Benito Mussolini



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benito Mussolini. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benito Mussolini sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benito Mussolini e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benito Mussolini. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benito Mussolini! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benito Mussolini, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benito Amilcare Andrea Mussolini (nato il 29 luglio 1883 a Dovia di Predappio , provincia di Forlì , 28 aprile 1945 a Giulino di Mezzegra , provincia di Como ) è stato un politico italiano . Fu Primo Ministro del Regno d'Italia dal 1922 al 1943 . Come Duce del Fascismo ("Capo del Fascismo") e Capo del Governo ("Capo del Governo") fu dittatore a capo del regime fascista in Italia dal 1925 .

Dopo aver esordito nella stampa socialista , Mussolini è diventato caporedattore dell'Avanti! su, l'organo centrale del Partito Socialista Italiano (PSI). Quando vi rappresentò apertamente le posizioni nazionaliste , fu destituito nell'autunno del 1914 ed espulso dal Psi. Con il sostegno finanziario del governo italiano, di alcuni industriali e diplomatici stranieri, Mussolini fondò presto il quotidiano Il Popolo d'Italia . Nel 1919 fu uno dei fondatori del movimento fascista radicale nazionalista e antisocialista , di cui si affermò come "leader" ( Duce ) fino al 1921.

Nell'ottobre 1922 fu nominato re Vittorio Emanuele III. Mussolini era a capo di un governo di coalizione di centrodestra dopo la marcia su Roma . Unendosi all'Associazione nazional-conservatrice italiana, il partito fascista era diventato un movimento di mobilitazione di destra. Con una riforma della legge elettorale, Mussolini le assicurò la maggioranza dei seggi parlamentari nel 1923/24. Nella crisi Matteotti del 1924, scampato per un pelo al rovesciamento, gettò le basi della dittatura fascista con l'eliminazione del parlamento, la messa al bando della stampa antifascista e di tutti i partiti ad eccezione del PNF , la sostituzione dei sindacati dalle corporazioni , l'istituzione di un corpo di polizia politica e la nomina in luogo dell'elezione del Sindaco. Come capo del governo e spesso contemporaneamente titolare di più cariche ministeriali, Mussolini emanava decreti con forza di legge ed era formalmente responsabile solo nei confronti del monarca.

La politica estera di Mussolini mirava a una supremazia nel Mediterraneo e nei Balcani , che creò una precoce opposizione alla Francia. Ha cercato un'intesa con la Gran Bretagna fino alla metà degli anni '30. Nel 1929 Mussolini pose fine al conflitto tra Stato nazionale e papato con i Patti Lateranensi . Inizialmente si oppose al guadagno di influenza tedesco nell'Europa centrale e sudorientale. Dopo la conquista italiana dell'Etiopia , che non fu approvata dalle potenze occidentali e a cui rispose con sanzioni economiche , Mussolini si avvicinò alla Germania fino al 1937, e nel maggio 1939 concluse un'alleanza militare . Il 10 giugno 1940, supponendo che la guerra sarebbe durata pochi mesi, entrò nella seconda guerra mondiale a fianco dei tedeschi . Gli attacchi italiani alle posizioni britanniche nel Mediterraneo orientale e nell'Africa orientale fallirono, così come l' attacco alla Grecia nello stesso anno, per cui l'Italia perse in gran parte la capacità di condurre la guerra in modo indipendente ("guerra parallela").

Dall'autunno 1942 in poi, la crisi politica, sociale e militare del regime raggiunse rapidamente l'apice e minò la dittatura personale di Mussolini. Nel luglio 1943 fu rovesciato da fascisti e monarchici dell'opposizione che volevano rompere l'alleanza con la Germania e prevenire un movimento di massa antifascista. Uscito dal carcere, guidò la Repubblica Sociale Italiana (RSI), lo Stato fantoccio fascista della potenza occupante tedesca, fino al 1945 . Durante gli ultimi giorni di guerra, Mussolini fu arrestato e giustiziato dai partigiani comunisti .

Nei primi anni

Infanzia, gioventù e inizi politici

Benito Mussolini era il primogenito dei coniugi Alessandro (1854-1910) e Rosa Mussolini (nata Maltoni, 1858-1905). La famiglia viveva nella scuola di Dovia, frazione di Predappio . La madre di Mussolini, figlia di un piccolo proprietario terriero, era insegnante di scuola elementare qui dal 1877. Aveva sposato l'artigiano Alessandro Mussolini nel gennaio 1882 contro l'opposizione dei suoi genitori. Ha guadagnato la sua vita come fabbro per alcuni anni, ha avuto poca istruzione formale ed è diventato un alcolizzato nel corso della sua ricerca di lavoro senza successo. Contrariamente alla moglie cattolica, anche politicamente conservatrice, Alessandro Mussolini fu un attivo socialista e godette di un certo rilievo come consigliere comunale e vicesindaco. In quanto unici intellettuali della zona, la famiglia esercitava una notevole influenza, anche se poco più ricca dei contadini e dei braccianti nelle immediate vicinanze. Alessandro Mussolini aveva letto opere di Karl Marx e nel suo pensiero politico adorava nazionalisti italiani come Mazzini e Garibaldi , compresi riformatori sociali e anarchici come Carlo Cafiero e Bakunin . Scelse i nomi del figlio maggiore in vista di Benito Juárez , Amilcare Cipriani e Andrea Costa . Alessandro Mussolini si ritirò dalla politica prima della morte della moglie, prese in affitto alcuni terreni e negli ultimi anni della sua vita gestiva una locanda a Forlì .

Benito Mussolini lasciò Dovia all'età di nove anni e, ben sistemato dalla madre, si trasferì in un collegio salesiano di Faenza , frequentato principalmente da ragazzi provenienti da famiglie della borghesia urbana romagnola . Qui Mussolini, che non era accettato alla pari in questo ambiente, fu ripetutamente coinvolto in discussioni fisiche con i compagni di classe. Dopo aver estratto un coltello in una discussione, è stato espulso da scuola dopo due anni. Alla scuola statale di Forlimpopoli , che frequentò da allora, si trasformò in uno studente modello. Lo terminò nel 1901 con un diploma che lo abilita all'insegnamento nelle scuole elementari. Nel 1900 si unì al Partito Socialista Italiano (PSI) e lì fece amicizia con il successivo antifascista Olindo Vernocchi.

Fallito il tentativo di ottenere l'incarico di segretario comunale di Predappio con l'aiuto del padre, Mussolini assunse l'incarico di insegnante a Gualtieri nel febbraio 1902 . Tuttavia, il suo contratto è stato rescisso a giugno. Non è chiaro se ciò fosse dovuto a litigi con il clero locale, una comprensione lassista del servizio di Mussolini o la relazione (garantita) con una donna sposata.

Poche settimane dopo Mussolini emigrò - come altri 50.000 italiani nel 1902 - in Svizzera . Ha lavorato occasionalmente qui (per un totale di diverse settimane) come operaio edile e commesso, ma non dipendeva dal lavoro salariato regolare come altri migranti, spesso completamente indigenti, a causa del denaro inviato dai suoi genitori. Poiché l'anno successivo non si era conformato alla leva per il servizio militare, un tribunale militare italiano lo condannò per diserzione. In Svizzera entra a far parte dell'organizzazione estera del PSI e dopo poco tempo scrive regolarmente per il giornale locale del partito L'Avvenire del Lavoratore . Le apparizioni alle riunioni dei lavoratori migranti italiani hanno mostrato il suo talento come oratore politico e hanno attirato l'attenzione non solo degli svizzeri ma anche della polizia francese sull'agitatore "anarchico", che è stato arrestato ed espulso più volte. Mussolini trovò presto accesso al circolo attorno a Giacinto Menotti Serrati e Angelica Balabanoff , entrambi promossi da lui. Mussolini adottò elementi essenziali della sua prima visione politica del mondo da Balabanoff. Come loro, per marxismo intendeva principalmente l'attivismo rivoluzionario. Il suo frequente riferimento a Marx da allora in poi servì principalmente a distinguere all'interno del partito dal socialismo riformatore di Filippo Turatis . L'effettiva preoccupazione di Mussolini per il pensiero marxista è rimasta superficiale ed eclettica qui e in seguito.

In Svizzera Mussolini lesse anche scritti sindacalisti , in particolare quelli di Georges Sorel . Poi c'è stata la lettura di Henri Bergson , Gustave Le Bons , Max Stirner e Friedrich Nietzsche . Nel 1904 studiò per un semestre all'Università di Losanna con il famoso sociologo Vilfredo Pareto e il suo assistente Pasquale Boninsegni. Nei suoi articoli giornalistici, Mussolini ha improvvisamente affiancato le argomentazioni ei termini di questi autori a categorie marxiste, senza riconoscerne l'incompatibilità teorica. Nonostante una tempesta di indignazione in Svizzera per il sovrano antidemocratico , l'Università di Losanna ha conferito a Mussolini una laurea honoris causa in occasione del suo 400° anniversario nel 1937 su istigazione e sulla base di dichiarazioni non autorizzate .

Politicamente, tra il 1904 e il 1914, Mussolini rappresentò essenzialmente il punto di vista del sindacalismo rivoluzionario, senza tuttavia appartenere personalmente alle organizzazioni sindacaliste. All'inizio nei suoi scritti c'era una "tendenza a interpretare i processi sociali attraverso concezioni biologiche (specie, eliminazione dei deboli, selezione, pianta dell'uomo), che prepara il graduale abbandono del concetto marxista chiaramente definito di classe a favore del "massa". '." Inoltre, c'era un culto dell'irrazionale , che era almeno insolito per un autore socialista e che era stato addestrato su Sorel :

Le cosiddette persone 'serie' costituiscono il bagaglio sociale. La cultura è opera dei cosiddetti 'pazzi'».

- Sacerdote : fascismo

Mussolini tornò in Italia verso la fine del 1904. Sua madre morì poco dopo. In precedenza aveva già seguito la leva per il servizio militare, che prestò servizio in un reggimento di bersaglieri fino al settembre 1906 . Ha poi lavorato di nuovo come insegnante, prima a Tolmezzo e poi in una scuola cattolica di Oneglia . Nel novembre 1907 superò un esame all'Università di Bologna e si abilita così come insegnante di francese. A Oneglia Mussolini riprese a scrivere per la stampa socialista. Il suo congedo nel luglio 1908 segnò il fallimento definitivo come insegnante; tornò poi dal padre a Forlì.

Dopo l'intercessione di Serrati e Balabanoff, Mussolini fu trasferito nel gennaio 1909 alla carica di segretario del partito socialista nella città austriaca di Trento . Ha anche assunto la redazione del giornale locale del partito. A Trento conobbe l' irredentista Cesare Battisti e presto scrisse regolarmente per il suo giornale Il Popolo . Corrispondeva anche con Giuseppe Prezzolini , direttore della rivista La Voce , dal quale apparentemente sperava di essere protetto . Mussolini iniziò a Trento a sviluppare un concetto positivo di "nazione", estremamente insolito nel movimento socialista italiano dell'epoca e, come il suo legame con Prezzolini, suggerisce che le sue ambizioni personali in quel momento erano al di fuori del quadro del movimento socialista La festa è andata via.

Il motivo dell'ambizione personale, specialmente del giovane Mussolini, è spesso enfatizzato nella letteratura. È ormai accettato che Mussolini fosse spinto almeno tanto dalla necessità di elevarsi "in qualche modo e da qualche parte" quanto dalla convinzione politica. Angelo Tasca , che lo conobbe personalmente, riteneva che l'obiettivo finale per Mussolini era sempre e solo Mussolini stesso; non conobbe mai nessun altro. Prima che iniziasse la sua vera ascesa nel partito socialista nel 1910, Mussolini sperava che un giorno sarebbe stato riconosciuto come un intellettuale a Parigi . Attribuiva ancora grande importanza al prestigioso indirizzo reso possibile dal professore dall'esame del 1907, anche quando era già a capo del movimento fascista. Lo storico Paul O'Brien vede nel giovane Mussolini un "ambizioso intellettuale piccolo-borghese con un senso decisamente individualistico del suo valore personale", che è stato sotto l'influenza dell'avanguardia culturale antiliberale e antisocialista dell'Italia dal 1909.

Alla fine dell'agosto 1909 Mussolini fu arrestato dalla polizia austriaca con il pretesto di una visita dell'imperatore Francesco Giuseppe I e deportato in Italia quattro settimane dopo.

Caporedattore di Avanti!

L'espulsione dall'Austria fece per la prima volta il nome di Mussolini oggetto di dibattiti politici a Roma , poiché i membri socialisti della Camera dei deputati ripresero più volte la questione fino alla primavera del 1910. Tornato a Forlì, Mussolini pensò brevemente di emigrare negli Stati Uniti , ma rifiutò questi piani. Una richiesta al quotidiano liberal-conservatore bolognese Il Resto del Carlino, il più influente quotidiano della sua regione, non ha avuto successo.

A Forlì, Mussolini iniziò una relazione con la diciannovenne Rachele Guidi , figlia del compagno di suo padre. Nel gennaio 1910 assume la direzione della sezione locale del PSI e la redazione del giornale locale del partito La lotta di classe . Come redattore e relatore, Mussolini si fece un nome in Romagna nel giro di pochi mesi. Nelle lotte d'ala all'interno del partito socialista, Mussolini si costruisce come un rivoluzionario estremista con polemiche radicali. A questo punto, il gruppo dirigente riformista del PSI, che aveva in gran parte controllato il partito dal 1900 ed escludeva i principali sindacalisti nel 1908, fu sempre più attaccato. L' ala sinistra guidata da Costantino Lazzari e Serrati, alla quale si unì anche Mussolini, acquisì influenza. Anche in questa fase Mussolini non lasciò che si interrompessero i rapporti con Prezzolini che si erano instaurati a Trento.

Quando il governo Giolitti dichiarò guerra alla Turchia nel settembre 1911 , Mussolini indisse uno sciopero generale a Forlì. Come in altre città italiane, ci furono rivolte e tentativi di bloccare i trasporti delle truppe; Mussolini fu arrestato il 14 ottobre 1911, insieme a diversi altri socialisti della regione (tra cui Pietro Nenni ) e condannato a un anno di carcere da un tribunale di Forlì nel mese di novembre. Quando fu rilasciato all'inizio di marzo 1912, il suo nome era conosciuto ben oltre la Romagna. Al XIII congresso del PSI, iniziato il 7 luglio 1912 a Reggio Emilia , Mussolini, insieme ai portavoce della sinistra, si espresse a favore dell'esclusione dei riformisti di destra attorno a Leonida Bissolati e Ivanoe Bonomi , che si oppose alla guerra nel 1911 sostenne la Turchia e si screditò davanti al re nel marzo 1912 andando a corte. Tuttavia, ha risparmiato i riformisti di "sinistra" Turatis, che è rimasto nel partito. A Reggio Emilia, Costantino Lazzari ha assunto la presidenza del partito; Mussolini, come Angelica Balabanoff, fu eletto nel consiglio di amministrazione del partito.

Il 1° dicembre 1912 Mussolini sostituì il riformista Claudio Treves come caporedattore dell'Avanti! via. Nel 1911 la redazione dell'organo centrale del partito socialista aveva trasferito la propria sede da Roma a Milano, dove ora si trasferiva anche Mussolini. Sotto la guida di Mussolini, i sindacalisti assunsero gran parte delle redazioni dell'Avanti! . Mussolini si è rivelato un giornalista molto capace (un biografo lo chiama "probabilmente il miglior giornalista del paese" all'epoca); riuscì a moltiplicare la tiratura del giornale in pochi mesi e ad aumentarla a oltre 100.000 copie entro il 1914. Si trattava di un risultato notevole, dal momento che il PSI - a differenza della SPD , ad esempio - non si era sviluppato in un partito di massa nonostante i suoi successi elettorali prima della prima guerra mondiale (nel 1914 il partito contava circa 500 iscritti a Roma e solo 1.300 iscritti nel suo roccaforte di Milano) e molti operai e contadini erano analfabeti. La sua crescente irrazionalità, il suo uso indifferenziato dei termini da parte di autori non o dichiaratamente antisocialisti (Non ho ancora riscontrato alcuna incompatibilità diretta tra Bergson e il socialismo), così come la sua difesa di Nietzsche, suscitarono presto critiche. In una lettera a Prezzolini subito dopo il congresso del partito di Reggio Emilia, Mussolini sottolineò di sentirsi «un po' strano» tra i rivoluzionari. Il suo socialismo era e rimase una "pianta pericolosa". Strutturalmente, la visione del mondo di Mussolini, consolidatasi dal 1909, era legata a figure di pensiero della reazione culturale e intellettuale europea e italiana contro la ragione; differiva in questioni fondamentali da quella di altri esponenti della sinistra del PSI.

Nel 1913 Mussolini iniziò a pubblicare una rivista da lui diretta personalmente (Utopia), che si rivolgeva a un pubblico intellettuale e decisamente apartitica. Nello stesso anno si presenta per la prima volta alle elezioni parlamentari, ma viene nettamente sconfitto a Forlì dal candidato repubblicano .

Il congresso di Ancona dell'aprile 1914 confermò il predominio della sinistra nel partito. Con la cosiddetta "settimana rossa" , un'ondata di scioperi e barricate nel giugno 1914, Mussolini, come il resto della direzione del partito, fu sorpreso e si presentò all'Avanti! ma con i soliti editoriali radicali alle spalle dei lavoratori.

Quando iniziò la prima guerra mondiale nell'agosto 1914, Mussolini si espresse in linea con la linea del partito per la neutralità incondizionata per l'Italia. Tuttavia, i suoi articoli avevano fin dall'inizio un tono decisamente antitedesco; La Germania, come scriveva Mussolini, è dal 1870 il bandito che si aggira per le strade della civiltà europea. Questa faziosità non si discostava significativamente dalla spontanea simpatia di molti intellettuali di sinistra italiani per la Repubblica francese, che era ancora dovuta alla sfiducia tramandata nel Risorgimento in relazione ai tedeschi (qui si intendeva: gli austriaci) si accentuava. Tuttavia, nelle prime settimane di guerra, Mussolini rifiutò espressamente un intervento italiano in favore della Francia. Il punto di svolta è stata annunciata quando, il 13 settembre 1914, ha scritto un articolo interventista da Sergio Panunzio in Avanti! lascia stampare. Mussolini disse ad Amadeo Bordiga che vedeva la partigianeria per la neutralità come "riformista". Così facendo formulò per la prima volta la posizione, più volte ribadita nei mesi successivi, che rivoluzione e intervento fossero indissolubilmente legati. Fino a che punto Mussolini credesse effettivamente in questo argomento è controverso. Mentre Renzo De Felice, ad esempio , sostiene la tesi che Mussolini sia rimasto un autentico rivoluzionario fino al 1920, Richard Bosworth sottolinea il doppio gioco politico che Mussolini iniziò al più tardi nell'ottobre 1914.

Dietro le quinte, Mussolini aveva già assicurato nel settembre 1914 a diversi dipendenti di giornali borghesi che i socialisti - se avesse potuto farlo - non avrebbero ostacolato la mobilitazione italiana e sostenuto una guerra contro l'Austria-Ungheria. Cenni al riguardo sono apparsi il 4 ottobre su Il Giornale d'Italia e il 7 ottobre su Il Resto del Carlino . L'esitante Mussolini fu così costretto a dichiararsi pubblicamente.

Il 18 ottobre 1914 pubblicò l'articolo "Dalla neutralità assoluta alla neutralità attiva e attiva", in cui invitava il partito socialista a rivedere l'atteggiamento "negativo" nei confronti della guerra e a riconoscere che "i problemi nazionali esistono anche per i socialisti":

Noi, come esseri umani e come socialisti, vogliamo essere spettatori sottomessi di questo grande dramma Oppure non vogliamo esserne i protagonisti in qualche modo e in un certo senso Socialisti, italiani, prendete nota: a volte capitava che la lettera uccidesse lo spirito. Non salviamo la lettera del partito se questo significa uccidere lo spirito del socialismo!».

- Sacerdote : fascismo

Il direttivo del PSI si è riunito a Bologna il 19 ottobre per discutere di questo articolo. Ha escluso Mussolini, che ha cercato di giustificarsi in una discussione durata diverse ore, dal consiglio direttivo del partito. Ciò equivaleva a rimuoverlo dalla redazione del giornale del partito. Lo stesso Mussolini si trovava con l' Avanti! subordinato all'approvazione della direzione del partito per le sue posizioni. Tuttavia, la delibera che ha presentato al comitato esecutivo del partito ha ottenuto un solo voto (il suo); per salvare la faccia, "abbandonò" immediatamente l' Avanti! . Tuttavia, i principali giornali milanesi come il Corriere della Sera e Il Secolo hanno offerto subito a Mussolini una piattaforma. Mussolini evidentemente non si aspettava la reazione rapida e dura della direzione del partito, che vedeva come un'offesa personale. Nelle discussioni interne che hanno preceduto la sua espulsione dal partito, si dice che sia apparso cinereo e tremante e abbia annunciato che ti avrebbe riportato indietro.

Girare a destra

Il 15 novembre 1914 Mussolini riferì con un nuovo quotidiano, inizialmente ancora dichiarato socialista - Il Popolo d'Italia . Il giornale è intervenuto a fianco degli "interventisti" amici dell'Intesa nel dibattito sulla posizione dell'Italia sulla guerra. I bellicosi interventisti parlavano per una minoranza della società italiana; Trovarono appoggio e ascolto soprattutto nella borghesia liberale e nei nazionalisti radicali, mentre la maggior parte dei lavoratori dell'industria e dell'agricoltura si oppose apertamente alla partecipazione dell'Italia alla guerra fin dall'inizio. Anche l'influente clero cattolico si ribellò alla guerra perché non era interessato a indebolire la "grande potenza cattolica" austro-ungarica . Il conflitto fondamentale tra interventisti e neutralisti, che nella primavera del 1915 si svolse alle soglie della guerra civile, inaugurò la crisi dello Stato liberale, il cui governo riuscì a entrare in guerra contro la volontà del maggioranza della popolazione e il parlamento servivano la piccola ma rumorosa minoranza interventista sotto la cui "pressione" pretendeva di agire. Sul piano interno, l'entrata in guerra dell'Italia aveva le caratteristiche di un colpo di Stato: "i 'giorni splendenti' del maggio 1915 appaiono sotto più di un aspetto come una prova generale per la marcia su Roma".

In questi mesi comparvero per la prima volta i cosiddetti fasci , i cui membri organizzavano manifestazioni di piazza e talvolta attaccavano violentemente gli oppositori della guerra, soprattutto contro istituzioni e organizzazioni del movimento operaio. Durante la "settimana rossa" del giugno 1914, gruppi di vigilanti di destra avevano già usato la violenza armata contro i lavoratori. I membri di questi gruppi erano in media giovani, del nord, colti, attivisti e antisocialisti e provenivano da ambienti borghesi o piccolo-borghesi. Mussolini, espulso dal PSI il 24 novembre 1914, partecipò nel dicembre 1914 alla fusione di diversi fasci precedentemente indipendenti per formare i Fasci d'azione rivoluzionaria; in questo primo momento si riferiva ai sostenitori di questi gruppi come fascisti . Tuttavia, era ancora privo di un proprio potere politico - rispetto ad aristocratici portavoce dell'interventismo come Gabriele D'Annunzio , Filippo Tommaso Marinetti , Enrico Corradini e Luigi Federzoni , era ancora in fondo a una scala complessa del clientelismo . Questi rapporti di mecenatismo si manifestarono dapprima con la costituzione del Popolo d'Italia, la cui tiratura nel maggio 1915 fu di circa 80.000 copie. In questo contesto ebbe un ruolo importante Filippo Naldi, giornalista bolognese che aveva stretti legami con i grandi latifondisti e il governo di Roma. Nella critica fase iniziale, Naldi non solo fornì denaro all'indigente Mussolini, ma gli mise anche a disposizione macchine da stampa, carta e perfino alcuni editori del Resto del Carlino . Il più importante finanziatore di Mussolini in questa fase fu Ferdinando Martini , ministro delle Colonie. Ingenti somme provenivano da industriali come Giovanni Agnelli ( Fiat ) e i fratelli Perrone ( Ansaldo ). Mussolini riceveva anche sussidi dai servizi segreti francesi e dall'ambasciata francese a Roma. Quando il crollo dell'esercito italiano dopo la Battaglia di Caporetto (la XII battaglia dell'Isonzo) sembrava imminente nell'autunno 1917 , il rappresentante romano dei servizi segreti britannici MI5 sostenne per almeno un anno il giornale di Mussolini con un versamento settimanale di £  100 (circa 6.400 euro secondo il valore odierno). L'afflusso di questi fondi permise anche a Mussolini di sviluppare uno stile di vita attraverso il quale potesse abitualmente mettersi al passo con i circoli che lo sostenevano. Da allora ha cenato in ristoranti costosi, ha comprato un cavallo per le giostre e una macchina.

I fondatori dei primi fasci erano spesso ex sindacalisti che si erano staccati dall'Unione Sindacale Italiana (USI) e giustificavano il loro sostegno alla partecipazione dell'Italia alla guerra contro gli Imperi centrali con argomenti di "sinistra". Capofila di questo gruppo fu Filippo Corridoni , caduto sul fronte dell'Isonzo nel 1915 e che pregò da subito un intervento e parlò di guerra rivoluzionaria. Anche Mussolini si spostò intorno a Corridoni fino al 1915. Questi interventisti di sinistra non seguirono una tradizione teorica genuinamente socialista o sindacalista, ma inizialmente fecero ricorso principalmente a frammenti ideologici modificati del Risorgimento - soprattutto del Mazzinismo  . Anche i messaggi presto rilevanti Mussolini nel Popolo d'Italia erano, "nonostante tutti i resti sociali-rivoluzionaria, così lontano dal socialista l'internazionalismo e il materialismo , come a tutto il possibile." In campagna condotta in parte isterica per l'intervento, il profilato Popolo d' Italia dai toni particolarmente acuti; Quando sembrò per breve tempo, nel maggio 1915, che il "traditore" Giovanni Giolitti sarebbe tornato ad essere presidente del Consiglio, Mussolini chiese che fossero fucilate "qualche dozzina di parlamentari". Mussolini aveva preparato pubblicamente questa trasformazione, che molti contemporanei videro come improvvisa e improvvisa. Studi recenti hanno dimostrato che Mussolini aveva trasformato la sua rivista Utopia in un forum per argomenti "imperialisti, razzisti e antidemocratici" prima dell'ottobre 1914. Con ostentazione, rinunciò a Marx, "il tedesco" e al socialismo marxista "bastone-prussiano" e propagò una "guerra anti-tedesca". Mussolini inizialmente si attaccò al concetto di socialismo, ma gli diede un contenuto completamente diverso. Il socialismo del futuro sarà "antimarxista" e "nazionale". Nell'agosto 1918 la parola "socialista" fu rimossa dal sottotitolo del Popolo d'Italia . A questo punto, il nazionalismo autoritario di Mussolini, carico di elementi sociali darwinisti , era finalmente venuto alla ribalta:

Chi dice patria dice disciplina; chi dice disciplina ammette che c'è una gerarchia di autorità, funzioni, intelligenze. Laddove questa disciplina non è liberamente e consapevolmente accettata, deve essere imposta, anche con la forza, anche - la censura mi permette di dirlo - con la dittatura a cui ricorrevano i romani della Prima Repubblica nelle ore critiche della loro vicenda».

- Sacerdote : fascismo

Da questo punto di vista Mussolini ha anche criticato il liberalismo conservatore delle vecchie élite, incarnato in politici come Antonio Salandra e Giolitti, poiché questo era fallito a causa dell'«integrazione delle masse nella nazione». Ad esempio, si è attenuto alla richiesta di riforma agraria, poiché questo era l'unico modo per garantire "la popolazione rurale per la nazione". Solo da una aristocrazia di trincea (trincerocrazia), una aristocrazia della funzione, ci si può aspettare la disponibilità a prendere tali misure.

Le linee di pensiero di Mussolini riflettevano a modo loro la profonda crisi dell'ordine tradizionale, notata da molti osservatori al più tardi nel 1917. Dal 1915 al 1917 i governi italiani - "per non parlare dei generali monarchici reazionari e brutali" - tentarono di condurre una guerra "tradizionale". Non avevano tentato di giustificare o giustificare la guerra di fronte agli operai e ai contadini che costituivano il grosso dei soldati. Solo dopo la catastrofica sconfitta nella XII Battaglia dell'Isonzo il nuovo Presidente del Consiglio Vittorio Orlando avviò una campagna di propaganda volta a rendere plausibile la guerra per chi doveva combatterla in trincea. Alla fine del 1917, tuttavia, le legittimazioni ei meccanismi del vecchio sistema di governo raggiunsero nettamente i loro limiti, creando una prospettiva di domanda per l'ideologia politica, i cui fondamenti erano sorti nell'ambito del Popolo d'Italia . Il primo fascismo non fu l'unica forza politica che apparve in questo contesto. Il nazionalismo radicale italiano (cfr. Associazione Nazionalista Italiana ), ad esempio, l'"interventismo di destra" del 1914/15, conobbe uno sviluppo relativamente autonomo fino al 1919.

Tra l'agosto 1915 e l'agosto 1917 lo stesso Mussolini prestò servizio militare. Fu con l'11° Reggimento Bersaglieri sull'Isonzo (fino al novembre 1915, vedi battaglie isoniche ), nelle Alpi Carniche (fino al novembre 1916) ea Doberdò . Durante questo periodo continuò a pubblicare sul Popolo d'Italia . Questi articoli furono ristampati nel 1923 come diario di guerra e furono distribuiti in numerose edizioni nell'Italia fascista. Durante una degenza in ospedale nel dicembre 1915, sposò Rachele Guidi, madre di sua figlia Edda, nata nel 1910 . I figli Vittorio e Bruno nascono rispettivamente nel 1916 e 1918 . Sebbene "educato" nell'esercito italiano ricevesse molto spesso il grado di ufficiale, Mussolini riuscì solo a diventare caporal maggiore (un grado inferiore di sottufficiale). Dopo poco tempo dovette abbandonare un corso per candidati ufficiali su iniziativa del comando dell'esercito. Secondo tutte le prove disponibili, i soldati dei ranghi della squadra hanno incontrato il fondatore del Popolo d'Italia con sospetto, e in alcuni casi anche apertamente ostile. L'offerta del comandante del reggimento di scrivere la storia del reggimento e quindi sfuggire alle trincee, che erano particolarmente pericolose per il "guerraccio", fu respinta. Nell'autunno del 1916, tuttavia, Mussolini era così esausto che iniziò a cercare modi per ritirarsi dal servizio. Il 23 febbraio 1917, Mussolini fu gravemente ferito durante un'esercitazione dietro il fronte quando un colpo di mortaio esplose quando fu sparato, uccidendo diversi soldati nelle sue vicinanze. Fino alla sua dimissione dall'esercito, ad agosto, è stato ricoverato in un ospedale di Milano.

Mussolini e la destra italiana 1919-1922

Mussolini e il primo fascismo

La guerra mondiale scosse il sistema politico italiano. Il calcolo del governo Salandra , che si era promesso soprattutto un'emarginazione dei socialisti e uno spostamento permanente del campo del potere politico a destra - insomma una "riorganizzazione gerarchica dei rapporti di classe" - non aveva funzionato. Invece, i conflitti locali e regionali del periodo prebellico avevano «assunto dimensioni nazionali ed erano diventati proteste contro la guerra, contro lo Stato, contro la classe dirigente». la lotta per l'egemonia sociale fu condotta direttamente e improvvisamente e alla fine travolse le istituzioni liberali.

Il tema determinante del dopoguerra, centrale anche per Mussolini, fu l'ascesa di una sinistra radicale e il connesso ingresso delle masse nella vita politica. A differenza della Germania, ad esempio, in Italia la corrente riformista del movimento operaio, disposta a collaborare con i partiti della borghesia, e che rappresentava principalmente il circolo intorno a Filippo Turati all'interno del PSI , era strutturalmente debole. Nel settembre 1918 i cosiddetti massimalisti (massimalisti) intorno a Serrati avevano prevalso nel partito socialista , che prendeva a modello la Rivoluzione d'Ottobre bolscevica e rappresentava posizioni simili all'USPD tedesco . Nel 1919 il partito e i sindacati conobbero un afflusso di nuovi iscritti senza precedenti, alle elezioni parlamentari del 16 novembre 1919 il PSI ottenne il 32,5% dei voti (156 seggi) e divenne il partito più forte. Nel marzo 1919, gli scioperi di massa obbligarono al riconoscimento della giornata di otto ore. Nel Lazio e in parte dell'Italia meridionale, i contadini e i piccoli proprietari terrieri iniziarono durante l'estate spettacolari occupazioni delle terre, mentre il sindacato socialista Federterra riuscì, almeno nella Pianura Padana, a organizzare quasi interamente i contadini e a dettare salari e condizioni di lavoro ai grandi proprietari terrieri. Eppure l'ascesa del socialismo italiano fu instabile. La maggior parte dei suoi sostenitori erano estremamente poveri, privi di risorse materiali e culturali e generalmente collegati in rete solo a livello locale; molti iscritti si unirono al partito e ai sindacati per la prima volta dopo la fine della guerra, i loro legami con il programma socialista rimasero sciolti e instabili. Il contemporaneo discorso liberale, conservatore e fascista sul pericolo rosso (cfr biennio rosso ), da tempo riprodotto nella letteratura storica, nasconde il fatto che il partito socialista, anche nel suo periodo di massimo splendore, non è mai riuscito a diventare il partito di maggioranza volontà su scala sociale. Anche 43 delle 69 province avevano maggioranze bianche nel novembre 1919; Il PPI cattolico , fondato solo il 18 gennaio 1919, ha vinto 100 mandati in queste elezioni, i vari gruppi liberali insieme 252.

Parallelamente all'ascesa della sinistra politica, si è costituita una nuova destra - inizialmente ancora molto frammentata - che non era semplicemente conservatrice, ma rifiutava più o meno apertamente le istituzioni dell'ordine tradizionale. Il loro denominatore comune era un amalgama ideologico di delusione nazionalistica per la "vittoria mutilata" (vittoria mutilata) nella guerra mondiale e il confronto aggressivo con il "pericolo rosso". Il più acclamato capo di questo diritto fu inizialmente Gabriele D'Annunzio . Mussolini era conosciuto in tutta Italia come caporedattore del Popolo d'Italia a cavallo del 1918/19 , ma aveva peso politico solo nel contesto locale di Milano. Nei primi mesi del dopoguerra accolse la diffusa richiesta di un'assemblea nazionale costituente, particolarmente apprezzata dai soldati di ritorno dal fronte e che si inserisse perfettamente nel profilo ideologico del Popolo d'Italia .

I membri dei battaglioni Arditi , che furono circondati da un culto d'élite nel 1917/18 , ebbero un ruolo importante nella storia simbolica del fascismo italiano. Formarono i quadri più militanti dei primi fasci e portarono la camicia nera , il fez , lo slogan A noi! e il successivo inno del partito Giovinezza nel movimento fascista.

Il 23 marzo 1919 Mussolini convocò a Milano i rappresentanti di una ventina di Fasci che si erano ricostituiti dopo la fine della guerra o che erano stati rianimati dagli attivisti sopravvissuti dal 1914/15. All'incontro (che si è svolto in una sala messa a disposizione dall'Alleanza industriale e commerciale in piazza San Sepolcro ) hanno partecipato circa 300 persone, tra cui Roberto Farinacci , Cesare Maria De Vecchi , Giovanni Marinelli , Piero Bolzon e Filippo Tommaso Marinetti . La composizione dei partecipanti, in seguito venerati come sansepolcristi , aiutò l'organizzazione ombrello fondata in questa occasione (i Fasci italiani di combattimento ) a raggiungere un aspetto abbagliante, "bivalente". Ex interventisti di sinistra (ancora) costituivano la maggior parte ma accanto a loro siedono i nazionalisti, i reazionari e croste semplici. Pretesa di Mussolini, spesso senza qualifica, a rappresentare il combattenti (coloro che hanno preso parte alla guerra ), era solo parzialmente vero. Il primo dopoguerra Fasci attratto principalmente ufficiali di riserva smobilitati o studenti di origine borghese che erano stati ufficiali durante la guerra o avevano prestato servizio con l' Arditi . L' Associazione Nazionale dei Combattenti (ANC), di gran lunga l'Associazione dei combattenti di guerra con il maggior numero di iscritti, era - salvo casi particolari regionali - inizialmente orientata alla democrazia e all'antifascismo; La sua composizione sociale (prevalentemente ex contadini e ufficiali di rango inferiore) era completamente diversa da quella dei Fasci .

L'organizzazione costituita a Milano è rimasta - nonostante alcune azioni spettacolari, tra cui un incendio doloso diretto da Marinetti nella redazione dell'Avanti! il 15 aprile 1919 - inizialmente senza alcuna influenza. Alla fine del 1919 i fasci erano solo 31 per un totale di 870 membri. Solo gradualmente i Fasci di combattimento riuscirono ad affermarsi contro gruppi rivali liberali, anarchici e sindacalisti che rivendicavano anche il termine fascio (ciascuno con un contenuto diverso). Nell'agosto 1919 Mussolini lanciò una nuova rivista (Il Fascio), il cui compito principale era interpretare il fascismo nei termini della sua organizzazione.

I principi guida programmatici dei Fasci di combattimento erano vaghi e completamente privi di significato per la pratica dell'organizzazione in questo momento. Nel marzo 1919 non era stato adottato alcun programma formale. Mussolini lesse solo tre dichiarazioni a Milano ed espresse la sua solidarietà ai combattenti al fronte, chiese l'annessione di Fiumes e della Dalmazia e annunciò la lotta contro i neutralisti socialisti e cattolici. Il 6 giugno 1919 il Popolo d'Italia pubblicò finalmente un programma in cui «non è difficile scorgere un nucleo reazionario nelle questioni di ordine sociale dietro la facciata 'di sinistra', che nasce principalmente dalla richiesta politica di un repubblica" è. Anche nei suoi passaggi "radicali" presto dimenticati - contrariamente a una leggenda diffusa - il programma non era affatto "social rivoluzionario", ma si basava in gran parte sulla linea riformista del sindacato nazionalista Unione Italiana del Lavoro . L'abbassamento dell'età di voto a 18 anni e il diritto di voto per le donne, l'abolizione del Senato e la sua sostituzione con un "consiglio tecnico nazionale", salario minimo e giornata lavorativa di otto ore, tassazione dei profitti di guerra, previdenza sociale statale, la distribuzione delle terre non edificate ai reduci di guerra, sono state invocate le Rappresentanze delle organizzazioni dei lavoratori nell'amministrazione delle aziende private e pubbliche (nella misura in cui ne sono moralmente e tecnicamente degne), la chiusura delle scuole cattoliche e la confisca dei beni ecclesiastici. In questa prima fase, in particolare, Mussolini evitò di assegnare i Fasci di combattimento a uno dei campi politici esistenti. Al primo congresso dei Fasci, tenutosi a Firenze nell'ottobre 1919 , si dichiarò non repubblicano, non socialista, non democratico, non conservatore, non nazionalista. Polemizzò contro il premier liberale di sinistra Nitti e mostrò solidarietà alla società fiumana D'Annunzios, senza legare troppo né se stesso né la sua organizzazione a questo progetto.

Nelle elezioni parlamentari del 16 novembre 1919, la lista fascista guidata da Mussolini e Marinetti ottenne solo 4.675 voti in tutta la provincia di Milano e non ottenne alcun mandato. Dopo questa battuta d'arresto, i fascisti milanesi hanno lanciato un ordigno esplosivo in una manifestazione socialista il 17 novembre. Mussolini fu sospettato di essere il mandante e - dopo che durante una perquisizione fu trovato un arsenale - arrestato, ma rilasciato dopo appena un giorno per un intervento di Roma .

Il 24./25. Maggio 1920, si svolse a Milano il secondo congresso dei Fasci di combattimento . La maggior parte degli ex "interventisti di sinistra" ha lasciato il Consiglio nazionale dell'organizzazione che aveva trovato numerosi nuovi sostenitori negli ambienti liberali in rovina dopo la vittoria delle elezioni socialiste. Anche Marinetti ha lasciato il Congresso dopo che Mussolini si era espresso contro la prosecuzione delle polemiche anticattoliche. Mussolini relativizzò anche la richiesta di repubblica a Milano. La spinta contro il socialismo antiitaliano, invece, è stata accentuata ancora più fortemente. La giornata di otto ore e il salario minimo scomparvero dal programma fascista, così come la richiesta di una partecipazione tecnica degli operai alla conduzione delle fabbriche. Ora le polemiche fasciste erano dirette contro un presunto "collettivismo di stato" o "bolscevismo di stato" in Italia; Lo storico Adrian Lyttelton classifica il discorso di Mussolini a Milano, in cui ha professato una concezione di Manchester dello stato, come una bozza di utopia capitalista. Durante gli scontri tra il sindacato dei metalmeccanici FIOM e l' associazione degli imprenditori Confindustria , che portarono all'occupazione temporanea di molte fabbriche da parte della forza lavoro nel settembre 1920, Mussolini invocò ripetutamente la collaborazione di classe nel Popolo d'Italia . Accusò gli altri partiti antisocialisti di non opporsi ai socialisti con la necessaria determinazione - ma i fascisti lo farebbero adesso. Sono una minoranza, ma "un milione di pecore saranno sempre disperse dal ruggito di un solo leone".

Dal blocco nazionale al Partito Nazionale Fascista

L'esplosione della violenza antisocialista ebbe luogo nell'autunno del 1920, quando ampi settori dell'élite borghese avevano perso la fiducia nella capacità dello Stato di tenere sotto controllo il movimento operaio e di sopprimerlo. I giornali liberali ora sostenevano apertamente il governo autoritario di un "uomo forte" o una dittatura militare . Fu proprio in questo periodo che il movimento socialista entrò in una fase di disorientamento e di contesa interna, poiché il corso delle occupazioni di fabbrica nel settembre 1920 aveva fatto capire che i massimalisti centristi ai vertici del PSI erano restii, nonostante la loro retorica radicale, essere seri per lavorare verso una rivoluzione socialista (queste lotte tra fazioni portarono alla scissione dell'ala sinistra del partito nel gennaio 1921, che si costituì come Partito Comunista d'Italia ). Nell'ottobre 1920, «l'iniziativa nelle controversie sociali passò quasi all'improvviso alle classi possidenti e ai nuovi diritti».

I fasci, fino ad allora strutture praticamente prive di significato, in parte anemiche, in parte inesistenti, conobbero ora un costante afflusso di nuovi membri e un enorme aumento di importanza politica. Il numero dei fasci locali si moltiplicò in pochi mesi da 190 (ottobre 1920) a 800 (fine 1920), 1.000 (febbraio 1921) e 2.200 (novembre 1921). La loro reputazione nel campo antisocialista era bruscamente aumentata quando, il 21 novembre 1920, diverse centinaia di fascisti armati assalirono la riunione costituente del neoeletto consiglio comunale socialista di Bologna , uccidendo nove persone. La Battaglia di Bologna inaugurò il periodo dello squadrismo fascista , le spedizioni punitive armate contro le case dei partiti rossi e dei sindacati, le testate giornalistiche, le case operaie, i centri culturali, le amministrazioni locali, le cooperative ei privati. Le singole squadre erano spesso attrezzate da industriali e grandi proprietari terrieri (a volte anche a gestione diretta), ma beneficiavano soprattutto del sostegno diretto e indiretto delle agenzie governative a tutti i livelli. Il ministro della Guerra nel gabinetto Giolitti V , il socialdemocratico di destra Ivanoe Bonomi , espulso dal PSI nel 1912 , suggerì nell'ottobre 1920 l'ingresso nei fasci degli ufficiali di riserva congedati , per cui gran parte del precedente stipendio doveva continuano ad essere loro pagati . Il ministro della Giustizia Luigi Fera ha ordinato ai tribunali con una circolare di lasciar addormentare se possibile i procedimenti contro i fascisti. Centinaia di amministrazioni comunali socialiste divenute bersaglio di "spedizioni punitive" fasciste furono ufficialmente sciolte dal governo nella primavera del 1921 "per ragioni di ordine pubblico", comprese quelle di Bologna, Modena , Ferrara e Perugia . Il predominio dei socialisti in molti parlamenti locali aveva particolarmente preoccupato le élite liberali dal 1919, poiché l'equilibrio sociale del potere minacciava di ribaltarsi a favore della sinistra.

La diffusione dei fasci fu molto disomogenea a livello regionale e, di regola, senza alcun riferimento politico, ideologico o personale diretto a Mussolini. Anche la maggior parte del simbolismo politico del fascismo italiano emerse spontaneamente in questa fase, indipendentemente dal centro milanese, e venne progressivamente adottato dall'intero movimento per imitazione. Trieste , dove fu particolarmente intensa l'agitazione sia nazionalista che antisocialista e dove confluirono i conflitti con la minoranza slovena, si sviluppò nella prima vera roccaforte del fascismo. Qui il fascio locale contava nel marzo 1921 14.756 iscritti (18% del totale dei tesserati). Le organizzazioni di Torino , Roma e Ravenna , invece, contavano solo 581, 1.480 e 70 membri a quel tempo.

Il ruolo personale di Mussolini nel movimento fascista rimase poco chiaro fino al 1921. I suoi rapporti con i capi del fascismo provinciale, che organizzavano principalmente la violenza fascista, furono ripetutamente decisamente tesi. Il futuro Duce non era uno dei fautori di un radicalismo intransigente, non da ultimo si preoccupava del proprio avanzamento e tendeva al compromesso (un'integrazione della destra dei socialisti e dei sindacati in un "blocco nazionale" rimase il suo obiettivo fino a quando questo impossibile nel 1924). Era di fondamentale importanza per la posizione di Mussolini che egli vivesse nel centro finanziario del paese e che anche dopo il 1919 le cospicue "donazioni" di industriali e banchieri andassero per lo più direttamente a lui e al Popolo d'Italia ; Era quindi relativamente indipendente all'interno del movimento fascista ed era in grado di distribuire il denaro necessario nella provincia.

Mussolini riuscì ad integrare i Fasci di combattimento in un blocco elettorale borghese guidato da Giolitti prima delle elezioni parlamentari del 15 maggio 1921 . Mussolini era stato in contatto con l'influente politico, che era di nuovo primo ministro dal 15 giugno 1920, tramite un intermediario dall'ottobre 1920. Il blocco nazionale comprendeva tutti i partiti ad eccezione dei socialisti, dei comunisti e dei popolari cattolici . Per Mussolini personalmente, questo successo significava entrare nella zona di "rispettabilità politica" definita dalle vecchie élite. Insieme a Mussolini, che era stato posto in testa alle liste del blocco a Milano e Bologna, altri 34 fascisti entrarono alla Camera dei deputati (con 275 seggi per l'intero blocco).

Giolitti, che non aveva raggiunto il suo obiettivo elettorale più importante - il duraturo indebolimento dei socialisti e dei popolari - si dimise il 27 giugno 1921. Il successore di Giolitti Bonomi, che si era presentato a Mantova insieme ai candidati fascisti nella lista del blocco nazionale , tentò nel luglio 1921 di staccare l'ala destra del Psi dal partito e legarla al campo governativo. Vinse alcuni esponenti di spicco del fascismo (tra cui Mussolini, Cesare Rossi e Giovanni Giuriati ), quattro parlamentari socialisti e tre funzionari dell'organizzazione sindacale ombrello CGdL per la firma di un "patto di pacificazione" (2 agosto 1921). Mussolini giustificò questo passo sorprendente sostenendo che era impossibile "liquidare" i due milioni di socialisti italiani; l'opzione della guerra civile permanente è ingenua. In quel periodo era sotto impressione dei fatti di Sarzana ('fatti di Sarazena'), che si fecero notare in tutta Italia , dove il 21 luglio era stata sbaragliata una "spedizione punitiva" di 500 squadristi liguri e toscani dopo - per i fascisti del tutto inaspettato - aveva un pugno di Carabinieri dalla parte degli abitanti. Morti 14 squadristi , un poliziotto e alcuni cittadini. Per Mussolini, che parlava apertamente di crisi del fascismo, ciò sollevava la questione di quanto valgano veramente i fasci quando si confrontano con le forze dell'ordine dello Stato. almeno radicata nella ambizioni personali intenzioni di Mussolini a "parliamentarize" la fluttuante e liberamente in rete Fasci e combinarli in un partito al fine di partecipare al potere politico a Roma nel medio e lungo termine.

Estremisti fascisti, in particolare gli esponenti militanti del "fascismo agrario" padano, emiliano , toscano e romagnolo come Italo Balbo e Dino Grandi , che propugnavano il completo abbattimento del movimento operaio e l'instaurazione di un regime autoritario senza riguardo per possibili gruppi di interesse liberale, attaccò apertamente Mussolini. Si ritirò dal comitato esecutivo dei Fasci di combattimento il 18 agosto 1921 , seguito da Rossi, che lamentò che il fascismo era diventato un "movimento puro, autentico ed esclusivo di conservatorismo e reazione". Tuttavia, i fascisti "conservatori" non furono in grado di accordarsi su un leader che avrebbe potuto sostituire Mussolini dopo che Gabriele D'Annunzio aveva rifiutato l'offerta. Alla vigilia del terzo congresso dei fasci, svoltosi a Roma nel novembre 1921, le due fazioni si avvicinarono: Mussolini dichiarò il patto il 22 ottobre, mai attuato, un «episodio ridicolmente insignificante in la nostra storia (e lo annunciava nel novembre completamente aperto), mentre i reazionari attorno a Grandi si rassegnavano a fondare il Partito Nazionale Fascista (PNF). A Roma Mussolini, ormai insediato come Duce , cercò di fugare i dubbi sorti sulla risolutezza del suo antisocialismo:

Non mi pento di essere socialista. Ma ho rotto i ponti con quel passato. Non sono nostalgico. Non sto pensando di arrivare al socialismo, ma di allontanarmene. In materia economica siamo liberali perché crediamo che l'economia nazionale non possa essere lasciata agli organi collettivi o alla burocrazia».

- Bosworth : l'Italia di Mussolini

Mussolini ha fornito ulteriori chiarimenti a margine. I resti delle idee repubblicane e anticlericali dei primi giorni dei fasci furono rimossi dal programma del partito . Mussolini aveva preso le distanze dalle avventure di politica estera dannunziane già nel 1920; solo pazzi e criminali non riescono a capire che l'Italia ha bisogno di pace.

La "Marcia su Roma"

Mussolini e il Quadrumvirato durante la Marcia su Roma del 28 ottobre 1922

Dopo il Congresso di Roma, Mussolini consolidò risolutamente la sua posizione all'interno del movimento fascista. Michele Bianchi , stretto confidente del Duce, divenne segretario del PNF . Le squadre furono formalmente assegnate ai gruppi di partito locali e poste sotto ispezione generale. I capi del fascismo provinciale (per i quali il prestito etiope ras venne presto naturalizzato) mantennero tuttavia una notevole autonomia, che seppero assicurarsi e, in alcuni casi, ampliare anche negli anni della dittatura.

Dal gennaio 1922, su suggerimento di Mussolini, fu pubblicata la rivista Gerarchia ( diretta da Margherita Sarfatti fino al 1933 ), che avrebbe dovuto fornire al fascismo una sovrastruttura intellettuale vincolante. Personalmente Mussolini non era un fondamentalista dell'ideologia fascista via via delineata, ma soprattutto attento ai suoi benefici politici pratici.

Dopo le dimissioni di Bonomi, il liberale Luigi Facta formò un governo nel febbraio 1922 che fu ampiamente considerato come il segnaposto per un nuovo governo Giolitti. Una seconda ondata di squadrismo iniziò durante il regno di Facta; le roccaforti socialiste del nord Italia divennero bersaglio di regolari campagne dei fascisti, che in Romagna, ad esempio, apparivano "come un esercito di occupazione". All'inizio di marzo diverse migliaia di squadristi occuparono lo Stato Libero di Fiume . Nelle nuove campagne contro Bologna e Ferrara di maggio/giugno, furono tirati insieme decine di migliaia di fascisti ciascuno. I sindacati socialisti e sindacalisti che formarono l' Alleanza del lavoro nel febbraio 1922 indissero uno sciopero politico generale contro il terrore fascista il 1 agosto 1922. Fu cancellato il 3 agosto dopo un ultimatum fascista. In un contrattacco, i fascisti penetrarono ora anche in roccaforti di sinistra come Parma e Genova , dove le battaglie di strada durarono per diversi giorni. Secondo recenti calcoli, almeno 3.000 persone furono uccise in questi scontri nell'ottobre 1922. A settembre i fascisti raggiunsero la periferia di Roma con l'avanzata verso Terni e Civitavecchia .

Nel luglio 1922, dopo i moti fascisti di Cremona , contro i quali le autorità non si erano ancora mosse, Facta fu rovesciato con i voti dei popolari, dei socialisti e dei liberaldemocratici (ma subito accusato di rifondare il governo). Mussolini iniziò ora a negoziare con Giolitti, Orlando e Salandra - gli "uomini forti" della politica italiana - sul suo ruolo in un futuro governo. Non era ancora chiaro se fosse "un uomo a venire o l' uomo a venire". I suoi contributi al Popolo d'Italia ei suoi discorsi alla Camera dei Deputati non erano stati solo volti a dimostrare un alto grado di credibilità e giudizio "statista", mentre lasciava i commenti radicali a Bianchi, Balbo, Farinacci e altri. La dimostrazione di competenza in politica estera servì al primo acclamato viaggio all'estero di Mussolini, che lo portò in Germania nel marzo 1922 . A Berlino incontrò interlocutori "notevolmente di alto rango", tra cui il cancelliere Joseph Wirth , il ministro degli Esteri Walther Rathenau , Gustav Stresemann e l'influente giornalista liberale Theodor Wolff , che in seguito rimase in rapporti amichevoli con Mussolini.

Nell'ottobre 1922 la crisi politica raggiunse il culmine. La sinistra socialista e comunista è stata in gran parte eliminata come fattore politico. Dopo il fallimento dello sciopero generale di agosto, i sindacati hanno perso di nuovo un numero consistente di iscritti e di influenza, mentre il partito socialista si è nuovamente diviso all'inizio di ottobre. Nelle trattative con Giolitti attraverso intermediari, Mussolini ora ha indicato che era pronto a guidare un governo di coalizione. Poiché il PNF aveva solo 35 seggi alla Camera dei deputati, un gabinetto guidato da Mussolini - se non agiva subito come un governo golpista - doveva contare sull'appoggio dei blocchi parlamentari liberali e conservatori. In dichiarazioni pubbliche, Mussolini ha reso ancora una volta omaggio alla monarchia e alla Chiesa cattolica e, in un colloquio con il generale Pietro Badoglio , ha assicurato la passività dell'esercito in caso di presa di potere fascista legata a un'azione dimostrativa dei fasci contro Roma. Già il 20 settembre 1922, in un discorso a Udine , si era nuovamente impegnato in una politica economica liberale e si era espresso a favore di una rottura con la politica sociale statale che era agli inizi dal 1919. Il famoso discorso di Udine è visto come un'anticipata dichiarazione del governo del fascismo. Combinava l'impegno per la violenza e l'obbedienza con il rifiuto della democrazia e l'annuncio che le masse si sarebbero mobilitate a sostegno della politica di potenza italiana. La grandezza dell'Italia - più che una "politica di rinuncia e di codardia" - era l'obiettivo principale.

Il 25 ottobre Mussolini lasciò la convention del PNF, iniziata il giorno prima a Napoli , e si ritirò a Milano. Sebbene non si preparasse seriamente a un violento colpo di stato, con cui i principali squadristi avevano ripetutamente minacciato, aveva concordato in anticipo una "marcia in scena" sulla capitale. Inizia la mattina del 28 ottobre questa Marcia su Roma , divenuta poi la pietra angolare della rivoluzione fascista e alla quale solo 5.000 squadristi presero parte sotto la pioggia battente . Con l'impresa Mussolini voleva costringere il re a prendere una decisione che poteva ritenere a suo favore. A quel tempo Giolitti, Salandra e Orlando, così come il re, il papa , il comando dell'esercito e le associazioni imprenditoriali, si accordarono con un presidente del consiglio fascista, che Mussolini aveva prima pubblicamente richiesto il 24 ottobre a Napoli. Il 29 ottobre Vittorio Emanuele III. Ordina Mussolini a Roma per telefono, dove è arrivato la mattina del giorno successivo e ha prestato giuramento come Presidente del Consiglio il 31 ottobre. La "Sfilata della Vittoria" fascista del 31 ottobre, alla quale Mussolini prese parte personalmente, servì a simulare uno sconvolgimento politico. Solo allora nacque il mito politico del rovesciamento forzato da parte del fascismo. L'ingresso degli squadristi a Roma si concluse con un attentato al quartiere operaio di San Lorenzo , dove furono uccise diverse persone.

Capo del governo

Gli anni dal 1922 al 1926

La via della dittatura

Consolidamento del potere

Il primo governo Mussolini fu un governo di coalizione della destra italiana. Mussolini era l'unico esponente di spicco del PNF con rango ministeriale (ministri degli esteri e dell'interno); i fascisti Giacomo Acerbo e Aldo Finzi ricevettero solo segreterie di Stato. Ministeri importanti andarono a esponenti dell'establishment conservatore e nazionalista ( Giovanni Gentile (istruzione), Luigi Federzoni (colonie), Armando Diaz (guerra), Paolo Thaon di Revel (marina)). Già a questo punto si erano iscritti al partito fascista i ministri Alberto De Stefani (Finanze), Aldo Oviglio (Giustizia) e Giovanni Giuriati (Aree Liberate), provenienti dallo stesso ambiente. Con Stefano Cavazzoni (Lavoro e Affari Sociali) era rappresentata al governo anche l'ala destra del Partito Popolare Italiano ; vi erano inoltre rappresentanti della maggior parte dei gruppi liberali. Nel complesso si trattava di un ministero conservatore che esprimeva la comune volontà dell'industria, della monarchia e anche della chiesa; rappresentava un tentativo di porre fine al lungo periodo di instabilità politica del dopoguerra stabilendo un governo stabile che potesse contare sull'ampio spettro delle numerose fazioni della destra".

Il 16 novembre 1922 Mussolini si presentò per la prima volta al Parlamento come Presidente del Consiglio; con la minaccia di poter fare in qualunque momento la casa un bivacco per le mie squadre , richiese procure per poter governare con ordinanza. Solo i parlamentari dei Socialisti e dei Comunisti votarono il 24 novembre contro i disegni di legge che attribuivano poteri speciali al governo per un periodo limitato fino al 31 dicembre 1923. Sette parlamentari liberali, tra cui Nitti e Giovanni Amendola , sono rimasti lontani dal voto; tuttavia, cinque ex primi ministri liberali - Giolitti, Salandra, Orlando, Bonomi e Facta - hanno votato per il governo. Al Senato la maggioranza dei voti per il governo fu ancora maggiore; qui Mussolini fu apertamente chiamato a instaurare una dittatura.

Nell'inverno 1922/23 vi furono gravi attacchi da parte degli squadristi contro gli avversari politici, soprattutto nelle città; A Torino un fuori controllo fucilazione fascista prese di mira e uccise socialisti, comunisti e sindacalisti senza che intervenisse la polizia che, come ministro dell'Interno, era alle dirette dipendenze di Mussolini. Invece, migliaia di fascisti hanno beneficiato di un'amnistia prima della fine dell'anno. La trasformazione delle squadre in milizia nazionale (cfr. MVSN ), iniziata nel dicembre 1922 , nelle cui file numerosi squadristi delusi dalla "rivoluzione fascista" ricevettero "status, paga e qualche potere locale", fu pubblicizzata da Mussolini come misura contro quella fascista Illegalismo.Nello stesso mese Mussolini istituì il Gran Consiglio del Fascismo , il cui rapporto con le istituzioni costituzionali per ora non era definito in dettaglio, un foro per i ras fascisti che non erano presi in considerazione in la formazione del governo . Questo consiglio era collegato all'esecutivo dello stato solo attraverso la persona di Mussolini.

Nel corso del 1923 il partito fascista si fuse con le altre correnti della destra italiana. La fusione di Mussolini con l' Associazione Nazionalista Italiana nel marzo scorso è diventata lo spartiacque per il fascismo. Con l'ANI si unirono al partito numerose personalità ugualmente rispettabili e influenti, molto ben collegate nell'esercito, nella corte, nella burocrazia, nel servizio diplomatico e negli affari e - in particolare Alfredo Rocco - era da menzionare negli anni successivi svolse un ruolo decisivo nell'instaurazione e nella tutela ideologica del regime fascista. Anche l'ala conservatrice del cattolicesimo politico si alleò con il PNF nel 1923. Luigi Sturzo , il capo dei popolari, cedette alle pressioni del Vaticano nel luglio 1923 e si ritirò. All'ombra di questo sviluppo, Mussolini riuscì in gran parte a liberarsi dalla sua relativa dipendenza dai vecchi fascisti e dai ras . I tesserati al PNF salgono a 783.000 alla fine del 1923 per l'afflusso di numerosi fascisti dell'ultima ora (fascisti dell'ultima ora) , dopo essere stati sotto i 300.000 nell'ottobre 1922.

Nuova legge elettorale, aspettativa parlamentare alla fine del 1923 ed elezione nel 1924

La forza dell'alleanza con le vecchie élite fu sottolineata dalla cosiddetta Legge Acerbo (legge Acerbo), approvata nel novembre 1923 con i voti della maggioranza parlamentare liberale. Con questa nuova legge elettorale furono abolite le circoscrizioni in favore delle liste nazionali. Ha stabilito che la lista che ha ricevuto la maggioranza semplice dei voti espressi (almeno il 25%) a livello nazionale dovrebbe ricevere i due terzi dei seggi in parlamento. Finaldi ha definito questo processo una "rivoluzione costituzionale".

Quando il parlamento volle riunirsi per una nuova sessione nel dicembre 1923, fu rimandato a casa per decreto del re.

La compilazione del listone, la lista raccolta fascista per le nuove elezioni parlamentari del 6 aprile 1924 , fu intrapresa personalmente da Mussolini. Oltre a circa 200 fascisti, vi apparvero quasi altrettanti membri di altri partiti e organizzazioni, tra cui Salandra e Orlando. Giolitti fece una sua lista, ma prese le distanze dall'opposizione antifascista.

Gabriele Galantara : LUI (tedesco: "ER"). Copertina della rivista satirica del 1924 L'Asino

Queste elezioni di aprile non erano più libere. Già a febbraio si sapeva che la "sorveglianza delle cabine elettorali" sarebbe stata affidata alla Milizia Nazionale , ovvero le Camicie Nere . A parte evidenti falsificazioni il giorno stesso delle elezioni - ad esempio, in alcune parti della provincia di Ferrara , roccaforte della sinistra, avrebbe votato per il listone il 100% degli elettori - si era creato in anticipo uno stato di semilegalità costantemente aggravato per l'opposizione. I loro giornali sono stati ripetutamente banditi o confiscati e i loro candidati sono stati attaccati. I fascisti devastarono la casa privata romana dell'ex presidente del Consiglio Nitti. La violenza è stata usata principalmente contro comunisti e socialisti. Centinaia di persone sono rimaste ferite o uccise, compreso un candidato socialista. Mussolini dirigeva anche un gruppo di teppisti fascisti attraverso il suo ufficio, guidati da Albino Volpi e dall'italo-americano Amerigo Dumini , due "gangster professionisti".

Il Ppi, che era stato ritirato dal sostegno della Chiesa, ha ricevuto il 9,1% dei voti (39 seggi) alle elezioni. La sinistra scissa ha avuto un ruolo a malapena in parlamento (socialisti 22, socialisti di destra 24, comunisti 19 seggi). Mussolini aveva raggiunto l'impossibile i 'sovversivi' erano ormai una minoranza sconfitta e insignificante. Secondo i dati ufficiali, il listone fascista ha ricevuto il 66,3% dei voti espressi.

Dopo che la destra unitaria si era assicurata la maggioranza dei seggi, dal 15 febbraio 1925 furono poste le basi perché la Camera dei Deputati fosse conseguentemente costituita non più da una vera e propria elezione, ma da un referendum; Nel 1929 la gente poteva solo dire sì o no a una lista presentata. Il Gran Consiglio Fascista ha selezionato questa lista di 400 rappresentanti del popolo da una lista di 1000 persone proposte dalle associazioni. Le successive vere elezioni parlamentari non ebbero luogo fino al 1946.

Crisi Matteotti

Il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti , segretario del PSU e socialista riformista, fu rapito da sei squadristi , costretto a salire su una Lancia Lambda e pugnalato a morte con una lima. Alla Camera dei Deputati il 30 maggio Matteotti, non toccato dal tumulto inscenato dei parlamentari fascisti, ha rivelato numerose irregolarità nelle elezioni di aprile alla presenza di Mussolini e ha chiesto l'annullamento dei risultati. Rispondeva a una provocazione di Mussolini, che in precedenza aveva chiesto alla Camera di approvare in blocco diverse migliaia di leggi. Si diceva anche che Matteotti avesse del materiale che poteva essere usato per condannare per corruzione i principali fascisti. Finora non ci sono prove che Mussolini abbia commissionato l'assassinio di Matteotti. Tuttavia, recenti ricerche hanno sicuramente dimostrato che persone vicine al capo del governo - tra cui Rossi, Finzi e Marinelli - hanno preparato l'atto o ne erano a conoscenza. L'imminente scandalo corruzione, che ha coinvolto tangenti dalla compagnia petrolifera americana Standard Oil , sembra aver fornito il movente, ma non la comparsa di Matteotti in parlamento.

L'omicidio del politico dell'opposizione si rivelò una catastrofe politica per Mussolini; A causa delle sue origini borghesi e del suo socialismo molto moderato, orientato verso il Partito laburista britannico , Matteotti, fino a quel momento corteggiato da Mussolini, era rispettato anche da molti liberali. Mussolini sarebbe stato informato del delitto da Dumini la sera del 10 giugno, ma ha negato di sapere dove si trovasse Matteotti davanti al parlamento il giorno successivo, il cui corpo è stato finalmente ritrovato il 16 agosto su una strada romana. Ha incaricato il suo staff di creare "quanta più confusione possibile" sulla questione. Tuttavia, in base all'identificazione del veicolo dei rapitori, l'indagine ha portato in pochi giorni direttamente all'anticamera di Mussolini. Ciò diede all'opposizione antifascista l'inaspettata opportunità di assestare un duro e forse decisivo colpo al regime già instaurato. Mussolini ammise poi che nel giugno 1924 sarebbero bastati "pochi uomini determinati" per scatenare una vittoriosa insurrezione contro i fascisti completamente screditati. Nel frattempo, dopo una breve paralisi, Mussolini mobilitò la milizia, destituì Emilio De Bono dalla carica di capo della polizia, fece arrestare Dumini, Volpi, Rossi e Marinelli e trasferì il ministero dell'Interno all'ex nazionalista Federzoni.

L'errore decisivo però commise essa stessa l'opposizione: il 13 giugno socialisti, comunisti e popolari lasciarono il parlamento insieme ad alcuni liberali. Questo atto puramente dimostrativo non ebbe conseguenze; il 18 giugno i comunisti si ritirarono dal cosiddetto blocco Aventino dopo che la loro proposta di proclamare uno sciopero generale e di istituire un controparlamento era stata respinta dagli altri partiti. I rimanenti Aventiniani "si fidavano stupidamente che il re avrebbe fatto il loro lavoro per loro". tra fascismo e antifascismo. In questa disputa, le élite italiane sapevano da che parte stare. Il 24 giugno il Senato ha espresso in modo schiacciante la fiducia a Mussolini, dando al governo la tregua necessaria. I partigiani liberali e conservatori di Mussolini, guidati dal re, continuarono a sostenerlo dopo alcuni giorni di incertezza. Quando il 12 settembre 1924 fu fucilato a Roma il deputato fascista Armando Casalini , fascisti radicali come Farinacci chiesero a Mussolini sempre più energicamente di "accontentarsi" dell'antifascismo e di "sparare qualche migliaio di persone". Mussolini inizialmente evitò questi progressi.

Nel dicembre 1924 la crisi raggiunse l'apice inaspettatamente. I comunicati stampa collegavano eminenti fascisti come Balbo e Grandi a una varietà di atti di violenza. Anche la prima fila del partito doveva ora temere di essere presto assicurata alla giustizia, poiché un gruppo di "normalizzatori" fascisti - che sembrava aver ascoltato Mussolini - aveva chiesto la separazione dagli elementi radicali e criminali. Il 26 dicembre, però, un quotidiano di opposizione ha pubblicato una nota trapelata di Cesare Rossi, che inoltre non collegava Mussolini all'omicidio Matteotti, ma a casi simili. Ora sembrava che l'inchiesta contro lo stesso capo del governo non potesse più essere impedita. Nei giorni che seguirono, il governo era sul punto di crollare; Mussolini era considerato "fatto" dagli osservatori. Leader della milizia e alcuni ras sono apparsi senza preavviso nell'ufficio di Mussolini il 31 dicembre, chiedendo che l'opposizione fosse messa a tacere una volta per tutte. Come nel 1921, Mussolini era ora alle prese con un'aperta rivolta degli estremisti fascisti (e, come nel 1921, Balbo era uno degli organizzatori). Nello stesso giorno fece convocare la Camera dei Deputati il 3 gennaio 1925 e, in un discorso accuratamente preparato, si assunse "responsabilità politica, morale e storica" dell'omicidio Matteotti, ma non responsabilità materiale. Durante questa apparizione, Mussolini ha anche chiarito che a lungo termine il governo, la polizia e i prefetti rappresentavano per lui l'autorità legittima, che l'opposizione doveva essere soppressa "legalmente" - questo era esattamente ciò che "l'establishment conservatore voleva sentire In questo modo riuscì a porre le basi per la sua personale dittatura. Quando gli è stato chiesto di incriminarlo per il delitto, i suoi oppositori non hanno ottemperato per l'inutilità di tale impresa.

Organizzazione della dittatura

Nel suo discorso, Mussolini ha attaccato la secessione dell'Aventino definendola rivoluzionaria e ha annunciato che fornirà chiarimenti entro 48 ore. Il 3 gennaio Mussolini e Federzoni ordinarono ai prefetti di fermare d'ora in poi assembramenti e manifestazioni politiche e di agire attivamente contro tutte le organizzazioni che minano il potere dello Stato. Ai parlamentari dei partiti di opposizione è stato negato il rientro in aula, cosa che fino ad allora sarebbe stata possibile almeno in teoria, da quel giorno in poi. Nel 1926 tutti i partiti non fascisti furono banditi o sciolti. Secondo un'apposita ordinanza del 10 gennaio 1925, la censura sulla stampa era gestita in modo ancora più rigoroso di prima; Mentre gli organi di stampa della sinistra politica venivano gradualmente soppressi, i maggiori giornali liberali licenziarono i pochi direttori dell'opposizione nel corso del 1925 prima che nel dicembre 1925 entrasse in vigore una legge repressiva sulla stampa. Nello stesso mese (24 dicembre) una legge sulle Competenze e prerogative del capo del governo ha eliminato la dipendenza del governo ancora formalmente dipendente dal parlamento. Come Capo del Governo , Mussolini ora rappresentava il governo da solo davanti al re, era l'unico responsabile nei suoi confronti e aveva il diritto di decretare leggi di cui i parlamentari potevano solo "discutere".

Nel 1926 furono aboliti i consigli comunali eletti; d'ora in poi un podestà ( podestà ) nominato dal prefetto guidava le comunità. Fino alla fine del regime, questi "mini-capos" erano solitamente forniti dalle stesse élite locali che avevano governato la rispettiva città fin dal Risorgimento.

L'attentato a Mussolini da parte dell'anarchico Anteo Zamboni - il primo tentativo fu compiuto da Tito Zaniboni il 4 novembre 1925, e un altro il 7 aprile 1926 da Violet Gibson - fornì infine il pretesto per sconfiggere le restanti organizzazioni antifasciste e le loro nel novembre 1926 Vietare la stampa; Nello stesso mese, 123 parlamentari dell'opposizione sono stati privati dei loro seggi e i parlamentari comunisti, tra cui Antonio Gramsci , sono stati arrestati. La "Legge per la Difesa dello Stato" (25 novembre 1926) introdusse la pena di morte per "reati politici". Prevede inoltre la creazione di un corpo di polizia politica e di un tribunale speciale.

Come annunciato il 3 gennaio 1925, Mussolini attuò l'instaurazione della dittatura "legalmente", cioè senza sostituire con altre le procedure politiche definite dalla costituzione . Il partito fascista, guidato da Farinacci nel 1925/26 e impegnato in dispute interne, non ebbe un ruolo attivo in questo processo. Lo stesso vale per la milizia, la cui guida è stata ora rilevata da ex ufficiali dell'esercito. Per un vero governo politico nell'Italia fascista, i prefetti furono ancor più decisivi che nell'Italia liberale. Mussolini assicurò qui una spiccata continuità strutturale. Tra il 1922 e il 1929 furono ritirati o sostituiti 86 prefetti. I loro successori erano per lo più funzionari di carriera "apolitici"; ai 29 prefetti emersi dal PNF furono generalmente attribuite province più piccole e meno importanti. Mussolini rafforzò con decisione questa struttura di potere contro le opposte tendenze del partito fascista intervenendo ripetutamente nei conflitti tra i prefetti e i segretari di partito delle province, ad esempio il 5 gennaio 1927:

«Il prefetto, lo affermo solennemente, è la massima autorità statale della provincia. È il rappresentante diretto dell'esecutivo centrale, il massimo rappresentante politico del regime fascista».

- Clark : Mussolini

Conflitti di questo tipo accompagnarono il regime fino al 1943. Anche nel governo Mussolini si affidava in misura molto limitata a fascisti provenienti dal partito, spesso affidati solo a segreterie di Stato e raramente restavano in carica a lungo. Solo Dino Grandi e Giuseppe Bottai riuscirono a rimanere stabilmente alla guida dell'apparato statale.

Nel 1925 Mussolini iniziò ad accettare il termine totalitario, usato per la prima volta dagli intellettuali antifascisti nel 1923, come attributo del regime. In un discorso nel terzo anniversario della Marcia su Roma, ha definito il fascismo come un sistema in cui "tutto [che accade] accade per lo stato, niente è fuori dallo stato, niente e nessuno è contro lo stato". un discorso del ministro della Giustizia Alfredo Rocco. Gli ideologi formativi del fascismo italiano, i cui suggerimenti Mussolini di solito seguiva, erano quasi esclusivamente ex nazionalisti come Rocco e Giovanni Gentile, che seppero affermare la loro influenza nel 1925/26 "soprattutto le altre tendenze all'interno del fascismo". L'ala rivoluzionaria del fascismo, che lavorava verso una vera e propria dittatura del partito, fu definitivamente estromessa da Mussolini nel 1926 (Farinacci fu sostituito il 30 marzo 1926) e riuscì a mantenere solo pochi incarichi giornalistici.

Politica economica e sociale

Nei primi anni, Mussolini lasciò in gran parte la politica economica al suo ministro delle finanze liberal-mercato, Alberto De Stefani. I cauti tentativi di Nittis e Giolittis, in particolare, di aumentare il carico fiscale dei cerchi migliori, di tassare i profitti di guerra e di avviare la riforma agraria (il cosiddetto decreto Visocchi del 1919, abrogato nel gennaio 1923), furono annullato dal nuovo governo. Ha privatizzato i precedenti monopoli statali come la rete telefonica, la produzione di fiammiferi e l'assicurazione sulla vita, ha ridotto la spesa statale e ha introdotto nuove tasse indirette di massa. Nel marzo 1923 un decreto aboliva la giornata lavorativa di otto ore, per cui l'orario di lavoro giornaliero veniva nuovamente esteso fino a dodici ore, soprattutto in agricoltura. Mussolini accompagnò questa politica sostenendo pubblicamente l'"imprenditorialità", la riduzione della burocrazia e l'abolizione dei già rudimentali sussidi di disoccupazione. Lo Stato deve rimanere fuori dalla vita economica della nazione, la disuguaglianza nella società non deve essere eliminata, ma al contrario deve essere esacerbata. Allo stesso tempo, selezionate aziende industriali e banche furono riorganizzate con fondi statali, tra cui il Banco di Roma, che nel gennaio 1923 era strettamente legato al Vaticano e alle diocesi italiane . Mussolini concordò personalmente questo passo con il cardinale segretario di Stato Pietro Gasparri e poté così porre la prima pietra atmosferica per l'accordo con la Chiesa. Per la borghesia immobiliare, gli anni 1922-1925 si rivelarono tutto sommato un "paradiso assoluto". Al contrario, i lavoratori hanno dovuto accettare tagli ai salari reali dal 20 al 25% durante questo periodo.

Nel 1925, tuttavia, De Stefani si oppose a gruppi di interesse influenti. La politica del libero scambio fu respinta da quelle parti dell'industria e del latifondo che soffrivano della concorrenza straniera e dai singoli fascisti dirigenti che sostenevano per principio una politica di autosufficienza. Poiché De Stefani tendeva al pareggio di bilancio, fu costretto a punire casi di evasione fiscale particolarmente eclatanti di fronte a notevoli resistenze; per lo stesso motivo si rifiutò di finanziare l'enorme aumento del numero di posti nell'apparato statale di cui potevano essere forniti i capi fascisti e i loro "clienti". Quando ci fu una crisi economica nell'estate del 1925, Mussolini licenziò De Stefani. Il suo successore, Giuseppe Volpi, era un rappresentante dell'ala protezionista dell'industria italiana. La sua nomina ha coinciso con il lancio della prima grande campagna economica del regime. Questa " battaglia del grano " (battaglia del grano) , iniziata personalmente da Mussolini, aveva l'obiettivo di aumentare significativamente la produzione di grano e quindi ridurre la dipendenza dell'Italia dalle importazioni di cibo (introduzione di una tariffa di protezione del grano il 24 luglio 1925). Sullo sfondo c'era già il problema dello squilibrio della bilancia dei pagamenti italiana e del deprezzamento della moneta; l'anno successivo la battaglia del grano trasformato in battaglia della lira (battaglia della lira) .

Politica estera

Quando Mussolini si insediò, l' Italia , che fu "tradita" secondo l'interpretazione fascista alla Conferenza di pace di Parigi, divenne ufficialmente una "potenza revisionista", anche se questo revisionismo iniziò a prendere forma solo nel 1925/26. Negli anni venti fu diretta principalmente contro l'influenza della Francia nell'Europa sud-orientale (cfr Piccola Intesa ) e secondariamente contro la Grecia e la Turchia . Con ciò prevalse sotto Mussolini una tendenza che già non era estranea alla politica estera dei governi liberali; la tesi di una rottura nella continuità della politica estera è ampiamente respinta nelle recenti ricerche - il "presunto contrasto tra diplomatici moderati e sensibili e un Duce isterico e ultranazionalista era un mito che i funzionari hanno diffuso dopo il rovesciamento di Mussolini per eludere le critiche. "

Mussolini si presentò alla scena internazionale con pose messe in scena. Nel novembre 1922 si presentò alla conferenza di Losanna con una guardia del corpo di camicie nere pesantemente armate e sembrava più interessato alle apparizioni marziali davanti ai giornalisti che alle trattative stesse. Un mese dopo si recò a Londra per prendere parte alla conferenza sulle riparazioni. Qui la copertura della stampa internazionale accuratamente registrata da Mussolini fu molto meno vantaggiosa che dopo Losanna. Ad eccezione della Conferenza di Locarno del 1925 , per più di un decennio si astenne dal viaggiare all'estero.

Negli anni '20, la Gran Bretagna apparve a livello internazionale come la protettrice dell'Italia. Londra vedeva nel Paese un contrappeso all'egemonia francese sul continente e una possibile rinascita della Germania. Entrambi i paesi hanno coordinato la loro apparizione sulla questione delle riparazioni e sulla Società delle Nazioni . Le ambizioni (inizialmente teoriche) di Mussolini nel Mediterraneo ( Corsica , Tunisia ) erano dirette - come nei Balcani - principalmente contro la Francia, ma non contro la Gran Bretagna, che era pronta a fare concessioni coloniali all'Italia. Nell'estate del 1924 gli inglesi cedettero Jubaland all'Italia e nel febbraio 1926 l' oasi di Jarabub . La visita del ministro degli Esteri britannico Austen Chamberlain , durante la quale la moglie contagiava in modo dimostrativo un distintivo del partito fascista, rafforzò la schiena di Mussolini nel dicembre 1924 durante la crisi Matteotti. Winston Churchill , allora Cancelliere dello Scacchiere , visitò Mussolini nel gennaio 1927 e poi fece commenti estremamente positivi su di lui e sul regime. Negli ambienti conservatori della Gran Bretagna, intorno a Mussolini si sviluppò un vero e proprio culto della personalità nel corso degli anni Venti e primi anni Trenta.

Il 31 agosto 1923, all'ombra della crisi della Ruhr , Mussolini fece bombardare e occupare l'isola greca di Corfù per ottenere soddisfazione per l'omicidio di un generale italiano in territorio greco (vedi crisi di Corfù ). Nel gennaio 1924 la Jugoslavia riconobbe l'annessione di Fiumes all'Italia (vedi Trattato di Roma ). Dal 1925 Mussolini riuscì ad eliminare l'influenza della Jugoslavia in Albania ea legare strettamente il paese all'Italia politicamente ed economicamente (cfr Tiranapakt ). Nel 1926 l'Italia iniziò a fornire sostegno finanziario e materiale ai nazionalisti croati e macedoni per minare lo stato jugoslavo. Anche i separatisti albanesi in Kosovo ricevettero sussidi italiani con l'approvazione di Mussolini.

I risultati della Conferenza di Locarno (ottobre 1925) furono ambigui per l'Italia. Mussolini non aveva potuto far valere nelle trattative preliminari l'auspicata garanzia del confine austro-italiano e dell'indipendenza dell'Austria da parte della Germania e quindi volle per il momento stare lontano dalla conferenza. A sorpresa, però, Chamberlain lo invitò ad agire insieme alla Gran Bretagna come garante del confine franco-tedesco e belga-tedesco. La Gran Bretagna per la prima volta concesse così ufficialmente all'Italia lo status di grande potenza. Mussolini colse l'occasione per fare un'apparizione drammatica; L'ultimo giorno delle trattative arrivò a sorpresa attraverso il Lago Maggiore in un motoscafo e una grossa guardia del corpo , si presentò per pochi minuti durante le trattative e ripartì.

L'apice della dittatura personale dal 1927 al 1934

Messa in scena e realtà del dominio

Lo standard di Mussolini come primo ministro dittatoriale e Duce (1927-1943)

Dopo la caduta di Farinacci, che aveva tollerato una certa quantità di discussioni tra i principali fascisti e non esitò a dipingersi come un "antipapa" purista, il nuovo segretario del partito Augusto Turati , un protetto del fratello di Mussolini Arnaldo , giudicò il partito tra 1926 e 1930 interamente su Mussolini. Turati fece espellere dal partito 50.000 "estremisti" nel 1929, circa 100.000 altri vecchi fascisti si dimisero e furono per lo più sostituiti da successori socialmente conservatori - non di rado notabili di lunga data. Centinaia di migliaia di nuovi membri si unirono al PNF nel 1926/27; Nel 1927, per la prima volta, si contano più di 1 milione di fascisti organizzati. Con l'appoggio di Mussolini, Turati abolì le elezioni interne al partito e fece chiudere quasi tutti i giornali locali del partito. I congressi nazionali del partito - come l'ultimo nel giugno 1925 - non ebbero più luogo. Tali provvedimenti resero inattaccabile la posizione di Mussolini, ma con sorprendente rapidità sottrassero al partito (unico ammesso) ogni sostanza politica e dinamismo: «Un partito inflazionato, accentratore di arrivisti e conformisti, funzionari e direttori di sportelli bancari, i dirigenti installati dall'alto: che era l'opposto dell'ideale di Farinacci 'Pochi, ma buoni'. Un'altra ondata di esclusioni sotto il successore di Turati Giuriati concluse questo processo nel 1930/31.

L'Istituto LUCE ( L'unione cinematografica educativa ) fu fondato dal Ministero della Propaganda già nel 1924 e nazionalizzato nel 1925. Si occupava sistematicamente della mistificazione del Duce nel mezzo cinematografico: Mussolini era allo stesso tempo cliente, oggetto, beneficiario e censore delle produzioni LUCE. L'esagerazione propagandistica di Mussolini - il ducismo o mussolinismo - accompagnò anche la ristrutturazione del partito a partire dal 1926. Arnaldo Mussolini, caporedattore del Popolo d'Italia , e il giornalista e politico fascista Giuseppe Bottai ne diedero il tono. Mussolini ha sempre ragione (Mussolini ha sempre ragione.) Divenuta frase di uso comune, il dittatore stesso divenne ben presto una figura leggendaria con le sue qualità sovrumane - non solo di statista, ma anche di aviatore, schermidore, cavaliere, primo sportivo in Italia - gli italiani si erano già familiarizzati a scuola. Milioni di foto di Mussolini che lo ritraggono in una delle sue pose caratteristiche (spesso a torso nudo mentre nuota o raccoglie) sono state distribuite in Italia, dove già molte persone erano abituate a collezionare immagini di santi. Roma ora ospitato "un papa infallibile e un infallibile Duce ." Il materiale di base per il culto della personalità è stato fornito da due biografie "ufficiali" (da Margherita Sarfatti e Giorgio Pini ), che è apparso nel 1926 e sono stati più volte ristampati. Lo stesso Mussolini integrava di tanto in tanto l'immagine di se stesso disegnata in esso con dettagli lusinghieri volutamente sparsi. Ha fatto circolare giornalisti che lavora 18 o 19 ore al giorno, si accontenta di cinque ore di sonno e conduce una media di 25 riunioni al giorno. Spesso, questi aneddoti si contraddicevano a vicenda perché erano stati adattati ciascuno a un pubblico diverso. La mancanza di cambiamento sociale è stata compensata da questo mito di costruzione del consenso, "e il mito più grande di tutti è stato quello del Duce stesso".

Mussolini ha più volte commentato cinicamente questa messa in scena pubblica che ha infine plasmato l'immagine tradizionale della sua dittatura, che dopo il 1931 nell'era del segretario di partito Achille Starace ha perso definitivamente ogni riferimento alla realtà. La biografia di Sarfatti, da lui personalmente rivista e curata prima della pubblicazione, dimostra che "l'invenzione è più utile della verità"; Le sue (presunte) prime parole al re nell'ottobre 1922 ("Vostra Maestà, vi porto l'Italia di Vittorio Veneto "), citate fino all'eccesso dai propagandisti del regime Numerose sono le testimonianze del suo disprezzo per la gregge"; le masse sono "stupido, sporco, non funzionano abbastanza duro e sono soddisfatti con i loro piccoli film". Nel 1932 la più avanzata autorevoli in questa direzione, l' articolo scritto principalmente da Giovanni Gentile sulla Dottrina del fascismo nel volume quattordicesimo l' Enciclopedia Italiana , per passare per sua opera disegnando per nome. Di fronte a tali e simili contraddizioni, lo storico britannico Denis Mack Smith pone il vero Mussolini accanto all'attore che era principalmente il Duce pubblico :

Non era solo un solitario, ma un misantropo con una visione orribile della natura umana che degradava la carità e l'idealismo. Presupponeva che tutti fossero completamente egoisti e incredibili - un altro punto su cui era d' accordo con Machiavelli , il grande maestro della politica e "forse il più grande di tutti i filosofi italiani", anche se pensava che Machiavelli non andasse lontano con il suo disprezzo per l'umanità abbastanza era andato."

Al centro, tuttavia, la posizione centrale di Mussolini non era una finzione propagandistica. L'intera attività del governo dipese in misura sempre maggiore dalle sue decisioni e dalla sua presenza, al punto che il lavoro dei ministeri non guidati da lui (nel 1929 Mussolini fu per qualche tempo otto volte ministro) si fermò quando lo faceva non era a Roma. A differenza di Hitler , per esempio , Mussolini era in realtà un burocrate disciplinato e mangiatore di file. Di solito sedeva verso le 8 o le 9 dietro la sua scrivania nella sala del mappamondo a Palazzo Venezia (fino al 1929 a Palazzo Chigi ) e vi lavorava da solo per circa 10 ore o riceveva visitatori - il primo quasi quotidiano Capo della Polizia Arturo Bocchini , che alcuni storici ritengono detengano il vero secondo uomo del regime. Mussolini ha potuto affermare con una certa plausibilità, senza dubbio esagerando nei dettagli, di aver evaso personalmente quasi 1,9 milioni di pratiche burocratiche in sette anni. Per dare l'impressione di controllare davvero la vita della nazione, il dittatore ha deciso su innumerevoli dettagli banali, come il numero di bottoni su un'uniforme, un'ambientazione alla scuola di polizia, la potatura di un albero in una certa via di Piacenza, e quel Momento d'orchestra del Lido . Nel processo, poteva - e, a parte le misure di censura e le regole di linguaggio giornalistico da lui imposte, nemmeno tentare - controllare sistematicamente se le sue decisioni fossero state attuate per mancanza di un apparato adeguato. Di norma, un commento lanciato da Mussolini o il suo caratteristico paragrafo "M" segnava la fine dell'attività di governo o l'inizio di una "interpretazione" indeterminata della sua volontà da parte della burocrazia. Mussolini non si è quasi mai occupato dell'attuazione concreta di una decisione nell'azione pratica. La sua tendenza a ricevere ministri, assistenti e funzionari individualmente in quindici minuti di "udienza", generalmente confermando i loro punti di vista e respingendoli senza istruzioni pratiche, ha assicurato che "non c'era attività di governo in molte aree importanti".

Ha svezzato i ministri ei segretari di stato che cambiano frequentemente da ogni senso di responsabilità e di iniziativa; pensava che la maggior parte di loro fosse comunque "depravata fino al midollo".In effetti, Mussolini era uno dei pochissimi leader fascisti che non usavano i loro uffici per arricchirsi illegalmente e promuovere l'avanzamento delle loro famiglie o clienti., sebbene abbia è stato dimostrato che ha promosso funzionari estremamente incompetenti, gerarchi corrotti e cacciatori di posta, ma ha messo da parte intenzionalmente le menti indipendenti e contraddittorie. Questa tendenza prese piede nella prima metà degli anni Trenta, quando i dirigenti dello Stato e del partito furono licenziati o trasferiti in serie. Le "vittime" più importanti furono Balbo (come governatore in Libia), Grandi (come ambasciatore a Londra), Turati (come redattore a Torino) e il vecchio compagno di Mussolini Leandro Arpinati . Il ras di Bologna e stretto collaboratore di Mussolini al Viminale fu licenziato nel 1933 da tutti gli uffici, nel 1934 espulso dal partito e bandito alle Eolie . Inoltre, nel dicembre 1931 , morì improvvisamente il fratello di Mussolini, Arnaldo, unico confidente e consigliere a cui era consentito parlare apertamente con il Duce . Dopo i rimpasto di governo nel 1932 e nel 1933, la maggior parte degli uomini di spicco nei ministeri erano "critici dei media" che o non avevano il proprio giudizio o lo tenevano per sé.

Mussolini andò in ultima istanza sempre preoccupato che lui - decidesse, però, solo in parte - spesso con gesti e interventi spettacolari in altri ambiti di responsabilità ciò che si decideva. Evitava costantemente le discussioni, comprese quelle in piccoli gruppi, di solito accettando ciò che gli veniva presentato o presentato. Nella burocrazia ministeriale e tra gli osservatori informati, acquisì presto la fama di leone di cartone che rappresentò sempre l'opinione della persona con cui aveva parlato l'ultima volta.

Lo stato aziendale

Nel gennaio 1927, la direzione della Confederazione Generale del Lavoro sciolse la federazione sindacale, nonostante le proteste di molti iscritti e funzionari. Da quel momento in poi, l'organizzazione laica cattolica Azione Cattolica fu l'unica organizzazione di massa che non fosse direttamente legata al regime fascista.

La scomparsa dei partiti operai e dei sindacati socialisti - propagandista in particolare che sfruttò la caduta del sindacato dei ferrovieri, che "fu per i fascisti ciò che il sindacato nazionale dei minatori fu poi per Margaret Thatcher " - aprì la strada al movimento fascista tentativo di salariati Registrare la popolazione nelle organizzazioni controllate dallo stato o dallo stato parte. Un primo passo in questa direzione fu l'organizzazione per il tempo libero OND , fondata nella primavera del 1925. L'idea di raggruppare in corporazioni lavoratori, impiegati e imprenditori dei singoli rami dell'economia per rappresentare i loro interessi "comuni" è apparsa prima tra i singoli ideologi nazionalisti e poi con Alceste De Ambris e D'Annunzio a Fiume. Queste società dovrebbero - almeno in teoria - prevenire le controversie di lavoro e quindi massimizzare la produzione economica. Dal 1925, prima con Alfredo Rocco, si parlò di fare delle corporazioni lo strumento centrale del controllo politico, sociale ed economico della società da parte dello Stato. Mussolini accolse l'avanzata di Rocco e la dichiarò - tre anni dopo la marcia su Roma - "programma fondamentale del nostro partito". Dal 1925/26 in poi, lo Stato corporativo diventa la figura propagandistica del regime, prima in Italia e poi soprattutto all'estero.

A quel tempo, però, il partito fascista aveva già fondato i propri sindacati, che, dopo una serie di scioperi simbolici nell'ottobre 1925, erano stati riconosciuti dagli industriali come rappresentanti esclusivi della forza lavoro (e, caratteristicamente, accettati immediatamente che i comitati aziendali eletti sarebbero stati aboliti senza sostituzione). Questo accordo, firmato alla presenza di Mussolini, fu confermato nell'aprile 1926 da una legge redatta da Rocco, che ora vietava espressamente lo sciopero (compresi i sindacati nelle aziende urbane e statali) e prevedeva una procedura arbitrale obbligatoria in tutte le controversie. Mussolini dichiarò finita la lotta di classe, d'ora in poi lo stato imparziale avrebbe regolato l'equilibrio degli interessi. Tuttavia, il regime non è mai stato in grado di prevenire completamente gli scioperi "selvaggi". Alla stampa era proibito riferire su di loro; Lo stesso valeva per i disordini tra i lavoratori agricoli, che erano relativamente comuni, soprattutto nel sud, fino alla prima metà degli anni Trenta.

Poco dopo, nel luglio 1926, fu istituito un ministero delle corporazioni, ma l'istituzione del sistema aziendale si arrestò. Nel 1929 non esisteva una sola società. Sebbene la Carta del Lavoro abbia proclamato il concetto aziendale come la pietra angolare della "rivoluzione fascista" nell'aprile 1927 con enormi spese di propaganda , nell'ambiente del ministero delle corporazioni fiorì solo una burocrazia gonfiata, la cui funzione sociale era la fornitura di posti per il proletariato intellettuale guardato con sospetto da Mussolini; l'idea aziendale stessa divenne rapidamente un "campo di caccia per centinaia di accademici in cerca di lavoro che discutevano senza fine della sua teoria e pratica". gli anni venti e disciplinato da dirigenti nominati dall'alto (mentre l'autonomia interna delle organizzazioni padronali non era stata compromessa dal regime). Nel novembre 1928 Mussolini fece scindere la federazione sindacale, dominio del capo operaio fascista Edmondo Rossoni , in sei associazioni industriali non affiliate . Dopo che Giuseppe Bottai assunse il ministero delle corporazioni nel 1929, nel 1934 furono infine fondate 22 corporazioni (grano, tessile, ecc.), ma i sindacati fascisti controllati in modo affidabile non furono sciolti, né le associazioni dei datori di lavoro. Il Consiglio nazionale delle corporazioni, fondato nel 1930, si è riunito solo cinque volte. Le corporazioni, nelle quali per lo più avvocati, giornalisti e funzionari del partito fascista "rappresentavano" i lavoratori, non si sono mai effettivamente assunta i compiti sovrani assegnati loro dieci anni prima da Rocco e sostanzialmente sono rimaste "poco più che un'idea non realizzata".

La nuova legge elettorale approvata nel 1928 aveva almeno caratteristiche corporative. Per "eleggere" la nuova Camera dei Deputati nel marzo 1929, il Gran Consiglio fascista, che per la prima volta svolse nel dicembre 1928 i compiti sovrani ad essa attribuiti dalla legge, sotto la presidenza di Mussolini, formò un unico elenco di 400 candidati (per 400 seggi), i fascisti Si erano proposti i sindacati, le organizzazioni padronali, i reduci di guerra e altre associazioni. Anche qui era caratteristico che in questo parlamento de facto nominato, si svolgessero 125 rappresentanti dei datori di lavoro, ma solo 89 dei sindacati.

La politica economica e sociale fascista

Anche negli anni precedenti la crisi economica globale, lo stato fascista ha accelerato la sua attività economica. Dal 1925 Giuseppe Volpi persegue una coerente politica deflazionistica, che ha pesato soprattutto sui già nettamente più bassi salari. Nelle trattative riuscì a ottenere una riduzione dei debiti di guerra dell'Italia in Gran Bretagna e negli Stati Uniti e un significativo prestito dalla JP Morgan Bank . Poiché il valore della lira continuava a diminuire, ma il grosso del debito italiano doveva essere rimborsato in valuta estera, Mussolini - che vedeva anche nel cambio una questione di "prestigio nazionale" - decise nell'agosto 1926 di intervenire con pubblicità (Battaglia per la lira). Nel dicembre del 1927 ha ordinato l'introduzione del gold standard e di un tasso di cambio fisso della lira alla libbra (1 libbra = 92.46 lire) e il dollaro . Ha innescato un crollo dei prezzi delle azioni mentre la disoccupazione e il costo della produzione e della vita sono aumentati bruscamente. Dopo che grandi aziende come la Fiat hanno protestato contro questa misura, Mussolini ha concesso agevolazioni fiscali e un'ulteriore riduzione del 10% dei salari all'industria dell'esportazione, ma ha mantenuto la quota novanta per diversi anni .

L'apprezzamento della moneta diede anche il via alla battaglia del grano, che rimase un argomento di propaganda costante fino alla prima metà degli anni '30. In questo contesto il regime pose uno dei suoi più grandi progetti, la bonifica delle Paludi Pontine , iniziata nel 1930. Anche in altre parti del Paese notevoli fondi furono destinati al drenaggio, all'irrigazione, all'imboschimento e ad altre essenziali infrastrutture rurali all'insegna della bonifica integrale , a volte con notevole successo, che Mussolini, che più volte si è fatto vedere in loco, ha saputo usare per se stesso. La produzione di grano aumentò notevolmente almeno fino al 1933, il che alleviò notevolmente la bilancia del commercio estero, ma in termini economici interni si rivelò un gigantesco programma di sussidi per i grandi proprietari terrieri. Il margine di guadagno per il grano garantito dal dazio protettivo e dalla valuta sopravvalutata non è diminuito negli anni della crisi economica mondiale in Italia, nonostante il calo dei consumi. Ciò ha aggravato l'arretrato di modernizzazione dell'agricoltura e ha portato a una monocoltura agricola in molte aree, combinata con un calo del bestiame e la perdita dei mercati di esportazione, ad esempio per l'olio d'oliva, il vino e gli agrumi.

Secondo i dati ufficiali, circa 1,2 milioni di persone erano disoccupate in Italia nel pieno della crisi economica mondiale. Si è rivelata una "fortunata" coincidenza che le importazioni e il consumo fossero già stati massicciamente limitati negli anni precedenti. Mussolini riuscì persino ad aderire al gold standard fino al 1936, per cui la lira si riapprezzò di nuovo di un terzo contro la sterlina, poiché la Gran Bretagna aveva abbandonato il gold standard nel 1931. Il problema principale del regime era il settore bancario privato, praticamente del tutto insolvente, che rischiava di sprofondare nel baratro la Banca d'Italia, già pesantemente coinvolta in esso, e quindi lo Stato. Nel 1931, su suggerimento del ministro delle Finanze Guido Jung , Mussolini fondò l' Istituto Mobiliare Italiano (IMI), che estromise le banche private dai finanziamenti industriali a medio e lungo termine, ma allo stesso tempo acquistò le azioni e i prestiti che erano stati svalutati durante la crisi al loro valore nominale. L' Istituto per la Ricostruzione Industriale (IRI), fondato nel 1933 , rilasciava garanzie statali su prestiti e acquistava aziende in difficoltà del settore manifatturiero. Ben presto deteneva circa il 20% di tutto il capitale azionario italiano, una cifra senza precedenti nell'Europa tra le due guerre. Qui emerse un conglomerato finanziario e industriale controllato dallo stato, per così dire "involontariamente", che sopravvisse al fascismo e fu liquidato solo all'inizio del 21° secolo dopo uno sviluppo movimentato. Allo stesso modo, gli elementi di "stato sociale", introdotti nell'ambito della lotta alla crisi dal 1934 (promozione attiva dell'occupazione statale, aumento delle indennità di disoccupazione, 40 ore settimanali nell'industria, assicurazione sanitaria, ferie retribuite) non erano previsti in il lungo termine.

Tra l'agosto 1933 e l'aprile 1934, la città in provetta di Sabaudia , che oggi conta circa 20.000 abitanti, fu costruita in soli tredici mesi dopo che Benito Mussolini fece bonificare le Paludi Pontine , la palude a sud-est di Roma.

Il sud e la "battaglia contro la mafia"

I fascisti riuscirono a malapena a prendere piede in Sicilia fino al 1922. Nell'isola i grandi proprietari terrieri avevano già un'organizzazione politica, il Partito agrario del Principe Scalea , che seppe contrastare l'ondata di scioperi e occupazioni delle terre iniziata nel 1919, condotta principalmente da contadini e braccianti licenziati. dai militari il necessario grado di brutalità e illegalità. Nel 1922, un liberale siciliano ricevette il Ministero dei Lavori Pubblici nel primo governo di Mussolini e si unì al PNF nel 1923. Nel 1924 anche la direzione del Partito agrario fu assorbita dal partito fascista. All'interno del PNF siciliano, le vecchie élite riuscirono ad affermarsi al più tardi nel 1927 contro i fascisti "importati" dal nord o autoctoni, ma non integrati nelle reti clientelari dell'isola. Ciò ha assicurato che la struttura sociale ed economica della Sicilia non è stata colpita.

Questa fondamentale decisione direzionale, che seguì con ritardo gli sviluppi nel resto del Paese, relativizzò nel lungo periodo le misure fasciste contro la mafia , spesso benevolmente commentate fino ai giorni nostri , in particolare tra il 1924 e il 1929 in l'epoca del "prefetto di ferro" di Mussolini Cesare Mori (1924 prefetto di Trapani , 1925 di Palermo ). Mori, che aveva ottimi rapporti con i latifondisti , si mosse non solo contro gli attuali mafiosi, fino ad allora spesso sostenuti dall'aristocrazia contadina, ma anche contro militanti di sinistra e fascisti radicali come Alfredo Cucco, che tra il 1922 e il 1924 ebbe il proprio con l'appoggio di Farinacci era stata condotta la "Guerra alla mafia", che "per inciso" comprendeva anche gli antifascisti e le reti dell'aristocrazia locale. Nel 1927 lo stesso Cucco fu accusato di essere un mafioso ed eliminato politicamente insieme a tutta l'organizzazione del partito fascista a Palermo. Un totale di circa 11.000 mafiosi effettivi o presunti furono arrestati (ma per lo più rilasciati di nuovo presto) e molti leader emigrarono, principalmente negli Stati Uniti. La campagna fascista contro la mafia rafforzò la supremazia sociale e politica dei grandi latifondisti - per Mori le vere "vittime" della mafia - e creò il clima per la rinascita della criminalità organizzata dopo il 1943, nonostante i successi a breve termine "Nuova ricchezza" incontrati contadini medi che erano una spina nel fianco dei latifondisti. Fu proprio questo gruppo a coltivare l'idea sotto il fascismo "che in questo tipo di società l'unica possibilità risiedeva nell'applicazione spietata della propria volontà e in potenti protettori".

Mussolini sfruttò la "battaglia contro la mafia" a fini di propaganda, ma, contrariamente a una leggenda persistente, non era particolarmente interessato ai problemi della Sicilia o del sud italiano - nel complesso, probabilmente molto meno dei primi ministri prima di lui. Tuttavia, dopo qualche anno si fece dichiarare che il regime fascista aveva risolto la questione meridionale e aveva anche distrutto la mafia. In realtà, nonostante un aumento nominale degli investimenti pubblici e, almeno negli anni '20, un più attento monitoraggio della riscossione e dell'utilizzo dei tributi, poco è stato fatto per lo sviluppo dell'isola. Mentre in Libia, ad esempio, sono stati spesi cospicui fondi per lo sviluppo delle infrastrutture, molti paesi siciliani negli anni Quaranta non erano ancora collegati alla rete ferroviaria e spesso nemmeno alla rete stradale. Quando Mussolini visitò la Sicilia per la prima volta nel giugno 1923, descrisse come un disonore per l'umanità che quindici anni dopo il terremoto di Messina numerosi residenti vegetassero ancora in capanne autocostruite e promisero di rimediare immediatamente alla situazione: Ma il le baraccopoli erano ancora lì vent'anni dopo, e il 'problema sud' era, nonostante le ripetute affermazioni che non esisteva più, non più vicino a una soluzione come Santo Pietro un quartiere della città di Caltagirone ) rimaneva una frazione con appena 100 abitanti. Solo verso la fine degli anni Trenta Mussolini si rivolse pubblicamente ai latifondi come la vera causa del blocco allo sviluppo della Sicilia. Una legge di riforma agraria approvata nel 1940, che in un certo senso rappresentò una svolta strategica nella politica fascista, non fu più attuata a causa dello scoppio della guerra.

Compensazione con la Chiesa

I Trattati Lateranensi , firmati da Mussolini e dal Cardinale Segretario di Stato Pietro Gasparri l'11 febbraio 1929 dopo oltre due anni di trattative segrete di cui erano a conoscenza meno di una dozzina di persone, sono considerati il più grande successo politico di Mussolini. Servivano per chiarire questioni che erano state contese tra lo Stato nazionale italiano e il capo della Chiesa cattolica sin dal Risorgimento e che non erano state risolte da nessuno dei governi liberali. Mussolini era intervenuto personalmente nelle trattative nelle ultime fasi e aveva dovuto superare la resistenza del re, che era stato educato ad essere un avversario della chiesa e inizialmente si rifiutò severamente di permettere al Papa di avere voce in capitolo negli affari interni d'Italia, per non parlare del territorio nel mezzo di Roma cedere. L'annuncio dei risultati della trattativa da parte di Gasparri il 7 febbraio 1929 fece scalpore in tutto il mondo.

L'Italia cedette 44 ettari del suo territorio nazionale al Papa, che tornò così a capo di uno Stato sovrano. Come risarcimento per la perdita dello Stato Pontificio nel 1870, il Vaticano ricevette un pagamento in contanti di 750 milioni di lire e un prestito di un ulteriore miliardo. In cambio, il Papa dichiarò che la questione romana era finalmente e irrevocabilmente risolta. Nel Concordato, lo Stato italiano ha riconosciuto il cattolicesimo come unica religione di Stato e, in questo contesto, un'influenza sostanziale e istituzionalizzata della Chiesa sul matrimonio, la famiglia e la scuola. Con l' Azione Cattolica lo Stato accolse anche l'opera delle organizzazioni giovanili cattoliche, che nel 1930 contavano circa 700.000 iscritti.

I Trattati Lateranensi stabilizzarono straordinariamente il regime fascista, anche se i rapporti tra Chiesa e Stato non si svilupparono armoniosamente fino al 1931. Papa Pio XI Il 14 febbraio 1929, Mussolini chiamò in una frase molto citata l'uomo "che la Provvidenza ci ha mandato", inoltre ordinò a tutti i sacerdoti al termine della messa quotidiana di pregare per il Re e il Duce ("Pro Rege et Duce" ), e lo ricevette personalmente tre anni dopo.

Politica estera

Tensioni con Francia e Jugoslavia

La classificazione della linea di politica estera di Mussolini è ancora controversa. Alcuni dei lavori più recenti fanno una netta distinzione tra le parole e le azioni del dittatore. La vecchia tesi intenzionalista che Mussolini prendesse sul serio le formule propagandistiche del nuovo Impero Romano e che la politica estera italiana con l'obiettivo ultimo del conflitto armato con Francia e Gran Bretagna per il controllo del Mediterraneo fosse orientata ideologicamente dopo 1926, respinto come "quasi assurdo". Il critico più importante degli intenzionalisti è lo storico australiano Richard Bosworth, che classifica obiettivi e mezzi della politica estera di Mussolini in una continuità dei "miti del Risorgimento" e nega che vi sia qualcosa di genuino "fascista" che possa essere distinto dal "tradizionale" che ho dato all'imperialismo. La posizione diametralmente opposta è ampiamente rappresentata dallo storico americano MacGregor Knox, il quale, secondo la sua lettura, fa derivare la politica estera rivoluzionaria del regime interamente dalla volontà del dittatore, il cui programma era stato stabilito in tutti i suoi elementi essenziali già la metà degli anni '20; Knox ipotizza - similmente agli storici italiani più anziani, compreso Gaetano Salvemini - una rottura nella continuità della politica estera. Seguendo l'opera di Renzo De Felice, una scuola di pensiero nazionalista dominante oggi in Italia prende una terza posizione che descrive il politico straniero Mussolini, con un sottofondo non di rado giustificativo, soprattutto come un vero politico.

Nell'aprile 1927 l'Italia firmò un trattato di amicizia con l' Ungheria , il paese più interessato a rivedere il trattato di pace. L'Italia fornì armi all'Ungheria e iniziò ad addestrare ufficiali e piloti ungheresi, nonostante il Trattato di Trianon imponesse all'Ungheria restrizioni sulle armi simili a quelle della Germania. Parigi e Belgrado hanno risposto nel dicembre 1927 con un trattato di assistenza bilaterale. A questo punto, Mussolini aveva già iniziato a promuovere il leader del croato fascista Ustascia movimento, Ante Pavelic . Nei pressi di Parma fu costruito un centro di addestramento mimetizzato, dove i suoi sostenitori ricevettero addestramento politico e militare. I ministeri degli esteri europei seppero presto che Mussolini appoggiava i fascisti croati che compivano attentati in Jugoslavia. Dopo la proclamazione della repubblica in Spagna (aprile 1931), l'Italia sostenne singoli protagonisti della destra antirepubblicana.

Mussolini non era disposto ad accettare che in Francia si fosse costituita una comunità politicamente attiva di emigranti antifascisti; Nel 1929 questa questione portò a due gravi crisi diplomatiche. Per firmare il patto Briand-Kellogg nell'agosto 1928, Mussolini inviò in modo dimostrativo solo l'ambasciatore italiano, mentre gli altri Stati firmatari erano rappresentati dai loro ministri degli esteri. Alla London Fleet Conference del 1930 la Francia rifiutò la parità di flotta richiesta dall'Italia perché non aveva ricevuto alcuna garanzia territoriale ("Locarno mediterraneo"). Né la Gran Bretagna né gli Stati Uniti erano pronti a farlo.

La questione delle minoranze era un'altra fonte di continui intrighi di politica estera. Mussolini era determinato a rimuovere i "resti etnici" in Italia (cfr italianizzazione ) e autorizzò persino misure comparabili nel Dodecaneso , dove il regime fascista introdusse l'italiano come lingua scolastica e bandì tutti i giornali greci. Ciò non gli impedì di lamentarsi a Parigi per il trattamento riservato alla comunità italiana a Tunisi ea Londra per la soppressione della lingua italiana a Malta .

L'aumento di influenza della Germania, che iniziò ad emergere dal 1931, portò temporaneamente a un certo riavvicinamento tra Parigi e Roma. Nel marzo 1931, la Francia emise una dichiarazione congiunta che garantiva all'Italia la parità marittima. Entrambi i paesi hanno preso provvedimenti contro il progetto di unione doganale austro-tedesca , divenuto noto nello stesso mese. Una vera "intesa", che il governo Herriot almeno considerò nel 1932, fu respinta da Mussolini - a differenza del tutto francofobo Grandi, che tuttavia valutava la crescente Germania come la più grande minaccia alla posizione dell'Italia. Nel luglio 1932 Mussolini destituì Grandi e assunse lui stesso il ministero degli Esteri.

Mussolini e l'ascesa del NSDAP

Lo sviluppo della destra antidemocratica in Germania fu seguito da vicino dai fascisti italiani. Oltre alle segnalazioni dell'ambasciata italiana, Mussolini aveva un gran numero di altre ottime fonti di informazione, tra cui spicca Giuseppe Renzetti , fondatore della Camera di Commercio italiana a Berlino e ambasciatore ombra del Duce . Nel corso degli anni venti, Renzetti riesce ad instaurare rapporti personali diretti con i vertici del DNVP , dello Stahlhelm , del NSDAP oltre che con influenti giornalisti conservatori e industriali. Fu ricevuto da Mussolini per un colloquio personale per la prima volta il 16 ottobre 1930 e incaricato di tenersi in contatto con Hitler e Göring per conto di Mussolini . Il 24 aprile 1931 Mussolini ricevette in "udienza" Hermann Göring, il primo leader nazionalsocialista.

I tentativi di contatto tra la dirigenza del NSDAP e Mussolini furono più antichi, ma molto unilaterali fino al successo elettorale del partito nel settembre 1930 . Già nel novembre 1922 Mussolini aveva ricevuto un rapporto dal diplomatico italiano Adolfo Tedaldi, in cui si faceva riferimento a Hitler, il capo dei fascisti in Baviera. Promuove un'alleanza italo-tedesca e riconosce la posizione italiana sulla questione altoatesina . Sembra che Hitler tentò senza successo nel 1922 e nel 1923 di entrare in contatto con Mussolini, che ammirava , attraverso Kurt Lüdecke . Avanzi simili furono respinti da Mussolini nel 1927 e di nuovo nel 1930, sebbene fino ad allora gli fossero state presentate più volte relazioni benevole da parte di italiani che avevano incontrato Hitler. Il biografo mussoliniano Renzo De Felice ritiene tuttavia possibile che il NSDAP abbia ricevuto in questa fase denaro irregolare da un fondo del consolato italiano a Monaco di Baviera.

Come i suoi subordinati fascisti, Mussolini diffidava fondamentalmente di tutti i rappresentanti del nazionalismo revanscista e pan-tedesco a nord delle Alpi. Hitler è apparso con il suo riconoscimento dell'annessione dell'Alto Adige all'Italia, sebbene come un fenomeno quasi unico sulla destra tedesca, ma ne ha preso uno con l'indipendenza dell'Austria - dove Mussolini dal 1927, il movimento della Guardia Interna con denaro e armi, e poiché 1932 la politica del cancelliere Engelbert Dollfuss ha sostenuto - Programma incompatibile della Grande Germania, a cui la rivista di Mussolini Gerarchia ha avvertito nel settembre 1930.

Inoltre, l'aggressivo antisemitismo e il razzismo völkisch dei nazionalsocialisti hanno causato problemi a Mussolini personalmente, anche se questa questione non è mai stata in primo piano nelle sue considerazioni. In un'intervista con il leader dell'Heimwehr Starhemberg , ha ammesso di non essere un "amico speciale degli ebrei", ma che l'antisemitismo nazionalsocialista era "indegno di una nazione europea". Mussolini condivideva le svalutazioni dei non europei e degli slavi comuni all'élite italiana ("La democrazia per gli slavi è come l'alcol per i neri"), ma almeno fino al 1934 respinse pubblicamente anche il razzismo su base biologica. L' ideologia del sangue e della terra e il concetto di nazione come "comunità di discendenza", che era stata proprietà comune nelle ideologie della destra tedesca sin dalla prima guerra mondiale, rimasero estranee a Mussolini per tutta la vita. Il suo razzismo era "volontario" - per Mussolini, l'italiano era quello che poteva attribuire a una certa varietà di civiltà sociale, culturale e politica. Era invece convinto che parti del popolo italiano non facessero (ancora) parte della nazione: i fiorentini erano facinorosi, i napoletani inutili e senza disciplina, ecc. Al contrario, gli ebrei italiani si erano dimostrati cittadini e soldati. Tuttavia Mussolini tollerò una corrente antisemita di fascismo che si era raccolta attorno alla rivista La Vita Italiana e al suo direttore Giovanni Preziosi . Nella primavera del 1933, invitò i fascisti del Popolo d'Italia sul boicottaggio degli ebrei a considerare i nazisti nel contesto e anche a non "moralizzare".

Il 30 gennaio 1933 Hitler inviò a Mussolini un telegramma in cui esprimeva ancora una volta il suo personale apprezzamento per il Duce . Da parte sua, Mussolini cercò fino al 1934 di adottare un atteggiamento paternalistico e di simulazione del clientelismo nei confronti di Hitler. Nella primavera del 1933 gli consigliò per iscritto di rinunciare all'antisemitismo (che aveva sempre «un po' di profumo di medioevo»). Anche il primo incontro dei due dittatori il 14./15. Mussolini mise in scena il giugno 1934 con questo intento. Hitler aveva chiesto un incontro informale e si era recato a Venezia come "uomo privato" come un "idraulico con l'impermeabile" (Mussolini) , ma fu sorpreso da Mussolini con una grande presenza di stampa e un ricevimento pomposo alla fine mal pianificato che tentò per fare un'impressione infruttuosa. Entrambi conversarono da soli più volte in tedesco, cosa di cui Mussolini fu certamente sopraffatto. Già in questo primo incontro Hitler irritò Mussolini con interminabili monologhi; Tuttavia, Mussolini era apparentemente convinto di aver convinto Hitler a non sperare in un "Anschluss" con l'Austria, mentre Hitler lasciò l'Italia con l'impressione che Mussolini non avesse obiezioni a un governo austriaco guidato dal NSDAP.

Diplomaticamente, Mussolini cercò dapprima di tenere sotto controllo il revisionismo tedesco con un patto a quattro poteri che aveva proposto nell'ottobre 1932. Rappresentanti di Francia, Germania, Gran Bretagna e Italia lo firmarono a Roma nel luglio 1933. Tuttavia, quando la Germania lasciò la Società delle Nazioni, il trattato divenne irrilevante e quindi non fu mai ratificato. Nello stesso tempo Mussolini cercò di consolidare la posizione italiana attraverso una serie di manovre diplomatiche, tutte essenzialmente dirette contro la Germania; Appartengono a questa serie il trattato di amicizia e di non aggressione con l' Unione Sovietica (2 settembre 1933) e gli accordi con l'Ungheria e l'Austria del marzo 1934 (cfr. Protocolli Romani ). I piani frettolosamente elaborati per un sistema di patti controllato dall'Italia nell'Europa sud-orientale, che includesse anche Jugoslavia, Bulgaria, Grecia e Turchia oltre all'Ungheria, fallirono a causa della resistenza francese, delle scarsissime relazioni italo-jugoslave e italo-greche e Il rifiuto dell'Ungheria di accettare i suoi atteggiamenti anti-jugoslavi moderati.

Politica coloniale

Durante la prima guerra mondiale, l'accesso dell'Italia ai suoi possedimenti coloniali fu notevolmente allentato. In Tripolitania e Cirenaica (entrambe le aree furono unite amministrativamente come Libia italiana nel 1934 ) controllava solo le città più grandi sulla costa nel 1919. Quando Mussolini divenne Presidente del Consiglio, l'amministrazione coloniale aveva già avviato la cosiddetta riconquista dell'entroterra. La pianificazione per questo è stata in gran parte guidata da Giuseppe Volpi (dal 1921 al 1925 governatore della Tripolitania) e Giovanni Amendola (ministro coloniale tra febbraio e ottobre 1922 e "martire" dell'antifascismo liberale pochi anni dopo). Mentre la "pacificazione" della Tripolitania fu completata in tempi relativamente brevi sotto la direzione militare di Rodolfo Graziani , si trascinò in Cirenaica fino al 1932/33. Qui, un terzo della popolazione è caduto vittima di una politica che lo storico italiano Angelo Del Boca ha attestato come "la natura e la portata di un vero e proprio genocidio". Al fine di garantire il terreno fertile per l'uso agricolo da parte dei coloni italiani e per creare una riserva di manodopera a basso costo e permanentemente disponibile, l'esercito italiano (che si basava in gran parte sui mercenari dell'Africa orientale) distrusse sistematicamente la società dei pastori semi-nomadi del Gebel el dal 1930 -Achdar . Il bestiame fu quasi completamente distrutto, circa 100.000 persone furono detenute nei campi di concentramento sulla costa, dove metà di loro morirono - principalmente per fame - quando i campi furono chiusi nel 1933. Le armi chimiche sono state ripetutamente utilizzate negli attacchi aerei , anche se l'Italia è stata firmataria del Protocollo di Ginevra nel giugno 1925 .

Mussolini ha giocato un ruolo piuttosto ambiguo in questo contesto. Era sempre pronto ad autorizzare i provvedimenti più brutali o ad approvarli retroattivamente, ma non prese mai l'iniziativa, che apparteneva chiaramente a Badoglio (dal 1929 governatore della Tripolitania e della Cirenaica), Graziani e altri. Gli espropri di terreni su larga scala e senza compensazione, il rigoroso sistema fiscale e la separazione sociale e spaziale dei residenti europei, ebrei e arabi sono stati in gran parte progettati da Volpi. Mussolini ammetteva critici della "pacificazione" come De Bono (che diresse il Ministero delle Colonie dal 1929 al 1935) e Roberto Cantalupo , entrambi basati su un'alleanza con il nazionalismo arabo diretto contro la Gran Bretagna e la Francia. La loro posizione sembra essere stata in linea con le sue intenzioni. Quando Mussolini visitò per la prima volta la colonia nordafricana nell'aprile 1926, si presentò come un difensore dell'Islam. Nel 1929 ordinò a Badoglio di negoziare un armistizio (di breve durata) con il capo dei ribelli Umar al-Muchtar . Gli piacque anche nella posa di un benevolo protettore alla sua seconda visita nel marzo 1937, quando ricevette la spada dell'Islam dai dignitari locali di Tripoli . Sebbene l'"impero" sia diventato un elemento centrale della propaganda fascista nel corso degli anni Trenta, Mussolini sembra non aver avuto un'idea chiara dei benefici politici, militari o economici che si potevano trarre dalle colonie. La ricerca recente ha indicato che la conquista dell'Etiopia si è svolta senza Mussolini "anche la più pallida idea era quello che doveva essere fatto con questo grande aumento in territorio e la gente". Dopo ha sostituito nel 1937 Graziani a dicembre e il Duca d'Aosta per aver nominato Viceré d'Etiopia, lasciò a se stessa l'amministrazione coloniale, frantumata dalla corruzione e dalle lotte di cricca, anche la Libia era un affare perdente (nonostante chiare indicazioni della loro esistenza, le grandi riserve di petrolio furono "ostinatamente" ignorate dall'amministrazione coloniale fino al fine), e solo nella seconda metà degli anni Trenta fu accolto un numero significativo di emigrati italiani, una delle funzioni più importanti delle colonie secondo l'interpretazione fascista.

I dettagli della "pacificazione" in Libia (e dopo il 1936 in Etiopia) rimasero a lungo sconosciuti in Italia. È solo negli ultimi decenni che il lavoro degli storici Giorgio Rochat e Angelo Del Boca li ha messi maggiormente a fuoco. Trattare con questo passato è particolarmente incline al conflitto perché è più parte di una storia coloniale "nazionale" che "fascista". Già nel 1914/15, circa 10.000 libici erano morti nella repressione di una rivolta. Subito dopo il loro arrivo, il potere coloniale intraprese un'azione sistematica contro gli allevatori di bestiame della Cirenaica , e gli intellettuali nazionalisti già pensavano apertamente ai vantaggi dello sfollamento o dello sterminio della popolazione autoctona prima della prima guerra mondiale. Il Ministero della Difesa italiano ha approvato ufficialmente l'uso di armi chimiche nelle colonie solo a metà degli anni '90.

Guerra e corso di espansione 1935-1939

Giustificazione dell'Impero

La visita di Hitler a Venezia fu seguita da un drammatico deterioramento delle relazioni italo-tedesche. Durante il putsch di luglio del 25 luglio 1934, un tentativo di colpo di stato dei nazisti austriaci, il protetto di Mussolini fu ucciso dal cancelliere Engelbert Dollfuss . La sua famiglia era in vacanza con i Mussolini a Riccione , e Mussolini portò personalmente la notizia della morte del marito alla moglie di Dollfuss. Il 21 agosto Mussolini incontrò il successore di Dollfuss, Kurt Schuschnigg . Dispiegò quattro divisioni completamente mobilitate sul Brennero e avviò una campagna di stampa anti-tedesca che durò fino al 1935.

Mussolini ora ha anche lanciato attacchi violenti in pubblico contro l'ideologia nazista. Il 6 settembre 1934, a Bari , prese posizione sulla politica estera espansiva tedesca e dichiarò che la dottrina razziale nazionalsocialista d'Oltralpe proveniva dai discendenti di un popolo che «al tempo in cui Roma ebbe Cesare , Virgilio e Augusto , non aveva scritture: «Nel contempo, nelle zone di influenza che rivendicava, soprattutto in questa fase, si affidava a mezzi di destabilizzazione violenta. Il 9 ottobre 1934, in un campo dell'ucciso ustascia addestrato in Italia attentatore suicida Vlado Chernozemski il re jugoslavo Alessandro I e il ministro degli Esteri francese Louis Barthou a Marsiglia . L'estradizione di Paveli e di altri fascisti croati, richiesta poi dalla Francia, fu respinta da Mussolini. Nello stesso anno conferì con ufficiali e monarchici spagnoli e promise loro armi e denaro, dopo aver già sostenuto in modo simile il fallito colpo di stato del generale José Sanjurjo nell'agosto 1932.

La "crisi Anschluss" del 1934 portò inizialmente a un ulteriore avvicinamento tra Italia, Francia e Gran Bretagna. Nell'ottobre 1934 Robert Vansittart , il più alto funzionario del Ministero degli Esteri britannico, si recò a Roma e assicurò a Mussolini che la Gran Bretagna avrebbe sostenuto la questione austriaca. Nel gennaio 1935 Mussolini e il nuovo ministro degli Esteri francese Pierre Laval firmarono una serie di accordi (il cosiddetto Patto Laval-Mussolini ), che prevedevano consultazioni su tutte le questioni che interessavano l'Austria e la Germania nonché l'inclusione di assemblee generali del personale. La Francia ha anche ceduto 110.000 chilometri quadrati dell'Africa equatoriale francese e 20.000 chilometri quadrati del Somaliland francese all'Italia, che a sua volta ha rinunciato alle pretese in Tunisia che erano state avanzate dal XIX secolo. Laval ha anche affermato - ma solo ufficiosamente - che la Francia, che controllava la linea ferroviaria da Gibuti ad Addis Abeba , si stava ritirando da tutte le ulteriori rivendicazioni in Etiopia (désistement) .

Il 30 dicembre 1934 Mussolini aveva incaricato lo stato maggiore italiano di prepararsi alla guerra contro l'Etiopia; Il motivo è stato un grave incidente di frontiera in cui due italiani (e circa 100 etiopi) sono stati uccisi il 5 dicembre. Mussolini vedeva nell'Etiopia, che aveva respinto un attacco italiano nel 1896 e dal 1923 era membro della Società delle Nazioni , il "prezzo" che l'Italia poteva chiedere per la sua politica "costruttiva" in Europa. Quando incontrò Laval, Flandin , Simon e MacDonald a Stresa nell'aprile 1935 e firmò una dichiarazione in cui le tre potenze sottolineavano la loro determinazione a difendere i confini dell'Europa centrale creati dai trattati di pace (vedi Dichiarazione di Stresa ), si sforzò di conoscere la posizione britannica su questo argomento. Ha interpretato l'indifferenza britannica come consenso. Il modo di pensare e la tattica di Mussolini erano tutt'altro che innovativi o genuinamente fascisti, ma seguivano un modello di politica estera italiana che si era affermato nel XIX secolo. Più di recente, 25 anni prima, il presidente del Consiglio liberale Giovanni Giolitti aveva utilizzato la situazione favorevole creata dalle tensioni tra le potenze europee più forti per fare la guerra alla Turchia . A ben vedere, "la guerra italiana del 1935/36 ha molto in comune con la guerra italiana del 1911/12".

Stresa ha aperto la strada a una catastrofe diplomatica, poiché Mussolini non era interessato o disposto a compensare l'Italia per la difesa dell'indipendenza coloniale dell'Austria per l'influenza delle forze politiche in Gran Bretagna che volevano giungere a un lungo termine intesa con la Germania, Completamente sottovalutata. Mussolini inoltre non tenne conto del gruppo di Anthony Eden , che continuò a fare affidamento sui meccanismi della Società delle Nazioni in Europa e nel 1935 ebbe dalla sua l'opinione pubblica in Gran Bretagna. Politici come Churchill, Vansittart e Austen Chamberlain, che erano abbastanza pronti a dare all'Italia mano libera nell'Africa orientale, avevano perso tutta o parte della loro influenza nel 1935. Ciò divenne evidente con l' accordo navale tedesco-britannico , che di fatto invalidò la Dichiarazione di Stresa dopo soli due mesi (giugno 1935). Il fatto che gli inglesi abbiano trasferito parte della Home Fleet nel Mediterraneo poco dopo fu uno shock per Mussolini. Per il suo "realistica" la comprensione del mondo, le improvvise "sermoni anti-coloniali da parte di persone che hanno controllato anche la metà dell'Africa e non avevano certamente acquisito pacificamente." Non erano comprensibili Ha lasciato nonostante le preoccupazioni suo esercito fino il rally in corso in Eritrea e Il Somaliland italiano continua e rifiuta le proposte di mediazione lanciate attraverso vari canali. Una conversazione tesa con Eden a giugno si è conclusa senza risultati. Mussolini, che aveva chiesto la cessione di tutti i territori etiopi al di fuori del cuore amarico e un protettorato italiano sul resto, interruppe con rabbia l'incontro quando Eden gli offrì "un altro deserto", l' Ogaden .

Il 3 ottobre 1935, le truppe italiane attraversarono il confine etiope dall'Eritrea (vedi Guerra italo-etiopica ). Sei giorni dopo la Società delle Nazioni (contro il voto dell'Italia e l'astensione di Austria, Ungheria e Albania) dichiarò formalmente l'Italia aggressore ea metà novembre entrarono in vigore le sanzioni economiche. Oltre alle restrizioni finanziarie, la Società delle Nazioni ha bloccato un certo numero di merci dal commercio con l'Italia. Tuttavia, l'embargo petrolifero, che tutti gli osservatori consideravano potenzialmente drastico, non si è concretizzato. Una proposta di mediazione franco-britannica (vedi Patto Hoare-Laval ), che era molto accomodante nei confronti dell'Italia e sarebbe stata probabilmente accettata da Mussolini, trapelò presto alla stampa e fu respinta dal parlamento britannico nel dicembre 1935. Mussolini, che aveva sostituito l'incompetente De Bono con Badoglio dopo i primi rovesci di novembre, ordinò ora l'avanzata su Addis Abeba e il trasferimento di ulteriori forze e risorse in Africa orientale. Quando l'offensiva iniziò il 20 gennaio 1936, furono schierati tra 350.000 e 400.000 uomini con 30.000 veicoli e 250 aerei: il più grande esercito mai assemblato in una guerra coloniale. Su iniziativa di Badoglio - e su autorizzazione di Mussolini - l'esercito italiano ora usava anche gas velenosi. Aircraft caduto circa 250 tonnellate di gas mostarda bombe dalla fine della guerra . Il 5 maggio 1936 le truppe italiane entrarono ad Addis Abeba.

Mussolini annunciò il 9 maggio 1936 a Roma davanti a una folla entusiasta l'annessione dell'Etiopia e il ritorno dell'impero sui santi colli di Roma.Vittorio Emanuele III. assunse il titolo di imperatore d'Etiopia. Anche se la qualificazione affermativa della guerra d'Etiopia da parte di Renzo De Felice come un "capolavoro politico" di Mussolini e la relativa tesi di un "consenso" tra il "popolo italiano" e il regime è molto controversa, non c'è dubbio che il regime raggiunge l'apice della stabilità interna nel 1935 e nel 1936; l'antifascismo attivo e consapevole in Italia si limitò in questa fase a pochi circoli isolati. Nel luglio 1936, la Società delle Nazioni ha revocato le sanzioni economiche. Nei paesi esteri occidentali, invece, la guerra capovolse completamente l'immagine del fascismo italiano. Ha posto fine alla "storia d'amore tra i giornalisti stranieri e Mussolini" e ha dato al dittatore italiano un'immagine a lungo termine di "gangster" e "teppista con la barba lunga", soprattutto nella stampa conservatrice britannica, che fino a quel momento era stata piuttosto simpatica a lui.

Alleanza con la Germania

Dall'"asse" alla "connessione"

Mussolini fece i primi passi per migliorare le relazioni italo-tedesche prima dello scoppio della guerra in Etiopia. Pochi mesi dopo, il 6 gennaio 1936, dopo il fallimento del Patto Hoare-Laval e il crollo del " Fronte di Stresa ", Mussolini informò il sorpreso ambasciatore tedesco Ulrich von Hassell che l'Italia non aveva nulla contro l'espansione dell'influenza tedesca che l'Austria intraprenderà fintanto che il paese rimane formalmente indipendente (vedi Accordo di luglio ). In febbraio indicò - anche a von Hassell - che l'Italia avrebbe tollerato una remilitarizzazione della Renania e quindi si dimise informalmente dagli impegni presi a Locarno nel 1925. Nel giugno 1936 Mussolini destituì Fulvio Suvich , un triestino tedescofobo , che fino a quel momento era stato a capo della Farnesina come Segretario di Stato. Il 33enne genero di Mussolini Galeazzo Ciano , che all'epoca era uno degli entusiasti sostenitori del riavvicinamento con la Germania, divenne ministro degli Esteri .

La guerra civile in Spagna ha accelerato l'ulteriore approfondimento delle relazioni. Hitler e Mussolini inizialmente decisero indipendentemente l'uno dall'altro di intervenire in Spagna a favore dei golpisti (vedi Corpo Truppe Volontarie ) - ma Mussolini esitò a lungo solo il 27 luglio 1936, dopo che divenne chiaro che il governo conservatore della Gran Bretagna non ha sostenuto la repubblica e il governo del Fronte Popolare francese sotto Léon Blum aveva ritirato il suo sostegno iniziale dopo la consultazione con la Gran Bretagna. Ciano si recò a Berchtesgaden nell'ottobre 1936 e, dopo colloqui con Hitler, firmò un accordo il 25 ottobre. La Germania riconobbe l'annessione italiana dell'Etiopia e accettò di delimitare le sfere di influenza economica nell'Europa sud-orientale. Entrambi i paesi hanno deciso di coordinare le loro misure di aiuto per Franco e di agire insieme nel cosiddetto comitato di non interferenza . Hitler dichiarò verbalmente che il Mediterraneo era un "Mare italiano" e in cambio rivendicò la libertà di azione nella regione del Mar Baltico e nell'Europa orientale. Mussolini rese pubblico il livello dei rapporti italo-tedeschi così raggiunto il 1° novembre 1936 in un discorso in piazza del Duomo a Milano. In essa si parlava per la prima volta di un " asse Roma-Berlino " politico .

Sebbene avesse accettato l'invito di Hitler a visitare la Germania, che Hans Frank Mussolini aveva già presentato nel settembre 1936, esitò a fissare un appuntamento. Neanche l'Italia inizialmente ha aderito al Patto Anti-Comintern . Un gentlemen's agreement italo-britannico , con il quale i due paesi riconobbero lo status quo territoriale nel Mediterraneo nel gennaio 1937, indicava che Mussolini continuava a speculare su un compromesso con gli inglesi - ma fu "presto dimenticato" poiché il rapporto tra i due divennero così diversi poteri che si deterioravano continuamente. Alla fine di agosto 1937, un sottomarino italiano attaccò il cacciatorpediniere britannico Havock al largo delle coste spagnole . Gli inglesi inoltre non nascosero il fatto che l'Italia iniziò nel 1936/37 a sostenere i nazionalisti anticoloniali finanziariamente, politicamente e materialmente in varie parti del dominio britannico, tra cui Malta, Egitto, Palestina e Iraq.

Nel giugno 1937, Mussolini accettò finalmente di visitare la Germania a settembre. La visita in Germania (25-29 settembre 1937) fu il primo viaggio all'estero di Mussolini dal 1925 e l'unica visita ufficiale di Stato che abbia mai fatto. Mussolini visitò Monaco di Baviera, la chiesa della guarnigione e il palazzo Sanssouci a Potsdam, gli stabilimenti Krupp a Essen e una manovra della Wehrmacht nel Meclemburgo. Il clou è stato un discorso a (presumibilmente) 800.000 persone al Maifeld di Berlino il 28 settembre. Mussolini fu estremamente colpito da ciò che vide in Germania. Nel novembre 1937 l'Italia aderì al Patto anticomintern e poco dopo lasciò la Società delle Nazioni. In un'intervista a Joachim von Ribbentrop , Mussolini descrisse l'" annessione dell'Austria " all'impero come inevitabile. Quando ciò avvenne nel marzo 1938, l'Italia non reagì.

Accordo di Monaco e "Patto d'acciaio"

Mussolini ora faceva i conti con un imminente confronto tra la Germania e la Cecoslovacchia, alleata con la Francia e l'Unione Sovietica . Rifiutò quindi l'alleanza militare di cui Hitler aveva discusso durante la sua visita di ritorno a Roma nel maggio 1938, tanto più che la Gran Bretagna aveva riconosciuto formalmente l'annessione italiana dell'Etiopia il 16 aprile 1938. Durante la crisi dei Sudeti , Mussolini è rimasto in secondo piano fino alla fine, ma poi ha giocato improvvisamente un ruolo importante. Il 28 settembre 1938, il primo ministro britannico Neville Chamberlain presentò a Hitler la sua proposta per una conferenza delle quattro maggiori potenze europee su Mussolini. Quando quest'ultimo ebbe acconsentito, l'ambasciatore italiano telefonò alle richieste tedesche che Gòring gli aveva trasmesso da Berlino a Roma. Mussolini portò quindi con sé questo documento a Monaco di Baviera e lo presentò lì come una proposta di compromesso italiana, che fu infine accettata dalla conferenza nelle prime ore del mattino del 30 settembre (vedi Accordo di Monaco ). Poiché la stampa italiana ha debitamente sottolineato il ruolo "decisivo" di Mussolini a Monaco, al suo ritorno è stato celebrato da migliaia di persone come il "salvatore d'Europa" in quasi tutte le stazioni ferroviarie.

Dopo Monaco, Mussolini era più determinato che mai a sfruttare la crisi europea che la Germania aveva innescato a favore dell'Italia. Adesso faceva rendere pubbliche anche le massime richieste italiane. Quando Ciano parlò alla Camera dei Deputati il 30 novembre 1938, alla presenza dell'ambasciatore francese, delle rivendicazioni naturali del popolo italiano, improvvisamente numerosi parlamentari balzarono al comando e gridarono Bello! Corsica! Savoia! tunisino! Gibuti! Malta!". Davanti al Gran Consiglio, Mussolini estese quel catalogo all'Albania ea parte della Svizzera quel giorno. Davanti allo stesso corpo il 4 febbraio 1939 definì l'Italia "prigioniera del Mediterraneo":

Le sbarre di questa prigione sono la Corsica, la Tunisia, Malta e Cipro. Le guardie della prigione sono Gibilterra e Suez. La Corsica è una pistola puntata al cuore dell'Italia, la Tunisia una pistola puntata sulla Sicilia, mentre Malta e Cipro rappresentano una minaccia per tutte le nostre posizioni nel Mediterraneo orientale e occidentale".

Un programma così ampio poteva essere realizzato solo attraverso la guerra o attraverso una massiccia pressione diplomatica - e in entrambi i casi non senza il peso della Germania. Incoraggiato in parte dalla leadership militare italiana, Mussolini stabilì una rotta per l'alleanza militare che era stata respinta l'anno precedente, sebbene l' occupazione della Boemia e della Moravia da parte della Germania nel marzo avesse causato notevole irritazione a Roma. Nella riunione del Gran Consiglio del 21 marzo 1939, nella quale Balbo in particolare attaccò la politica estera italiana, Mussolini dipinse apertamente l'Italia come il partner minore della Germania: la Germania era demograficamente superiore all'Italia per un rapporto di 2: 1 e industrialmente per un rapporto di 12: 1. In un'intervista con Ciano, ha minimizzato il rischio di essere trascinato in una guerra europea dall'apparentemente imprevedibile Hitler contro la sua stessa volontà. L'Albania, di fatto protettorato italiano da più di dieci anni, fu occupata dalle truppe italiane il 7 aprile 1939 .

All'inizio di maggio 1939, dopo la rinnovata visita di Ribbentrop, Mussolini accettò finalmente l'alleanza militare italo-tedesca. Ciano e Ribbentrop firmarono questo cosiddetto " patto d'acciaio " ( Patto d'Acciaio , parola creata da Mussolini) il 22 maggio 1939 a Berlino, alla presenza di Hitler. Nel preambolo, l'Italia ha finalmente ricevuto il riconoscimento vincolante del confine italo-tedesco, che Hitler aveva finora espresso solo oralmente. Al suo centro, il trattato era un'alleanza militare offensiva; prevedeva un obbligo quasi automatico di prestare assistenza in tutti i conflitti militari - comprese le inequivocabili guerre di aggressione - in cui una delle parti sarebbe stata coinvolta, limitata solo da una vaga disposizione su tempestive consultazioni. La necessaria fase di pace di tre anni, di cui Ciano accennò nei negoziati preliminari su richiesta di Mussolini, fu promessa verbalmente da Ribbentrop, ma non figurava nel testo del trattato redatto dai diplomatici tedeschi. È controverso se la squadra italiana sia stata chiara sulle conseguenze del contratto o su una "incapacità mozzafiato" che Ciano abbia giocato nelle carte per i tedeschi. Mussolini sottolineò nuovamente la riserva in una nota che fece consegnare a Hitler da Ugo Cavallero il 30 maggio .

Espansione dello stato totalitario

A partire dal 1936 circa il regime attraversò un'autoproclamata nuova fase della "rivoluzione" fascista. Il dibattito se questo sviluppo sia stato un'autentica radicalizzazione e il successivo emergere di uno Stato partitico totalitario - tesi rappresentata principalmente dall'allievo di De Felice Emilio Gentile - o se sia rimasto con il tentativo di Mussolini, per farlo sembrare se il fascismo sta attraversando una nuova e ultra-radicale fase non è finita.

Nell'era del segretario del partito Achille Starace (1931-1939), lo stile politico del partito fascista cambiò notevolmente. Dopo le esclusioni di massa dei radicali operate da Turati e Giuriati e il parallelo afflusso di élite funzionali conservatrici, il partito si aprì alle masse dopo il 1932. Nel 1939 si dice che metà della popolazione italiana appartenesse al partito o (più spesso) a una delle sue numerose organizzazioni di grembiule, sussidiarie e di aiuto. Questo sviluppo è stato incoraggiato con discrezione, ad esempio dal fatto che l'appartenenza al PNF era stata data per scontata quando si richiedevano posti nella pubblica amministrazione al più tardi dal 1937. Nel 1939 l'adesione all'organizzazione giovanile fascista divenne obbligatoria per gli adolescenti italiani. Con regolari cortei ed eventi di ogni genere, ai quali era riservato il sabato fascista (sabato fascista) introdotto nel 1935/36 , la festa ora occupava lo spazio pubblico molto più di prima. Una serie di campagne volte a militarizzare la vita sociale e rendere più duri gli italiani. In particolare si è fatta conoscere la campagna contro la forma di cortesia borghese Lei , che dovrebbe essere sostituita dal voi popolare nei rapporti personali . Una campagna contro gli anglicismi sedeva per l'ormai diventato uno sport nazionale del calcio - i fascisti e in particolare Mussolini fino alla prima metà degli anni '30 in gran parte ignorati e persino alcuni con gli sport competitivi appositamente inventati Volata aveva combattuto - infine il nome calcio attraverso, facendo per inciso, era implicito che il gioco fosse stato inventato nella Firenze del XVI secolo. Politicamente, queste misure furono per lo più coordinate dal partito e da Starace (dal 1937 il segretario del partito aveva rango ministeriale), ma tecnicamente furono sempre più gestite dall'apparato del Ministero della Cultura Popolare creato nel 1937 . Mussolini ha guidato questo sviluppo di una "cultura fascista" con un gran numero di discorsi in cui ha sottolineato il carattere totalitario e rivoluzionario di una "terza ondata" di fascismo.

I cambiamenti formali nella struttura della governance sono stati paralleli. A volte il titolo di Primo maresciallo dell'Impero (Primo maresciallo dell'Impero) , che Mussolini aveva trasferito nell'aprile 1938, viene interpretato come un tentativo di relativizzare la posizione del monarca. Nel dicembre 1938 la Camera dei Deputati uscita dalle elezioni farsa del 1934 fu sciolta e nel marzo 1939 fu completamente abolita. Al suo posto fu nominata una Camera dei Fasci e delle Corporazioni . Tuttavia, il Senato, il tradizionale forum dell'élite conservatrice, non è stato colpito - secondo Mussolini, "il Senato era romano, ma la Camera era anglosassone".

Mussolini reagì in maniera sempre più "eccessivamente sensibile" a tutte le manifestazioni di dissidenza antifascista. Quando, dopo l'umiliazione nella battaglia di Guadalajara nella primavera del 1937 , apparve sulle case in Italia lo slogan "Oggi in Spagna e domani in Italia!", che era emerso tra i volontari italiani delle Brigate Internazionali , chiese a Franco di aver catturato Italiani "rossi" sparati. Ciano e i servizi segreti italiani erano evidentemente dietro l'assassinio dei fratelli Rosselli da parte dei fascisti francesi (9 giugno 1937), e il consenso di Mussolini è considerato certo.

Il "fiore all'occhiello" del nuovo radicalismo fu la svolta razzista del fascismo iniziata nell'estate del 1938. Il 14 luglio 1938 - come colpo simbolico contro gli ideali dell'Illuminismo, a quanto pare deliberatamente in occasione dell'anniversario della presa della Bastiglia - apparve sul Giornale d'Italia un Manifesto della Razza , che Mussolini fece chiamare razzista da dieci scrivono gli scienziati. Il testo proclamava sotto forma di decalogo l'esistenza di una razza italiana omogenea di origine ariana. Ebrei, "orientali" e africani sono estranei a questa razza. Questo prologo fu seguito da un'intera serie di leggi razziste e antisemite apertamente discriminatorie nel 1939. Il 3 agosto 1938 i figli di ebrei stranieri furono inizialmente esclusi dalla scuola, seguito a settembre da un decreto che tentava di definire chi doveva essere inteso come ebreo. Il 17 novembre 1938 un vasto decreto vietava il matrimonio degli italiani ariani con membri di altre razze e regolava in dettaglio l'esclusione degli ebrei dalla vita militare, scolastica, amministrativa, economica (restrizione alle piccole imprese e all'agricoltura) e il partito fascista. Inoltre, tutti gli ebrei che non erano cittadini italiani (o che avevano ottenuto la cittadinanza dopo il 1919) furono espulsi dall'Italia.

Sebbene ci fossero razzisti e antisemiti tra i suoi sostenitori, il fascismo italiano non aveva rappresentato fino a quel momento un razzismo programmaticamente vincolante. Il vecchio razzismo antislavo aveva giocato un ruolo costitutivo nella disputa con la minoranza slovena nel nord-est, ma l'antisemitismo politico - a parte la destra cattolica - non aveva una tradizione consolidata in Italia. Il paese, in cui vivevano meno di 50.000 ebrei nel 1938, aveva persino accolto 3.000 ebrei fuggiti dalla Germania dopo il 1933. Inoltre, gli ebrei italiani erano prevalentemente socialmente affermati, "patriottici" e conservatori. Non pochi avevano visibilmente partecipato all'ascesa del movimento fascista su scala locale e nazionale, il numero di membri ebrei del PNF era sproporzionatamente alto (negli anni '30 circa il 25% degli ebrei italiani adulti rispetto a circa il 10% dei popolazione adulta totale).

In questo contesto, la svolta antisemita , avviata quasi da solo da Mussolini , incontrò incomprensioni e resistenze anche nel Gran Consiglio fascista, dove il 6 ottobre 1938 si verificò una delle rarissime aspre contese alla presenza del Duce . Questo conflitto spiega in parte il gran numero di esenzioni (che alla fine si applicava a oltre il 20% degli ebrei italiani) e l'opportunità utilizzata da circa 5.000 persone nel solo autunno 1938 per eludere la discriminazione convertendosi al cattolicesimo. Non ci sono stati attacchi fisici agli ebrei e la pratica della religione non è stata ostacolata nemmeno dopo il 1938. La popolazione ha in gran parte respinto queste leggi; le autorità locali a volte non le attuavano affatto o solo con una finzione - anche su questo tema "l''Italia vera' non sempre ha seguito la linea ufficiale dell''Italia legale'". Su questo punto Mussolini ritenne necessario dimostrare di tanto in tanto la sua "credibilità" in privato. In una conversazione con l'antropologo Guido Landra nel luglio 1938, sottolineò le origini nordiche della sua famiglia. Il diario della sua amante Clara Petacci registra fallimenti antisemiti e fantasie di pulizia razzista, ad esempio sullo "sterminio" di italiani "razzialmente degenerati", in cui Mussolini vedeva i discendenti di schiavi romani e liberti. Nella letteratura più recente, tuttavia, la legislazione razzista non è attribuita alle fissazioni ideologiche estremamente flessibili di Mussolini. Il razzismo ostentato era in definitiva altrettanto opportunista, incoerente e vuoto come altri elementi esposti della dittatura. Le leggi razziali italiane sono anche un tentativo di assicurare l'alleanza con la Germania nazista armonizzando internamente. La convinzione di Mussolini che un grande impero coloniale potesse essere governato solo da persone convinte di appartenere a una "razza superiore" giocò un ruolo importante anche dopo la costituzione dell'Impero .

La svolta aperta al razzismo raffreddò nuovamente i rapporti del regime con la Chiesa cattolica dopo il punto più basso del 1931 (cfr Non abbiamo bisogno ). La conquista dell'Etiopia, e ancor più l'intervento in Spagna, avevano riscosso il plauso del clero e avevano portato a una grande vicinanza pubblica tra Chiesa e Stato. La dottrina scientifica della razza, però, così come propagata dalla rivista semiufficiale La difesa della razza lanciata nell'estate del 1938 , si scontrò direttamente con l'universalismo cattolico. Come dimostrano i documenti rinvenuti dopo la liberazione dei relativi fondi degli archivi vaticani , Mussolini cercò di moderare le tensioni e assicurò il Papa per iscritto (non senza cinismo) il 16 agosto 1938 che gli ebrei italiani non sarebbero stati sottoposti a nessun trattamento peggiore degli ebrei nell'ex Stato Pontificio; non ci sarà ritorno ai berretti colorati e ai ghetti. Nello stesso contesto, ha chiesto alla chiesa di astenersi da qualsiasi posizione critica sulle leggi razziali . Mentre singoli vescovi italiani e importanti intellettuali cattolici come Agostino Gemelli sostenevano pubblicamente le misure antiebraiche, l'anziano e malato Pio XI. - che irritò e adirò notevolmente Mussolini - apparentemente determinato a una prova di forza, nella quale si trattava essenzialmente di questioni fondamentali dell'influenza della chiesa sulla vita pubblica in Italia. La sua morte (10 febbraio 1939) impedì la pubblicazione della preparata enciclica Humani generis unitas ; le copie stampate di un discorso non più pronunciato nel decimo anniversario dei Trattati Lateranensi, la cui distribuzione ai Vescovi Pio XI. si era disposto sul letto di morte, lasciò il cardinale Pacelli, divenuto poi papa Pio XII. , distruggere Mussolini e Cianos se richiesto.

Crisi della dittatura personale

Con poche eccezioni, ricerche recenti - compresa la Scuola De Felices - concordano sul fatto che "il Duce e il suo regime erano in declino alla fine degli anni '30". Il cinismo e la misantropia di Mussolini raggiunsero il culmine in questa fase e non furono più da lui nascosti nemmeno nelle apparizioni pubbliche. I principali fascisti si sono lamentati dell'atmosfera di sospetto e sfiducia nel governo. Nel 1938, i rapporti di polizia di Bocchini affermavano che un'ondata di pessimismo stava investendo il paese. Quando Mussolini inaugurò il 15 maggio 1939 il nuovo stabilimento del Gruppo Fiat nel quartiere Mirafiori di Torino, solo poche centinaia dei 50.000 operai riuniti lo salutarono con un applauso; tutti gli altri assistettero al suo ingresso in silenzio, a braccia conserte, in un'inedita dimostrazione di ostilità. La campagna "autarchia", iniziata in occasione delle sanzioni economiche del 1935/36 e ovviamente utilizzata per preparare la guerra, aveva ulteriormente peggiorato le condizioni di vita di molte persone, ma ora per la prima volta colpiva anche i ricchi attraverso il razionamento di beni di lusso come caffè e benzina. L'alleanza con la Germania, che rendeva probabile il coinvolgimento del paese in una grande guerra, fu respinta non solo dalle "masse" ma anche da una parte significativa dell'élite. I ricchi italiani iniziarono a trasferire le loro fortune in Svizzera oa scambiare saldi di cassa con oro.

La frattura all'interno del blocco di potere causata dalla campagna "antiborghese" del 1938 e 1939 - nella "borghesia" - Mussolini vedeva qui soprattutto "un codice per la stagnazione politica, la corruzione e l'indifferenza ideologica all'interno dei quadri dirigenti, ma anche a il livello di base del PNF - è diventato evidente, ma è andato più in profondità e ha toccato i fondamenti del regime. Secondo lo storico Martin Clark, la borghesia conservò la sua indipendenza economica e il prestigio sociale sotto il fascismo. Ha accettato Mussolini negli anni '20 quando ha posto fine agli scioperi, ha annientato la sinistra radicale e ha messo sotto controllo i fanatici sotto i fascisti:

Ma non hanno sostenuto i suoi tentativi di creare una 'razza guerriera' dopo il 1936, e certamente non hanno apprezzato di essere il bersaglio di una campagna governativa ostile nel 1938. Ora Mussolini stesso era il fanatico, e la sua "battaglia" affrontò l'establishment. In tal modo, aveva minato l'intera base del suo regime. Ha salvato la borghesia dal nulla e ora pretendeva da loro veri sacrifici. E così lei si allontanò da lui".

Dittatore nella guerra 1939-1943

Dalla non belligeranza alla guerra parallela

Quando l'alleanza con la Germania fu conclusa nel maggio 1939, Mussolini aveva dato per scontato che una grande guerra europea non sarebbe iniziata prima del 1942; fino ad allora, si presume, l'Italia avrebbe potuto espandere la propria posizione nel Mediterraneo con l'appoggio tedesco e beneficiare anche nell'Europa sud-orientale della disgregazione dell'ordine postbellico creato dai trattati suburbani di Parigi . Questa concezione si basava sulla convinzione che nel breve periodo né la Gran Bretagna né la Francia né la Germania avrebbero rischiato una guerra tra le grandi potenze. All'inizio dell'agosto 1939 era ancora convinto che le tensioni tedesco- polacche sarebbero state risolte da una nuova Monaco di Baviera . Fu solo il 13 agosto, quando Ciano lo informò dei suoi colloqui con Hitler e Ribbentrop dell'11 e 12 agosto, che Mussolini capì che Hitler non solo voleva occupare Danzica , ma era deciso a intraprendere un'azione militare contro tutta la Polonia e con essa il pericolo di una guerra europea evocata. In contrasto con Hitler e Ribbentrop, Mussolini riteneva quasi certo che la Gran Bretagna e la Francia sarebbero intervenute nella guerra tedesco-polacca. Se così fosse, però, non esisterebbero più i presupposti per la strategia di politica estera di Ciano e Mussolini.

Entrambi erano ora alla ricerca febbrile di una formula che consentisse all'Italia di non adempiere agli obblighi di vasta portata previsti dal "Patto d'acciaio" senza porre fine apertamente all'alleanza. Il 21 agosto Mussolini scrisse a Hitler che l'Italia non era attrezzata per una grande guerra, ma che se i negoziati fossero falliti per "l'intransigenza degli altri", la parte tedesca sarebbe intervenuta. Quattro giorni dopo, in un'ulteriore lettera, che l'ambasciatore Bernardo Attolico presentò a Hitler nella Cancelleria del Reich , subordinava questo intervento alla consegna di armamenti e materie prime attraverso la Germania. L'elenco delle esigenze italiane hanno inviato il 26 agosto è stato deliberatamente in modo eccessivo (Mussolini ha chiesto, tra le altre cose, 150 batterie di pesanti critiche prima dell'inizio della guerra) che è stata respinta. Per non svalutare apertamente il trattato di alleanza italo-tedesco, Mussolini chiese a Hitler una dichiarazione ufficiale che la Germania non aveva bisogno dell'appoggio italiano per il momento. Questo è arrivato per telegramma il 1 settembre ed è stato ripetuto da Hitler nel suo discorso al Reichstag lo stesso giorno .

Il 1 settembre 1939, Mussolini definì - per evitare qualsiasi reminiscenza della "neutralità" italiana del 1914-1515 - la posizione italiana nei confronti del suo governo come quella di una " non belligeranza " filo-tedesca . Sebbene la dichiarazione di neutralità de facto sia stata accolta dalla stragrande maggioranza degli italiani, la tacita ammissione del regime di non essere preparato alla guerra ha portato a un'improvvisa perdita di reputazione sullo sfondo della sua propaganda altamente militarizzata per anni, che alcuni osservatori della crisi Matteotti vide ricordata. Per i mesi successivi, Mussolini mantenne un atteggiamento attendista. A settembre, nel corso di una mobilitazione parziale delle forze armate, si è scoperto che i loro deficit strutturali erano ancora più pronunciati di quanto temuto. La Regia Aeronautica , che è considerata il ramo più moderno e potente delle forze armate , aveva "problemi a contare i propri aerei", come ora si è scoperto, e nel settembre 1939 aveva solo 840 velivoli, alcuni dei quali non operativi, invece degli 8.528 riportati sulla carta (che il ministro dell'Aviazione Mussolini, che nell'ottobre 1939 destituì il segretario di Stato responsabile, pare non fosse noto); l'artiglieria dell'esercito consisteva ancora in gran parte di cannoni catturati dall'esercito austro-ungarico nel 1918, la cartiglieria contraerea aveva solo due proiettori e 15 batterie con artiglieria moderna, l'arma corazzata aveva solo 70 carri armati "veri", il resto erano Tankette leggere . Uniformi e armi erano disponibili per meno di 1 milione di uomini. Invece delle "150 divisioni" di cui Mussolini si era più volte vantato, solo 10 erano da considerarsi agibili; Anche il loro armamento era molto obsoleto per gli standard del 1939.

Anche per questa situazione la cerchia di Ciano, convinto di una vittoria franco-britannica e che si rifiutò categoricamente di entrare in guerra a fianco della Germania, prese momentaneamente il sopravvento. Anche Roberto Farinacci riteneva troppo rischioso intervenire nella guerra tra le grandi potenze con un esercito giocattolo. Alla fine dell'ottobre 1939, Mussolini sostituì Achille Starace , il più determinato sostenitore dell'alleanza italo-tedesca tra i principali fascisti, come segretario del PNF. Il suo successore Ettore Muti era considerato un sostenitore di Ciano. Internamente, Mussolini si è ripetutamente allontanato verbalmente dalla Germania. Ha descritto il trattato di non aggressione tedesco-sovietico come "tradimento" ed è rimasto sconvolto dall'annientamento fisico mirato della classe superiore polacca da parte delle task force tedesche . Quel che è certo è che ha indicato la probabilità di un attacco tedesco ai diplomatici belgi e ha acconsentito all'esportazione di armi italiane in Francia. A dimostrazione, fece proseguire i costosi lavori di fortificazione al confine italo-tedesco (cfr. Vallo Alpino ).

Quando la guerra sovietico-finlandese iniziò nel novembre 1939 , Mussolini fece un nuovo tentativo di realizzare un'intesa tra Germania, Gran Bretagna e Francia. Su istigazione di Mussolini e Ciano, la Germania permise il transito di forniture di armi italiane per la Finlandia . Mussolini intravide l'opportunità di unire le potenze occidentali ei firmatari del Patto anticomintern in un conflitto contro l' Unione Sovietica attraverso l'"Aiuto alla Finlandia" . Il culmine di questi sforzi fu una lettera di Mussolini a Hitler, scritta il 3 gennaio 1940 e pubblicata due giorni dopo. Poteva capire, scriveva Mussolini in vista del trattato di non aggressione tedesco-sovietico, "che avete evitato il secondo fronte dopo che le previsioni di Ribbentrops sul non intervento dell'Inghilterra e della Francia non si sono realizzate". Ma deve mettere in guardia dal "sacrificare costantemente i principi della vostra rivoluzione a favore delle esigenze tattiche di un particolare momento politico". Mussolini minacciò apertamente Hitler che «un altro passo avanti nei suoi rapporti con Mosca avrebbe ripercussioni catastrofiche in Italia, dove il sentimento generale antibolscevico , soprattutto tra le masse fasciste, è assoluto, sfacciato e incrollabile. () Solo quattro mesi fa la Russia era il nemico numero uno del mondo, non può essere diventata l'amica numero uno e non lo è. Questo suscitò profondamente i fascisti in Italia e forse anche molti nazionalsocialisti in Germania. Egli sconsigliò espressamente di fare un'offensiva in Occidente, poiché non era certo se i francesi e gli inglesi saranno in grado di inginocchiarsi con la forza o separati. Con un tale passo, Hitler sta mettendo a rischio il suo intero regime e aumentando la probabilità che gli Stati Uniti entrino in guerra . La soluzione alla questione dell'habitat tedesca si trova in Russia. Al fine di consentire negoziati salva-faccia per le potenze occidentali, Mussolini ha raccomandato la cessazione delle misure terroristiche in Polonia e il ripristino di uno stato polacco ridimensionato. Si dice che Hitler abbia discusso a lungo della lettera con Goering e Ribbentrop, ma poi lasciò Mussolini ad aspettare più di due mesi per una risposta. Nel frattempo, il 25 febbraio 1940 , Mussolini presentò al negoziatore statunitense Sumner Welles un programma dettagliato per i negoziati, che includeva un nuovo referendum sul futuro dell'Austria e il ripristino di una Polonia formalmente indipendente. La missione Welles non è andata a buon fine perché Hitler si è rifiutato fin dall'inizio nella sua intervista con l'americano, avvenuta a Berlino il 2 marzo, di parlare del soggetto dell'Austria e della questione di un futuro stato polacco.

Quando Ribbentrop consegnò la risposta amichevole di Hitler alla lettera di gennaio a Roma il 10 marzo 1940, indicò anche che un attacco tedesco in Occidente era imminente. Mussolini assicurò l'11 marzo al ministro degli Esteri tedesco che l'Italia sarebbe intervenuta in guerra al momento opportuno e non andò oltre questa vaga definizione nel suo incontro con Hitler sul Brennero (18 marzo).

Mussolini rinunciò al suo atteggiamento attendista solo sulla scia delle vittorie tedesche nell'Europa settentrionale e occidentale . Rispose evasivamente alle lettere di Roosevelt e Churchill datate 14 e 16 maggio 1940, cercando di impedirgli di intervenire dalla parte tedesca. Il 26 maggio avrebbe detto al capo di stato maggiore Badoglio che avrebbe avuto bisogno di qualche migliaio di morti per poter partecipare da belligerante a una conferenza di pace. In ogni caso, la guerra sarebbe finita a settembre. La decisione finale fu probabilmente presa il 28 o 29 maggio, dopo che Mussolini aveva appreso che il ministro degli Esteri britannico Halifax non era riuscito a prevalere nel governo contro Churchill con la sua proposta di avvicinare Hitler con un'offerta di pace attraverso Mussolini. Il 29 maggio, in un incontro con i comandanti delle forze armate, stabilì l'inizio delle ostilità contro Gran Bretagna e Francia al 5 giugno 1940, ma posticipò la data di cinque giorni dopo che alcuni militari avevano sollevato serie preoccupazioni. Il 10 giugno Mussolini annunciò la dichiarazione di guerra in un discorso dal balcone di Palazzo Venezia . La parte tedesca ora osservava con sospetto l'entrata in guerra italiana, ancora voluta nell'anno precedente. Alla fine di maggio Hitler era espressamente intervenuto con Mussolini contro gli attacchi alla Jugoslavia e alla Grecia . Mussolini accettò le obiezioni tedesche e ordinò il raduno di un esercito al confine libico-egiziano.

La storia dell'entrata in guerra dell'Italia seguì a lungo Galeazzo Ciano, il cui diario un uomo solo aveva coinvolto il Paese nella guerra. Winston Churchill assume questa posizione, sostenuta dal biografo mussoliniano Renzo De Felice. Tuttavia, alcune delle ricerche più recenti sottolineano che nella situazione specifica del giugno 1940, tutti i gruppi di influenza sociale degni di nota - compresa la Chiesa cattolica - sostenevano l'opzione di una "guerra breve":

Poiché l'entrata in guerra degli italiani si rivelò presto un disastro e culminò nell'imbarazzante e cinica sauve qui peut delle vecchie élite al potere l'8 settembre 1943, quando Badoglio e il re fecero fallire il cambio di schieramento, molti italiani aveva tutte le ragioni per avere Mussolini solo per individuare i colpevoli. Difficile, infatti, trovare un solo storico italiano che non accetti la tesi intenzionalista secondo cui il 'grande uomo' è stato qui decisivo. [] Ma ci sono ragioni per dubitare della completezza e dell'unicità del potere di Mussolini []. Nonostante il disagio espresso da Mussolini per la pace in corso, non entrò in guerra fino a quando non sembrò essere stata vinta dal suo temibile alleato tedesco. In termini matematici, l'Italia fascista osservava il fronte con molta più attenzione di quanto non facesse l'Italia liberale nel 1914-15. Ci si può chiedere se un politico italiano che credesse nel mito che l'Italia fosse o dovrebbe essere una grande potenza avrebbe aspettato più di Mussolini"

- Bosworth : Mussolini

Fallimento della guerra parallela

Nel giugno 1940 Mussolini intendeva intraprendere una breve guerra per "obiettivi italiani". Dopo aver incontrato Hitler al Brennero nell'ottobre 1940, coniò il termine "guerra parallela" (guerra parallela), che l'Italia avrebbe condotto "non per la Germania, né con la Germania, ma accanto alla Germania", e quindi respinse le offerte tedesche di inviare truppe in Nord Africa o per coordinare la pianificazione militare. Voleva mantenere bassa l'influenza tedesca nelle aree di interesse italiane e assicurarsi una completa libertà di azione in tutte le direzioni, poiché riteneva che la Germania stesse perseguendo i propri obiettivi, soprattutto nell'Europa sudorientale, compresi quelli diretti contro l'Italia, e quindi mirava l'offensiva italiana contro il Medio Oriente in particolare incanalata cercata.

Pochi giorni prima della dichiarazione di guerra, Mussolini fece delegare al re il comando militare per tutta la durata dei combattimenti. In questo ruolo non si occupava di pianificazione operativa, ma si riservava il diritto di prendere decisioni su importanti decisioni militari. Riteneva di poter adempiere alle mansioni che aveva assunto in aggiunta agli altri suoi incarichi con un solo assistente. Come comandante in capo, Mussolini fu responsabile della decisione di non occupare Malta , che era quasi indifesa nell'estate del 1940 , e della decisione affrettata di attaccare l'esercito alpino francese ( Battaglia delle Alpi Occidentali (1940) ). Ne diede l'ordine dopo che Hitler lo aveva informato il 17 giugno 1940 della richiesta francese di armistizio . L'attacco, iniziato il 20 giugno a seguito dello schieramento difensivo originariamente ordinato e senza un adeguato supporto di artiglieria, è stato un evidente fallimento che la propaganda del regime non ha potuto nascondere. Dopo l'armistizio italo-francese (24 giugno 1940), in base al quale Mussolini  rinunciò "temporaneamente" a quasi tutte le pretese nei confronti della Francia - in particolare il porto di Biserta , cruciale per il controllo del Canale di Sicilia e per l'approvvigionamento senza problemi di le truppe in Libia fece trasferire al confine jugoslavo le poche divisioni motorizzate dell'esercito italiano. Rodolfo Graziani , il comandante italiano in Libia che Mussolini diresse di attaccare oltre il confine egiziano a giugno, luglio e agosto, si rifiutò di procedere senza queste formazioni e a settembre fece solo un'avanzata limitata su Sidi Barrani .

L' attacco alla Grecia , che Mussolini ordinò senza prima consultare il suo capo di stato maggiore il 15 ottobre 1940 - questa volta fortemente incoraggiato da Ciano - è un esempio lampante della grottesca sopravvalutazione delle capacità militari dell'Italia da parte dei principali fascisti. Con questo passo, Mussolini voleva principalmente assicurarsi che almeno la Grecia rimanesse nella zona di influenza dell'Italia dopo che la Germania aveva legato a sé le economie degli stati balcanici e aveva iniziato a trasferire truppe in Romania il 12 ottobre . Nonostante l'imminente inverno, il terreno difficile e la notevole potenza combattente dell'esercito greco , anche secondo le conoscenze della ricognizione militare italiana , la direzione politica e militare dell'Italia riteneva sufficiente un esercito di inizialmente 5 divisioni (60.000 uomini) rovesciare la Grecia dall'Albania. L'attacco, iniziato il 28 ottobre, si è trasformato in una catastrofe militare e politica nel giro di poche settimane. Le unità italiane, che furono gradualmente aumentate a 500.000 uomini, riuscirono a resistere solo al contrattacco greco in Albania nell'inverno 1940/41. Il raid aereo britannico sul porto di Taranto e il crollo della 10 Armata in Libia resero la guerra parallela una finzione fino alla fine del 1940.

L'incapacità del regime di organizzare una guerra efficace, che era già evidente dopo pochi mesi, si rivelò presto un pesante fardello politico, poiché il "divario tra le parole e i fatti era così assurdamente ampio" che la sua legittimità ormai anche al di fuori del fascista Milieus fu interrogato. Non c'era dubbio che la maggior parte dei soldati italiani si rifiutasse di rischiare la vita per il regime o per i tedeschi. Lo aveva già fatto notare il capo della polizia Arturo Bocchini Mussolini nell'autunno del 1939. Soprattutto, tuttavia, il fiasco della partecipazione italiana alla guerra ha reso evidente il fallimento del fascismo in aree che erano state evidenziate dalla propaganda per quasi due decenni come pietre miliari centrali della "modernizzazione fascista". Lo stato delle forze armate italiane, che fino alla fine era completamente nelle mani di generali conservatori arrestati secondo le dottrine militari della prima guerra mondiale, è citato da alcuni storici come prova essenziale che il potere del dittatore, da qualche parte sotto il chiacchiericcio e il rumore, è incompleto ed era fugace; l'ininterrotto tradizionalismo militare - insieme all'altrettanto fallimentare altre istituzioni dello Stato e del partito - "dimostrò drasticamente i limiti del fascismo e la superficialità della presunta rivoluzione mussoliniana".

Il 20 gennaio 1941, durante un incontro con Hitler al Berghof , Mussolini concesse alla Germania un ruolo militare attivo nella regione mediterranea e accettò il trasferimento di due divisioni tedesche in Libia. Da quel momento in poi l'Italia fascista si sviluppò politicamente, economicamente e, soprattutto, militarmente in un satellite tedesco. Mussolini non è stato in grado di sviluppare una nuova strategia politica o un chiaro programma di obiettivi di guerra. Esteriormente come sempre preoccupato per la conservazione del suo prestigio personale, ha ammesso in un'intervista al nuovo capo di gabinetto Ugo Cavallero che tutto il resto dipende dalle decisioni prese a Berlino, "perché siamo incapaci di fare qualsiasi cosa". teatri di guerra italiani", Mussolini non poté più affermarsi contro le decisioni tedesche dal 1941. L' occupazione di Malta , da lui più volte avvertita fino alla primavera del 1942, non fu intrapresa quando Hitler decise il 23 giugno 1942 di annullare l'azione preparata per luglio e da dove le forze navali e aeree britanniche affondarono gran parte del forniture per il Nord Africa Il piano dell'avvocato Rommel per un'immediata avanzata in Egitto. In modo caratteristico, Mussolini fece poi "propria l'avventurosa valutazione della situazione di Hitler e dell'OKW" e volò in Libia alla fine di giugno, dove trascorse tre settimane con un folto entourage di giornalisti e leader fascisti in movimento ad Alessandria e al Cairo annunciato da Rommel stava aspettando. In relazione a ciò che lo circondava, incolpò il popolo italiano, i tedeschi, i gerarchi fascisti oi suoi generali per la sequenza di fallimenti e battute d'arresto . Continuò a prendere decisioni militari fondamentali da un punto di vista politico; in questo modo distribuì le limitate risorse militari dell'Italia a un gran numero di teatri di guerra ampiamente distanziati. Dopo l' invasione tedesca dell'URSS , costrinse un corpo di spedizione italiano sul riluttante Hitler , che fu promosso a esercito nel corso del 1942. Questa associazione comprendeva alcune delle più forti divisioni combattenti dell'esercito italiano, divorava gran parte dei rifornimenti materiali ed era con circa 225.000 uomini più forti dell'esercito italiano in Nord Africa. Dopo la campagna balcanica dell'aprile 1941, Mussolini aveva insistito sulla creazione di una vasta zona di occupazione italiana. Hanno legato in modo permanente circa 650.000 soldati, l'occupazione della Corsica e del sud-est della Francia nel novembre 1942 altri 200.000 uomini.

Come capo del governo, comandante in capo e ministro per tutti e tre i rami delle forze armate, Mussolini accentrò i poteri essenziali per condurre la guerra in un modo senza precedenti, ma non fece nulla per rimediare ai deficit. È intervenuto saltuariamente e arbitrariamente, ma ha lasciato perdere perché non era disposto a mettere a repentaglio gli equilibri dei vari gruppi di influenza che costituivano il regime con interventi drastici. Studi più recenti rigettano quindi prevalentemente la tesi che in parti della letteratura più antica, influenzata dalle discussioni sul totalitarismo , che Mussolini vedesse soprattutto una leva per la radicalizzazione della rivoluzione fascista durante la guerra. Lo Stato totalitario, inoltre , non sottopose l'industria e l'agricoltura ad alcuna decisa mobilitazione economico-militare. Lo stato fascista trattava il settore privato con una "deferenza" che conferiva alle grandi aziende, in particolare, un'indipendenza e una libertà di scelta senza precedenti per un paese in guerra. Mentre lo Stato liberale riuscì a mettere al servizio della guerra circa il 40% del prodotto interno lordo italiano tra il 1915 e il 1918, la quota della produzione bellica nel prodotto nazionale al culmine dell'efficienza dell'economia di guerra fascista nel 1941 fu solo di 23 % (per confronto: Germania 64% (1942), Gran Bretagna 52%, URSS 61%). Alla fine del 1940 erano ancora numerosi i disoccupati nelle città industriali del nord Italia. Fu solo nel febbraio 1943 che Mussolini iniziò la formazione di un'autorità paragonabile al ministero tedesco per gli armamenti e le munizioni del Reich . Di conseguenza, l'Italia ha prodotto "gli armamenti più inefficaci, costosi e meno numerosi dei principali stati che hanno partecipato alla seconda guerra mondiale". Già nel 1941 la popolazione doveva procurarsi il cibo in gran parte tramite il mercato nero - dove scomparvero circa i due terzi della produzione agricola; le razioni alimentari ufficiali tra il 1941 e il 1943 corrispondevano a quelle della Polonia occupata .

Anche il Partito Fascista, che contava 4,25 milioni di iscritti nel 1940, fallì in molti modi nel sostenere lo sforzo bellico. Oltre ai suoi compiti "normali", era principalmente responsabile dell'organizzazione della protezione civile, della cura degli sfollati e delle famiglie dei coscritti, del controllo dei prezzi e della lotta al mercato nero. I gravi problemi in queste zone non passarono inosservati a Mussolini, ma anche qui non volle o non poté intervenire con decisione. Ettore Muti, che aveva considerato una riforma del partito e addirittura lo scioglimento del PNF, si dimise alla fine dell'ottobre 1940; il nuovo segretario del partito Adelchi Serena era un "burocrate di partito incolore" che si limitava a gestire i deficit. Mussolini lo sostituì nel dicembre 1941 da Aldo Vidussoni, che aveva appena 28 anni . Sotto Vidussoni, che rimase in carica fino all'aprile 1943, il partito fascista come fattore dello sforzo bellico cadde definitivamente. Molti gerarchi si sono semplicemente rifiutati di accettare istruzioni dal parvenu che è stato denigrato come "bambino" e "idiota". Il discorso di Mussolini al consiglio di amministrazione del PNF del 26 maggio 1942, in cui ha ammesso apertamente che lo stato liberale ha organizzato la guerra tra il 1915 e il 1918 in modo più coerente e positivo è considerato un documento e un'ammissione di fallimento. Nell'Italia fascista, secondo Mussolini, si trova in ogni punto «indisciplina, sabotaggio e resistenza passiva»; Anche i fascisti si occupano principalmente di accaparrarsi cibo e beni di consumo per il mercato nero, ma politicamente inattivi:

Ci sono 4 milioni di iscritti ai fasci , 8 milioni sono nella GIL [ Gioventù Italiana del Littorio ]. (...) Il regime controlla circa 25 milioni di individui. (...) Ebbene, cosa stanno facendo tutte queste persone Chissà cosa stai facendo"

Crisi del regime e rovesciamento

Declino al potere

Sotto l'influenza delle catastrofi militari in Nord Africa e sul Don, dove l'esercito italiano schierato contro l'Unione Sovietica (vedi ARMIR ) fu quasi completamente distrutto nell'inverno 1942/43, scoppiò apertamente la cocente crisi del regime fascista nella primavera del 1943. All'interno della classe dirigente politica, militare ed economica in Italia si formò un gruppo che stava rapidamente guadagnando influenza, che si rifiutava di continuare la guerra a fianco della Germania e voleva raggiungere un'intesa con la Gran Bretagna e gli Stati Uniti prima che la guerra invadesse territorio italiano. Mussolini inizialmente assecondò questi sforzi e fece un'importante concessione il 31 gennaio 1943 con il licenziamento del Capo di Stato Maggiore Ugo Cavallero, che era considerato un "uomo dei tedeschi". Il successore di Cavallero, Vittorio Ambrosio, fu un confidente del re, attorno al quale si raccolsero le forze conservatrici, che temevano che la monarchia potesse essere coinvolta nel rovesciamento del fascismo. Il 5 febbraio lo stesso Mussolini assunse la Farnesina nell'ambito di un rimpasto di governo, ma lasciò Ciano - che aveva già tentato di intavolare colloqui con inglesi e americani tramite l'ambasciatore italiano a Lisbona nell'autunno 1942 - nel Gran Consiglio fascista e lo nominò ambasciatore in Vaticano , attraverso il quale passavano numerosi collegamenti con le capitali alleate. Nominò Giuseppe Bastianini , già ambasciatore a Londra nel 1939/40, Segretario di Stato al Ministero degli Esteri .

Mussolini si rivolse per l'ultima volta agli italiani via radio il 2 dicembre 1942. Questo discorso disastroso fu il primo del suo genere in diciotto mesi e il quarto dall'inizio della guerra. Mussolini ammise - apparentemente partendo dal presupposto che il suo pubblico non lo avrebbe biasimato per questo - ammise più o meno apertamente che i soldati italiani erano mal equipaggiati e mal gestiti e che gli avversari della guerra erano stati sottovalutati. Sembrava inoltre confermare il sospetto che gli italiani si erano diffusi sin dall'intensificarsi dei bombardamenti alleati nell'autunno del 1942 che il paese non avesse difese aeree degne di nota; la sua osservazione che non si dovrebbe aspettare di evacuare "finché l'orologio non suona le dodici" ha innescato un panico, un esodo di massa completamente scoordinato verso l'area rurale in alcune città. Con questa apparizione, Mussolini perse definitivamente la guerra di propaganda. Sempre più italiani seguivano l'andamento della guerra tramite il servizio italiano della BBC , che faceva propaganda azzeccata ed estremamente accattivante, ascoltava la Radio Vaticana o leggeva L'Osservatore Romano , che era considerato l'unico giornale con una cronaca neutra e la cui diffusione è stata variata e moltiplicata.

La cessazione dell'asse Berlino-Roma voluta da Ciano, Dino Grandi e altri fu respinta da Mussolini. Si arrese nella speranza di poter assicurarsi un decisivo appoggio materiale e personale per la guerra italiana con Hitler, e persino di spostare il fulcro dello sforzo bellico tedesco dal fronte orientale all'area del Mediterraneo. Se si passasse alla difensiva strategica ad est e si utilizzassero le forze che si sono liberate contro le potenze occidentali, allora, secondo Mussolini il 1 aprile 1943 in un'intervista all'ambasciatore tedesco Hans Georg von Mackensen , la vittoria sarebbe matematicamente nostro. Mussolini prese questa posizione nel febbraio e marzo 1943 negli incontri con Joachim von Ribbentrop e Hermann Göring e in due lettere personali a Hitler. Come l' OKW, quest'ultimo, però, non era nemmeno disposto ad ampliare il sostegno materiale all'Italia perché sopravvalutava la stabilità interna del regime di Mussolini e - come nella primavera del 1942, quando Mussolini non diede appoggio tedesco alla prevista conquista di la "portaerei" britannica Malta aveva richiesto - reclamato tutte le risorse per l'offensiva estiva pianificata sul fronte tedesco-sovietico (vedi Citadel Company ). Durante le deliberazioni al castello di Kleßheim l'8/9 Nell'aprile del 1943 Hitler respinse le proposte di Mussolini. Fu rifiutata anche la consegna di carri armati e aerei, che Mussolini aveva più volte richiesto, sebbene uno studio dell'OKH di giugno ammettesse che i militari italiani non avevano una sola divisione di carri armati, quasi nessuna arma anticarro e un'aeronautica che era solo " parzialmente operativo. Tuttavia, questa analisi ha anche visto "nessuna ragione per fare i conti con un'imminente crisi politica".

Nella primavera del 1943 Mussolini era al punto più basso di un declino fisico iniziato nel 1940/41 e accelerato nell'autunno del 1942 quando perse circa 20 chilogrammi di peso corporeo in tre mesi. Trascorse la maggior parte del gennaio 1943 a letto ed era ancora sull'orlo del collasso fisico quando incontrò Hitler in aprile. Si crede che abbia avuto un'ulcera allo stomaco , una forma lieve di epatite B e una grave depressione .

L'agonia politica e militare del regime è stata esacerbata dalla crisi economica e sociale del Paese. Nel 1943 la produzione industriale italiana era del 31% inferiore a quella del 1938. Importanti generi alimentari di base erano disponibili solo al mercato nero, i loro prezzi erano aumentati da cinque a dieci volte dall'inizio della guerra e, a causa del congelamento dei salari per i lavoratori nel 1940 , non erano quasi più pagabili. In molte città la popolazione era affamata e le autorità statali si dimostrarono incapaci di prendersi cura delle persone rimaste senza casa a causa dei raid aerei alleati . Nel marzo del 1943 un'ondata di scioperi dalla Fiat di Torino si estese ad altre città del nord Italia e non si fermò fino all'inizio di aprile attraverso un misto di repressione moderata e concessioni agli operai. Mussolini seguì lo sciopero, che agli occhi dei principali industriali minò la "credibilità del fascismo come forza antisocialista", con grande attenzione e inquietudine. Hitler era furioso quando seppe dell'estensione del movimento di sciopero e del ruolo che i comunisti illegalmente attivi avevano svolto in esso. A causa del fallimento del partito fascista, Mussolini depose Aldo Vidussoni il 19 aprile. Carlo Scorza , figura di spicco del militante "fascismo agrario" toscano dei primi anni '20 ed ex ras di Lucca , fu l'ultimo segretario del partito nominato da Mussolini. Dopo un giro d'Italia, Scorza Mussolini inviò un memorandum il 7 giugno 1943, in cui emise un giudizio devastante sullo stato del partito, dello stato e dell'esercito.

25 luglio

Il 9/10 Nel luglio 1943 iniziò l'atteso sbarco delle truppe britanniche e americane in Sicilia . Alcune unità italiane si arresero senza combattere, altre resistettero insieme alle due divisioni tedesche di stanza sull'isola. I contrattacchi alle zone di sbarco crollarono l'11 e il 12 luglio sotto la grandinata di fuoco dell'artiglieria alleata. Fu quindi chiaro sia ai capi militari tedeschi che italiani che l'isola non poteva essere tenuta. Il 14 luglio Vittorio Ambrosio Mussolini ha sottolineato la gravità della situazione in un memorandum e ha chiesto a Hitler di spostare ancora una volta il focus della guerra tedesca nella regione del Mediterraneo. Altrimenti l'Italia non potrebbe più continuare la guerra. Mussolini fu d'accordo con questa valutazione, ma non la presentò all'incontro con Hitler avvenuto il 19 luglio a Feltre , nonostante le ripetute insistenze dei compagni. Invece, il 20 luglio, accettò in linea di principio la richiesta di Hitler che le truppe italiane nell'Italia meridionale fossero subordinate al personale tedesco. Gli oppositori di Mussolini nella direzione del partito, nello stato maggiore, nell'alta borghesia e alla corte reale - tutti "ex staffiere, profittatori e attivisti del fascismo", per i quali nulla era più che "il pensiero di cedendo gli affari di governo ai partiti antifascisti che si stavano lentamente riorganizzando - erano ora costretti ad agire. Oltre a garantire la loro capacità politica e militare di agire verso l'esterno, queste élite si preoccupavano principalmente di prevenire lo sviluppo politico dell'opposizione antifascista agendo rapidamente e creando così le condizioni per un orientamento conservatore del regime post-fascista. Le idee di riorganizzazione politica di molti partecipanti si ricondussero quindi inizialmente al fascismo senza Mussolini.

Dopo lo sbarco alleato in Sicilia, i principali fascisti avevano supplicato per la riunione del Gran Consiglio fascista per ragioni completamente opposte . Il Gran Consiglio era il massimo organo consultivo del partito e (dal 1932) dello Stato italiano. Non si incontrava dal 1939. Mentre il gruppo attorno a Ciano, Grandi e Giuseppe Bottai voleva restringere il potere di Mussolini, il circolo attorno a Roberto Farinacci e al segretario del partito Carlo Scorza, che era legato all'ambasciata tedesca, voleva portare a una risoluzione che portasse a un "rilancio " del regime e dovrebbe portare a un rafforzamento dell'alleanza italo-tedesca. Il consiglio si riunì il 24 luglio 1943 a Palazzo Venezia e, dopo dieci ore di dibattito, nella prima mattinata del 25 luglio, approvò una delibera presentata da Grandi con 19 voti favorevoli e 7 contrari, raccomandando che il re fosse al comando delle forze armate forze che Mussolini aveva dal 1940 tenuto per riprendere il controllo. D'altra parte, il consiglio non ha deciso di "congedare" Mussolini - come spesso si pensa erroneamente - ed è dubbio che i suoi membri si aspettassero che le forze conservatrici attorno al re avrebbero sfruttato questa opportunità per separarsi completamente da Mussolini e dal separare il partito fascista. Per l'esito del voto è stato decisivo che sostenitori fedeli di Mussolini come Farinacci abbiano giudicato male la situazione e abbiano attaccato lo stile di leadership personale e le decisioni sbagliate degli ultimi anni ancora più risolutamente di Grandi. Mussolini fu anche cospicuo durante questa consultazione con la sua totale apatia; con stupore di Scorza, lasciò che la bozza di Grandi fosse messa ai voti, il che diede ad alcuni consiglieri l'impressione che volesse che fosse adottata. Forse era davvero così, come preludio a una "onorevole" fine dei legami con la Germania.

Mussolini non ha visto la sua posizione immediatamente in pericolo dopo il voto. Nel pomeriggio del 25 luglio si recò a Villa Savoia del Re , l'odierna Villa Ada , per informarlo ufficialmente della decisione. Mussolini offrì al monarca di cedere i tre ministeri delle forze armate e il ministero degli Esteri. Ha anche annunciato che parlerà ancora con Göring, che si era annunciato in occasione del 60° compleanno di Mussolini a Roma il 29 luglio, della proposta di uno spostamento strategico delle forze nella regione del Mediterraneo. Sorprendentemente, Vittorio Emanuele III accettò. tuttavia, la proposta del Gran Consiglio e fece intendere allo sgomento Mussolini che lo avrebbe destituito anche dalla carica di Presidente del Consiglio e che il maresciallo Pietro Badoglio avrebbe trasferito la carica. Mussolini è stato poi portato via in un'ambulanza in attesa e trattenuto in una caserma dei Carabinieri . La rimozione di Mussolini è stata annunciata alla radio in tarda serata. Migliaia di persone si sono radunate per le strade e le piazze quella notte e hanno celebrato la caduta del dittatore. A Roma, dove si sparse anche la voce che Hitler si fosse suicidato, ai raduni avrebbero preso parte soldati tedeschi. Nei "45 giorni" (quarantacinque giorni) tra la caduta di Mussolini e l'occupazione del Paese da parte delle truppe tedesche, scompaiono il partito fascista (sciolto formalmente anche dal governo Badoglio con effetto dal 6 agosto 1943) e le istituzioni create in un ventennio Regime quasi silenzioso.

Dopo il suo arresto, Mussolini fu internato il 28 luglio nell'isola di Ponza e il 7 agosto nella base navale di La Maddalena al largo della Sardegna . Poiché qui c'era una minaccia di attacco tedesco, il governo Badoglio ne ordinò il trasferimento all'Hotel Campo Imperatore nel massiccio del Gran Sasso il 28 agosto , dove un commando di paracadutisti tedeschi lo liberò il 12 settembre (vedi compagnia Eiche ). Quattro giorni prima era divenuto noto l' armistizio firmato il 3 settembre tra l'Italia e gli Alleati occidentali . Mentre il re e Badoglio lasciarono Roma precipitosamente e fuggirono a Brindisi il 9 settembre, l'OKW iniziò l' occupazione dell'Italia preparata sotto la voce " Asse ". A questo punto, le autorità tedesche avevano già previsto l'istituzione di un nuovo governo fascista, che includesse Farinacci, Alessandro Pavolini e il figlio di Mussolini Vittorio , che era stato trasportato in Germania alla fine di luglio / inizio agosto. In un incontro con Hitler il 14 settembre a Rastenburg , Mussolini si dichiarò pronto a guidare questo governo. Il 18 settembre ha annunciato il suo ritorno in Italia tramite l'emittente di Monaco di Baviera.

Repubblica di Salò 19431945

Mussolini tornò in Italia il 23 settembre 1943 e, quattro giorni dopo, presiedette la prima seduta del nuovo governo repubblicano nella sua residenza privata Rocca delle Caminate a Meldola . La loro composizione aveva causato alcune difficoltà, dal momento che Mussolini non voleva includere nel governo estremisti filo-tedeschi come Farinacci e Starace, ma diversi fascisti "moderati" declinarono il suo invito. Dopo qualche esitazione, il Ministero della Difesa subentrò al maresciallo Rodolfo Graziani . A capo del partito fascista, nato di recente come Partito Fascista Repubblicano (PFR), Mussolini collocò Alessandro Pavolini, fino a quel momento considerato moderato. Mentre Mussolini riuscì a farsi valere contro le proposte tedesche sulla questione della designazione statale - Hitler aveva voluto la designazione "Repubblica fascista" invece di "Repubblica sociale" - rimase il veto tedesco contro Roma come sede del governo. Di conseguenza, le autorità della Repubblica Sociale Italiana (RSI) , che fu formalmente proclamata il 1 dicembre 1943, furono distribuite in varie città e comuni del nord Italia. Mussolini si trasferì nella Villa Feltrinelli a Gargnano sul Lago di Garda . Nella vicina Salò fu istituito il Ministero della Propaganda ; i suoi regolari comunicati ("Salò annuncia...") facevano già parlare dei contemporanei della Repubblica di Salò .

Le motivazioni di Mussolini per assumere una posizione la cui relativa insignificanza - si dice si sia più volte ironizzato come il "Sindaco di Gargnano" - gli era del tutto chiara fin dall'inizio, sono controverse nelle ricerche. La tesi che Mussolini si è reso disponibile e, come persona e in giudizio storico, sacrificato per risparmiare l'occupazione tedesca diretta all'Italia, è stata proposta per la prima volta nel dopoguerra da autori neofascisti e, dopo il 1990, da storici come rappresenta Renzo De Felice . Domina la letteratura italiana rilevante in varie forme oggi, spesso confrontando Pétain e il regime di Vichy . Altri storici, tuttavia, respingono questa argomentazione come sia apologetica che storicamente sbagliata: anche Mussolini non era privo di ambizioni politiche - genuinamente fasciste - nel settembre 1943 e condivideva la richiesta di molti fascisti di "vendetta" sui "traditori". Si sottolinea inoltre che il disprezzo per il popolo italiano, che Mussolini aveva già manifestato ai confidenti negli anni precedenti, fu ancora più pronunciato dopo il suo ritorno. Anche nelle ultime conversazioni con i giornalisti, che ha volutamente inscenato come un "bilancio della vita" nella primavera del 1945, non c'era alcun riferimento diretto o indiretto a una preoccupazione per il destino dell'Italia o degli italiani.

Il margine di manovra di Mussolini come capo di Stato, capo del governo e ministro degli Esteri della Rsi era estremamente limitato in termini di spazi e contenuti. Gli ex territori austriaci annessi all'Italia nel 1919 - insieme a parti del Veneto - furono posti sotto un'amministrazione civile tedesca provvisoria come cosiddette zone operative nel settembre 1943 . Anche nel resto del paese l'autorità della Rsi era solo nominale. Le decisioni essenziali per la politica e la guerra furono prese dal comandante in capo tedesco Albert Kesselring , dall'SS-Obergruppenführer Karl Wolff , che era responsabile dell'apparato di polizia, e dall'ambasciatore "autorizzato" Rudolf Rahn . Mussolini incontrava Wolff e Rahn diverse volte alla settimana. L'economia dell'Italia settentrionale e centrale fu messa spietatamente al servizio dell'economia di guerra tedesca dal maggior generale Hans Leyers , il plenipotenziario generale Albert Speers , senza consultare le autorità italiane. Poiché la guardia del corpo di Mussolini e i mezzi di comunicazione personali, compreso il telefono, non erano forniti dalle truppe RSI ma da un dipartimento della Leibstandarte SS Adolf Hitler , non poteva fare un passo senza il consenso o la conoscenza delle autorità tedesche. Le sue cure mediche sono state ora rilevate anche da medici tedeschi. A Gargnano, Mussolini riprese la sua vecchia, ma ormai in gran parte irrilevante, pratica di ricevere più visitatori ogni giorno in "udienze" di un quarto o di mezz'ora. Inoltre, si dedicò principalmente alla scrittura di articoli per la stampa fascista. In Storia di un anno , Mussolini ha presentato la sua visione degli eventi del luglio 1943 e della loro preistoria.

L'influenza di Mussolini sulle lotte con il movimento di resistenza armata antifascista , che causò decine di migliaia di morti ed è ora ampiamente considerato come una "guerra civile" in Italia, rimase marginale. Coprì i tentativi di Pavolini di rilanciare lo squadrismo dei primi anni '20 e sostenne espressamente l'esecuzione di "ostaggi" dopo azioni partigiane. È indiscusso, però, che egli sia più volte intervenuto contro i peggiori eccessi delle milizie fasciste semiautonome, spesso patrocinate dalle autorità tedesche. Fece arrestare Junio Valerio Borghese nel gennaio 1944 e il famigerato Pietro Koch nell'ottobre 1944 . Mussolini protestò con Rahn contro lo sterminio di interi villaggi da parte di "azioni punitive" tedesche e minacciò di dimettersi a questo proposito nel settembre 1944. Non si conoscono analoghe dichiarazioni di Mussolini contro la deportazione degli ebrei italiani nei campi di sterminio tedeschi. Dall'autunno del 1943 gran parte della popolazione ebraica d'Italia fu concentrata nei campi in base alle nuove leggi antisemite; Circa 7.500 persone furono deportate - per la maggior parte dal campo di Fossoli vicino a Modena  , che era sotto l'amministrazione tedesca dal febbraio 1944 - e poche centinaia fecero ritorno. Mussolini fece poco per promuovere questa politica, ma non intervenne nemmeno.

L'11 gennaio 1944 Mussolini fece giustiziare a Verona cinque ex capi fascisti, tra i quali il genero Ciano e i due ex fascisti Marinelli e De Bono (vedi Processo di Verona ). Mussolini era perfettamente consapevole che l'accusa di alto tradimento mossa agli imputati a causa del loro voto del 25 luglio 1943, non era vera. I principali "cospiratori" Grandi, Bottai e Federzoni si erano però ora ritirati. Sotto la pressione di Pavolini e di altri fascisti intransigenti che presero la direzione a Verona e agirono in nome di Mussolini, ignorò gli appelli alla grazia e accettò la rottura con la figlia Edda, fuggita in Svizzera nel gennaio 1944.

Mussolini non fece più seri tentativi di organizzare un governo capace di agire o di sviluppare un programma di governo. L'apparato amministrativo statale rimase intatto fino al livello comunale, ma fu ignorato dai tedeschi oltre che da gran parte della popolazione. Ciò divenne abbondantemente chiaro quando la repubblica chiamò quattro classi per il servizio militare il 9 novembre 1943 e meno di 50.000 uomini furono riportati nelle caserme. Fino all'estate del 1944, quando le quattro divisioni italiane stabilite in Germania furono trasferite in Italia, le forze armate della RSI - oltre alla Guardia Nazionale Repubblicana paramilitare  - erano costituite da poche batterie antiproiettile e costiere, nonché da deboli unità dell'aviazione forza e la marina. Alla fine del 1943, Mussolini, inizialmente orientato diversamente da Hitler, dovette rendersi conto che la parte tedesca non aveva alcun interesse a ricostruire le forze armate italiane.

Con una certa perseveranza Mussolini perseguiva il tema della "socializzazione" da Gargnano, con il quale voleva introdurre al fascismo i lavoratori delle città industriali del nord Italia (e credeva di aver trovato un mezzo contro l'accesso tedesco all'industria italiana). Dopo che questo tono, che si riallacciava agli inizi programmatici del fascismo nel 1919, era già stato colpito nel novembre 1943 nel Manifesto di Verona , Mussolini continuò a proporre questo problema nel corso del 1944, nonostante il suo "consigliere" tedesco Rahn rifiutasse categoricamente l'uso della retorica anticapitalista. Il 25 marzo 1945, il ministro degli Esteri del Reich von Ribbentrop convocò l'ambasciatore italiano Filippo Anfuso per informarlo che Hitler disapprovava questo corso. Il significato del termine socializzazione e del socialismo umano, italiano e realizzabile che fu allevato contemporaneamente nel contesto fascista rimase oscuro fino alla fine, anche agli alti funzionari della RSI. Di conseguenza, la legislazione sulla socializzazione della RSI ha portato solo a un consolidamento del controllo statale sulla stampa e sulle case editrici e all'elezione di organi di rappresentanza della forza lavoro in alcune grandi aziende. Propagandisticamente, queste campagne si rivelarono un completo fallimento, soprattutto con i lavoratori, e le autorità tedesche non erano disposte a negoziare con gli italiani su questioni economiche, "meno di tutti con i lavoratori o i sindacalisti". il giornalista Nicola Bombacci , ex comunista che si mise a disposizione del regime negli anni Trenta e divenne interlocutore abituale e ultimo amico di Mussolini a Gargnano.

Il 22/23 Nell'aprile 1944 e il 20 luglio 1944 Mussolini ebbe i suoi ultimi incontri personali con Hitler. All'incontro al palazzo di Kleßheim in aprile, Mussolini tenne al dittatore tedesco una lunga conferenza in tedesco. Ha sottolineato che la reputazione della RSI è stata minata principalmente dalle azioni delle agenzie tedesche, ha chiesto chiarezza sulle intenzioni tedesche nelle "zone operative" e ha chiesto un trattamento umano degli internati militari italiani in Germania. In questa occasione, Mussolini suggerì ancora una volta di adoperarsi per una "pace di compromesso" o un armistizio con l'URSS e di spostare le principali forze della Wehrmacht in Occidente. Hitler cercò di convincere Mussolini che l'"alleanza innaturale" tra l'Unione Sovietica e le potenze occidentali non sarebbe durata e annunciò l'imminente uso di nuovi tipi di armi tedesche. Il 20 luglio 1944 Mussolini soggiornò per circa tre ore a Wolfsschanze , dove poco prima era fallito il tentativo di assassinio di Claus von Stauffenberg . Qui Hitler acconsentì al trasferimento in Italia delle due divisioni italiane ancora rimaste in Germania. Fino alla fine Hitler espresse un rispetto sentimentale per Mussolini e avrebbe detto nella primavera del 1945 che nulla era cambiato nei suoi legami personali con il Duce, anche se l'alleanza con l'Italia fu un errore.

Morte

Mussolini si esibì in pubblico per l'ultima volta il 16 dicembre 1944 al Teatro Lirico di Milano . All'inizio di aprile 1945, le truppe britanniche e americane ripresero l'avanzata nell'Italia settentrionale dopo una cessazione di fatto dei combattimenti per diversi mesi. Il 24 aprile attraversarono il Po , l'indomani scoppiò a Milano una rivolta di partigiani comunisti e socialisti, che l'apparato statale fascista, in piena dissoluzione, non seppe più far fronte. Nelle settimane precedenti, Mussolini aveva  cercato di entrare in contatto con il Comitato di Liberazione Nazionale (CLN) , anche attraverso la mediazione del cardinale milanese Schuster . Aveva preparato quest'ultima manovra politica con il licenziamento del ministro dell'Interno Guido Buffarini-Guidi , un fanatico fascista particolarmente odiato dalla popolazione (21 febbraio 1945). Un altro gesto contro il movimento di resistenza di sinistra è stata l'immediata "socializzazione" dell'intera industria, annunciata il 22 marzo. Attraverso Carlo Silvestri si offrì ora di cedere il potere al Partito d'Azione e ai socialisti se gli fosse stato permesso di arrendersi ordinatamente alle forze alleate. Il tentativo di intesa con l'ala non comunista della Resistenza fallì finalmente il 25 aprile. In questo giorno, Mussolini apprese dallo staff di Schuster che il generale delle SS Karl Wolff stava negoziando con i rappresentanti delle potenze occidentali per una resa parziale delle truppe tedesche in Italia da settimane . Dopo furiose accuse di tradimento contro i suoi compagni tedeschi, Mussolini fuggì quella sera al nord insieme alla sua amante Clara Petacci e ad alcuni funzionari fascisti, portando con sé numerosi documenti segreti che sono andati perduti fino ad oggi. Non è chiaro se avesse intenzione di fuggire in Svizzera o, come indicato in vari colloqui, di pronunciare un "ultimo atto" con le Brigate Nere raccolte in Valtellina . A Menaggio , Mussolini e il suo entourage unito si unirono a un'unità antiaerea tedesca motorizzata . La colonna di veicoli fu fermata dai partigiani comunisti il 27 aprile 1945 ad un posto di blocco tra Musso e Dongo sul Lago di Como . Durante la perquisizione, Mussolini, travestito da artigliere della contraerea, fu riconosciuto e fatto prigioniero. La radio di Milano ha diffuso la notizia il 27 aprile. Il giorno dopo arrivò a Dongo un gruppo di partigiani milanesi. Le era stato ordinato di eseguire la condanna a morte inflitta dal CLNAI il 25 aprile contro Mussolini e altri capi fascisti. Mussolini fu ucciso a colpi di arma da fuoco alla periferia del paese di San Giulino di Mezzegra nel pomeriggio del 28 aprile 1945. Le circostanze della morte di Mussolini sono rimaste fino ad oggi oggetto di speculazioni e miti. La letteratura accademica più recente ha confermato il nucleo della versione "ufficiale", che è stata attaccata l'ultima volta come "leggenda storica comunista" negli anni '90.

I cadaveri di Mussolini, Petacci, Nicola Bombacci, Alessandro Pavolini e pochi altri furono poi trasportati a Milano e appesi a testa in giù sul tetto di un distributore di benzina il 29 aprile in piazzale Loreto , dove il 10 agosto 1944 furono esposti 15 partigiani giustiziati. . I cadaveri furono attaccati.

Il corpo di Mussolini fu sottoposto ad autopsia da medici americani e poi sepolto in un anonimo cimitero del cimitero principale di Musocco a Milano . La notte del 23 aprile 1946 fu scavata da attivisti fascisti intorno a Domenico Leccisi , anche se si dice che la posizione esatta della tomba fosse nota solo a tre o quattro persone. Con l'appoggio di preti filofascisti, il corpo fu inizialmente nascosto in Valtellina, in una chiesa a Milano e infine in una cella di monaci alla Certosa di Pavia . Scoperta dopo tre mesi e mezzo, il governo italiano ha disposto una sepoltura anonima nel convento dei cappuccini di Cerro Maggiore . Il 1 settembre 1957 Mussolini fu sepolto nella cripta di famiglia a Predappio alla presenza della vedova Rachele Mussolini sotto il fascio di littori , simbolo del suo potere e del fascismo . La strada per questo aveva spianato la strada al presidente del Consiglio democristiano Adone Zoli , che da questo gesto verso la destra radicale sperava (e riceveva) il sostegno parlamentare del neofascista Msi .

Personalità, vita personale e famiglia

L'aspetto e lo stile di vita personale di Mussolini - o quello che aveva spacciato per tale - erano parte integrante del mito del Duce , al quale appartiene la personalità teatrale. Mussolini è stato un pioniere della politica come spettacolo quando ancora non era comune - non solo in Italia - che gesti e frasi retoriche, messe in scena, apparenze e manierismi di politici di primo piano determinassero il dibattito pubblico. Secondo Richard Bosworth, il regime era portato a ruota (vedi Spin-Doctor ) e da intendersi come uno stato di propaganda, in cui nulla era come si diceva e in cui contavano le parole. nelle varie fasi dello sviluppo del regime per le "parole" vincolanti e le pose emblematiche. La sua caratteristica fisionomia, il suo contegno "prepotente", la sua presenza "mimica" di oratore - aprendo e roteando gli occhi, sottolineando, gestualità graduate, piegandosi bruscamente in avanti o indietro - divennero presto oggetto di fotografia e caricatura. Negli anni '20 era considerato la persona più fotografata della storia. Le immagini di Mussolini che sono circolate ufficialmente durante la sua vita - attraverso cartoline, manifesti, foto da collezione e stampa - più o meno messe in circolazione mostrano circa 2.500 motivi diversi. Il Duce , costruito via via dalla propaganda fascista attraverso immagini e testi, era sempre padrone della situazione, padre e marito, vivevano parsimoniosi e poco impegnativi, lavoravano sodo e concentrati, praticavano sport, era aviatore, schermidore, fisicamente in forma e al di sopra di che un uomo di cultura. Mussolini controllava e dirigeva in gran parte lui stesso questa creazione di miti, ad esempio attraverso lunghe interviste che nel corso degli anni concedeva a selezionati giornalisti stranieri.

Molte di queste ascrizioni sono state inventate o tipicamente esagerate. Anche lo stato di salute di Mussolini, che è considerato un segreto di stato, era dubbioso: dal suo ferimento nel 1917, Mussolini aveva avuto problemi a mettersi le scarpe senza un aiuto esterno. Nel febbraio 1925 si ammalò gravemente per la prima volta e rimase a letto per diverse settimane con emorragie interne. Probabilmente soffriva già di un'ulcera allo stomaco o all'intestino a questo punto. Non è stata eseguita alcuna operazione su sua richiesta. Da allora visse quasi esclusivamente di pasta, latte e frutta ed evitò alcol e sigarette, ma riuscì a controllare i sintomi solo per pochi anni. Successivamente ha dovuto ripetere più volte - anche nella riunione del Gran Consiglio del 24/25. Luglio 1943 - Improvvisamente premendo le mani contro lo stomaco quando il dolore è diventato troppo forte. Ha iniziato a invecchiare visibilmente prima del suo cinquantesimo compleanno e si è rapidamente deteriorato fisicamente e mentalmente dopo il 1940. Nel 1943 un visitatore ungherese lo descrisse come molto malato. La sua testa era calva, la sua pelle era bianco-giallastra, e parlava velocemente, con gesti nervosi. Il medico Georg Zachariae lo definì nei suoi appunti un "relitto fisico sull'orlo della tomba". Tuttavia , non hanno trovato fino ad oggi alcun segno della sifilide di Mussolini - con implicazioni per l'interpretazione del suo sviluppo personale e della sua politica - e nemmeno i medici americani che hanno esaminato il cadavere nel 1945.

Un tipico esempio della costruzione del Duce è il "Flieger" Mussolini. Mussolini iniziò a prendere lezioni di volo nel luglio 1920, ma in seguito si sedette solo occasionalmente ai comandi di un aereo. Tuttavia, anno dopo anno pubblicò il numero delle sue presunte ore di volo, che in totale corrispondevano alle ore di volo di un pilota professionista. Non è successo per caso. Il culto dei piloti e degli aeroplani era diffuso tra la nuova destra in molti paesi dopo la prima guerra mondiale, ma era particolarmente pronunciato tra i fascisti italiani. L'aviazione elevava l'individuo al di sopra della massa ed era considerata tanto moderna quanto antimarxista. Nella prima fase del movimento fascista, Mussolini si presentava occasionalmente davanti ai sostenitori in tenuta da pilota, e in seguito si faceva più volte fotografare accanto o in aereo. Nel gennaio 1937 conseguì il brevetto di pilota militare. Tuttavia, la sua abitudine era e rimase quella di pilotare gli aerei quando erano già in volo. Nell'agosto 1941, Mussolini causò orrore tra l'entourage di Hitler quando insistette per prendere il controllo della macchina in cui entrambi stavano andando a visitare le truppe sul fronte orientale. Parte della costruzione del Duce fu che Mussolini fu messo in scena come pilota di macchine veloci, schermidore aggressivo, tennista, cavaliere audace, nuotatore e sciatore, che assecondò anche l'entusiasmo degli italiani per lo sport funzionalizzando il Comitato Olimpico ( CONI ) e i giornali sportivi per servirsi dell'appoggio della sua persona e della sua politica.

Un nuovo elemento di questi ruoli con un sottotesto "umanizzante" era il Mussolini "sudore". Nessun altro politico del periodo tra le due guerre era "visibile 'umano' in questo modo". Duce- Cult è stato integrato.

I dettagli della promiscuità di Mussolini - alcune stime ipotizzano circa 400 diversi partner sessuali - non divennero noti fino a molto tempo dopo il 1945. Già prima del 1922 Mussolini ebbe spesso rapporti con più donne contemporaneamente. Il rapporto più importante per la sua formazione personale fu quello con Margherita Sarfatti , che rese accessibili al nuovo arrivato dalla provincia dopo il 1912 i salotti della rispettabile borghesia milanese. È nota anche la sua relazione con l'estetista Ida Dalser , dalla quale nacque nel 1915 il figlio Benito Albino (19151942). Mussolini, su insistenza di Dalser, riconobbe la paternità e pagò gli alimenti per il bambino, ma si tenne a rigorosa distanza da loro dopo aver contratto un matrimonio civile con Rachele Guidi nel dicembre 1915 . Mussolini Dalser potrebbe essersi sposato religiosamente nel dicembre 1914. Dal momento che Dalser ha continuato a fare "scene" per lui nel corso degli anni, la fece ricoverare in un ospedale psichiatrico nel 1926, dove morì nel 1937. È certo che Mussolini ebbe altri figli illegittimi. Come dittatore, Mussolini colse l'occasione per organizzare in modo ottimale le sue attività rilevanti. A Palazzo Venezia c'era una sala relax proprio accanto al suo studio, nella quale riceveva numerosi visitatori. Il comportamento di Mussolini nei confronti dei suoi partner è descritto come fisicamente ed emotivamente spietato. Le "rivelazioni" sulla sua vita sessuale hanno ripetutamente occupato la divulgazione scientifica e il giornalismo giornalistico negli ultimi decenni, ma sono per lo più solo marginalmente annotate nella letteratura scientifica. Secondo lo storico Richard Bosworth, la relazione con Claretta Petacci , figlia del ricco medico , iniziata nel 1936 e durata fino al 1945, potrebbe essere ignorata, come tutte le altre, se non fosse durata così a lungo e avesse infine danneggiato la reputazione del regime. Durante la seconda guerra mondiale, la BBC fece conoscere in tutta Italia le macchinazioni del "clan Petacci". Bosworth vede il rapporto di Mussolini con il suo intellettualmente inferiore Petacci come un "simbolo del declino del dittatore nell'ultimo decennio del suo governo". Apparentemente Rachele Mussolini non si è accorta degli affari del marito per molto tempo. Fu solo quando anche Petacci si trasferì in una casa a Gargnano che andò a trovare la sua rivale nell'ottobre 1944 e le chiese di sparire senza successo.

L'immagine distorta del padre di famiglia Mussolini, che fu utilizzata più intensamente dalla propaganda solo dopo la conciliazione con la chiesa , rimase in un rapporto teso . Per diversi anni dopo il 1922, Mussolini non ebbe quasi alcun contatto con sua moglie e i suoi figli. Visse per alcuni mesi prima in un albergo romano, poi in un appartamento di Palazzo Tittoni, dove fu assistito da una governante. La famiglia stava a Milano oa Forlì, li incontrava due o tre volte l'anno. Fu solo nell'autunno del 1929 che Mussolini portò la famiglia a Roma, dove nel frattempo si era trasferita nella prestigiosa Villa Torlonia . Dopo il 1929 ricevette visite solo molto raramente, apparentemente su richiesta di sua moglie, che era il "dittatore" all'interno della famiglia. Rachele Mussolini continuò uno stile di vita "contadino" a Villa Torlonia e iniziò ad allevare polli, conigli e maiali nella tenuta aristocratica. È stata intraprendente a modo suo e ha creato una rete di clienti in Romagna che dipendeva da lei. I suoi interessi commerciali furono uno dei fattori scatenanti della caduta di Arpinati nel 1933, che le aveva mostrato poca collaborazione. Mussolini si ritirava dalla famiglia il più spesso possibile a Villa Torlonia, mangiava da solo e la sera faceva vedere gli ultimi film, preferibilmente americani. Con l'eccezione della figlia maggiore Edda , non aveva stretti rapporti con i suoi figli . Come Mussolini si rese presto conto, i figli Vittorio e Bruno erano privi di talento politico. Dopo la guerra d'Etiopia, alla quale entrambi presero parte come piloti, difficilmente apparvero in pubblico. Vittorio entrò nell'industria cinematografica e non cercò di svolgere un ruolo politico attivo fino al 1943/44, con grande dispiacere di suo padre. Bruno intraprese la carriera di ufficiale ed ebbe un incidente mortale nell'agosto del 1941 durante un volo di prova con il Piaggio P.108 . I due figli nati ultimi - il figlio Romano (1927-2006) e la figlia malata Anna Maria (* 1929) - erano troppo giovani per svolgere un ruolo nel regime.

L'uomo intellettuale e culturale Mussolini è difficile da classificare. Mussolini fu uno scrittore prolifico. Il suo stile era piuttosto raffinato e commentò - con vari gradi di profondità - tutti i principali dibattiti politici e culturali del suo tempo. I suoi discorsi e scritti, compilati dai sostenitori dopo la seconda guerra mondiale, riempiono 44 volumi. Mussolini seppe impressionare anche in conversazioni personali; non condivideva la preferenza di Hitler per le "chiacchiere senza scopo" ed è descritto dai contemporanei che trattavano con entrambi i dittatori come l'interlocutore più interessante. Tuttavia, il Duce tendeva anche a monologare aneddoticamente con l'aumentare dell'età. Va sempre notato che le espressioni di Mussolini sono raramente in un contesto principalmente fattuale o relativo a un problema, ma erano principalmente destinate a suscitare una certa impressione sulla controparte o sul lettore. Nella migliore delle ipotesi, rivelano qualcosa indirettamente sulla sua conoscenza e la sua visione del mondo, che è rimasta debitrice alle ideologie irrazionali e reazionarie attraverso tutte le rotture e contraddizioni , ma molto su come valutava il suo pubblico o i suoi interlocutori e voleva essere visto da loro: Anche in La recitazione è proseguita nelle conversazioni faccia a faccia: i suoi visitatori più attenti hanno notato che Mussolini cambiava posizione per adattarsi alle loro. In una conversazione con Emil Ludwig nel 1932, ad esempio, rifiutò qualsiasi teoria razziale come insostenibile, ma in seguito si riferì a Ludwig come a un "ebreo sporco e presuntuoso" a un altro interlocutore. Ci sono molte esagerazioni, invenzioni e contraddizioni che si escludono a vicenda, specialmente nelle sue affermazioni su scienza, arte e cultura. Credendosi un esperto in tutti i campi, Mussolini fece affermazioni assurde come di aver letto tutti i 35 volumi dell'Enciclopedia Italiana , di aver letto i testi degli antichi filosofi greci nell'originale o di essere riuscito a farlo nonostante il peso del lavoro su di lui Leggi circa 70 libri all'anno. Era vero che leggeva Platone in traduzione, per esempio , e che anche le altre sue letture erano piuttosto estese; Occasionalmente inviava commenti e commenti ad autori italiani dopo nuove pubblicazioni. Era in grado di leggere autori tedeschi e francesi nella loro lingua originale. Il regalo di Hitler per il suo sessantesimo compleanno era un'edizione completa di 24 volumi delle opere di Nietzsche. Nonostante le affermazioni contrarie, la letteratura in lingua inglese gli rimase relativamente estranea. Il suo rapporto con le arti dello spettacolo si contraddiceva. Fu personalmente responsabile dell'assegnazione di premi di alto valore, ma spesso si lamentava che l'eccessiva raffinatezza estetica aveva corrotto e addolcito per secoli gli italiani. Secondo la sua stessa affermazione, non capiva le opere di pittura e non andava quasi mai alle mostre. Le solite parole marziali su un "concetto totalitario di cultura" non avevano quasi nessuna conseguenza diretta per la produzione artistica in quest'area, e la cultura popolare - in particolare il cinema - non era così strettamente "gestita" nell'Italia fascista come lo era in Germania. In architettura, Mussolini ha mostrato una preferenza per gli edifici monumentali. Roma dovrebbe - in palese contraddizione con le sue frequenti affermazioni contro l'urbanizzazione dell'Italia - tornare ad essere una metropoli come nell'antichità, raddoppiare la sua popolazione e "superare" i 20 chilometri al mare. Nel centro della città volle demolire tutti gli edifici dei "secoli di decadenza" (che Mussolini intendeva come i 1500 anni tra la caduta dell'antica Roma e il Risorgimento). Quasi nessuno di questi piani, inclusa l'istituzione che simboleggia una statua colossale del fascismo alta 80 metri è stata implementata - ". Ancora una volta, l'annuncio era ciò che contava, l'esecuzione era meno importante" Progettato per l'Esposizione universale del 1942 Il quartiere EUR eretto rimase l'eredità architettonica più sorprendente del fascismo nella capitale.

La ricerca ha messo in prospettiva lo stile di vita modesto di Mussolini, evidenziato dalla propaganda. Già nel 1919 la famiglia Mussolini poté trasferirsi in un appartamento di rappresentanza in Foro Buonaparte a Milano; A quel tempo Mussolini non solo possedeva un'auto, ma fu anche una delle prime persone in Europa a possedere un aereo privato. Personalmente, Mussolini era in qualche modo indifferente al lusso e al denaro, ma divenne rapidamente molto ricco come primo ministro. Ricevette lo stipendio di capo del governo solo (32.000 lire annue) fino al 1928 (e poi di nuovo dal 1943). Gran parte del suo reddito consisteva in tasse e diritti d'autore su articoli, discorsi e altri scritti. Per un periodo, ad esempio, il magnate della stampa americano William Randolph Hearst gli ha pagato l'allora alta somma di 1.500 dollari a settimana per articoli occasionali sui suoi giornali. Un editore britannico gli pagò un anticipo di 10.000 sterline per un'autobiografia che Mussolini scrisse (o aveva scritto) nel 1927/28. Il Popolo d'Italia non era solo il portavoce del regime, ma anche di proprietà di Mussolini e, con circa 700 dipendenti, una redditizia grande azienda di stampa. La famiglia Mussolini possedeva anche circa 30 ettari di buon seminativo in Romagna, che aveva coltivato presso una moderna azienda agricola modello. Al contrario, le spese da sostenere personalmente da Mussolini erano piccole. I grandi proprietari terrieri Torlonia lasciarono la loro villa romana al Duce per un affitto simbolico. La Rocca delle Caminate presso Predappio, che Mussolini aveva scelto come sua vecchiaia e residenza di famiglia , gli diede nel 1927 "la nazione".

Aldilà

Dopo la sepoltura nel 1957, la cittadina di Predappio divenne "luogo di pellegrinaggio " per i seguaci di Mussolini. Gli oggetti devozionali erano disponibili ad ogni angolo di strada fino a quando il governo locale ha vietato le vendite nei negozi nell'aprile 2009. Ogni anno in luglio e aprile nell'anniversario della nascita e morte di Mussolini e in ottobre nell'anniversario della Marcia su Roma , diverse migliaia di neofascisti si radunano a Predappio; la loro marcia verso il cimitero di San Cassiano è stata a lungo guidata da un sacerdote della Fraternità di San Pio .

L'immagine pubblica di Mussolini in Italia cambiò radicalmente. Fino agli anni '80 i tre grandi partiti -  PCI , PSI e, con  qualche restrizione, Dc - si sono ugualmente impegnati nell'eredità della Resistenza. L'aperta ammirazione per il Duce è stata riservata al neofascista Msi , che ha ricevuto oltre il 20 per cento dei voti alle elezioni nelle sue roccaforti nel centro-sud Italia. Meno visibili, ma politicamente più importanti, furono gli orientamenti fascisti conservati nelle reti della borghesia italiana e negli apparati militari, di polizia e dei servizi segreti. Già nei decenni del dopoguerra, un'influente sezione del giornalismo italiano - in primo piano il giornalista conservatore e autore di saggistica molto letto Indro Montanelli - utilizzò l'immagine del "buon zio Mussolini", che come dittatore paternalistico non fece altro che " fare facce". La pubblicazione della prima parte del terzo volume della biografia mussoliniana Renzo De Felices e la successiva polemica innescata da un'intervista all'autore neoconservatore americano Michael Ledeen hanno segnato il passaggio di importanti storici contemporanei a posizioni antifasciste nel 1974/75. La tesi consensuale di De Felice e la sua distinzione tra regime fascista e movimento fascista (al quale sostanzialmente attribuiva anche Mussolini), non reazionario e repressivo, ma orientato al futuro, ottimista e sostenuto dalla borghesia nascente volenterosa di modernizzare, ha mostrato ai critici di sinistra come lo storico Nicola Tranfaglia un tentativo di riabilitazione del movimento fascista su larga scala.

Dopo il 1980, nel discorso pubblico su Mussolini e il regime fascista emersero tratti sempre più relativistici, dalla messa in discussione inizialmente prudente di vere o presunte leggende della cultura antifascista del ricordo all'aperta giustificazione del Duce . A cavallo del 1987/88, De Felice, sostenuto da giornalisti come Montanelli e voci dell'ambiente dell'ex presidente del Consiglio Bettino Craxi , dichiara guerra alla cultura ufficiale dell'antifascismo in diversi articoli di giornale. Al culmine di questa campagna, Mussolini degli anni 1943-45 è stato ritratto come un "eroe tragico" che si è sacrificato per la patria in un'ampia intervista (Rosso e Nero) pubblicata in forma di libro nel 1995 e più volte ristampata . Con il crollo del sistema partitico italiano all'inizio degli anni '90 e il raggruppamento del campo conservatore attorno a Silvio Berlusconi negli anni successivi, le scuse parzialmente aperte di Mussolini hanno prevalso anche nella politica italiana principale. Da allora, solo le leggi razziali del 1938 e la fatidica alleanza con la Germania sono state criticate in linea di principio. Nel 2003, Berlusconi fece scalpore con l'affermazione che Mussolini non era responsabile di una sola morte e che i campi penali e le prigioni del regime erano "campi di villeggiatura". Da presidente del Consiglio Berlusconi ha permesso ai tifosi di salutarlo in pubblico con il saluto romano e di festeggiare con grida Duce, Duce. Nel 2010, lo storico svizzero Aram Mattioli ha affermato che la "normalità" revisionista nel frattempo è stata attuata e non è più percepita come problematica anche nel "mezzo della società" - con i nomi delle strade, "buoni fascisti" come eroi del cinema e proposte legislative, l'ultimo contingente di Mussolini e volendo equiparare i collaboratori di Salò ai combattenti della Resistenza.

Lo storico australiano Richard Bosworth vede tre radici per questa rivalutazione:

  1. L'inversione di tendenza conservatrice nella storiografia fascista italiana avviata dalla monumentale biografia mussoliniana di Renzo De Felice, affiancata negli anni Novanta da un'ondata di pubblicazioni autobiografiche di vecchi fascisti e favorita a livello internazionale dalla corrente " culturalista " della cultura storica, meno incline alla politica Dominazione e i suoi contenuti interessati,
  2. la de-ideologizzazione della cultura italiana quotidiana, particolarmente avanzata a causa della completa scomparsa del sistema partitico del dopoguerra, e sulla cui scia anche la storia recente del Paese si è trovata nel crogiolo di infotainment ",
  3. il gesto di anti-antifascismo onnipresente nei grandi media e la tesi ben rappresentata nell'ambiente berlusconiano secondo cui il comunismo è stato in ultima analisi responsabile delle catastrofi del XX secolo e dei problemi della storia italiana del dopoguerra.

fonti

Edizioni e raccolte di documenti

  • Renzo De Felice (a cura di): Autobiografia del fascismo. Antologia di testi fascisti 1919-1945. Bergamo 1978.
  • Renzo De Felice (a cura di): Galeazzo Ciano. Diario 1937-1943. Milano 1980.
  • Charles Delzell (a cura di): Fascismo mediterraneo 1919-1945. Londra 1971.
  • Giordano Bruno Guerri (a cura di): Giuseppe Bottai. Diario 1935-1944. Milano 1982.
  • Giordano Bruno Guerri (a cura di): Rapporto al Duce. Il testo stenografico inedito dei colloqui tra i federali e Mussolini nel 1942. Milano 1978.
  • Edoardo Susmel, Duilio Susmel (a cura di): Opera omnia di Benito Mussolini. 36 volumi. Firenze 1951-1963. (Nuova edizione con 8 volumi supplementari Roma 1978-1980.)
  • Mauro Suttora (a cura di): Claretta Petacci. Mussolini segreto. Diari 1932-1938. Milano 2009.

letteratura

Panoramica funziona

  • Margherita G. Sarfatti : Mussolini - biografia. A cura di Alfred M. Balte. Unica edizione tedesca autorizzata. Paul List Verlag Lipsia 1927
  • Richard JB Bosworth : Dittatori, forti o deboli Il modello di Benito Mussolini. In: Richard JB Bosworth (a cura di): The Oxford Handbook of Fascism. Oxford 2010, pp. 259-275.
  • Richard JB Bosworth: Mussolini. Londra 2002.
  • Richard JB Bosworth: L'Italia di Mussolini. La vita sotto la dittatura. Londra 2005.
  • Richard JB Bosworth: La dittatura italiana. Problemi e prospettive nell'interpretazione di Mussolini e del fascismo. Londra 1998.
  • Martin Clark: Mussolini. Harlow 2005.
  • Paul Corner: Fascismo italiano: che fine ha fatto la dittatura In: Il giornale di storia moderna. Vol. 74 (2002), pp. 325-351.
  • Renzo De Felice: Mussolini.
    • Il rivoluzionario 1883-1920. Torino 1965.
    • Il fascista.
      • La conquista del potere 1921-1925. Torino 1966.
      • L'organizzazione dello Stato fascista 1925-1929. Torino 1968.
    • Il duce.
      • Gli anni del consenso 1929-1936. Torino 1974.
      • Lo Stato totalitario 1936-1940. Torino 1981.
    • L'alleato.
      • L'Italia in guerra 1940-1943.
        • Dalla era breve alla guerra lunga. Torino 1990.
        • Crisi e agonia del regime. Torino 1990.
      • La guerra civile 1943-1945. Torino 1997.
  • Nicholas Farrell: Mussolini. Una nuova vita. Londra 2003.
  • Giuseppe Finaldi: Mussolini e il fascismo italiano. Harlow 2008.
  • MacGregor Knox: Mussolini scatenato 1939-1941. Politica e strategia nell'ultima guerra dell'Italia fascista. Cambridge 1982.
  • Aurelio Lepre: Mussolini l'Italiano. Il Duce nel mito e nella realtà. Milano 1995.
  • Denis Mack Smith : Mussolini. Londra 1981.
  • Pierre Milza : Mussolini. Parigi 1999.
  • Luisa Passerini: Mussolini immaginario. Storia di una biografia 1915-1939. Bari 1991.
  • Giorgio Pini, Duilio Susmel: Mussolini. L'uomo e l'opera. 4 volumi, Firenze 19531955 (La prima vasta biografia postbellica di Mussolini è usata come riferimento ai giorni nostri, nonostante il background fascista dell'autore per la sua ricchezza di dettagli.)
  • Wolfgang Schieder : Benito Mussolini. In: Wolfgang Schieder: dittature fasciste. Studi su Italia e Germania. Gottinga 2008, pp. 31-56.
  • Wolfgang Schieder: Benito Mussolini. Beck, Monaco 2014, ISBN 978-3-406-66982-8 .
  • Hans Woller : Mussolini. Il primo fascista. 2a edizione corretta. Beck, Monaco 2016, ISBN 978-3-406-69837-8 .

Il primo Mussolini

  • Giorgio Fabre: il primo antisemitismo commesso di Mussolini. In: Fonti e ricerche da archivi e biblioteche italiane. 90, 2010, pp. 346-372. (in linea)
  • Klaus Heitmann : Delenda Germania! La Germania dal punto di vista del giovane Mussolini. In: Fonti e ricerche da archivi e biblioteche italiane . 90, 2010, pp. 311-345. (in linea)
  • Paul O'Brien: Mussolini nella prima guerra mondiale. Il giornalista, il soldato, il fascista. Oxford/New York 2005.
  • Hans Woller: Ante portas. Mussolini a Trento 1909. In: Hannes Obermair , Stephanie Risse, Carlo Romeo (a cura di): Società civile regionale in movimento - Cittadini innanzi tutto. Festschrift per Hans Heiss. Folio Verlag, Vienna e altri 2012, ISBN 978-3-85256-618-4 , pp. 483-500.

Gli ultimi mesi

  • Giorgio Cavalleri, Franco Giannantoni, Mario J. Cereghino: La fine. Gli ultimi giorni di Benito Mussolini nei documenti dei servizi segreti americani 19451946. Milano 2009.
  • Sergio Luzzatto : Il corpo del Duce. Un cadavere traimmaginazione, storia e memoria. Torino 1998.
  • Pierre Milza: Les derniers jours de Mussolini. Parigi 2012.
  • Ray Moseley: Mussolini. Gli ultimi 600 giorni de Il Duce. Dallas 2004.
  • Morgan Philip: La caduta di Mussolini. L'Italia, gli italiani e la seconda guerra mondiale. Oxford 2008.

Relazione con Hitler e la Germania

  • Frederick William Deakin: L'amicizia brutale. Hitler, Mussolini e la caduta del fascismo italiano. Tradotto dall'inglese da Karl Römer. Kiepenheuer & Witsch, Colonia 1962.
  • Lutz Klinkhammer : Tra l'alleanza e l'occupazione. Germania Nazionalsocialista e Repubblica di Salò (= biblioteca dell'Istituto Storico Germanico di Roma. Vol. 75). Niemeyer, Tubinga 1993, ISBN 3-484-82075-6 .
  • Etichetta di Jobst : Paura della Germania - L'immagine della Germania di Mussolini. Kovac, Amburgo 2015, ISBN 978-3-8300-8340-5 .
  • MacGregor Knox: Destino comune. Dittatura, politica estera e guerra nell'Italia fascista e nella Germania nazista. Cambridge University Press, Cambridge 2000, ISBN 0-521-58208-3 .
  • Pierre Milza: Conversazioni Hitler-Mussolini 1934-1944. Fayard, Parigi 2013, ISBN 978-2-213-66893-2 .
  • Wolfgang Schieder: Mito Mussolini. Tedeschi in udienza con il Duce. Oldenbourg, Monaco di Baviera 2013, ISBN 978-3-486-70937-7 .
  • Hans Woller : Calcolo della politica di potere o affinità ideologica Sulla questione del rapporto tra Mussolini e Hitler prima del 1933. In: Wolfgang Benz , Hans Buchheim , Hans Mommsen (a cura di): Nazionalsocialismo. Studi su ideologia e dominio. Fischer-Taschenbuch-Verlag, Francoforte sul Meno 1993, ISBN 3-596-11984-7 , pp. 42-63.

romanzo

link internet

Commons : Benito Mussolini  - raccolta di immagini, video e file audio
Wikizionario: Duce  - spiegazione dei significati, origine delle parole, sinonimi, traduzioni

risorse

Biografico

Osservazioni

  1. ^ Richard JB Bosworth: Mussolini . Londra 2010, pagina 49.
  2. Cfr. Milza, Pierre, Mussolini, Paris 1999, pp. 66, 70.
  3. ^ A b Marc Tribelhorn: Quando Mussolini ricevette la laurea honoris causa dall'Università di Losanna In: Neue Zürcher Zeitung del 3 aprile 2018
  4. Bosworth: Mussolini. pag.62.
  5. Bosworth: Mussolini. Pagg. 54, 59.
  6. Wolfgang Schieder: Benito Mussolini. Monaco 2014, pagina 27.
  7. Bosworth: Mussolini. Pag. 53.
  8. Karin Priester: Il fascismo italiano. Fondamenti economici e ideologici. Colonia 1972, pagina 88 f.
  9. ^ Sacerdote: Fascismo, pp. 84-86. Vedi anche Bosworth: Mussolini. Pag. 61.
  10. ^ Sacerdote: Fascismo, pagina 89.
  11. Citato da Priester: Faschismus, p.90 .
  12. Bosworth: Mussolini. pag. 60.
  13. Bosworth: Mussolini. pag. 62 f.
  14. a b c Bosworth: Mussolini. pag. 63.
  15. Bosworth: Mussolini. Pag. 57.
  16. Angelo Tasca: Credere, obbedire, combattere. Nascita del fascismo. Vienna / Francoforte / Zurigo 1969, pagina 51.
  17. Vedi Bosworth: L'Italia di Mussolini. pag. 40.
  18. ^ Paul O'Brien: Mussolini nella prima guerra mondiale. Il giornalista, il soldato, il fascista . Oxford / New York 2005, pagina 49.
  19. ^ Paul O'Brien: Mussolini. pag.49.
  20. Bosworth: Mussolini. pag. 66.
  21. Bosworth: Mussolini. pag. 69.
  22. Bosworth: Mussolini. pag.70.
  23. Sacerdote: Fascismo, p.94.
  24. Clark: Mussolini. pag. 18.
  25. Bosworth: Mussolini. pag.81.
  26. Vedi Bosworth: L'Italia di Mussolini. Pag. 40, 46.
  27. Sacerdote: Fascismo, p.95.
  28. Citato da Priester: Faschismus, p.95 .
  29. Bosworth: Mussolini. pag.76.
  30. Citato in Bosworth: Mussolini. Pag. 77.
  31. Clark: Mussolini. pag.17.
  32. ^ Morgan, Philip, Fascismo italiano, 1919-1945, Houndmills-London 1995, p.9.
  33. Bosworth: Mussolini. pag.82.
  34. Bosworth: Mussolini. pag.84.
  35. Citato in Bosworth: Mussolini. 84. Vedi anche O'Brien: Mussolini nella prima guerra mondiale, pagina 34.
  36. Bosworth: Mussolini. pag. 87.
  37. Bosworth: Mussolini. pag.88.
  38. ^ Elaborato in dettaglio in Renzo De Felice: Mussolini il rivoluzionario 18831920. Torino 1965. Una critica classica in Franco Catalano: Mussolini rivoluzionario. In: Il movimento di liberazione in Italia. (n. 80 / luglio-settembre 1965), pp. 101-110.
  39. a b c Bosworth: Mussolini. pag. 89.
  40. ^ O'Brien: Mussolini nella prima guerra mondiale, pagina 33.
  41. Martin Clark: Mussolini . Harlow 2005, pagina 23 f.
  42. Citato da Pierre Milza: Mussolini. Parigi 1999, pagina 174.
  43. Citato da Priester: Faschismus, p.100 .
  44. Richard Drake: Apostoli e agitatori. La tradizione marxista rivoluzionaria italiana . Cambridge MA 2003, pagina 127.
  45. ^ O'Brien: Mussolini nella prima guerra mondiale, pp. 34, 39 e Milza: Mussolini ', p. 175.
  46. Bosworth: Mussolini. pag. 91.
  47. Angelo Tasca: Credere, obbedire, combattere. Nascita del fascismo, p.31 f.
  48. Angelo Tasca: Credere, obbedire, combattere. Nascita del fascismo. Vienna / Francoforte / Zurigo 1969, pagina 35.
  49. Angelo Tasca: Credere, obbedire, combattere. L'ascesa del fascismo, pagina 34.
  50. ^ Richard JB Bosworth: L'Italia di Mussolini. La vita sotto la dittatura 1915-1945 . Londra 2006, pagina 56.
  51. ^ Richard JB Bosworth: Mussolini . Londra 2010, pagina 91.
  52. Vedere Clark: Mussolini. pag. 25.
  53. Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.56.
  54. Thomas Widrich: " Tant'inchiostro di stampa quanto sangue umano" - Propaganda e letteratura di guerra nell'Italia neutrale (agosto 1914 - maggio 1915) . Francoforte sul Meno 1998, pagina 48.
  55. Bosworth: Mussolini. P. 90. Vedi anche Christopher Andrew: MI5. La vera storia dell'intelligence britannica . Berlino 2010, p.153 e Reclutati dall'MI5: il nome di Mussolini. Benito Mussolini . In: The Guardian , 13 ottobre 2009, consultato il 15 giugno 2014.
  56. Bosworth: Mussolini. pag. 92.
  57. Sul contenuto discutibile del concetto di rivoluzione tra gli interventisti si veda Bosworth, Richard, Italy and the Approach of the First World War, London-Basingstoke 1983, p.127 f. L'ala interventista dell'USI fonda l' Unione Italiana del Lavoro (UIL ), che acquisì una certa importanza solo a partire dal 1918. Nel 1919 i Fasci di combattimento rilevarono in gran parte la parte sociale del loro programma dalla UIL.
  58. Karin Priester: Il fascismo italiano. Fondamenti economici e ideologici. Colonia 1972, p.103. Per i dettagli, O'Brien: Mussolini in the First World War, pp.40-49.
  59. Bosworth: Mussolini. pag. 94.
  60. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 93.
  61. ^ O'Brien: Mussolini nella prima guerra mondiale, pagina 40.
  62. Citato da Priester: Faschismus, p.107 .
  63. Bosworth: Mussolini. P. 101 e preti: Fascismo, p. 111.
  64. Bosworth: Mussolini. pag.101.
  65. Bosworth: Mussolini. pag. 102.
  66. Citato da Priester: Faschismus, p.110 .
  67. Citato in Bosworth: Mussolini. pag. 100.
  68. Sacerdote: Fascismo, p.111.
  69. Bosworth: Mussolini. pag. 95.
  70. Bosworth: Mussolini. P. 95 e lo stesso: L'Italia di Mussolini, pp. 60-63.
  71. Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.65.
  72. Vedere Clark: Mussolini. pag. 30.
  73. Giovanna Procacci, citata da Mark Thompson: The White War. Vita e morte sul fronte italiano 1915-1919 . Londra 2009, pagina 36.
  74. ^ Giovanna Procacci: Le conseguenze politiche e sociali della prima guerra mondiale in Italia e la crisi dello Stato liberale. In: Hans Mommsen (a cura di): La prima guerra mondiale e l'ordine europeo del dopoguerra. Cambiamento sociale e cambiamento nella forma della politica . Colonia / Weimar / Vienna 2000, pagine 165183, pagina 171.
  75. ^ Charles S. Maier: Rifusione dell'Europa borghese. Stabilizzazione in Francia, Germania e Italia nel decennio successivo alla prima guerra mondiale . Princeton 1975, pagina 305.
  76. Bosworth: Mussolini. pag. 106 f.
  77. ^ Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.105.
  78. ^ Bosworth: L'Italia di Mussolini, pp. 101, 106, 108.
  79. ^ Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.109.
  80. Angelo Tasca: Credere, obbedire, combattere. Nascita del fascismo, p.60.
  81. Angelo Tasca: Credere, obbedire, combattere. Nascita del fascismo, p.65.
  82. Vedi Morgan, Italian Fascism, p.15. Vedi anche Lyttelton, Adrian, The Seizure of Power. Fascismo in Italia 1919-1929, Londra 1987, p.48.
  83. ^ Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.117.
  84. ^ "Il programma è stato redatto, pubblicizzato e poi lasciato a raccogliere polvere." Bosworth: Mussolini's Italy, p. 118.
  85. Sacerdote: Fascismo, p.188.
  86. Citato da Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.120.
  87. Angelo Tasca: Credere, obbedire, combattere. Rise of Fascism, p.66 f. E Bosworth: Mussolini. pag. 114 f.
  88. Bosworth: Mussolini. pag. 117.
  89. Vedi Lyttelton, Sequestro del potere, p.46.
  90. Citato da Lyttelton, La conquista del potere, pagina 51.
  91. Lyttelton, La conquista del potere, pagina 51.
  92. Citato in Bosworth: Mussolini. pag.118.
  93. ^ A b Procacci: Le conseguenze politiche e sociali della prima guerra mondiale in Italia e la crisi dello Stato liberale, p.180.
  94. ^ Maier: Rifusione dell'Europa borghese, p.306.
  95. ^ Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.130 f. E Maier: Rifusione dell'Europa borghese, p.307.
  96. ^ Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.126.
  97. Angelo Tasca: Credere, obbedire, combattere. L'ascesa del fascismo, p.106.
  98. a b Angelo Tasca: Credi, obbedisci, combatti. L'ascesa del fascismo, p.157.
  99. ^ Procacci: The Political and Social Consequences of the First World War in Italy and the Crisis of the Liberal State, p.180 f. Uno studio speciale su questo argomento è Elazar, Dahlia S., The Making of Fascism. Classe, Stato e Controrivoluzione, Italia 1919-1922 , Westport (Conn.) - Londra 2001. Si veda anche Adrian Lyttelton, La conquista del potere , pp. 39f.
  100. Angelo Tasca: Credere, obbedire, combattere. L'ascesa del fascismo, p.127.
  101. Citato da Angelo Tasca: Credere, obbedire, combattere. L'ascesa del fascismo, p.157.
  102. Bosworth: Mussolini. Pag. 121.
  103. Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.153.
  104. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 121.
  105. Cfr. Lyttelton, La conquista del potere, p.48f.: In primo luogo la divisione, è importante capire, non era quella tra diversi programmi o concezioni sociali, ma tra il pragmatismo di Mussolini, che desiderava usare il Parlamento e stringere alleanze con i vecchi partiti, e il perseguimento dell'intransigenza integrale».
  106. Vedi Lyttelton, La conquista del potere, p.50.
  107. Bosworth: Mussolini. pag. 123.
  108. ^ Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.148.
  109. ^ Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.173 f.
  110. Citato da Angelo Tasca: Credere, obbedire, combattere. L'ascesa del fascismo, p.180.
  111. Angelo Tasca: Credere, obbedire, combattere. Rise of Fascism, p.175. Vedi anche Bosworth: Mussolini's Italy, p.173 .
  112. a b Citato da Bosworth: Mussolini's Italy, p.175.
  113. Bosworth: Mussolini. pag. 122.
  114. Citato da Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.175 f.
  115. ^ Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.176.
  116. Citato in Bosworth: Mussolini. pag. 123.
  117. Bosworth: Mussolini. pag. 135.
  118. ^ Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.177.
  119. Bosworth: Mussolini. pag.141.
  120. Bosworth: Mussolini. Pag. 138.
  121. Bosworth: Mussolini. P. 137. Vedi anche Bosworth: Mussolini's Italy, p. 179.
  122. Wolfgang Schieder: Mito Mussolini. Tedeschi in udienza con il Duce . Monaco 2013, pagina 220.
  123. Klaus-Peter Hoepke: La destra tedesca e il fascismo italiano. Un contributo all'immagine di sé e alla politica di gruppi e associazioni della destra tedesca . Düsseldorf 1968, pagina 14. Il rapporto di Wolff su un "pubblico" con Mussolini è stampato in Schieder: Mythos Mussolini, pagine 221-230.
  124. ^ Giuseppe Finaldi: Mussolini e il fascismo italiano . Harlow 2008, pagina 45.
  125. ^ Finaldi: Mussolini. P. 46. Vedi anche Wolfgang Schieder: The Italian Fascism . Monaco 2010, pagina 29.
  126. Jens Renner WOZ , 1 novembre 2012
  127. Schieder: Fascismo, p.30 .
  128. ^ Sven Reichardt: Il crollo del parlamentarismo in Italia dopo la prima guerra mondiale 1919-1929. In: Andreas Wirsching (a cura di): Sfide della democrazia parlamentare. La Repubblica di Weimar in un confronto europeo . Monaco 2007, pp. 61-86, p. 80.
  129. Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.181. Schieder: Faschismus, p.31 parla di 14.000 partecipanti.
  130. ^ Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.180 e Bosworth: Mussolini. pag. 139.
  131. Schieder: Fascismo, pagina 33.
  132. De Stefani è stato professore all'Università di Padova, avvocato Oviglio a Bologna, ex funzionario Giuriati ed ex segretario Gabriele D'Annunzios. Cfr. Bosworth, L'Italia di Mussolini, pp. 185 s.
  133. Finaldi, Mussolini. P. 47. Vedi anche Bosworth, Mussolini's Italy, p.187 .
  134. Citato da Finaldi, Mussolini. pag.141.
  135. Cfr Mack Smith, Mussolini. pag. 58.
  136. Mack Smith, Mussolini. pag.62.
  137. Clark, Mussolini. Pag. 67.
  138. Finaldi, Mussolini. P. 49. Vedi anche Clark, Mussolini. pag.70.
  139. Vedi Bosworth, Mussolini's Italy, pp. 187 f. Vedi anche Mack Smith, Mussolini. pag. 65.
  140. Finaldi, Mussolini. pag. 50.
  141. Nuove elezioni in Italia , NZZ , 12 dicembre 1923, primo Morgenblatt, frontespizio; Citazione: Quando gli Onoraboli hanno voluto rivedersi ieri, dopo che i lavori della sessione erano appena iniziati, non per creare problemi al governo - da tempo abbandonato a Montecitorio - ma per estendere tacitamente i loro poteri straordinari di Mussolini, quando il presidente del Consiglio ha ricevuto loro un regio decreto che dichiara chiusa la sessione. (...) Mussolini resta fedele al suo ruolo di disprezzatore del parlamentarismo; Da un anno gioca con questa camera, che non si è portata a morire in bellezza, gatto e topo".
  142. Elezioni di Mussolini , NZZ , 27 febbraio 1924, First Morning Gazette, frontespizio
  143. Mack Smith, Mussolini. P. 71. Vedi anche ibid., P. 74 f.
  144. Finaldi, Mussolini. pag.51.
  145. Sistema plebiscitario (1929-1934) , sito web del Parlamento italiano, consultato il 29 novembre 2020
  146. Cfr Bosworth, Mussolini. Pp. 158, 160. Vedi anche lo stesso, Mussolini's Italy, p. 211.
  147. Citato da Mack Smith, Mussolini. pag.78.
  148. Cfr Mack Smith, Mussolini. pag.78.
  149. Clark, Mussolini. pag. 86.
  150. Bosworth, Mussolini. Pag. 163.
  151. Cfr Mack Smith, Mussolini. pag.80.
  152. Cfr. Bosworth, L'Italia di Mussolini, pp. 211 s.
  153. Citato da Mack Smith, Mussolini. pag.82.
  154. Cfr Mack Smith, Mussolini. Pp. 84 f. Vedi anche Clark, Mussolini. pag. 86.
  155. Citato da Bosworth, Mussolini. pag. 166.
  156. Clark, Mussolini. pag.88.
  157. Cfr. Bosworth, L'Italia di Mussolini, p.216.
  158. ^ Bosworth, L'Italia di Mussolini, p.216.
  159. Cfr Finaldi, Mussolini. pag. 55.
  160. Freya Johnston: La donna che sparò a Mussolini di Frances Stonor Saunders: recensione. telegraph.co.uk, 26 febbraio 2010, accesso 23 febbraio 2021 .
  161. Cfr. Bosworth, L'Italia di Mussolini, p.216.
  162. Citato da Clark, Mussolini. pag. 105.
  163. Cfr Clark, Mussolini. pag. 100 f.
  164. Citato da Bosworth, L'Italia di Mussolini, p.215.
  165. Cfr Clark, Mussolini. pag. 109 f.
  166. ^ Sacerdote, Fascismo, p.276.
  167. Cfr Finaldi, Mussolini. P.56.
  168. Cfr Clark, Mussolini. pag. 106 f.
  169. Cfr Mack Smith, Mussolini. pag. 116 f.
  170. ^ Sacerdote, Fascismo, p.244.
  171. Mack Smith, Mussolini. pag. 117.
  172. Clark, Mussolini. pag. 181.
  173. Cfr Mack Smith, Mussolini. pag. 60.
  174. Clark, Mussolini. pag.176.
  175. Cfr Clark, Mussolini. pag. 176 f.
  176. Cfr Clark, Mussolini. pag. 167.
  177. Cfr Clark, Mussolini. pag 180.
  178. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 201.
  179. Cfr Clark, Mussolini. P. 179. Vedi anche Mack Smith, Mussolini. pag. 97.
  180. Vedere Clark: Mussolini. P. 107 e Mack Smith: Mussolini. pag. 149.
  181. Vedere Clark: Mussolini. pag. 107.
  182. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 189.
  183. Clark: Mussolini. pag.108.
  184. ^ Frank Ernst Müller: Aspetti della retorica di Benito Mussolini - l''oratoria di piazza' . Université de Picardie Jules Verne, nessun anno in linea ( Memento del l' originale datata 12 febbraio 2019 nella Internet Archive ) Info: Il dell'archivio collegamento è stato inserito automaticamente e non è stata ancora verificata. Si prega di controllare il collegamento originale e archivio secondo le istruzioni e quindi rimuovere questo avviso. (PDF), pagina 4. @1@ 2Modello: Webachiv / IABot / www.u-picardie.fr
  185. Mack Smith: Mussolini. Pag. 124.
  186. Citato in Bosworth: Mussolini. pag.172.
  187. Vedi Bosworth: Mussolini. pag.173.
  188. Bosworth: Mussolini. pag.171.
  189. Vedi Mack Smith: Mussolini. Pagg. 111, 113.
  190. Finaldi, Mussolini, p.77.
  191. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 211.
  192. Citato da Mack Smith: Mussolini. pag. 125.
  193. Citato in Bosworth: Mussolini. pag. 140.
  194. Citato da Mack Smith: Mussolini. pag. 126.
  195. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag.143.
  196. Mack Smith: Mussolini. P. 111. L'insicurezza politica e personale di Mussolini, coperta di cinismo per il suo ambiente immediato, è anche un filo conduttore essenziale nell'opera di Richard Bosworth.
  197. Mack Smith: Mussolini. pag. 109 f.
  198. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag. 129.
  199. Vedi Mack Smith: Mussolini. P. 146. Vedi anche Bosworth: Mussolini. P. 179 sg. E lo stesso L'Italia di Mussolini, p. 327, 361 sg.
  200. Vedi Bosworth: Mussolini. P. 177 e Mack Smith: Mussolini. pag. 111.
  201. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag. 129 f.
  202. Vedi Bosworth: L'Italia di Mussolini. Pag. 354.
  203. Bosworth: l'Italia di Mussolini. P. 356. Vedi anche ibid, p. 355.
  204. Citato da Mack Smith: Mussolini. pag. 128.
  205. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag.108.
  206. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag. 128 f.
  207. Vedere Clark: Mussolini. Pag. 146 ss.
  208. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 226.
  209. Clark: Mussolini. pag.148.
  210. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag. 130.
  211. Clark: Mussolini. pag. 73.
  212. Citato da Clark: Mussolini. pag. 110.
  213. Vedere Clark: Mussolini. pag. 110 f.
  214. Vedere Clark: Mussolini. pag. 169.
  215. Vedi Mack Smith: Mussolini. Pag. 120.
  216. a b c Mack Smith: Mussolini. pag. 119.
  217. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag. 119.
  218. Vedere Clark: Mussolini. Pag. 112.
  219. Vedere Clark: Mussolini. Pag. 156.
  220. Vedere Clark: Mussolini. Pag. 112.
  221. Vedere Clark: Mussolini. P. 128 e Mack Smith: Mussolini. pag. 123.
  222. Vedi Mack Smith: Mussolini. P. 122 e Clark: Mussolini. pag. 132 f.
  223. Vedere Clark: Mussolini. pag.154.
  224. Vedere Clark: Mussolini. pag. 154 f.
  225. Clark: Mussolini. Pag. 156.
  226. Vedere Clark: Mussolini. Pagg. 154, 157.
  227. Sabine Gruber: Le città in provetta di Mussolini, ad esempio Sabaudia In: Neue Zürcher Zeitung del 7 settembre 2018
  228. Vedi Finley, Moses, Mack Smith, Denis, Duggan, Christopher, Storia della Sicilia e dei Siciliani, 4a edizione rivista bibliograficamente. Monaco di Baviera 2010, pagina 332.
  229. Bosworth: l'Italia di Mussolini. pag. 168.
  230. Cfr. Finley, Mack Smith, Duggan, Geschichte Siziliens, pp. 335, 337. Cfr. Bosworth: Mussolini's Italy. pag. 209.
  231. Vedere Clark: Mussolini. pag. 130.
  232. ^ Finley, Mack Smith, Duggan, Geschichte Siziliens , p.338.
  233. Vedi Finley, Mack Smith, Duggan, Geschichte Siziliens , p.335.
  234. ^ Finley, Mack Smith, Duggan, Geschichte Siziliens , pp. 336, 343.
  235. Mack Smith: Mussolini. pag. 93.
  236. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag. 103.
  237. Vedi Finley, Mack Smith, Duggan, Geschichte Siziliens , p.342.
  238. Vedere Clark: Mussolini. pag. 115.
  239. Vedere Clark: Mussolini. pag. 116.
  240. Citato da Clark: Mussolini. pag. 117.
  241. Deschner, Karlheinz: Il gallo cantò di nuovo . Econ Verlag, Düsseldorf / Vienna 1980, ISBN 3-430-12064-0 , p. 870 .
  242. Un'introduzione è fornita da Richard JB Bosworth, The Italian Dictatorship. Problemi e prospettive nell'interpretazione di Mussolini e del Fascismo, Londra 1998, pp. 82-105 e passim.
  243. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 199.
  244. Finaldi, Mussolini, p.86.
  245. ^ Bosworth, Richard, Italian Foreign Policy and its Historiography, in: Bosworth, Richard, Rizzo, Gino (a cura di), Altro Polo: Intellectuals and their Ideas in Contemporary Italy, Sydney 1983, pp. 65-86, p. 78.
  246. Fondamentalmente Richard JB Bosworth, L'Italia e il resto del mondo 18601960, Londra-New York 1996, qui in particolare pp. 3654.
  247. Le due opere rilevanti qui sono Knox, MacGregor, Mussolini Unleashed 1939-1941. Politica e strategia nell'ultima guerra dell'Italia fascista, Cambridge 1982 e lo stesso, Common Destiny. Dittatura, politica estera e guerra nell'Italia fascista e nella Germania nazista, Cambridge 2000.
  248. ^ Burgwyn, H. James, Diplomazia e guerra mondiale. Il (primo) asse del male, in: Richard JB Bosworth (a cura di), The Oxford Handbook of Fascism, Oxford 2010, pp. 317-335, p. 318.
  249. Lo studio classico di questa direzione, più chiaro nella sua affermazione, è Quartararo, Rosaria, Roma tra Londra e Berlino. La politica estera fascista dal 1931 al 1940, Roma 1980. Sulla contraddizione irrisolta tra il presupposto di una politica estera "normale", "realistica" e la tendenza dei De Felicean a esprimere "letteralmente" il fascismo italiano in tutte le altre materie Bosworth, L'Italia e il resto del mondo, p. La contraddizione caratterizza anche il rapporto tra questa scuola e la Knox, che sostanzialmente trasferisce alla politica estera solo la visione di De Felice e Gentile sulla politica interna del regime, ma è stata attaccata da De Felice come "giornalista storico". Vedi ibid, pagina 40.
  250. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag.154.
  251. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 256.
  252. Vedere Clark: Mussolini. pag. 181.
  253. Vedi Benedizione, Ralph, La pace possibile. La modernizzazione della politica estera e le relazioni franco-tedesche 1923-1929, Monaco 2008, p.310.
  254. Citato da Mack Smith: Mussolini. Pag. 155.
  255. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag.154.
  256. Vedi Mack Smith: Mussolini. Pag. 155.
  257. Su Renzetti vedi Wolfgang Schieder: Faschismus impolitische Transfer. Giuseppe Renzetti come propagandista fascista e agente segreto a Berlino 1922-1941, in: Sven Reichardt, Armin Nolzen (a cura di): Fascismo in Italia e Germania. Studi sul trasferimento e sul confronto. Gottinga 2005, pp. 28-58. Vedi anche Bosworth: Mussolini. pag. 218.
  258. Vedi Edgar R. Rosen: Mussolini e la Germania 19221923. In: Libri trimestrali di storia contemporanea. Vol. 5 (1957), pp. 17-41, pp. 23f. ( PDF (PDF))
  259. Cfr Schieder, fascismo in trasferimento politica, pag. 48.
  260. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 217.
  261. ^ Renzo De Felice: Mussolini il duce. Parte 1: Gli anni del consenso 1929-1936. Torino 1974, p.423 (nota 1).
  262. Cfr. Lowe, Cedric, Marzari, Frank, Italian Foreign Policy 1870-1940, London 1975, pp. 231 f.
  263. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 217.
  264. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 219.
  265. Citato in Bosworth: Mussolini. pag. 217.
  266. Citato in Bosworth: Mussolini. pag. 220.
  267. Vedi Bosworth: Mussolini. Pp. 220 sg., 227 sg.
  268. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 220 f.
  269. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 221.
  270. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 219.
  271. Vedere Clark: Mussolini. pag. 184.
  272. Citato da Clark: Mussolini. pag. 184.
  273. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 219.
  274. Citato in Bosworth: Mussolini. pag. 227.
  275. Vedi Bosworth: Mussolini. P. 227 e Mack Smith: Mussolini. pag. 184 f.
  276. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag. 185.
  277. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 205 f.
  278. ^ Del Boca, Angelo, Gli italiani in Libia (Volume 2). Dal fascismo a Gheddafi, Bari 1988, p.183.
  279. Cfr. Rodogno, Davide, Fascism and War, in: Bosworth, Richard JB (Ed.), The Oxford Handbook of Fascism, Oxford 2010, pp. 239-258, pp. 243 f.
  280. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 207.
  281. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 207.
  282. Vedi Bosworth: L'Italia di Mussolini. P.380.
  283. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag.170.
  284. Tuttavia, questi gesti tattici nei confronti del nazionalismo arabo non furono associati ad alcun impegno, poiché Mussolini incontrò più volte anche sionisti di spicco come Chaim Weizmann e promosse specificamente il sionismo revisionista (fino al 1938). Cfr. Bosworth, L'Italia e il resto del mondo, pp. 111 f.
  285. ^ Bosworth, L'Italia e il mondo, p.50.
  286. Vedi Bosworth: Mussolini. P.260 f.
  287. ^ Bosworth, L'Italia e il resto del mondo, p.105.
  288. Cfr. soprattutto Rochat, Giorgio, Guerre italiane in Libia e in Etiopia, Treviso 1991 e lo stesso Le guerre italiane 1935-1943. Dall'impero d'Etiopia alla disfatta, Torino 2005.
  289. Vedi Bosworth: L'Italia di Mussolini. P. 379, lo stesso, Mussolini, p. 206 e lo stesso, L'Italia e il mondo, p. 104.
  290. Vedere Clark: Mussolini. pag. 185.
  291. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 228.
  292. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 229.
  293. Vedere Clark: Mussolini. pag. 186.
  294. Vedere Clark: Mussolini. pag. 190 f.
  295. Bosworth: Mussolini. Pag. 241.
  296. Clark: Mussolini. pag. 190.
  297. Vedere Clark: Mussolini. pag.192.
  298. Clark: Mussolini. pag. 193.
  299. Vedi Bosworth: Mussolini. P. 245. Vedi anche Clark: Mussolini. pag.192.
  300. Vedi Bosworth: Mussolini. P. 248 e Clark: Mussolini. Pag. 196.
  301. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 248.
  302. Vedere Clark: Mussolini. pag.198.
  303. Citato da Clark: Mussolini. pag.198.
  304. ^ Renzo De Felice: Mussolini il duce (Parte 1). Gli anni del consenso 1929-1936, Torino 1974, p. 642.
  305. Cfr De Felice, Mussolini il Duce (1), pp. 3, 616, 758.
  306. Bosworth: Mussolini. Pag. 246.
  307. Vedi Bosworth: Mussolini. P. 246. Vedi anche lo stesso, Dittatura italiana, p.76.
  308. Vedere Clark: Mussolini. P.200 f.
  309. Bosworth: Mussolini. pag.264.
  310. Vedere Clark: Mussolini. P. 230 f.
  311. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 265.
  312. Clark: Mussolini. Pag. 234.
  313. Vedi Bosworth: Mussolini. P.265 e Clark: Mussolini. pag.239.
  314. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 267.
  315. Vedere Clark: Mussolini. pag. 238.
  316. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 269.
  317. Vedere Clark: Mussolini. pag. 240.
  318. Vedere Clark: Mussolini. Pag. 242.
  319. Vedi Bosworth: Mussolini. P. 270 e Clark: Mussolini. Pag. 243.
  320. Vedere Clark: Mussolini. Pag. 243.
  321. Citato da Clark: Mussolini. Pag. 244.
  322. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 284.
  323. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 284.
  324. Clark: Mussolini. Pag. 246.
  325. Vedere Clark: Mussolini. pag. 247.
  326. Cfr., ad esempio, Gentile, Emilio, La via italiana al totalitarismo. Il Partito e lo Stato nel regime fascista, Roma 1995, p.136 sg., P. 189 sg.
  327. Finaldi, Mussolini, p.94. Corsivo nell'originale.
  328. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 280.
  329. Citato in Bosworth: Mussolini. Pag. 282.
  330. Bosworth: Mussolini. Pag. 258.
  331. Vedere Clark: Mussolini. P. 219 e Bosworth: Mussolini. pag. 259.
  332. Finaldi, Mussolini, p.95.
  333. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 274.
  334. ^ "L'affermazione che il fascismo fosse sempre stato razzista non era convincente, tranne nel senso che ogni società europea, e certamente quelle liberaldemocratiche in Gran Bretagna e Francia, aveva il potenziale per essere apertamente razzista." Bosworth: Mussolini. Pag. 275.
  335. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 122.
  336. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 271.
  337. Vedere Clark: Mussolini. P. 219 e Bosworth: L'Italia di Mussolini. pag. 415.
  338. Vedere Clark: Mussolini. Pag. 221.
  339. un b Bosworth: Mussolini. pag. 279.
  340. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 271.
  341. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 277.
  342. Vedere Clark: Mussolini. pag. 220.
  343. Vedi Kertzer, David I., The Pope e Mussolini. La storia segreta di Pio XI e l'ascesa del fascismo in Europa, New York 2014, p.307 f.
  344. Cfr Kertzer, Papa e Mussolini, pp. 359 f.
  345. Il discorso, il cui testo integrale è divenuto noto dopo l'apertura dell'archivio nel 2006, non conteneva la critica fondamentale al fascismo a volte sospettata. Vedi Kertzer, Pope e Mussolini, p.373 f.
  346. Clark: Mussolini. Pag. 329.
  347. Vedere Clark: Mussolini. Pag. 212.
  348. Citato da Clark: Mussolini. pag. 225.
  349. Cfr. Passerini, Luisa, Fascismo nella memoria popolare. L'esperienza culturale della classe operaia torinese, Cambridge 1987, pp. 189 f.
  350. Vedere Clark: Mussolini. Pag. 219.
  351. Schieder, Mussolini, p.88.
  352. Vedi anche Sarti, Roland, Fascism and the Industrial Leadership in Italy, 1919-1940, a conferma di ciò. A Study in the Expansion of Private Power under Fascism, Berkeley 1971, p.2 e passim.
  353. Clark: Mussolini. pag. 216.
  354. Martin Clark: Mussolini . Harlow 2005, pagina 248.
  355. Bosworth: Mussolini. Pag. 287.
  356. Bosworth: Mussolini. pag.288.
  357. Mack Smith: Mussolini . Londra 1981, pagina 236.
  358. Wolfgang Schumann ( tra l' altro): la Germania nella seconda guerra mondiale . Volume 1. Preparazione, scatenamento e svolgimento della guerra fino al 22 giugno 1941 . 2a edizione riveduta. Berlino 1975, pagina 173.
  359. Mack Smith: Mussolini. pag.239.
  360. Bosworth: Mussolini. pag. 290.
  361. Clark: Mussolini. Pag. 278.
  362. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag. 237.
  363. Vedi Bosworth: L'Italia di Mussolini. Pag. 443, 446 e Clark: Mussolini. pag. 276 f.
  364. Mack Smith: Mussolini. Pp. 237, 239, 247. Vedi anche Clark: Mussolini. P. 253. A causa della mancanza di armi qualitativa e quantitativa, una divisione di fanteria italiana aveva solo un nono della potenza di fuoco di una divisione tedesca. Vedi Schreiber, Gerhard, Stegemann, Bernd, Vogel, Detlef, Il Mediterraneo e l'Europa sudorientale. Dalla non belligeranza dell'Italia all'entrata in guerra degli Stati Uniti (Il Reich tedesco e la seconda guerra mondiale, Volume 3), Stoccarda 1984, p. 61.
  365. Bosworth: Mussolini. Pag. 291.
  366. Bosworth: Mussolini. Pag. 293.
  367. Citato da Mack Smith: Mussolini. pag. 237.
  368. Mack Smith: Mussolini. P. 240. Vedi anche Bosworth: Mussolini. Pag. 292.
  369. Mack Smith: Mussolini. Pag. 241, 243.
  370. Mack Smith: Mussolini. Pag. 241.
  371. Mack Smith: Mussolini. P. 242 e Bosworth: Mussolini. pag. 294 f.
  372. Ian Kershaw: Punti di svolta: decisioni chiave nella seconda guerra mondiale , cap. 4, note 58 e 59.
  373. Tutte le citazioni dalla lettera di Mussolini a Hitler, in: Gerhard Förster, Olaf Groehler (a cura di): La seconda guerra mondiale. Documenti. 3a edizione riveduta e ampliata. Berlino 1989, pp. 59-61.
  374. Clark: Mussolini. Pag. 251.
  375. Schumann: Germania, p.261 f.
  376. Bosworth: Mussolini. pag. 296 f.
  377. Clark: Mussolini. pag. 254.
  378. Clark: Mussolini. pag. 255.
  379. Bosworth: Mussolini. pag. 299.
  380. Mack Smith: Mussolini. pag. 250.
  381. Renzo De Felice: Mussolini il duce (Volume 2: Lo Stato totalitario 19361940 ), Torino 1996, p.844 citando con approvazione il discorso di Churchill one man alone a Radio Londra del 23 dicembre 1940.
  382. Bosworth: Mussolini. P. 300. Simile a Clark: Mussolini. pag. 255.
  383. Davide Rodogno: Fascismo e guerra. In: Richard JB Bosworth (a cura di): The Oxford Handbook of Fascism . Oxford 2010, pagine 239-258, pagine 249.
  384. Mack Smith: Mussolini. Pag. 251, 255.
  385. Mack Smith: Mussolini. P. 257, e Schumann: Deutschland, p. 422.
  386. Mack Smith: Mussolini. pag. 249.
  387. Mack Smith: Mussolini. pag. 254.
  388. Mack Smith: Mussolini. pag. 251 f.
  389. Clark: Mussolini. pag.263.
  390. Mack Smith: Mussolini. pag. 255.
  391. Rodogno: Fascismo e guerra, pp. 250 s., E Bosworth: Mussolini. pag. 305.
  392. ^ Finaldi: Mussolini. pag.101.
  393. Bosworth: Mussolini. Pag. 289.
  394. Bosworth: Mussolini. Pag. 301.
  395. Richard JB Bosworth: Dittatori, forti o deboli Il modello di Benito Mussolini. In: Stesso: Manuale del fascismo. Pag. 259-275, Pag. 272.
  396. I generali italiani hanno imposto alle forze armate un conservatorismo tecnico-militare, tattico e operativo ancora più sfinito di quello dei loro colleghi francesi. Fino a quando non fu troppo tardi, l'esercito trascurò i carri armati più pesanti, ignorò il radar della marina e l'aviazione respinse il caccia monoplano. Formazione inadeguata, letargia dottrinale, disorganizzazione amministrativa e scoraggiamento attivo della creatività individuale hanno creato un corpo di ufficiali inferiori che era a malapena in grado di comandare e un corpo di sottufficiali quasi del tutto non richiesto. "Rodogno: Fascismo e guerra, p. 248.
  397. Bosworth: Mussolini. P.300.
  398. ^ Finaldi: Mussolini. pag. 107.
  399. Citato in Bosworth: Mussolini. pag. 306.
  400. Clark: Mussolini. Pag. 265.
  401. Wolfgang Schumann ( tra l' altro): la Germania nella seconda guerra mondiale. Volume 2. Dall'attacco all'Unione Sovietica alla controffensiva sovietica a Stalingrado (da giugno 1941 a novembre 1942) . Berlino 1975, pagina 374.
  402. Mack Smith: Mussolini. Pag. 275.
  403. Bosworth: Mussolini. S. 302. Vedi anche Finaldi: Mussolini. pag. 103 f.
  404. ^ «In altre parole, il pessimo andamento dell'Italia fu frutto dell'incapacità e della riluttanza del Duce a mettere alla prova con la guerra gli equilibri che il suo regime aveva costruito a partire dal 1922. Lungi dall'essere la fuga in guerra un mezzo per possibile continuare e radicalizzare la "rivoluzione" dei fascismi, rovesciare ciò che restava dell'establishment per aumentare il proprio potere, ciò che Mussolini tentò di fare fu di combattere una grande guerra europea senza alterare in alcun modo l'equilibrio delle forze che era stato il prodotto della sua lunga permanenza al governo.Finaldi: Mussolini. pag. 103.
  405. Rodogno: Fascismo e guerra, p.256 .
  406. ^ Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.466.
  407. a b Bosworth: Mussolini. pag.303.
  408. Rodogno: Fascismo e guerra, p.256 .
  409. Bosworth: Mussolini. pag. 306.
  410. Cfr Finaldi, Mussolini, pp 103 F e Bosworth:.. Mussolini. pag. 311 f.
  411. Citato in Bosworth: Mussolini. Pag. 317.
  412. Citato da Morgan, Italian Fascism , p.179.
  413. ^ Richard JB Bosworth: L'Italia di Mussolini. La vita sotto la dittatura 1915-1945 . Londra 2006, pagina 491 f.
  414. Morgan, Philip, La caduta di Mussolini. L'Italia, gli italiani e la seconda guerra mondiale, Oxford 2008, p.74.
  415. Vedi Overy, Richard, La guerra dei bombardamenti. Europa 19391945, Londra 2013, p.513 f.
  416. Citato da Morgan: caduta di Mussolini. pag.82.
  417. Clark: Mussolini. Pag. 282.
  418. Citato da Wolfgang Schumann (fra l'altro): Germania durante la Seconda Guerra Mondiale . Volume 3. Il cambiamento fondamentale nel corso della guerra (novembre 1942 - settembre 1943) . Berlino 1979, pagina 423.
  419. Citato da Schumann: Deutschland, p.610.
  420. Citato da Schumann: Deutschland, p. 614.
  421. Mack Smith: Mussolini. Pag. 289.
  422. Bosworth: Mussolini. pag. 426.
  423. ^ Bosworth: L'Italia di Mussolini, p.483.
  424. Richard Overy: La guerra dei bombardamenti. Europa 1939-1945 . Londra 2013, pagina 525 f.
  425. ^ Renzo De Felice: Mussolini. L'alleato (Volume 1: L'Italia in guerra 1940-1943, Part 2: Crisi e agonia del regime ), Torino 1996, pp. 926-958. Vedi anche Tim Mason: Gli scioperi di Torino del marzo 1943. In: Jane Caplan (a cura di): Nazismo, fascismo e classe operaia . Cambridge 1995, pp. 274-294.
  426. ^ Morgan: Caduta di Mussolini. pag. 79.
  427. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 323.
  428. Vedi Morgan: La caduta di Mussolini. pag.78.
  429. Vedi Bosworth: Mussolini. P. 322 f. Tedesco in estratti da Frederick William Deakin: L'amicizia brutale. Hitler, Mussolini e la caduta del fascismo italiano. Colonia / Berlino 1964, pp. 378-383.
  430. Schumann: Germania, pagina 615, e Ivone Kirkpatrick: Mussolini . Berlino 1997, pp. 480, 485.
  431. Hans Woller: La contabilità del fascismo in Italia 1943-1948 . Monaco di Baviera 1996, pagina 13.
  432. Hans Woller: La contabilità del fascismo in Italia 1943-1948 . Monaco 1996, pagina 14.
  433. ^ "Il golpe monarchico contro Mussolini intendeva escludere tale partecipazione. L'obiettivo non era semplicemente quello di mantenere la sua pianificazione il più segreta possibile, ma principalmente di garantire una successione socialmente e politicamente conservatrice a Mussolini e al fascismo. "Philip Morgan: The Fall of Mussolini. L'Italia, gli italiani e la seconda guerra mondiale . Oxford 2008, pagina 37.
  434. Wolfgang Schieder: Il fascismo italiano . Monaco 2010, pagina 95.
  435. ^ Richard JB Bosworth: Mussolini . Londra 2010, pagina 324.
  436. Mack Smith: Mussolini. Pag. 295.
  437. Mack Smith: Mussolini. Pag. 294, 296.
  438. Vedere Clark: Mussolini. Pag. 291.
  439. ^ De Felice: Crisi e agonia, pp. 1395-1401.
  440. Hans Woller: La contabilità del fascismo in Italia 1943-1948 . Monaco di Baviera 1996, pagina 11.
  441. Clark: Mussolini. pag.303.
  442. Citato in Bosworth: Mussolini. Pag. 331.
  443. Bosworth: Mussolini. Pag. 327.
  444. ^ Claudio Pavone: una guerra civile. Una storia della Resistenza italiana . Londra / New York 2014, pp. 276-278.
  445. Mack Smith: Mussolini. Pag. 301.
  446. ^ Ray Moseley: Mussolini. Gli ultimi 600 giorni del Duce . Dallas (et al.) 2004, pagina 4.
  447. Dietrich Eichholtz: Storia dell'economia di guerra tedesca 1939-1945 . Volume 2 (1941-1943). Berlino 1985, pagina 158.
  448. Mack Smith: Mussolini. pag. 309.
  449. Clark: Mussolini. pag. 315.
  450. ^ Robert SC Gordon: Corsa. In: Richard JB Bosworth (a cura di): The Oxford Handbook of Fascism . Oxford 2010, pagine 296-316, pagine 314.
  451. Clark: Mussolini. pag. 316.
  452. Clark: Mussolini. pag. 307 f.
  453. Mack Smith: Mussolini. pag.303.
  454. Mack Smith: Mussolini. P. 304, e Bosworth: Mussolini. pag. 19.
  455. Schumann: Germania, pagina 648.
  456. ^ Frederick William Deakin: L'amicizia brutale. Hitler, Mussolini e la caduta del fascismo italiano . Colonia / Berlino 1964, pp. 666-687.
  457. Clark: Mussolini. pag. 309 f.
  458. Bosworth: Mussolini. pag. 23 f.
  459. Vedi Gianluca Falanga: L'avamposto di Mussolini nell'impero di Hitler. La politica italiana a Berlino 1933-1945. Berlino 2008, pagina 280.
  460. Citato in Bosworth: Mussolini. pag. 24.
  461. Mack Smith: Mussolini. Pag. 312.
  462. Clark: Mussolini. Pag. 310.
  463. Bosworth: Mussolini. P. 330. Vedi anche ibid., P. 30, e Clark: Mussolini. pag. 306.
  464. Bosworth: Mussolini. pag. 21.
  465. Frederick William Deakin: L'amicizia brutale. Hitler, Mussolini e la caduta del fascismo italiano . Colonia/Berlino 1964, pagina 805.
  466. ^ Wolfgang Schieder: dittature fasciste . Studi su Italia e Germania. Gottinga 2008, pagina 149.
  467. ^ Richard JB Bosworth: Mussolini . Londra 2010, pagina 27 f.
  468. Ivone Kirkpatrick: Mussolini . Berlino 1997, p.568 f.; Bosworth: Mussolini , p.29.
  469. Bosworth: Mussolini , p.32.
  470. Quindi letteralmente La morte del Duce . In: Der Spiegel . No. 5 , 1996, pp. 134-136 (in linea ).
  471. Un riassunto è fornito da Moseley: Mussolini , pp. 279-307. Ulteriori dettagli in Cavalleri, Giorgio, Giannantoni, Franco, Cereghino, Mario J., La fine. Gli ultimi giorni di Benito Mussolini nei documenti dei servizi segreti americani 19451946 , Milano 2009. Tuttavia Pierre Milza ha ipotizzato con approvazione la tesi di un coinvolgimento dei servizi segreti britannici, che Renzo De Felice aveva fatto propria poco prima di morire : Les derniers jours de Mussolini , Parigi 2012, pp. 290-318.
  472. Bosworth: Mussolini. Pag. 334.
  473. Il corpo di Mussolini è scomparso dal cimitero di Milano. In:  Wiener Kurier. Pubblicato dalle forze armate americane per la popolazione di Vienna , 24 aprile 1946, p.8 (online su ANNO ).Modello: ANNO / Manutenzione / wku
  474. a b Bosworth: Mussolini. Pag. 341.
  475. Clark: Mussolini. Pag. 332.
  476. Clark: Mussolini. P. 332, p. 1 f. Vedi anche Bosworth: Mussolini's Italy. P. 354 f. E passim.
  477. Bosworth: l'Italia di Mussolini. pag. 6.
  478. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag. 106.
  479. Vedi Bosworth: Mussolini. pag.172.
  480. Citato in Bosworth: Mussolini. pag. 315.
  481. Citato in Bosworth: Mussolini. pag. 328.
  482. Bosworth: Mussolini. P. 334. Vedi anche ibid, p. 97.
  483. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag. 113.
  484. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 119.
  485. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 120.
  486. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag. 113f.
  487. ^ Arnd Krüger : Lo sport nell'Italia fascista (1922-1933). In: G. Spitzer, D. Schmidt (a cura di): Lo sport tra indipendenza e determinazione esterna. Festschrift per il Prof. Dr. Hajo Bernet. P. Wegener, Bonn 1986, pp. 213-226; Felice Fabrizio: Sport e fascismo. La politica sportiva del regime, 1924-1936. Guaraldi, Rimini 1976.
  488. a b Bosworth: Mussolini. pag.173.
  489. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 64.
  490. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 98.
  491. Vedi Bosworth: L'Italia di Mussolini. P. 364 f. E Clark: Mussolini. Pag. 283.
  492. Bosworth: l'Italia di Mussolini. Pag. 363.
  493. Vedere Clark: Mussolini. pag. 305.
  494. Clark: Mussolini. pag. 142.
  495. Vedere Clark: Mussolini. pag. 149.
  496. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 253.
  497. Vedi Toni Bernhart : Benito Mussolini come scrittore e le sue traduzioni in tedesco. In: Andrea Albrecht , Lutz Danneberg , Simone De Angelis (a cura di): L'"asse Roma-Berlino" accademico Lo scambio scientifico-culturale tra Italia e Germania 1920-1945. Berlino, Boston 2017, pp. 345-399.
  498. Cfr. Edoardo e Duilio Susmel (a cura di): Opera omnia di Benito Mussolini. 36 volumi, Firenze 19511963 (nuova edizione con 8 volumi supplementari Roma 19781980).
  499. Bosworth: Mussolini. pag. 177.
  500. Vedere Clark: Mussolini. pag.170.
  501. ^ Vedi Morgan, Italian Fascism, p.9.
  502. Clark: Mussolini. pag. 2.
  503. Vedi Bosworth: Mussolini. Pag. 212.
  504. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 177.
  505. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag. 131 f.
  506. Vedi Bosworth: Mussolini. pag.7
  507. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 328.
  508. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag. 132.
  509. Vedi Mack Smith: Mussolini. pag. 132.
  510. Mack Smith: Mussolini. pag.136.
  511. Vedere Clark: Mussolini. pag. 39.
  512. Vedi Bosworth: Mussolini. pag. 195.
  513. Andrea Spalinger: L' Italia e Mussolini: La favola del buon Duce In: Neue Zürcher Zeitung dal 3 maggio 2019
  514. Bosworth: Mussolini. Pag. 343.
  515. Aram Mattioli: Viva Mussolini! L'apprezzamento del fascismo nell'Italia di Berlusconi. Paderborn 2010, pagina 73.
  516. ^ Renzo De Felice: Intervista sul fascismo. Bari 1975. Traduzione tedesca: Fascismo. Intervista di Michael A. Ledeen (postfazione di Jens Petersen ), Stoccarda 1977.
  517. Citato da Wolfgang Schieder: Benito Mussolini. In: ders.: Dittature fasciste. Studi su Italia e Germania. Göttingen 2008, pagina 54. Richard JB Bosworth: Spiegare Auschwitz e Hiroshima fornisce un riassunto della disputa . La scrittura della storia e la seconda guerra mondiale 1945-1990. Londra / New York 1993, pp. 134-137.
  518. Vedi Bosworth: History Writing, pp. 138 f.
  519. Mattioli: Aggiornamento, p.74.
  520. ^ Richard JB Bosworth: L'Italia di Mussolini. La vita sotto la dittatura 1915-1945. Londra 2006, pagina 531.
  521. ^ Mattioli: Aggiornamento, p.51.
  522. Mattioli: Aggiornamento, p.9.
  523. ^ Mattioli: Aggiornamento, p.11.
  524. Bosworth: Mussolini. pag. 344 f.

Opiniones de nuestros usuarios

Manuela Marino

Mi piace il sito, e l'articolo sulla Benito Mussolini è quello che stavo cercando

Carmela Marra

Corretto. Fornisce le informazioni necessarie su Benito Mussolini., Corretto

Rina Conte

Questa voce su Benito Mussolini mi ha aiutato a completare il mio lavoro per domani all'ultimo minuto. Mi vedevo già tornare su Wikipedia, cosa che l'insegnante ci proibisce di fare. Grazie per avermi salvato

Enzo Albanese

Il linguaggio sembra vecchio, ma le informazioni sono affidabili e in generale tutto ciò che è scritto su Benito Mussolini dà molta fiducia, Ho trovato questo articolo su Benito Mussolini molto interessante