise a Galdó di importanti studi di milieu nei circoli politici. Più di Sagasta, tuttavia, ha elogiato Cánovas e Castelar come politici equilibrati. Odiava la violenza per raggiungere fini politici e ha sempre sostenuto la moderazione. Ha cenato con la regina madre María Cristina e tuttavia ha parlato a favore della Repubblica.

Nel 1907 divenne membro del parlamento di Madrid in un partito in cui avrebbe dovuto unire tutte le correnti antimonarchiche, repubblicane e il partito socialista attraverso la sua reputazione. Negli anni successivi si è maggiormente orientato verso il partito socialista ed è stato amico di Pablo Iglesias Posse , il fondatore del PSOE .

Onori

Nel 1897 Galdós divenne membro della Real Academia Española dopo essere stato precedentemente respinto . Nel 1904 fu proposto per il Premio Nobel, ma questo fu sventato da intrighi; il drammaturgo piuttosto secondario José Echegaray l'ha finalmente ricevuto quest'anno insieme a Frédéric Mistral .

famiglia

Nel 1891 nacque l'unica figlia di Galdós, María, nata da un legame con Lorenza Cobián, una donna semplice del popolo. Si è sempre preso cura di madre e figlia, ha pagato il loro sostentamento e ha scritto lettere "paterne" a María, soprattutto dopo la tragica morte di Lorenza, che soffriva di paranoia e si tolse la vita nel 1906. Inizialmente voleva gettarsi sotto un treno, ma è stata "salvata" dalla polizia, ma poi si è impiccata nella cella in cui era stata portata senza cure psichiatriche o mediche. La figlia sposò Juan Verde nel 1910, dal quale ebbe due figli.

L'anno scorso

Nel 1910 Galdós poté scrivere lui stesso un'opera per l'ultima volta ("España trágica") perché soffriva di cataratta e perdeva sempre più la vista . In seguito dovette assumere un segretario, Pablo Nougués. Nel 1911 fu operato, ma senza successo. Con la cecità si nota anche un cambiamento nello stile di Galdós: le sue frasi diventano più corte, più concise, il tempo più veloce.

Nel 1919, una statua di Galdós realizzata dallo scultore Victorio Macho fu svelata nel Parco del Retiro a Madrid. Lo scrittore ha assistito alla cerimonia in silenzio. Il 4 gennaio 1920 morì a Madrid in difficili circostanze economiche.

pianta

Nella sua opera letteraria spiccano le opere drammatiche e i romanzi. In essi, un conflitto d'amore si approfondisce spesso storicamente, politicamente o anche religiosamente. Pérez Galdós è considerato uno dei più importanti esponenti europei del romanzo realistico. Ha creato importanti personaggi di fantasia come Marianela, Fortunata e Tristana. I dati mostrano una forte penetrazione psicologica. Nei primi lavori, i personaggi di fantasia incontrano quelli storici sulla base di un ampio studio delle fonti. Come con Balzac , anche con Pérez Galdós compaiono alcune figure in diverse opere. Alcune opere come Nazarín o Misericordia ricordano Dostoevskij . La parte più ampia della sua opera sono gli Episodios Nacionales , un quadro incompiuto di 46 volumi della storia spagnola che abbraccia quasi l'intero XIX secolo, iniziando con la battaglia di Trafalgar nel 1805 e terminando con la morte di Antonio Cánovas del Castillo nel 1897 . L'opera di Pérez Galdós è caratterizzata da uno spiritualismo etico. Le sue idee liberali e anticlericali sono particolarmente evidenti nei romanzi contemporanei.

romanzi

Primi lavori

  • La Fontana d'Oro. Scritto nel 1867/68 (sotto l'influenza degli eventi rivoluzionari), pubblicato nel 1870 dall'editore Nogueras a Madrid
  • La sombra. 1870.
  • El audaz: Historia de un radical de antaño. 1871.

Novelas contemporáneas

  • Doña Perfecta . 1876. (tedesco 1886)
  • Gloria. 1877.
  • Marianella. 1878.
  • La famiglia di Leon Roch. 1878.
  • La desheredada. 1881.
  • El amigo Manso. 1882. (Tedesco 1964 in Manesse Verlag )
  • El dottore Centeno. 1883.
  • Tormento. 1884.
  • La de Bringas. 1884.
  • Lo proibito. 1884/85
  • Fortunata e Giacinta. 1886-1887. (tedesco 1961)
  • Miao. 1888. (Tedesco 1960 Suhrkamp)
  • La incognita. 1889.
  • Realtà. 1889.

Ciclo Torquemada (1889-95)

  • Torquemada en la hoguera. 1889.
  • Torquemada en la Cruz. 1893.
  • Torquemada en el Purgatorio. 1894.
  • Torquemada y San Pedro. 1895.

Romanzi spiritisti (1890)

  • Angel Guerra. 1890/91
  • Tristana. 1892.
  • La loca de la casa. 1892.
  • Nazarin. 1895.
  • Halma. 1895.
  • Misericordia. 1897. (tedesco 1961)

Ultima fase creativa (forme ibride tra romanzo e dramma)

  • El abuelo, novela en cinco jornadas. 1897.
  • Casandra, novela en cinco jornadas. 1905.
  • El caballero encantado, historia tan verdadera como inverosímil. 1909.
  • La razón de la sinrazón. Fábula teatral absolutamente inverosímil. 1915.

Episodios nacionales

Prima serie (1873-1875)

  • Trafalgar.
  • La Corte de Carlos IV.
  • Il 19 marzo e il 2 maggio.
  • Bailén.
  • Napoleone en Chamartin.
  • Saragozza.
  • Girona.
  • Cadiz.
  • Juan Martin El Empecinado.
  • La Batalla de los Arapiles.

Seconda serie (1875-1879)

  • El Equipaje del Rey José.
  • Memorias de un cortesano de 1815.
  • La Seconda Casaca.
  • El Grande Oriente.
  • 7 di Giulio.
  • Los Cien Mil Hijos de San Luis.
  • Il terrore del 1824.
  • Un volontario realista.
  • Los Apostólicos.
  • Un faccioso más y algunos frailes menos.

Terza serie (1898-1900)

  • Zumalacarregui.
  • Mendizabal.
  • De Oñate a La Granja.
  • Luchana
  • La campaña del Maestrazgo. (Tedesco 1902 come Il romanzo di una monaca )
  • La estafeta romántica.
  • Vergara.
  • Montes de Oca.
  • Los Ayacuchos.
  • Bodas reales.

Quarta serie (1902-1907)

  • Las tormentas del 48.
  • Narváez.
  • Los duendes de la camarilla.
  • La Rivoluzione di Julio.
  • O'Donnell.
  • Aita Tettauen.
  • Carlos VI en la Rápita.
  • La vuelta al mundo en la Numancia.
  • Prim.
  • La de los tristes destinos.

Quinta serie (1908-1912)

  • España sin Rey
  • España trágica
  • amadeo io
  • La Primera Republica
  • De Cartago a Sagunto
  • Cánovas

Teatro

  • Realtà (1892)
  • La posizione della casa (1893)
  • Gerona (1893)
  • La de San Quintino (1894)
  • Los condenados (1894)
  • Volontariato (1895)
  • Doña Perfecta (1896)
  • La fiera (1896)
  • Elettra (1901)
  • Alma y vida (1902)
  • Mariucha (1903)
  • El abuelo (1904)
  • Barbara (1905)
  • Amore e scienza (1905)
  • Pedro Minio (1908)
  • Saragozza (1908)
  • Casandra (1910)
  • Celia en los infiernos (1913)
  • Alceste (1914)
  • Sor Simona (1915)
  • El tacaño Salomón (1916)
  • Santa Juana de Castilla (1918)
  • Antón Caballero (1921, completato postumo dai fratelli Álvarez Quintero)
  • Un joven de provecho (mai eseguito)

Traduzioni in tedesco

  • Gloria . Tradotto dallo spagnolo da August Hartmann. Schleiermacher, Berlino 1880.
  • Trafalgar . Tradotto dallo spagnolo da Konrad Hauptmann. Paul List, Lipsia 1943
  • Miao . Tradotto dallo spagnolo da Wilhelm Muster . Suhrkamp Verlag, Francoforte sul Meno 1960.
  • Fortunata e Giacinta . Tradotto dallo spagnolo da Kurt Kuhn. Postfazione di Arnald Steiger. Manesse Verlag, Zurigo 1961.
  • Amigo Manso . Romanzo. Tradotto dallo spagnolo da Kurt Kuhn. Manesse Verlag, Zurigo 1964. 528 pp.
  • Doña Perfecta . Dallo spagnolo di Egon Hartmann. Aufbau-Verlag, Berlino / Weimar 1974. (cioè: Augsburg: Weltbild, 2004ff., ISBN 3-8289-7687-5 )
  • Amigo Manso . Tedesco di Wilhelm Plackmeyer. Con una postfazione di Frank Koten. Aufbau-Verlag, Berlino / Weimar 1983.
  • Tristana . (= Biblioteca Suhrkamp. 1013). Tradotto dallo spagnolo e fornito con una postfazione da Erna Pfeiffer . Suhrkamp-Verlag, Francoforte sul Meno 1989, ISBN 3-518-22013-6 .
  • Marianella . Tradotto in tedesco da Gertraud Strohm-Katzer e Carmen Wurm. Con una postfazione di María-Paz Jáñez. Deutscher Taschenbuch Verlag, Monaco di Baviera 2000, ISBN 3-423-12798-8 .
  • Nazarin . Tradotto dallo spagnolo e fornito con una postfazione di Ralf Peters. CdA, Norderstedt 2012, ISBN 978-3-8482-3128-7 .

Adattamenti cinematografici

  • 1925: El abuelo - Regia: José Buchs (film muto)
  • 1926: La loca de la casa - Regia: Luis R. Alonso (film muto)
  • 1950: La loca de la casa - Regia: Juan Bustillo Oro
  • 1950: Doña Perfecta - Regia: Alejandro Galindo
  • 1940: Marianela - Regia: Benito Perojo
  • 1953: Misericordia - Regia: Zacarías Gómez Urquiza
  • 1954: El abuelo - regia di Román Viñoly Barreto
  • 1955: Marianela - Direttore: Julio Porter
  • 1955: La mujer ajena (basato su Realidad) - Regia: Juan Bustillo Oro
  • 1957/58: Nazarín - Regia: Luis Buñuel
  • 1969: Fortunata y Jacinta - Regia: Angelino Fons
  • 1970: Tristana - Regia: Luis Buñuel
  • 1972: Misericordia - Regia: José Luis Alonso
  • 1972: Il dubbio ( La duda ) (basato su El abuelo) - Regia: Rafael Gil
  • 1972: Marianela - Regia: Angelino Fons
  • 1974: Tormento - Regia: Pedro Olea
  • 1977: Doña Perfecta - Direttore: César Fernández Ardavín
  • 1979: Fortunata y Jacinta - Direttore: Mario Camus
  • 1998: El abuelo - Regia: José Luis Garci

letteratura

  • Peter A. Bly: Visioni e arti visive a Galdós. Uno studio sui romanzi e sugli articoli di giornale. Redwood Burn, Trowbridge 1986.
  • Carmen Bravo-Villasante: Galdós . Mondadori, Madrid 1988.
  • Joaquín Casalduero: Vida y obra de Galdós (1843-1920) . Tercera edizione ampliada. Editoriale Gredos, Madrid 1970.
  • Michele Christin Guerrini: Galdós e il femminismo spagnolo dell'Ottocento: Donne e matrimonio nelle Novelas contemporáneas. Università Microfilms International, Michigan 1978.
  • Hans Hinterhäuser: Gli Episodios Nacionales di Benito Pérez Galdós. (= Studi romantici di Amburgo. Volume 28). Gruyter & Co, Amburgo 1961.
  • Kian-Harald Karimi: Al di là del vecchio Dio e del "nuovo uomo". Presenza e ritiro del divino nel discorso dell'epoca della restaurazione spagnola. Vervuert, Francoforte sul Meno 2007, ISBN 978-3-86527-313-0 .
  • Kian-Harald Karimi: El sueño de un liberal. Sueños diurnos y nocturnos en las primeas novelas de Pérez Galdós. In: Wolfgang Matzat, Max Grosse (a cura di): Narrar la pluralidad cultural. Crisis de modernidad y funciones de lo popular en la novela en lengua española. Vervuert, Francoforte sul Meno 2012, ISBN 978-84-8489-626-5 , pp. 165-191.
  • Ramón Navarrete-Galiano: Galdós en el cine español. T & B Eds., Madrid 2003, ISBN 84-95602-42-3 .
  • Arnold M. Penuel: Psicologia, religione ed etica nei romanzi di Galdos: la ricerca dell'autenticità. Univ. Press of America, Lanham e altri 1987.
  • Federico Sopeña Ibáñez: Arte y Sociedad en Galdós. Gredos, Madrid 1970.
  • Teresa M. Vilarós: Galdós - invenzione della donna e della poesia della sessualità: lezione parcial de "Fortunata e Giacinta". (= Linguistica e teoria letteraria). Siglo Veintiuno Ed., Messico e altri 1995, ISBN 84-323-0875-7 .

La casa museo Pérez Galdós

La casa museo Pérez Galdós (in spagnolo Casa-Museo Pérez Galdós ) si trova nel quartiere di Triana, nel centro di Las Palmas de Gran Canaria . La casa in cui è nato e cresciuto Galdós è stata acquistata e arredata da Cabildo de Gran Canaria nel 1954 e inaugurata il 9 luglio 1960 da María Pérez Galdós Cobián, figlia dello scrittore.

Nel museo sono esposti documenti (lettere, manoscritti ...), mobili, strumenti musicali, dipinti e foto appartenenti sia allo scrittore che alla sua famiglia.

La missione del museo è preservare, ricercare e diffondere l'eredità di Benito Pérez Galdós. A tal fine, la direzione dell'Haus-Museum ha organizzato undici congressi internazionali, numerose conferenze e mostre, nonché visite scolastiche e ha sviluppato un concetto editoriale con diverse collezioni proprie. Il museo dispone anche di una propria biblioteca con numerose opere di Galdós in varie lingue, oltre alla collezione completa dell'autore in formato ePub in spagnolo e un tour virtuale.

link internet

Commons : Benito Pérez Galdós  - Raccolta di immagini, video e file audio
Wikisource: Benito Pérez Galdós  - Fonti e testi integrali

Evidenze individuali

  1. Casalduero 1970, p.11 ss.
  2. Casalduero 1970, p.19
  3. Bravo-Villasante 1988, p.54.
  4. Bravo-Villasante 1988, pp. 73ss.
  5. Casalduero 1970, pag. 21
  6. Casalduero, pag. 23

Opiniones de nuestros usuarios

Mara Palermo

Mi ha colpito questo articolo sulla Benito Pérez Galdós, è divertente come le parole siano ben misurate, è come... elegante, Finalmente un articolo sulla Benito Pérez Galdós

Sebastiano Carbone

Sono stato felice di trovare questo articolo su Benito Pérez Galdós, Sono stato felice di trovare questo articolo su Benito Pérez Galdós

Lino Angelini

Grazie per questa voce su Benito Pérez Galdós, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su Benito Pérez Galdós, è proprio quello che mi serviva

Giuliano Manca

L'articolo sulla Benito Pérez Galdós è completo e ben spiegato. Non toglierei o aggiungerei una virgola, L'articolo su Benito Pérez Galdós è completo e ben spiegato