Benin



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benin. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benin sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benin e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benin. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benin! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benin, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Repubblica del Benin
Repubblica del Benin
Bandiera del Benin
Stemma del Benin
bandiera stemma
Motto : Fraternité, Justice, Travail
(francese per fratellanza, giustizia, lavoro )
Lingua ufficiale francese
capitale Porto-Novo
Sede del governo Cotonou
Stato e forma di governo repubblica presidenziale
Capo dello Stato , anche capo del governo Presidente Patrice Talon
la zona 112.622 km²
popolazione 11,8 milioni ( 75° ) (2019; stima)
Densità demografica 102 abitanti per km²
Sviluppo della popolazione +2,7% (stima per il 2019)
prodotto interno lordo
  • Totale (nominale)
  • Totale ( PPA )
  • PIL / ab. (nominale)
  • PIL / ab. (KKP)
2019 (stima)
Indice di sviluppo umano 0,545 ( 158° ) (2019)
valuta Franco CFA BCEAO (XOF)
indipendenza 1 agosto 1960 (dalla Francia )
inno nazionale L'Aube Nouvelle
Fuso orario UTC + 1
Targa DY / BJ / RB
ISO 3166 BJ , BEN, 204
TLD Internet .bj
Codice telefono +229
Ruanda Burundi Äquatorialguinea Uganda Gabun Kamerun Zentralafrikanische Republik Südsudan Republik Kongo Demokratische Republik Kongo Tansania São Tomé und Príncipe Nigeria Tschad Sudan Ghana Elfenbeinküste Togo Sierra Leone Liberia Burkina Faso Mali Guinea Guinea-Bissau Gambia Senegal Kap Verde Marokko Algerien Libyen Niger Mauretanien Ägypten BeninBenin nella sua regione.svg
A proposito di questa immagine

Il Benin [ benin ] (in francese Bénin [ ben ]) è uno stato dell'Africa occidentale . Confina a ovest con il Togo, a nord con il Burkina Faso e il Niger , a est con la Nigeria e a sud con il Golfo di Guinea , più precisamente con il Golfo del Benin .

Fino al 1975 il paese si chiamava Dahomey . Il nome è nella tradizione dello storico regno del Dahomey , che fino alla conquista da parte dei francesi alla fine del XIX secolo comprendeva la parte meridionale dello stato moderno e il vicino stato del Togo . Dal 1975 al 1990 è stata denominata Repubblica Popolare del Benin .

geografia

Posizione

La posizione geografica è compresa tra 6°25' e 12°30' di latitudine nord e 0°45' e 4° di longitudine est. La più grande espansione nord-sud è di 650 km, la più grande espansione ovest-est è di 320 km.

I confini nazionali ammontano a 1989 km, fino al Burkina Faso 306 km, al Niger 266 km, alla Nigeria 773 km e al Togo 644 km. La lunghezza della costa è di 121 km.

Immagine del paesaggio

Il paesaggio del Benin è suddiviso in cinque diverse aree naturali .

La regione costiera è piatta e sabbiosa ed è protetta da paludi di marea e lagune . Se guardi più da vicino, è costituito da un lungo banco di sabbia ricoperto di palme da cocco . Le lagune sono più strette nella parte occidentale del paese, dove molti sono stati trasformati in paludi da insabbiamento , e più ampia nella parte orientale, alcuni sono anche interconnessi. A ovest, la laguna del Grand Popo si estende nel vicino Togo, mentre la laguna di Porto Novo a est forma un corso d'acqua naturale per il porto di Lagos in Nigeria, sebbene il confine politico ne renda difficile l'uso. Solo a Grand-Popo e Cotonou le lagune hanno collegamenti diretti con il mare aperto.

Dietro la regione costiera inizia il paese delle barre - la parola è un adattamento francese della parola portoghese barro ("suono"). La regione di Barre è una pianura fertile e intensamente agricola e comprende la Lama Marsh , una vasta area paludosa che si estende da Abomey ad Allada. Il paesaggio è generalmente pianeggiante, anche se vi sono occasionali rilievi che possono raggiungere i 400 metri di altezza.

I quattro altipiani del Benin si trovano nella zona di Abomey, Kétou , Aplahoué (o Parahoué) e Zagnanado . Gli altipiani sono costituiti da argille su base cristallina e sono alti tra i 90 ei 230 metri.

La catena montuosa Atakora nel nord-ovest del paese è una continuazione delle montagne meridionali del Togo . Corre da sud-ovest a nord-est e raggiunge un'altezza di 658 metri nel suo punto più alto, il Mont Sokbaro . All'interno, è costituito da roccia quarzite altamente metamorfica .

La pianura del Niger nel nord-est del Benin scende nella valle del fiume Niger ed è costituita da arenarie argillose .

L'area del paese è di 112.622 km² (classifica mondiale 100), di cui il 30% di foresta, il 12% di seminativi, il 4% di prati e pascoli.

clima

Viene fatta una distinzione tra due zone climatiche .

La zona meridionale ha un clima equatoriale con due stagioni umide e due stagioni secche . La principale stagione delle piogge va da metà marzo a metà luglio. Segue una stagione secca più breve fino a metà settembre, una stagione delle piogge più breve fino a metà novembre e una stagione secca più lunga fino alla ripresa delle piogge a marzo. La quantità di pioggia aumenta da ovest a est. Grand-Popop riceve solo circa 800 millimetri, mentre Cotonou e Porto-Novo ricevono ciascuno circa 1250 millimetri di pioggia all'anno. Le temperature sono relativamente costanti e oscillano tra circa 22°C e 34°C. L' umidità relativa è spesso fastidiosamente elevata.

Nella zona climatica settentrionale c'è solo una stagione secca e una piovosa. La stagione delle piogge va da maggio a settembre, con la maggior parte delle piogge ad agosto. Nei monti Atakora e nel Benin centrale cadono circa 1350 millimetri all'anno, più a nord la quantità di precipitazioni scende a circa 965 millimetri. Nella stagione secca, da dicembre a marzo, soffia da nord-est l' harmattan , un vento caldo e secco. Le temperature sono in media intorno ai 27°C, ma l'escursione termica varia molto tra il giorno e la notte. A marzo, il mese più caldo, le temperature diurne possono salire fino a 43°C.

Idrografia

Oltre al Niger , che con i suoi affluenti Mékrou , Alibori e Sota drena il 40% nord-orientale del paese, il fiume più importante del paese è l' Ouémé . Insieme al Mono e al Couffo drena tutta la metà meridionale del Benin. Il Mono, che nasce in Togo, segna il confine tra Togo e Benin a ridosso della costa. Il Couffo, vicino al quale si trova Abomey, scorre a sud dall'alta pianura per sfociare nelle lagune costiere di Ahémé . L'Ouémé ha la sua sorgente nelle montagne di Atakora e scorre 450 chilometri a sud; vicino alla sua foce si divide in due bracci, uno dei quali sfocia ad est nella laguna di Porto Novo e l'altro sfocia ad ovest nel lago Nokoué .

Le montagne di Atakora formano uno spartiacque tra i bacini del Volta e del Niger. Le aree ad ovest di esso drenavano oltre l' Oti e i suoi affluenti nel sistema del Volta . Il bacino di utenza di Oti copre il 13,7% dell'area del paese.

Vegetazione e fauna selvatica

Il tipo di vegetazione predominante in Benin è la savana . Il Benin partecipa a due zone paesaggistiche, la zona del Sudan e la zona della Guinea , e si trova in un corridoio forestale quasi libero tra le foreste pluviali dell'Alta Guinea e del Congo , il Dahomey Gap . L'originale foresta pluviale tropicale che copriva la parte meridionale del paese è stata in gran parte deforestata oggi ed esiste solo vicino ai fiumi. Molte palme da olio e Rônier sono state piantate e piante utili sono state piantate al suo posto , insieme a palme da cocco , kapok , mogano ed ebano . Ci sono anche foreste secche come la Forêt de la Lama nel Benin centrale e la foresta paludosa molto impressionante di Lokoli.

La flora del Benin comprende circa 3000 specie. Le savane nel nord del paese sono protette dal Parco Nazionale W e dal vicino Parco Nazionale Pendjari , entrambi parte del complesso trinazionale e transfrontaliero del Parco Nazionale WAP . Qui si possono ancora trovare elefanti , leopardi , leoni , antilopi , scimmie , cinghiali , coccodrilli e bufali . Ci sono anche molte specie di serpenti , tra cui pitoni e vipere . Gli uccelli includono faraone , anatre selvatiche e pernici, oltre a molte specie tropicali.

Immagine dell'insediamento

Le province meridionali costituiscono un quarto della superficie totale, ma sono abitate da più di due terzi della popolazione. L'area intorno al porto di Cotonou , dove si concentra la vita politica ed economica del paese, e la capitale ufficiale, Porto-Novo , sono molto densamente popolate . Alla periferia della città, la coltivazione di colture di sussistenza come mais , manioca e patate dolci è molto intensiva. La densità insediativa diminuisce verso nord. I villaggi che sono ancora comuni nel sud sono ora più dispersi. La città mercantile coloniale di Parakou costituisce un importante centro nel nord.

Le città mostrano influenze tradizionali africane, coloniali europee e moderne. Case di fango precoloniali , mercati, santuari e statue si trovano nelle piccole città così come ad Abomey, Porto-Novo e, in misura minore, Cotonou. La regione di Somba nel nord-ovest è caratterizzata da tradizionali tetti di paglia e case a torre. Nella maggior parte delle città dominano gli stili coloniali europei. Gli edifici coloniali, alcuni dei quali risalgono al XVIII secolo, includono stazioni ferroviarie, edifici governativi e case private, nonché strutture come l'ex forte portoghese di Ouidah, che era un centro del commercio degli schiavi. L'architettura moderna si trova nelle case private, nei moli e negli hotel.

popolazione

Nel 2019 in Benin vivevano 11,8 milioni di persone, la maggior parte delle quali nella regione agricola costiera e nell'entroterra di circa 200 km. Il tasso di fertilità è di 4,8 figli per donna ed è in continuo calo dal suo picco di 7,03 figli per donna nel 1980. Secondo la previsione della popolazione media delle Nazioni Unite, per l'anno 2050 si prevede una popolazione di circa 24 milioni.

Circa il 39,2% della popolazione totale appartiene al Fon , che è allo stesso tempo il gruppo di popolazione socialmente dominante nel Paese, soprattutto nel sud. Il 15,2% della popolazione è Adja . Il 12,3% della popolazione, soprattutto nell'est, parla lingue yoruboid , cioè appartengono agli yoruba e a gruppi etnici simili. L'ex Bariba indipendente costituisce il 9,2% della popolazione. Una larga minoranza, il 7%, sono i Fulani , diffusi in tutta la zona del Sudan. Gli Otamari costituiscono il 6,1% della popolazione del Benin. Yoa-Lokpa e le popolazioni correlate costituiscono il 4% e i Dendi nel nord costituiscono una piccola minoranza del 2,5% della popolazione. Ci sono anche membri del gruppo Atakora (chiamato con disprezzo Somba ).

le lingue

Cartelli bilingue in Fon e francese su un negozio di telefonia a Ganvié

Il francese è stata l'unica lingua ufficiale dalla dominazione francese. Oltre al francese, si parlano 53 lingue e idiomi diversi . Il focus è su Gur (i parlanti delle lingue Lama e Atakora), le lingue Hausa , il gruppo linguistico Evé (incluso Fon ) e Mina . Il fon è la principale lingua franca nel sud del Benin ed è parlato da circa 1,7 milioni di persone; un totale del 47% della popolazione parla Fon come lingua madre.

religione

Nel censimento del 2002, solo il 23,4% della popolazione ha indicato le religioni tradizionali come proprio credo. In Benin questi includono la religione degli Yoruba e la religione dei Ga ; Il 17,3% si è dichiarato ufficialmente parte della religione vudù .

Tuttavia, è probabile che anche molti del 6,5% della popolazione che non appartengono a nessuna denominazione e un certo numero di cristiani e musulmani pratichino questa religione. Caposaldo del culto sono i dipartimenti di Atlantique , Couffo , Mono e Zou . Il dipartimento di Atakora è un'altra roccaforte delle religioni tradizionali.

La religione più grande è ufficialmente il cristianesimo con una popolazione del 42,3%. Tra loro ci sono il 23,0% di cattolici , il 5,1% di seguaci dell'Eglise de Céleste e il 4,2% di metodisti come le più grandi comunità individuali. I cattolici sono solo la maggioranza assoluta nel dipartimento del Litorale , ma sono fortemente rappresentati ovunque ad eccezione dei dipartimenti di Alibori e Couffo . I seguaci dell'Eglise de Céleste si trovano principalmente nei dipartimenti di Ouémé , Atlantique , Zou e Plateau . Le roccaforti metodiste sono i dipartimenti di Collines , Ouémé e Plateau. Altre comunità cristiane sono il movimento pentecostale (es. Assemblées de Dieu ), i mormoni , la Chiesa neo-apostolica , la Chiesa apostolica nigeriana , i testimoni di Geova e i battisti .

Circa il 27,8% della popolazione del Benin è musulmana . Tra i popoli più numerosi, ad essi appartengono la quasi totalità dei Fulbe e dei Dendi e un piccolo numero degli Otamari (minoranza di cristiani) e circa la metà degli Yoruba (45% cristiani). L'Islam è la religione della maggioranza della popolazione nei dipartimenti settentrionali di Alibori, Borgou e Donga e ha numerosi seguaci anche nei dipartimenti di Atakora, Collines, Littoral, Ouémé e Plateau. Ne fa parte una parte considerevole degli immigrati dall'Africa occidentale ( Burkina Faso , Mali , Niger , Nigeria e Senegal ).

Ci sono anche comunità dei Baha'i , della Luna e degli Eckankar .

Salute

Il Benin ha un sistema sanitario pubblico con ospedali a Cotonou, Porto-Novo, Parakou (finanziato dalla Cina), Abomey, Ouidah e Natitingou, oltre a centri di parto e altre piccole strutture sanitarie specializzate. Il numero dei medici era di quattro ogni 100.000 abitanti. Le organizzazioni internazionali forniscono sovvenzioni per sopperire alla carenza di personale medico e medicinali. Come nei paesi limitrofi, in Benin esiste un mercato illegale in cui si commerciano medicinali non durevoli, medicinali privi di confezione e foglietti illustrativi e, soprattutto, medicinali contraffatti (principalmente dalla Cina e dall'India), che comporta rischi elevati e costituisce una minaccia all'esistenza stessa delle farmacie. L' Unione doganale mondiale ha più volte confiscato milioni di prodotti farmaceutici in Benin. Nel novembre 2018, cinque dirigenti di società di distribuzione di farmaci sono stati condannati a quattro anni di carcere per complicità in pratiche farmaceutiche illegali. Nonostante l'introduzione di generici più economici , il mercato nero continua a prosperare.

Uno dei maggiori rischi per la salute è la malaria , soprattutto per i bambini piccoli. Nel 2019, la mortalità infantile è stata di 90 su 1.000 nati vivi e la mortalità infantile è stata di 59 per 1.000 nati vivi. Nelle aree rurali, carenze come l'accesso all'acqua potabile pulita o la mancanza di servizi igienici come le latrine sono la causa di molte malattie. L'aspettativa di vita nel 2019 era di 61,8 anni.

La diffusione di HIV / AIDS in Benin è ben al di sotto della media per l'Africa sub-sahariana ed è simile o inferiore a quello dei paesi limitrofi. Nel febbraio 2016, il governo ha adottato un piano nazionale per combattere l'AIDS.

Sotto il governo del presidente Patrice Talon ci sono state alcune riforme del sistema sanitario, che però vengono viste, criticate e in gran parte bloccate dai sindacati come misure di privatizzazione.

Soprattutto nelle zone rurali, dove i medici o gli ospedali sono spesso inaccessibili o troppo costosi o dove ci sono difficoltà di comunicazione a causa delle numerose lingue e dialetti, molte persone si rivolgono alla medicina tradizionale e ai metodi di cura, "spaziando dalla biomedicina locale a varie forme di guarigione spirituale o religiosa è sufficiente. Spesso le cause della malattia o della morte non sono attribuite a un agente patogeno, ma a uno stregone che, ad esempio, è stato introdotto a causa della gelosia di un vicino.

formazione scolastica

Il sistema di istruzione pubblica ha seguito il modello francese fin dai tempi del colonialismo. Un ciclo di scuola primaria di sei anni (per bambini dai 6 agli 11 anni) è seguito da una scuola di quattro anni. Segue una scuola triennale che si conclude con l' ingresso all'università del baccalaureato . La frequenza scolastica prevista dell'attuale generazione di studenti è di 12,6 anni. A causa della scarsa frequenza scolastica degli over 25, che è di soli 3,8 anni, il tasso di analfabetismo nella fascia di età nel 2020 era ancora del 57,6%.

A metà degli anni '70 furono introdotte importanti riforme in linea con l' ideologia marxista-leninista allora prevalente , anche per scrollarsi di dosso l'influenza francese. Le riforme sono fallite quando insegnanti, genitori e studenti hanno protestato contro l'abbassamento degli standard e le riforme sono state in gran parte abbandonate alla fine degli anni '80.

L' Università di Abomey-Calavi (1970-75 conosciuta come Dahomey University e 1975-2001 National University of Benin), con sede a Cotonou, è stata fondata nel 1970. Il corpo studentesco dell'Università, oltre ai lavoratori dai primi anni '80, è la principale forza politica del Paese. L' Università di Parakou è stata fondata nel 20001

storia

L'area dell'odierno stato del Benin formò la maggior parte del regno del Dahomey dal XVII secolo fino a quando fu occupata dai francesi per conto di Napoleone Bonaparte nel 1805 e incorporata come colonia nell'Impero francese . La colonia fu abbandonata nel 1814 quando fu sconfitta dalla Gran Bretagna nel conflitto coloniale franco-britannico . Intorno al 1830 l'area divenne un protettorato della Francia e in seguito fece parte della Federazione dell'Africa occidentale francese come colonia del Dahomey . Il 1 agosto 1960 ottenne l' indipendenza come Repubblica del Dahomey . Nel 1961 il Dahomey occupò e annesse la piccola colonia portoghese di São João Baptista d'Ajudá . L'annessione è stata riconosciuta dal Portogallo solo nel 1975 dopo la Rivoluzione portoghese dei garofani . Nel 1974 il marxismo-leninismo divenne un'ideologia di stato, che portò anche all'introduzione di un sistema a partito unico e alla nazionalizzazione delle fabbriche. Allo stesso tempo, la Repubblica del Dahomey è stata ribattezzata Repubblica Popolare del Benin nel 1975 . Il nome si riferisce alla Baia del Benin , che a sua volta fa riferimento al regno nero africano del Benin , esistito dal XIII secolo al 1897, ma che si trovava per lo più nell'area dell'odierna Nigeria .

Per dodici anni, il Benin ha sofferto di un governo instabile e di molteplici colpi di Stato iniziati tre anni dopo l' indipendenza . Il regime del presidente Mathieu Kérékou , salito al potere con un colpo di stato nel 1972, ha inizialmente portato maggiore stabilità. La politica marxista-leninista da lui introdotta nel 1974 culminò in un regime militare repressivo alla fine degli anni '70 , che, tuttavia, terminò in gran parte all'inizio degli anni '80. Durante questo periodo, il Partito Rivoluzionario del Popolo del Benin (PRPB) era l'unico partito politico ammesso.

Il Benin è stato il primo paese africano ad abbandonare il marxismo-leninismo dopo la Guerra Fredda . Nel dicembre 1989, lo stesso Kérékou rinunciò alla dottrina marxista-leninista che aveva proclamato a metà degli anni '70. Nel dicembre 1990 è stata approvata una nuova costituzione che garantisce i diritti umani , la libertà di formare partiti politici, il diritto alla proprietà privata e il suffragio universale .

Nel 1989 e nel 1990, la popolazione, con i disordini dovuti alla catastrofica situazione economica, costrinse una conferenza nazionale sotto la guida dell'arcivescovo cattolico di Cotonou , Isidore de Souza . Nominò l'ex Direttore Esecutivo della Banca Mondiale, Nicéphore Dieudonné Soglo , come Primo Ministro e pose le linee guida per un nuovo inizio democratico, compreso l'abbandono della dottrina marxista-leninista, l'instaurazione di una democrazia, l'approvazione dei partiti politici , il rispetto dei diritti umani, la libertà di espressione e di riunione e la libertà di stampa, nonché l'introduzione dell'economia di mercato. Le prime elezioni locali in Benin nel dicembre 2002 hanno segnato un passo importante nel decentramento del Paese.

politica

Indici politici
Nome dell'indice Valore dell'indice Classifica mondiale Aiuto all'interpretazione anno
Indice degli Stati Fragili 72,5 su 120 77 di 178 Stabilità del Paese: allerta aumentata
0 = molto sostenibile / 120 = molto allarmante
2020
Indice della democrazia   4.58 out di 10   102 di 167 Regime ibrido
0 = regime autoritario / 10 = democrazia completa
2020
Libertà nel mondo 65 di 100 --- Stato di libertà: parzialmente libero
0 = non libero / 100 = libero
2020
Classifica libertà di stampa   38,18 su 100   114 di 180 Situazione difficile per la libertà di stampa
0 = situazione buona / 100 = situazione molto grave
2021
Indice di percezione della corruzione (CPI)   41 su 100   83 di 180 0 = molto corrotto / 100 = molto pulito 2020

Il Benin è peggiorato negli indici negli ultimi anni. Nel 2002 il Paese è ancora 21° nella graduatoria della libertà di stampa, nell'indice di democrazia ha registrato il valore più basso e il rango più basso dall'inizio delle indagini nel 2006 ed è stato declassato da democrazia difettosa a regime ibrido. "Il paese è stato a lungo considerato una democrazia stabile nell'Africa occidentale con una costituzione esemplare per altri stati". La democrazia ora ha "carte sempre più cattive". Gli osservatori parlano di "smantellamento della democrazia" e dell'emergere di una "democrazia fittizia". Hans-Joachim Preuß della Friedrich-Ebert-Stiftung descrive il Benin come un'autocrazia elettorale, in cui i membri dell'opposizione trovano sempre più difficoltà, poiché ci sono "certi meccanismi di repressione" che "creano una certa intimidazione".

Sistema politico

Secondo la Costituzione del 1990, il Benin è una repubblica presidenziale. Il presidente è eletto direttamente per un massimo di due mandati quinquennali consecutivi ed è anche capo di Stato e di governo . Il Presidente può essere assistito dal Primo Ministro , anche se tale carica non è costituzionalmente richiesta e non è stata ricoperta dal maggio 1998 al maggio 2011 e dall'agosto 2013. Nell'aprile 2016, Patrice Talon è stato eletto nuovo presidente del Benin con il 65% al secondo scrutinio. L'elezione si è svolta secondo standard democratici. Le ultime elezioni si sono svolte l'11 aprile 2021. Oltre a Talon, c'erano solo altri due candidati, riconducibili al sistema dei brevetti introdotto nel 2019, secondo il quale un richiedente può votare solo se ha in anticipo il sostegno del dieci per cento dei sindaci e dei parlamentari ( simile alla Francia). Inoltre, numerosi candidati sono stati respinti dalla commissione elettorale. Talon ha vinto le elezioni al primo scrutinio con l'86,3% dei voti e un'affluenza di circa il 50%.

La legislatura è esercitata dall'Assemblea nazionale , i cui 83 membri sono eletti per un quadriennio a rappresentanza proporzionale . Dopo che le elezioni del 2015 hanno ancora rispettato gli standard democratici e undici partiti sono entrati in parlamento, le elezioni parlamentari dell'aprile 2019 non sono state più considerate libere ed eque, poiché l'opposizione è stata di fatto esclusa da una nuova legge elettorale (ad esempio attraverso ostacoli burocratici e tasse di registrazione). Oltre l'80% degli elettori è quindi rimasto lontano dalle urne il giorno delle elezioni. Di conseguenza, solo due partiti filo-governativi sono entrati in parlamento, l'Unione progressista con 47 seggi e il blocco repubblicano con 36 seggi. L'allora vicepresidente dell'Assemblea nazionale, Eric Houndété, criticava: "Questa non è un'elezione, ma la nomina dei membri di un partito di unità diviso in due parti". neanche dell'esecutivo.

Lo sviluppo del suffragio femminile è stato determinato dalle condizioni in Francia. Secondo la Loi Lamine Guèye del 1946, tutti i cittadini avevano diritto di voto alle elezioni del parlamento francese e anche alle elezioni locali. Il diritto di candidarsi non era espressamente previsto dalla legge, ma nemmeno escluso. Nell'Africa occidentale francese , a cui apparteneva Dahomey, non c'era il suffragio dualistico nelle elezioni del parlamento di Parigi, come in altre colonie francesi, ma c'era per tutte le elezioni locali. Nel 1956 fu introdotta la loi-cadre Defferre , che nell'articolo 10 garantiva il diritto generale di essere eletto. Quando il paese ottenne l'indipendenza nel 1960, questa situazione giuridica fu confermata.

Da quando il paese è stato democratizzato nel 1991, ci sono state diverse elezioni libere e cambi di governo non violenti, rendendo il paese una delle democrazie più stabili in Africa. Nelle elezioni del 28 aprile 2019, tuttavia, per la prima volta dalla democratizzazione, a nessun partito di opposizione è stato permesso di votare; prima di allora, i diritti dell'opposizione di manifestare sono stati revocati.

Diritti umani

Amnesty International giudica le condizioni carcerarie estremamente dure. Sono ben al di sotto dello standard internazionale. Le forze di sicurezza non devono ancora temere procedimenti penali, anche se si può dimostrare che sono responsabili dell'uso brutale della forza e dei maltrattamenti. I bambini soffrono particolarmente le condizioni di detenzione. Non c'è nessun trattamento o alloggio speciale per loro. Gli atti omosessuali tra adulti sono considerati un reato ai sensi dell'articolo 88 del codice penale del 1996 e punibili con una pena detentiva fino a tre anni. In pratica, tuttavia, nessuno sembra essere stato condannato in base a questa sezione. Con l'introduzione del nuovo Codice Penale nel 2019, queste relazioni non costituiscono più un reato penale. Persistono numerose restrizioni alla libertà di espressione e di riunione . Durante le manifestazioni vengono spesso segnalate violenze eccessive e indiscriminate da parte delle forze di sicurezza.

Struttura amministrativa

Lo stato è diviso in dodici dipartimenti.

Dipartimenti e loro capitali
Cognome capitale residente
Alibori Kandi 1 868.046
Atakora Natitingou 769.337
Atlantico Ouidah 1 1.396.548
Borgou Parakou 1.202.095
Collines Dassa Zoumè 716.558
Couffo Dogbo Tota 1 741.895
Donga Djougou 1 542605
Litorale Cotonou 678.874
Mono Lokossa 495307
Ouemé Porto-Novo 1.096.850
altopiano Sakété 1 624.146
Zou Abomey 851.623
1Dopo la riorganizzazione dei dipartimenti nel 1999, le capitali non sono state ancora ufficialmente designate come capitali, ma svolgono tutte le funzioni di capitale. La popolazione dei dipartimenti si basa sul censimento del 2013 (RGPH4).

I dipartimenti sono divisi in 77 comuni , che a loro volta sono divisi in arrondissements e infine in villaggi o distretti.

Città

Secondo il censimento del 2013, le città più grandi sono: Cotonou 679.000 abitanti, Porto-Novo 264.000 abitanti, Parakou 255.000 abitanti, Godomey 253.000 abitanti, Abomey-Calavi 118.000 abitanti, Djougou 95.000 abitanti, Bohicon 94.000 abitanti e Ekpé 75.000 abitanti.

militare

L'esercito beninese ha una forza di terra , una marina e un'aeronautica e attualmente ha circa 7.250 soldati in servizio. Ci sono 18 mesi di servizio militare selettivo . Nel 2020, il Benin ha speso poco meno dello 0,4 percento della sua produzione economica o 55,8 milioni di dollari USA per le sue forze armate.

traffico

Il Benin ha una rete ferroviaria lunga 578 km a scartamento metrico che si estende dalla costa a Parakou . Il trasporto passeggeri dovrebbe essere incluso per primo sulla sezione lunga 25 km della fine del 2015 Cotonou - Pahou , le auto erano per la necessaria Zentralbahn rilevata dalla Svizzera. È prevista una nuova linea di 574 km da Parakou a Niamey nel vicino Niger .

attività commerciale

Il Benin è uno dei paesi più poveri del mondo. Secondo la definizione della Banca Mondiale, quasi la metà della popolazione del Benin vive in assoluta povertà (meno di 1,90 dollari USA al giorno). Il prodotto interno lordo (PIL) per il 2019 è stimato a 14,4 miliardi di dollari USA. L'economia del paese è in gran parte modellata dall'agricoltura ( settore primario ), che ha generato il 26,1% del PIL nel 2017. L'industria (settore secondario) ha generato il 22,8%, il settore dei servizi (settore terziario) il 51,1%.

Il porto di Cotonou è di grande importanza per l'economia nazionale . La maggior parte di tutte le merci movimentate nel porto proviene da attività commerciali con la vicina Nigeria. Il Benin è anche un importante paese di transito per Niger, Burkina Faso e Mali. Come fattore economico, il porto rappresenta oltre il dieci percento del prodotto interno lordo.

A causa dell'alto livello di debito estero , il Benin non è attualmente in grado di partecipare ai più grandi programmi di cooperazione allo sviluppo internazionale, che richiedono un certo contributo personale.

La crescita economica è parzialmente compromessa a causa di misure di riforma insufficienti nella gestione delle finanze pubbliche e delle infrastrutture poco sviluppate del paese. Oltre alla corruzione esistente, anche il settore privato manca di certezza giuridica.

Nel Global Competitiveness Index , che misura la competitività di un paese, il Benin si colloca al 120esimo posto su 137 paesi (dal 2017-2018). Nel 2017, il paese si è classificato al 96° posto su 180 paesi nell'indice per la libertà economica .

Figure chiave

Tutti i valori del PIL sono espressi in dollari USA ( parità di potere d'acquisto ).

anno 1980 1985 1990 1995 2000 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017
PIL
(parità di potere d'acquisto)
2,69 miliardi 3,70 miliardi 4,75 miliardi 6,59 miliardi 9,06 miliardi 12,33 miliardi 13,22 miliardi 14,38 miliardi 15,38 miliardi 15,86 miliardi 16,39 miliardi 17,23 miliardi 18,39 miliardi 20,03 miliardi 21,69 miliardi 22,38 miliardi 23,57 miliardi 25,33 miliardi
PIL pro capite
(parità di potere d'acquisto)
740 866 954 1.115 1,321 1.545 1,608 1.701 1.768 1.773 1.782 1.821 1.890 2,003 2.111 2.121 2.175 2.277
Crescita del PIL
(reale)
9,3% 4,3% 9,0% 6,0% 4,9% 1,7% 3,9% 6,0% 4,9% 2,3% 2,1% 3,0% 4,8% 7,2% 6,4% 2,1% 4,0% 5,6%
Inflazione
(in percentuale)
9,6% 1,2% 1,1% 14,5% 4,2% 5,4% 3,8% 1,3% 7,9% 0,4% 2,2% 2,7% 6,7% 1,0% -1,1% 0,3% -0,8% 0,1%
Debito pubblico
(in percentuale del PIL)
... ... ... ... 54% 39% 11% 20% 25% 26% 29% 30% 27% 25% 30% 42% 50% 55%

agricoltura

In Benin, l' agricoltura è il secondo pilastro costitutivo dell'economia, insieme alle entrate doganali del porto marittimo di Cotonou, e contribuisce in modo significativo alla situazione economica complessiva del paese, perché con essa si ottiene un quarto di tutta la produzione economica. Più di due terzi della popolazione lavora in agricoltura. Si coltivano principalmente mais , sorgo , manioca , igname , patate dolci e legumi . Prevale la cultura tradizionale del taglio . Cotone , anacardi e ananas vengono aggiunti alle colture tradizionali come colture da reddito .

L' allevamento ha principalmente carattere di status, i bovini non sono detenuti per scopi commerciali.

Commercio estero

Vengono importati principalmente beni industriali, generi alimentari e combustibili (circa 5,3 miliardi di dollari USA). La maggior parte delle esportazioni è cotone (circa 3 miliardi di dollari USA in totale).

Budget statale

Il bilancio statale nel 2017 comprendeva spese per l'equivalente di 2,15 miliardi di dollari USA, che sono state compensate da entrate per l'equivalente di 1,58 miliardi di dollari USA. Ciò si traduce in un deficit di bilancio del 6,2% del PIL . Il debito pubblico era del 54,2% del PIL nel 2017.

Quota della spesa pubblica (in% del PIL) nelle seguenti aree:

Cultura

La vita culturale, in particolare delle classi colte della popolazione delle città meridionali, è plasmata dal dominio coloniale francese e dagli stretti legami con la Francia che questo comporta. Questa influenza francese si mescola spesso anche con le varie tradizioni secolari praticate nel nord in gran parte musulmano e nel sud animista e cristiano.

A Cotonou ci sono molte località con un tocco francese, come ristoranti , caffè e discoteche . I diplomatici di governi stranieri e molte delle élite del Benin vivono in nuove aree di sviluppo , dove cinema e hotel offrono intrattenimento secondo gli standard moderni. Nelle altre parti della città, invece, la vita culturale è dominata dalla tradizione. Qui vivono famiglie numerose in grandi complessi residenziali, dove si praticano riti religiosi e si celebrano feste con musica e danze . Importanti centri della vita quotidiana sono i mercati dove si vendono cibo , vestiti e medicine tradizionali oltre a manufatti.

Tradizioni

L' artigianato tradizionale del Benin è molto antico e si trova praticamente in ogni villaggio. La più importante è l' arte plastica . Maschere in legno intagliato raffiguranti immagini e spiriti del defunto vengono utilizzate per le cerimonie tradizionali. Altre opere d'arte includono statuette in bronzo , ceramiche , arazzi applicati che raccontano la storia dei re del Dahomey precoloniale , nonché incisioni a fuoco su ciotole di legno, che spesso hanno un significato religioso. Gli oggetti d'arte più famosi sono le maschere in legno degli Yoruba della regione di Porto-Novo, utilizzate per il festival Gelede .

Il 9 aprile 2005, lo stato del Benin è diventato il primo stato africano a porre fine pubblicamente e ufficialmente alla circoncisione delle ragazze. Nel 2003, il taglio dei genitali femminili è stato vietato in Benin. Durante la celebrazione, più di 200 ex circoncisitrici hanno presentato i loro strumenti a volte arcaici che sono costati la vita a non poche vittime e hanno portato molte donne a soffrire per tutta la vita.

Istituzioni culturali

I Palazzi Reali di Abomey , che i Unesco - Patrimonio dell'Umanità comprendono sede sono di carattere storico museo . C'è anche un museo etnologico a Porto-Novo, un museo storico a Ouidah e un museo etnografico all'aperto a Parakou. La Biblioteca Nazionale si trova a Porto-Novo. I centri culturali sponsorizzati dai governi francese e americano mantengono biblioteche e organizzano conferenze , concerti e altre attività culturali. Le gallerie d'arte sono ospitate nel Centre Arts et Cultures e nel Centre Culturel Français a Ouidah.

media

I programmi radiofonici sono trasmessi da Cotonou in francese, inglese e un certo numero di lingue nazionali. C'è anche un'offerta TV limitata . Un giornale controllato dal governo , La Nation , appare a Cotonou . Oltre ad altri due quotidiani, sono presenti anche alcune pubblicazioni settimanali e bisettimanali. Giornali di lingua francese del Senegal e della Costa d'Avorio sono venduti anche nelle librerie e chioschi .

letteratura

  • Thomas Bierschenk : Democratizzazione senza sviluppo: Benin 1989-2009. In: International Journal of Politics, Culture and Society, 22, 2010, pp. 337-357
  • Jennifer C. Seely: Le eredità dei governi di transizione in Africa: i casi del Benin e del Togo. Palgrave Macmillan, Hampshire 2009, ISBN 978-0-230-61390-4

link internet

Commons : Benin  - Raccolta di immagini, video e file audio
Wikizionario: Benin  - spiegazioni di significati, origini delle parole, sinonimi, traduzioni
Wikimedia Atlas: Benin  - mappe geografiche e storiche
Wikivoyage: Benin  - Guida turistica

Evidenze individuali

  1. popolazione, totale. In: Banca dati delle prospettive economiche mondiali. Banca mondiale , 2020, accesso 20 marzo 2021 .
  2. Crescita demografica (annuale%). In: Banca dati delle prospettive economiche mondiali. Banca mondiale , 2020, accesso 20 marzo 2021 .
  3. Database World Economic Outlook ottobre 2020. In: Database World Economic Outlook. Fondo monetario internazionale , 2020, accesso 20 marzo 2021 .
  4. Tabella: Indice di Sviluppo Umano e sue componenti . In: Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (a cura di): Rapporto sullo sviluppo umano 2020 . Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo, New York 2020, ISBN 978-92-1126442-5 , pp. 345 (inglese, undp.org [PDF]).
  5. ^ FAO - Il bacino del fiume Niger
  6. Les Ressources en eaux Superficielles - De la République du Benin
  7. a b Prospettive della popolazione mondiale - Divisione della popolazione - Nazioni Unite. Estratto il 10 settembre 2017 .
  8. https://data.worldbank.org/country/benin
  9. Prospettive della popolazione mondiale 2019, Volume II: Profili demografici. Nazioni Unite, Dipartimento degli affari economici e sociali, Divisione popolazione, accesso 24 gennaio 2021 .
  10. CIA WORLD FACTBOOK. Estratto il 15 agosto 2011 .
  11. Il Grande Xenos World Atlas . XENOS, Amburgo 1996.
  12. a b c d Johnson Ikechukwu: L'appel de l'Afrique - Société des Missions Africaines . No. 274 . Lione settembre 2018, p. 9 .
  13. Maria Zandt, Sulla situazione dei cristiani in Africa a sud del Sahara, in: KAS-Auslandsinformationen, 6 (2011), p.38.
  14. Scheda informativa sul sistema sanitario nazionale 2006 ( Memento del 7 gennaio 2010 in Internet Archive )
  15. ^ A b Antonia Reichmann: Traffico di droga: Con trenta centesimi contro il dolore. 26 settembre 2006, accesso 21 aprile 2021 .
  16. Martina Zimmermann: Droghe illegali: 20 volte più profitto del traffico di droga. In: welt.de. 26 settembre 2014, accesso 21 aprile 2021 .
  17. Cécile Barbiere: Africa: medicinali contraffatti senza alcun effetto sull'anticipo . In: www.euractiv.de. 24 gennaio 2017, accesso 21 aprile 2021 .
  18. ^ Afaire des faux medicaments au Bénin: peines confirmées en appel. 22 novembre 2018, accesso 21 aprile 2021 (francese).
  19. ^ Gruppo inter-agenzia delle Nazioni Unite per la stima della mortalità infantile: childmortality.org. Estratto il 21 aprile 2021 .
  20. Prospettive della popolazione mondiale 2019, Volume II: Profili demografici. Nazioni Unite, Dipartimento degli affari economici e sociali, Divisione popolazione, accesso 24 gennaio 2021 .
  21. Dov Ronen: Benin. Salute e benessere. In: Enciclopedia Britannica . Consultato il 23 novembre 2018 .
  22. LIPortal - il portale di informazioni sui paesi Società e cultura. Estratto il 21 aprile 2021 .
  23. LIPortal - il portale di informazioni sui paesi Società e cultura. Estratto il 21 aprile 2021 .
  24. Karim Okanla: Medicina Convenzionale o Dottore Magico In: D+Z. 31 luglio 2015, accesso 21 aprile 2021 .
  25. a b c d Il sistema educativo della Repubblica del Benin Ambasciata americana Benin
  26. Rapporti sullo sviluppo umano. Consultato il 3 gennaio 2021 .
  27. http://www.univ-parakou.bj/
  28. ^ Indice fragile degli stati: Dati globali. Fondo per la pace , 2020, consultato il 25 marzo 2021 .
  29. ^ Indice della democrazia. The Economist Intelligence Unit, consultato il 25 marzo 2021 .
  30. ^ Paesi e territori. Freedom House , 2020, consultato il 25 marzo 2021 .
  31. INDICE MONDIALE DELLA LIBERTÀ DI STAMPA 2021. Reporters sans frontières , 2021, accesso 21 aprile 2021 .
  32. Transparency International Deutschland eV: CPI 2020: graduatoria tabellare. Estratto il 25 marzo 2021 .
  33. a b Katrin Gänsler: Benin: elezioni presidenziali con poca scelta. In: Deutsche Welle. 9 aprile 2021, accesso 10 aprile 2021 (tedesco).
  34. a b Katrin Gänsler: Smantellamento della democrazia in Benin - Il popolare milionario del cotone. In: Deutschlandfunk. 7 aprile 2021, accesso 21 aprile 2021 .
  35. a b Samuel Burri: Come il Benin è passato da uno stato democratico modello a una democrazia fittizia in soli tre anni. In: Neue Zürcher Zeitung. 30 aprile 2019, accesso 21 aprile 2021 .
  36. ^ Tensione prima delle elezioni presidenziali in Benin. In: Deutsche Welle. 6 marzo 2016, consultato il 21 aprile 2021 (tedesco).
  37. del Benin Presidente Talon rieletto. In: DW.com (Deutsche Welle). 13 aprile 2021, accesso 14 aprile 2021 .
  38. Katrin Gläsner: Presidente del Benin rieletto: Vittoria senza splendore. In: taz. 14 aprile 2021, accesso 21 aprile 2021 .
  39. https://freedomhouse.org/country/benin/freedom-world/2020
  40. Katrin Gänsler: Il Benin ha una scelta: cavallo in verde Albero in giallo In: taz. 27 aprile 2019, accesso 21 aprile 2021 .
  41. ^ Franz Ansperger: Politics in Black Africa: I moderni movimenti politici in Africa con caratteristiche francesi. Springer Fachmedien Wiesbaden GmbH Wiesbaden, 1961, pagina 73.
  42. ^ Mart Martin: L'almanacco delle donne e delle minoranze nella politica mondiale. Westview Press Boulder, Colorado, 2000, pagina 39.
  43. June Hannam, Mitzi Auchterlonie, Katherine Holden: Enciclopedia internazionale del suffragio femminile. ABC-Clio, Santa Barbara, Denver, Oxford 2000, ISBN 1-57607-064-6 , pagina 9.
  44. Le elezioni in Benin si svolgono senza opposizione: https://orf.at/stories/3120300/
  45. Amnesty International Annual Report 2009
  46. ^ Leggi sull'omosessualità nelle nazioni africane. The Law Library of Congress, Global Legal Research Center, febbraio 2014, pagina 2
  47. Benin: informazioni di viaggio e di sicurezza del Ministero degli esteri federale della Repubblica federale di Germania, al 30 ottobre 2019
  48. Rapporto annuale del Benin 2017. Amnesty International, consultato il 13 agosto 2017 .
  49. Risultati provvisori RGPH4 2013 , Institut National de la Statistique et de l'Analyse Economique (PDF, circa 210 kB)
  50. Popolazione dei dipartimenti del Benin secondo i censimenti più recenti. Estratto il 24 gennaio 2021 .
  51. International Institute for Strategic Studies (Ed.): The Military Balance 2021 . 121a edizione. Taylor e Francis, 2021, ISBN 978-1-03-201227-8 , pp. 449-450 .
  52. Il servizio passeggeri del Benin verrà lanciato quest'anno , Railway Gazette International, 10 giugno 2015
  53. ^ Firmato accordo ferroviario Benin - Niger , Railway Gazette International, 23 agosto 2015
  54. https://data.worldbank.org/country/benin
  55. https://data.worldbank.org/country/benin
  56. https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/geos/bn.html
  57. Benin . Società tedesca per la cooperazione internazionale (a cura di), Accesso 28 dicembre 2015.
  58. Profili Paese/Economia . In: Indice di competitività globale 2017-2018 . ( weforum.org [consultato il 24 gennaio 2018]).
  59. [1]
  60. ^ Rapporto per paesi e soggetti selezionati. Estratto il 9 settembre 2018 (inglese americano).
  61. a b c Il Factbook mondiale

Opiniones de nuestros usuarios

Ciro Santoro

Mi piace il sito, e l'articolo sulla Benin è quello che stavo cercando

Rosa Moretti

Grazie per questa voce su Benin, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su Benin, è proprio quello che mi serviva

Giuseppe Spina

Le informazioni fornite su Benin sono veritiere e molto utili. Bene