Beniamino Gigli



Internet è una fonte inesauribile di conoscenza, anche quando si tratta di Beniamino Gigli. Secoli e secoli di conoscenza umana su Beniamino Gigli sono stati riversati, e vengono tuttora riversati, nella rete, ed è proprio per questo che è così difficile accedervi, poiché possiamo trovare luoghi in cui la navigazione può essere difficile o addirittura impraticabile. La nostra proposta è che non naufraghiate in un mare di dati riguardanti Beniamino Gigli e che possiate raggiungere tutti i porti della saggezza in modo rapido ed efficiente.

Con questo obiettivo in mente, abbiamo fatto qualcosa che va oltre l'ovvio, raccogliendo le informazioni più aggiornate e meglio spiegate su Beniamino Gigli. Abbiamo anche organizzato il sito in modo da renderlo facilmente leggibile, con un design minimalista e piacevole, assicurando la migliore esperienza d'uso e il più breve tempo di caricamento. Vi rendiamo tutto più semplice, in modo che l'unica cosa di cui dobbiate preoccuparvi sia imparare tutto su Beniamino Gigli! Quindi, se pensate che abbiamo raggiunto il nostro scopo e sapete già quello che volevate sapere su Beniamino Gigli, ci piacerebbe riavervi in questi mari calmi di sapientiait.com ogni volta che la vostra fame di conoscenza si risveglia.

Beniamino Gigli [ dii ] (nato il marzo 20, 1890 in Recanati , novembre il 30, 1957 a Roma ) è stato un italiano cantante d'opera e attore cinematografico . In Germania l'ortografia del suo nome era "Benjamino". Gigli fu uno dei più grandi tenori del suo tempo e fu considerato il legittimo successore di Enrico Caruso .

Vita

Beniamino Gigli era figlio di un calzolaio di Recanati nelle Marche . Ha imparato a cantare nel coro della chiesa locale. Ha guadagnato i suoi primi soldi come commesso. Suonava anche il sassofono e alla fine trovò un insegnante che gli diede lezioni di canto a credito. Quando fu chiamato al servizio militare durante la guerra di Libia del 1912, un superiore si assicurò che potesse svolgere il suo servizio in ospedale invece del rischioso sforzo bellico e lo mise in contatto con il famoso tenore Alessandro Bonci . Nell'estate del 1914 Gigli si formò presso l'importante Accademia di Santa Cecilia a Roma.

Gigli ha poi vinto il primo premio in un concorso canoro a Parma . Il suo debutto operistico seguita il 15 ottobre 1914 a Rovigo con il ruolo di Enzo in di Amilcare Ponchielli La Gioconda , che è stato anche registrato come record nel novembre del 1918. Nel 1915 cantò il ruolo di Faust in Arrigo Boitos Mefistofele a Napoli . Gigli divenne famoso nel 1918 quando cantò per la prima volta alla Scala di Milano con Arturo Toscanini . Dopo il suo debutto al Metropolitan Opera di New York il 26 novembre 1920, si afferma con le sue interpretazioni di una vastissima gamma di opere italiane . Ha fatto una particolare impressione sul pubblico con la sua interpretazione del ruolo di Rodolfo in di Giacomo Puccini La Bohème e il titolo il ruolo di di Umberto Giordano Andrea Chénier .

Nel 1932 Gigli lasciò il Met e tornò in Italia, dove apparve anche in lungometraggi della metà degli anni '30. Il fatto che Benito Mussolini lo tenesse in grande stima come cantante ha causato critiche, ma non ha danneggiato in modo duraturo la sua fama. Ritiratosi dalle scene durante la seconda guerra mondiale , si ripresenta con grande successo dal 1945 in poi. Negli ultimi anni della sua vita Gigli tenne principalmente concerti; Le apparizioni all'opera divennero più rare. Nel 1955 si ritirò completamente e scrisse le sue memorie. Nel 1957 Beniamino Gigli morì di polmonite a Roma . Fu sepolto nella sua città natale di Recanati con la massima simpatia del popolo italiano.

Filmografia (selezione)

  • 1935: Non dimenticare il mio
  • 1936: Non ti scordar di me
  • 1936: Sei la mia fortuna
  • 1936: Ave Maria
  • 1937: La voce del cuore
  • 1937: Solo per te
  • 1937: canzone della mamma
  • 1938: possiedi il mio cuore
  • 1938: Tre donne intorno a Verdi (Giuseppe Verdi)
  • 1939: La Porta del Canto
  • 1940: musica da sogno
  • 1941: madre (mamma)
  • 1941: Vertigine
  • 1941: tragedia di un amore
  • 1942: Bajazzo (I pagliacci)
  • 1943: Lache Bajazzo
  • 1943: Attenzione, ammissione (Silenzio, si gira!)
  • 1950: Taxi notturno (Taxi di notte)

Autobiografia

  • Confidenza. Istituto per l'Enciclopedia de Carlo. Roma 1942; 3a edizione ampliata 1943
  • Memoria. Mondadori. Milano 1957
  • E le stelle lampeggiarono. La storia della mia vita. (Tradotto dall'inglese da Ruth Uecker-Lutz). Casa editrice dei libri stellari. Amburgo 1957.

letteratura

link internet

Commons : Beniamino Gigli  - album con foto, video e file audio

Opiniones de nuestros usuarios

Emanuele Coppola

Mi piace il sito, e l'articolo sulla Beniamino Gigli è quello che stavo cercando

Antonino Pastore

Era da molto tempo che non vedevo un articolo sulla Beniamino Gigli scritto in modo così didascalico. Mi piace

Ada Raimondi

Ho trovato le informazioni che ho trovato su Beniamino Gigli molto utili e piacevoli. Se dovessi mettere un 'ma' forse sarebbe che non è abbastanza inclusivo nella sua formulazione, ma per il resto, è ottimo, L'articolo sulla Beniamino Gigli è molto utile e piacevole