Benita Hume



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benita Hume. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benita Hume sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benita Hume e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benita Hume. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benita Hume! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benita Hume, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benita Hume (nato il 14 mese di ottobre, 1906 in London , England , 1 novembre, 1967 a Egerton , Inghilterra) è stato un inglese attrice .

Vita

Hume è salito sul palco nel 1923 e ha fatto il suo debutto cinematografico l'anno successivo. Lì ha interpretato principalmente donne eleganti e attraenti nei romanzi gialli e nei romanzi. La sua svolta arrivò nel 1928 con Balaclava , il melodramma di spionaggio della Guerra di Crimea di Maurice Elvey , una versione audio del quale fu proiettata nei cinema britannici nel 1930. Nel 1930 ha interpretato il ruolo femminile principale di Leslie Fullerton nel dramma di Ivor Novello Symphony in Two Flats , con il quale Benita Hume ha avuto un certo successo anche sui palcoscenici di Londra e New York. Nel 1932 accettò un'offerta a Hollywood, ma non riuscì davvero ad arrivarci. Nel 1955 è apparsa nella serie televisiva The Halls of Ivy .

Già nel 1938 si ritirò dalla recitazione. È stata sposata con Eric Otto Siepman dal 1926 al 1931. È stata sposata con l'attore Ronald Colman dal 1938 fino alla sua morte nel 1958. La coppia ha avuto una figlia, Giulietta, nel 1944. Dal 1959 fino alla sua morte, è stata sposata con l'attore George Sanders . Benita Hume è morta di cancro alle ossa.

Filmografia (selezione)

  • 1924: Il lieto fine
  • 1927: The Constant Nymph
  • 1928: passamontagna
  • 1929: The Strangler (The Wrecker)
  • 1933: Un uomo va per la sua strada (Guardando avanti)
  • 1933: Una donna non dimentica (solo ieri)
  • 1934: La vita privata di Don Juan (La vita privata di Don Juan)
  • 1934: Jud Süss (ebreo Süss)
  • 1935: Liftboy No.14 (The Gay Deception)
  • 1935: Maddalena (The Divine Spark)
  • 1935: omicidio al chiaro di luna
  • 1936: The Garden Murder Case
  • 1936: Bigamia (Suzy)
  • 1936: Tarzan's Revenge (Tarzan Escapes)
  • 1937: A society lady (The Last of Mrs. Cheyney)
  • 1938: il cattivo ragazzo di Peck con il Circo

link internet

Commons : Benita Hume  - raccolta di immagini

Opiniones de nuestros usuarios

Simone Pesce

A volte, quando si cercano informazioni su internet su qualcosa, si trovano articoli troppo lunghi e che insistono a parlare di cose che non ti interessano. Mi è piaciuto questo articolo su Benita Hume perché va al punto e parla esattamente di quello che voglio, senza perdersi in informazioni inutili, È un buon articolo su Benita Hume

Luigia Orlando

Ho trovato le informazioni che ho trovato su Benita Hume molto utili e piacevoli. Se dovessi mettere un 'ma' forse sarebbe che non è abbastanza inclusivo nella sua formulazione, ma per il resto, è ottimo, L'articolo sulla Benita Hume è molto utile e piacevole

Sandra Frigerio

Grazie per questa voce su Benita Hume, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su Benita Hume, è proprio quello che mi serviva

Pierluigi Manca

Finalmente! Oggi sembra che se non ti scrivono articoli di diecimila parole non sono contenti. Signori scrittori di contenuti, questo è un buon articolo su Benita Hume