Bénigne Le Gouz de Gerland



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Bénigne Le Gouz de Gerland. Secoli e secoli di conoscenza umana su Bénigne Le Gouz de Gerland sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Bénigne Le Gouz de Gerland e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Bénigne Le Gouz de Gerland. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Bénigne Le Gouz de Gerland! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Bénigne Le Gouz de Gerland, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Bénigne Le Gouz de Gerland , signore di Magny-sur-Tille , Gerland e Jancigny (nato il 17 novembre 1695 a Digione , 17 marzo 1774 ibid) è stato uno storico e mecenate francese .

Vita

Bénigne Le Gouz de Gerland proveniva da un'antica famiglia borgognona ed era pronipote di Charles Fevret , avvocato del Parlamento della Borgogna. Ha ricevuto un'istruzione eccellente, a seguito della quale il suo amore per l'arte e la scienza si è sviluppato in tenera età. Dopo aver terminato gli studi al Collège de Clermont a Parigi , ha compiuto un viaggio attraverso l' Italia per la sua formazione professionale e per conoscere le opere di famosi artisti dell'antichità e dei tempi moderni attraverso la propria esperienza . Poi è andato in Inghilterra per familiarizzare con le leggi e le usanze di quel paese. In questo viaggio fece anche collegamenti con molti uomini importanti, molti dei quali rimasero in rapporti amichevoli con lui, tra cui il cardinale Domenico Silvio Passionei e il naturalista John Ellis .

Dopo il suo ritorno a casa, Le Gouz de Gerland cercò di suscitare e coltivare un interesse per la scienza tra i suoi compatrioti. Quando l'Accademia di Digione lo nominò membro onorario nel 1761, le donò un pezzo di terra per creare un giardino botanico e parte della sua ricca collezione di oggetti naturali e della sua moneta. Fece anche eseguire in marmo a proprie spese i busti dei grandi uomini di Borgogna per decorare la sala delle conferenze dell'Accademia. Anche l'Accademia ha aggiunto il suo busto per gratitudine, ma ha dovuto rimuoverlo di nuovo e ha potuto solo convincere l'umile a metterlo nel gabinetto di storia naturale. Si guadagnò un merito ancora maggiore fondando una scuola di pittura e scultura a Digione, che in seguito fu trasformata in un'accademia e ricevette protezione diretta dal re e dalle proprietà provinciali. Aveva in programma di fondare ulteriori istituzioni, ma non poteva più portare a termine questo progetto a causa della sua precedente morte. Uno strattone doloroso degli arti lo aveva tormentato a lungo e non poteva essere guarito, così che subì un'operazione pericolosa che sembrava promettente. Tuttavia, fallì e morì il 17 marzo 1774 all'età di 78 anni a Digione. Il suo connazionale, il famoso dottore Hugues Maret , gli ha dato l'elogio funebre ( Éloge de M. Le Gouze de Gerland , Dijon 1774) in una delle riunioni dell'Accademia. Era rimasto celibe, non aveva figli e ha fatto la sua cugina di terzo grado, Bénigne Le Gouz de Saint-Seine (1719-1800), in seguito primo presidente del parlamento borgognone, un erede universale.

Lavori

Le Gouz de Gerland è apparso come scrittore specializzato solo in età avanzata. Ha scritto due opere storiche sulla storia precedente della sua patria, che rivelano grande patriottismo e instancabile diligenza nel raccogliere il materiale, ma mancano di critiche acute e sono troppo inclini a ipotesi e punti di vista peculiari:

  • Essai sur l'histoire des premiers rois de Bourgogne et sur l'origine des Bourguignons , Digione 1770; con una mappa dell'antica Germania e un'altra dell'antico regno di Borgogna
  • Tesi di laurea su l'origine de la ville de Dijon et sur les antiquités découvertes sous les murs bâtis par Aurélien , Dijon 1771; con una pianta della vecchia Digione e molte immagini

In quest'ultima opera, Le Gouz de Gerland ritiene che Digione sia sorto da un accampamento di Cesare. Deriva il nome della città dalla parola celtica divis (scelta) perché Cesare scelse questo luogo, o da diviren (scolo) perché Dijon si trova sul fondo paludoso dei fiumi Ouche e Suzon.

Altre opere storiche da lui lasciate non furono stampate:

  • Relation du voyage in Italia
  • Lettres sur les Anglais
  • Parallèle de César et d' Auguste
  • Histoire de Pompée
  • Histoire de l'entrée des Héraclides dans le Péloponnèse
  • Frammenti su le Maures de Grenade

La sua Histoire de Laïs , courtisane grecque, avec des anecdotes sur quelques philosophes de son temps è uno studio antico insignificante. Anche i suoi tentativi scientifici, Dissertation sur la cause physique de déluge (in the Mémoires de l'académie de Dijon , vol.1), in cui attribuisce il diluvio alla collisione di una cometa con la terra, e Essai sur l'histoire naturelle (ibid., vol. 2) sono di livello medio.

letteratura

Opiniones de nuestros usuarios

Giovanna Rizzi

Trovo molto interessante il modo in cui è scritto questo post sulla Bénigne Le Gouz de Gerland, mi ricorda i miei anni di scuola. Che bei tempi, grazie per avermi riportato lì

Antonietta Castelli

Grazie per questa voce su Bénigne Le Gouz de Gerland, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su Bénigne Le Gouz de Gerland, è proprio quello che mi serviva