Benigna di Krusenstjern



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Benigna di Krusenstjern. Secoli e secoli di conoscenza umana su Benigna di Krusenstjern sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Benigna di Krusenstjern e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Benigna di Krusenstjern. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Benigna di Krusenstjern! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Benigna di Krusenstjern, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Benigna von Krusenstjern (nata il 10 settembre 1947 a Clenze , distretto di Lüchow-Dannenberg ) è una storica tedesca .

Benigna von Krusenstjern è nata come la figlia del redattore tedesco baltico Ewert von Krusenstjern e di sua moglie Käte, nata Majus. Ha frequentato i licei a Bielefeld e Wiesbaden e dal semestre invernale 1966/67 ha studiato storia e tedesco a Magonza e Monaco . Nel 1972 ha conseguito la laurea magistrale a Magonza e nel 1979 il dottorato in materia di Storia dell'Europa dell'Est con una tesi sul primo partito dei piccoli agricoltori ungheresi , sotto la supervisione di Gotthold Rhode . Dal 1972 al 1975 ha lavorato come redattore presso la Società tedesca di politica estera . Dal 1980 fino alla sua chiusura nel 2007, è stata assistente di ricerca presso il Max Planck Institute for History di Göttingen .

Il suo lavoro si concentra sui secoli XVII e XX. Nel 1997 ha pubblicato un documento sulle testimonianze di sé come fonti storiche durante la Guerra dei Trent'anni . Nello stesso anno si è tenuta una conferenza internazionale presso il Max Planck Institute for History di Göttingen per celebrare il 350 ° anniversario della pace di Westfalia . I 26 articoli che ha curato insieme a Hans Medick trattano, tra le altre cose. i fattori tecnici della guerra, il ruolo dei soldati e delle donne in guerra, le testimonianze di sé, la letteratura e la musica fino all'indomani della guerra nei secoli successivi. Gli atti della conferenza sono apparsi nel 1999. Nel 2009 ha pubblicato la prima biografia scientifica di Adam von Trott zu Solz , avversario di Hitler e co-cospiratore del 20 luglio 1944 .

Caratteri

Monografie

  • Philip Crusius von Krusenstiern (1597-1676). Il suo lavoro in Livonia come esperto di Russia, diplomatico e politico di stato (= contributi scientifici alla storia e agli studi regionali dell'Europa centro-orientale. Vol. 102). J.-G.-Herder-Institut, Marburg 1976, ISBN 3-87969-137-1 (anche: Mainz, University, Master's thesis, 1972).
  • The Hungarian Small Farmers Party (1909-1922 / 1929) (= Studia Hungarica. Scritti dell'Istituto Ungherese di Monaco. Vol. 18). Trofenik, Mainz 1981, ISBN 3-87828-145-5 (anche: Mainz, University, dissertation, 1979).
  • Testimonianze dell'epoca della Guerra dei Trent'anni. Directory descrittiva (= testimonianze personali dei tempi moderni. Vol. 6). Akademie Verlag, Berlino 1997, ISBN 3-05-002743-6 .
  • "Che ha senso morire - aver vissuto". Adam von Trott zu Solz. 1909-1944. Biografia. Wallstein Verlag, Göttingen 2009, ISBN 978-3-8353-0506-9 .

Redattori

  • con Hans Medick: Between Everyday Life and Catastrophe - The Thirty Years 'War da vicino (= pubblicazioni del Max Planck Institute for History. Vol. 48). Vandenhoeck e Ruprecht, Gottinga 1999, ISBN 3-525-35463-0 .
  • con Hans Erich Bödeker e Michael Matthiesen: Rudolf Vierhaus. Il passato come storia (= pubblicazioni del Max Planck Institute for History. Vol. 183). Vandenhoeck e Ruprecht, Gottinga 2002, ISBN 978-3-525-35179-6 .

link internet

Osservazioni

  1. Benigna von Krusenstjern, Hans Medick (a cura di): Tra vita quotidiana e catastrofe - La guerra dei trent'anni da vicino. Göttingen 1999.
  2. ^ Recensione di Erik Lommatzsch in: Zeitschrift für Geschichtswwissenschaft 58 (2010), pp. 667669.

Opiniones de nuestros usuarios

Franco Calabrese

Era da molto tempo che non vedevo un articolo sulla Benigna di Krusenstjern scritto in modo così didascalico. Mi piace

Elio Napolitano

L'informazione su Benigna di Krusenstjern è molto interessante e affidabile, come il resto degli articoli che ho letto finora, che sono già molti, perché sto aspettando da quasi un'ora il mio appuntamento su Tinder e lui non si presenta, quindi penso che mi abbia dato buca. Colgo l'occasione per lasciare qualche stella per la compagnia e per cagare sulla mia fottuta vita

Anna Poli

Mio padre mi ha sfidato a fare i miei compiti senza usare affatto Wikipedia, gli ho detto che potevo farlo cercando in molti altri siti. Per mia fortuna ho trovato questo sito e questo articolo su Benigna di Krusenstjern mi ha aiutato a completare il mio compito. Ero quasi tentato di entrare in Wikipedia, dato che non riuscivo a trovare nulla su Benigna di Krusenstjern, ma per fortuna l'ho trovato qui, perché poi mio padre ha controllato la mia cronologia di navigazione per vedere dove ero stato. Ti immagini se entrassi in Wikipedia? Per fortuna ho trovato questo sito e l'articolo su Benigna di Krusenstjern qui. Ecco perché vi do le mie cinque stelle